Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Nasce "SOCIALISMO-Rivist...LETTURA POLITICA DELLA C... »

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità

Post n°313 pubblicato il 17 Novembre 2009 da socialismoesinistra

 

Karl Marx

 

 

E’ capitato, nel corso della storia del pensiero filosofico moderno, di incontrare e scoprire delle costruzioni logiche ma anche ad elevato contenuto emozionale che, se lette sotto determinate angolature, si manifestano come delle autentiche profezie anticipatrici dei contesti in cui ci troviamo oggi a vivere, a lottare. In questa (per dirla con Zigmunt Bauman) società liquido-moderna basata su rapporti fluidi ed instabili, dove si instaurano relazioni di lavoro, professionali e financo affettive che si esplicitano attraverso l’immagine del labirinto (J. Attali) quale singolare ma efficace metafora della condizione di donne e uomini in termini di complessità artefatta, di vana oscurità, di sistema tortuoso, di giungla impenetrabile. Sistema intricato dove gli sforzi umani si dividono in episodi disgiunti tra loro, al pari di ogni altra manifestazione umana.

Dove ciò che conta è l’effetto immediato prodotto da ciascuna mossa e che deve essere tale da poter essere consumato e usufruito all’istante. Il lavoro ha mutato carattere, è sovente un’operazione una-tantum, l’attività di un bricoleur; non il prodotto di un processo pianificato e programmato ma una occasione presa al volo; ha perduto la sua centralità attribuitagli nella galassia dei valori dominanti all’epoca della modernità solida e del capitalismo pesante figlio della seconda rivoluzione industriale.

 

La parola a Karl Marx

" L’industria moderna non considera e non tratta mai come definitiva la forma di un processo di produzione. Quindi la sua base tecnica è rivoluzionaria, mentre la base di tutti gli altri modi di produzione passati era sostanzialmente conservatrice. Con le macchine, con i processi chimici e con altri metodi essa sovverte costantemente, assieme alla base tecnica della produzione, le funzioni degli operai e le combinazioni sociali del processo lavorativo. Così essa rivoluziona con altrettanta costanza la divisione del lavoro entro la società e getta incessantemente masse di capitale e masse di operai da una branca della produzione all’altra. Quindi la natura della grande industria porta con se la variazione del lavoro, fluidità delle funzioni, mobilità dell’operaio in tutti sensi. Dall’altra parte essa riproduce l’antica divisione del lavoro con le sue particolarità ossificate, ma nella sua forma capitalistica. E si è visto come questa contraddizione assoluta elimini ogni tranquillità, solidità e sicurezza delle condizioni di vita dell’operaio e minacci sempre di fargli saltare di mano, col mezzo del lavoro, il mezzo di sussistenza e di rendere superfluo l’operaio stesso … " . K. Marx, Il Capitale, Libro I, 1867

Ma la rivolta contro la routine burocratica e la continua ricerca di flessibilità ha, di fatto, prodotto nuove forme di potere e di controllo, piuttosto che creare le condizioni per la nostra libertà; nuove forme di potere che si esplicitano attraverso la reinvenzione discontinua delle istituzioni (discontinuità rispetto al passato) e la specializzazione flessibile della produzione ovvero la sua illegibilità, la separazione tra superficie e profondità che segna il processo produttivo flessibile (R. Sennet), con i compiti tendenzialmente semplificati di cui spesso è impossibile penetrare la logica profonda e la destrutturazione del tempo lavorativo rispetto al suo uso disciplinato (M. Weber). In sostanza si è venuta esplicitando la negazione che il mero scorrere del tempo necessario ad accumulare capacità, faccia guadagnare posizione e diritti.

La trasformazione della società di massa fordista articolata in classi, quella della famiglia nucleare, dei sindacati e dei partiti di massa, tende a manifestarsi oggi come decomposizione sociale nell’ignavia consumistica irrigata dall’individualismo cinico e amorale, tipico di quella società “passiva” che subisce il cambiamento di valori, di competenze, di atmosfera tecnologica.

La società consumistica accessoria al mercato che produce anomia, caratteristica di un contesto di vita in cui siamo si tutti noi certamente inseriti ma dove si esplicita la non reazione a questo, quasi che l'anomia stessa venga a rappresentarsi come l'antitesi della solidarietà sociale. Da una parte la rappresentazione di un gruppo, dall'altra, il suo disintegrarsi (E. Durkheim). Chiaro prodotto di quel pensiero neoliberista che si contrappone in modo predominante alla società aperta alle opportunità, ovvero quella della cittadinanza competente e consapevole, orientata alle innovazioni nel miglioramento delle capacità cognitive e delle autonomie culturali. Di forte e chiara identità, personale e politica.

Quindi, compito della sinistra, è quello di un recupero di tutto ciò che possa caratterizzarsi come punto di riferimento a solidità, più o meno estese, ma comunque visibili e tangibili, che rimetta al centro della vita di donne e uomini il diritto ad una esistenza non precaria, orientata da nuovi e più ricchi spessori culturali, di poche (forse) ma raggiungibili certezze. Iniziando dal diritto ad una lavoro stabile, congruamente e dignitosamente retribuito, per il quale non si rischi la salute e anche la vita.

Postfazione

Buttavo giù questa breve riflessione ed ecco il caso Marrazzo. Come già commentato, interpreto il tutto come il riflesso paradigamtico della assoluta mancanza di identità politica, che porta inevitabilmente alla confusione identitaria personale e di genere. Credo che i due aspetti siano strettamente legati. La trappola terribile della cultura asservita al mercato che propugna la flessibilità della nostre vite. A tutto ciò si lega, prepotente, l'ipocrisia cattolica.

 

E non ho scritto, si badi, di identità di classe; ho scritto di identità politica. Ovvero il contrario di ciò che porta a dichiararsi di sinistra, assumendo comportamenti il linea con il pensiero neoliberista. E di casi ce ne sono tanti. Come quello di essere eletto con i voti di elettori di sinistra e poi chiudere l'unico ospedale del centro di Roma, modernamente ristrutturato di recente con tanti soldi dei contribuenti, facendo sgomberare i dializzati dalla polizia.


Marco Foroni
docente di Organizzazione aziendale

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra