Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Documento di Sinistra e ...DOCUMENTO PER IL CONSIGL... »

Contro la congiura del silenzio

Post n°224 pubblicato il 09 Luglio 2009 da socialismoesinistra

 

 

 

Ce lo siamo detti in molti in questi giorni:“…negli altri Stati ci si brucia per molto meno”. E, invece, la “responsabilità di Stato”, richiamata anche dal Presidente Napolitano, invoca al silenzio. La responsabilità. Dal latino, etimologicamente, per significare la “capacità di dare delle risposte”. Strana parola da invocare per coprire e giustificare la mancanza di alcuna risposta. Ho taciuto, finora, perché immaginavo ben più alte e autorevoli reazioni. Ma allo sfiorire della notizia, senza che nulla accada, senza che un solo fiato di indignazione si alzi dall’opinione pubblica se non qualche sporadico appello, senza che le donne non reagiscano, come solo loro sanno fare, con i fatti….no, a questa sottile violenza di massa contro la dignità delle donne, il loro valore, i loro diritti non posso soggiacere. E proprio perché sono donna, e responsabile, rilancio sull’unica incontrovertibile risposta a quanto accaduto: “il re è nudo…e anche senza più corona”.


I fatti li conosciamo tutti. La magistratura ne accerterà veridicità e rilevanza. Ma c’è un livello più alto che è stato investito e richiede attenzione e approfondimento, poiché non rientra nella competenza del potere giudiziario, bensì nella insindacabile sovranità e dignità di un popolo, libero di autodeterminarsi circa i suoi valori, la sua cultura civile e sociale e il diritto ad essere rappresentato da chi questi valori, questa cultura li incarna e li rispetta veramente, nella sua privata come in quella pubblica, e con essi rispetta il ruolo e le istituzioni che rappresenta. Perché i comportamenti sono la misura della coerenza politica, la prima forma di comunicazione politica e, al di là dei proclami, certamente la più sincera, quella su cui si fonda la credibilità di ogni politico e che svelano il suo autentico “programma”.

Senza cadere nel facile moralismo, che non ci appartiene, è evidente che i comportamenti del premier, e di tanti "nani e ballerine" di questa triste parabola di fine repubblica, hanno alimentato una “incultura di genere” che ci colpisce tutte indistintamente. Non credo, e non ha mai creduto, che la privacy possa essere utilizzata come uno scudo da alzare a piacimento e dietro al quale nascondersi e nascondere i propri comportamenti sbandierati ai quattro venti fino a un momento prima. Chiunque rivesta un ruolo pubblico o abbia pubblica visibilità è, e sa di essere, parametro di riferimento e di emulazione per gli altri. Per questo non può abdicare al primario senso di responsabilità (questa si vera “responsabilità”) che dovrebbe ispirare ogni scelta relativa alle proprie azioni, pubbliche certamente, ma anche private. Ancor di più se, come nel caso del Premier, i comportamenti e le valutazioni maturate nella sfera privata finiscono per condizionare scelte pubbliche e ad personam, che influiscono sui nostri interessi di cittadini/e e condizionano il corretto svolgimento della vita pubblica. Non voglio fare di Berlusconi un capro espiatorio, ma è indiscutibile che i suoi comportamenti e il modo in cui, in diverse vicende e occasioni, ha trattato le donne hanno creato un precedente inconsciamente legittimante, inficiando gravemente il senso di dignità e il rispetto che prioritariamente, e a prescindere dai singoli casi, si deve a ogni donna.

E' un fatto che mi offende profondamente e al quale, con compostezza, ma con fermezza, dobbiamo reagire. Occorre una lezioni di stile, a tutti quegli uomini, che sentendosi legittimati da tale comportamento ammiccano indiscriminatamente a qualsiasi donna, immaginando che anche sotto un tailleur professionale o una vita basata su valori completamente diversi si nasconda sotto sotto una vocazione da escort. E' solo questione di tempo o di prezzo.
Alle donne, rebus sic stantibus, solo la possibilità di ritirarsi, di “tacere”, pietrificate, dietro alla mortificazione, all’incredulità, al senso di impotenza. Pensavamo di aver superato questa fase da tanto tempo e definitivamente.
Non voglio giudicare le donne e i comportamenti specifici, cadrei nella trappola del più bieco maschilismo se lo facessi. So che per alcune è una libera scelta, per molte altre non lo è. Sia che si tratti di comportamenti traviati da una incultura di massa, che restringe con gli orizzonti di chi ne è vittima anche il loro senso di dignità, sia che si tratti di scelte consapevoli, il problema non sono le donne, bensì coloro che approfittano di tale situazione, magari da una posizione “dominante”, per svilire, con l'abuso privato o pubblico di tante vite, il valore e la dignità del genere femminile e dell'apporto delle donne nella società.

Mi son chiesta e vi chiedo: cosa sarebbe successo se il premier fosse stato una donna, si “una donna”, che nel suo ruolo, alla sua età, avesse mantenutola sua stessa condotta, le sue frequentazioni, le sue “libertà” sul modo di relazionarsi con i giovani dell’altro sesso e sul modo di distribuire incarichi e prebende? E se avesse fatto, come Caligola, di un cavallo un senatore?  Non andrò oltre, perché solo il paragone mi offende e rischia di offendere anche i giovani italiani di bell’aspetto e belle speranze. E non è assolutamente mia intenzione. Una donna, probabilmente, non lo farebbe mai. Sa fin troppo bene quanto pesano i “pregiudizi” e le umiliazioni di chi ti pesa con lo sguardo senza accorgersi che ciò che vede è solo nel suo sguardo. Mi sono sentita male molte volte, in questi giorni, a dovermi accorgere, di nuovo, di quegli sguardi, di quelle battute senza vergogna e senza rispetto, rivolte per strada, nei locali pubblici a tante donne, a tante ragazze: volgarità, pregiudizi, aggressioni verbali gettate addosso a tante vite di cui non si sa nulla, ma che impunemente si pensa di poter ridurre a meri oggetti. Non voglio che accada più. Non possiamo tornare indietro. Non dobbiamo permetterlo. E' arrivato il momento, credo, di risollevarci per riprenderci quanto subdolamente in termini di rispetto e libertà ci è stato tolto in questi anni di machismo sottile e crudele svilimento dell’anima e del corpo delle donne. E’ arrivato il momento di promuovere una nuova stagione di rivendicazioni. La libertà è il prodotto di tante opportunità liberamente fruibili, di tanti diritti e della possibilità di immaginare se stesse nel futuro che davvero si desidera senza condizionamenti nascenti da falsi miti, da costrizioni, o da pregiudizi.
Occorre tornare a seminare nuove idee di donne e per le donne, su cui fondare un nuovo "rinascimento al femminile". Penso a un nuovo modello sociale, inclusivo e rispettoso della libertà di entrambi i generi. Penso ad una riforma del lavoro che valorizzi le donne e aiuti chi valorizza le donne, che non le costringa a scegliere lavori di basso profilo o part-time, solo perché le “scelte tragiche” sul dilemma lavoro/famiglia gravano sempre e solo sulle loro spalle. Penso al rilancio dello stato sociale “reale” che sollevi le donne dalla “punizione” ineluttabile della maternità, dell’assistenza ad anziani e malati e da tutto il lavoro invisibile che ogni società civile dovrebbe egualmente distribuire su tutti, come accade nelle democrazie del nord Europa. E’ la precondizione per liberare le donne da mille catene invisibili e restituire loro la più preziosa delle risorse: "il tempo" e con esso la possibilità di “crescere”, di “lavorare”, di “emanciparsi” davvero. Penso anche al riconoscimento del diritto di poter trasmettere il cognome ai propri figli e figlie, in modo da eradicare fin dall’origine la prima delle discriminazioni che ancora, nella nostra cultura, fa prediligere ad alcuni i figli maschi alle figlie femmine. E’ tempo di realizzare la società che vogliamo, di chiedere e ottenere il rispetto e i diritti che meritiamo, in quanto donne, persone, esseri umani di serie A. Credo che la nostra generazione abbia davanti a se questa come prioritaria responsabilità delle giovani donne e dei giovani uomini, una sfida importante ed entusiasmante, una conquista di civiltà, un grande passo in avanti per noi e per le generazioni che verranno. Rita Levi Montalcini sostiene, nel suo ultimo libro, che saranno le donne a i soggetti innovatori delle società future. Facciamo in modo che questo futuro inizi da oggi e sia un futuro fondato sull’uguaglianza e la meritocrazia, che quando c’è, ed è rispettata davvero, è il miglior alleato delle donne.  Costruiamolo a partire da noi e insieme agli uomini che ci amano e ci rispettano davvero. Ci sono e li vogliamo con noi in questo “rinascimento al femminile”, contro chi pensa di poterci disprezzare impunemente, coperto da una inaccettabile congiura del silenzio.

 

Anna Falcone
Responsabile Pari Opportunità del Partito Socialista

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra