Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Le riflessioni di Fidel:...Perché la crisi attuale ... »

Economia ferragostana

Post n°265 pubblicato il 20 Agosto 2009 da socialismoesinistra


 

1. L’analisi di Olivier Blanchard

Il chief economist del Fondo Monetario internazionale ci propone una lettura del post crisi che conferma, sotto molti aspetti il mio articolo” E’ finita la crisi?” Nella sua analisi egli esamina i problemi dal lato dell’offerta che tuttavia sembrano, come par ovvio, essere meno preoccupanti di quelli dal lato della domanda. Ricordato che la domanda può essere per beni di consumo, e beni di investimento; può essere pubblica e può essere privata; ed infine può essere interna o per l’esportazione, si deduce che:

1.1   Guardando agli Stati Uniti i margini di manovra sul fronte della domanda privata sono molto risicati; non è chi non concordi che i consumatori statunitensi debbono tornare a risparmiare e che, al contrario, una riedizione del consumo spinto dal credito facile ci riporterebbe in breve tempo alla crisi da cui stiamo faticosamente uscendo;

1.2  Sul fronte della spesa pubblica quel che ci si aspetta è un rientro dal grosso debito contratto da Obama per salvare il salvabile dell’economia. Pensare che in carenza di uno stimolo proveniente dalla domanda privata il pubblico possa continuare a sostenere la domanda stampando moneta porterebbe a pericoli di inflazione, svalutazione del dollaro fuga dei capitali; insomma dalla padella alla brace;

1.3  Per aumentare l’export gli Stati Uniti possono guardare ad un riequilibrio basato sulla diminuzione del surplus di esportazioni degli altri Paesi; fondamentalmente due: Germania e Cina. La Germania che fa parte dell’Europa e che quindi con gli altri paesi europei condivide l’euro ben difficilmente rinuncerà al suo surplus di export anche perché del suo surplus godono economie tributarie come quella italiana. La Cina è il punto cruciale. Come convincerla a riequilibrare i flussi import-export? La Cina dovrebbe aumentare i consumi interni ed aumentare le importazioni dai paesi occidentali. Ma in un paese con il regime come quello cinese scelte di questo tipo (anche se nel culmine della crisi la Cina si è meritata la medaglia d’argento, secondo osservatori statunitensi, alle spalle di Bernake e davanti a Obama nel contrasto alla crisi) richiedono quand’anche fossero positive, tempi politici.

1.4  Quindi è azzardato aspettarsi una ripresa gagliarda; le condizioni mondiali fanno presagire una ripresa molto lenta e soprattutto un segno negativo persistente nelle cifre della disoccupazione. Resta comunque l’impressione che dipendiamo tutti dalle decisioni dei governanti cinesi, è la fine dell’egemonia statunitense?

1.5  Credere che l’Italia, che cresceva meno degli altri prima della crisi, possa uscirne prima è meglio degli altri è un assurdo economico che qualifica chi fa sparate del genere ingannando il cittadino.


2. La fine del “valore di mercato”

Le banche statunitensi che hanno concesso mutui su valori di case che ormai non hanno più quel valore sono richieste di svalutare il valore di quei mutui riconoscendo perdite enormi nei loro bilanci. La posizione delle banche è che fin tanto che i debitori pagano le rate dei mutui alla scadenza convenuta non vedono nessuna ragione di svalutare il valore di quei mutui, e poi aggiungono  che “i recenti prezzi di transazione delle case non rispecchiano il valore effettivo degli assets, bensì le difficoltà di vendere in un mercato il liquido.

2.1  Quindi, ancora una volta, sorge il famoso “ossimoro” del valore di mercato. Durante le bolle speculative il valore di mercato è molto più alto del “valore vero”, nei momenti di crisi di liquidità i valori di mercato sono molto più bassi del “valore vero”. Qual è allora il “valore vero”? Finora la risposta è stata (e di qui l’ossimoro) che il valore vero è quello di mercato. Prima della crisi si stava procedendo a nuovi accounting standard  basati sul valore di mercato anziché sul costo storico; uno stop si è avvertito allo scoppio della crisi, ed un più freddo ragionamento si sta sviluppando ora. Sta divenendo senso comune il fatto che tra valore di mercato e valore vero possa esistere una differenza sostanziale; anche se sul valore vero non ci sono concordi proposte.

2.2 Una proposta, quella che ho fatto più volte, è un ritorno al valore-lavoro, che rimetterebbe il lavoro al centro della filosofia economica e sarebbe un mezzo efficace per combattere le bolle speculative.

2.3 I professori statunitensi Kaplan, Merton e Richard sostengono che, almeno per i prodotti finanziari, non si dà più peso all’ultimo prezzo di mercato, bensì ci si basa su “dei modelli che servono a prevedere i prezzi a cui verrebbero scambiati questi assets” in base alle previsioni di flussi di cassa e di sull’andamento delle attività reali sottostanti.

2.4 Non interessa tanto il “metodo” per determinare il valore vero; quello che ci frastorna, più del sole ferragostano, è la premessa filosofica accettata dai professori della Harvard Business School, e cioè che non si possono più prendere decisioni sulla base di valori netti distorti calcolati partendo da prezzi ormai superati. Il valore di mercato che ha dominato la cultura economica dell’era liberista, fino a diventare senso comune vede anche lui, come gli Stati Uniti, perdere la sua egemonia e comincia ad essere considerato uno strumento obsoleto.

2.5 Come si svilupperà questo fronte della “teoria del valore” è difficilissimo prevedere; una cosa è certa, i socialisti non possono stare a guardare. Se veramente siamo convinti che la crisi che abbiamo attraversato è una crisi di sistema essere socialisti oggi significa porsi come pensiero egemone di una nuova fase storica.

 

3. Gabbie salariali e rendita ricardiana

Il prorettore dell’Università cattolica di Milano nel riflettere sul tema delle gabbie salariali e dei differenti costi della vita tra nord e sud sostiene che :”Da noi le rendite fondiarie, che spingono verso l’alto il costo di case e affitti, pesano di più delle dinamiche concorrenziali che invece tendono a far cadere i prezzi” Il professore propone allora una “ indennità di sede che farebbe ripartire la mobilità sociale che si è bloccata”.

3.1  Insomma la differenza nel costo della vita dipende soprattutto dalla rendita ricardiana, ed allora per risolvere il problema aumentiamo gli stipendi al centro-nord sotto forma di indennità di sede. Certo non bastava Bossi a dire cose del genere. Perché poi il costo del lavoro dovrebbe aumentare al centro-nord? Ma per pagare la rendita ricardiana ai possessori di terreni e case.

3.2 Non sarebbe meglio combattere la rendita ricardiana? Non sarebbe questa una di quelle  riforme di struttura di cui parlava Riccardo Lombardi?

3.3 Ho già esposto il mio pensiero nell’articolo “A proposito di gabbie salariali” sono orgoglioso che il prorettore della Cattolica individui nella rendita ricardiana la struttura economica a fondamento dei diversi costi della vita. Non concordo nelle conclusioni, ma penso che la mia proposta sia di parte. Da socialista.

 Renato Gatti

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra