2002 NT7 Collisioni, fugaci fiammate e congiunzioni Come lo spazio fa sesso

Usiamo e conosciamo termini  come spettacolari congiunzioni astrali e ‘danze’ dei pianeti, come spettatori osserviamo  sciami meteorici che ci regalano fugaci ‘fiammate’, sappiamo di attrazioni, fusioni e di Anelli di Saturno come lacrime nella pioggia.  Lagune incantate e arabeschi di stelle. Grazie a questo vocabolario lo Spazio fa sesso e si ama, godendo, procreando e distruggendo tanto quanto l’amore (o il sesso ) umano.

Riflettevo sulla forma di Ultima Thune, fotografata nel punto di massima vicinanza l’1 Gennaio 2019; come scarto della formazione dei pianeti è il probabile frutto di un incontro di corpi spaziali.

Mi rammenta l’immagine delle scissione binaria  – proposta nel post Solitudine  – e  la riproduzione asessuata ma anche i gameti nei processi evolutivi,  che erano prima cellule del tutto uguali fra loro.

Ripensando a Pele delle Hawai’i e al proto stupore che vi ravvisava una dea generatrice e un sesso vulcanico,  Ultima Thule, l’oggetto spaziale più lontano  risalente agli albori del Sistema Solare, come scarto della formazione dei pianeti è qualcosa che attesta , quasi, nella danza delle pietre, una possibile passione, (che godano), certo non altrettanto codificabile con i parametri del nostro metro di misura umano.

Tutta la gravitazione, i movimenti nello spazio e persino 2002 NT7 il meteorite nella sua rotta di collisione con la terra ( 1 febbraio 2019 ma piu fortunatamente prevista vicino a Marte il 13 gennaio) potrebbero essere il senso di una attrazione evolutiva.

Anche Terra e il proto-pianeta Theia (grosso quanto Marte)  dovrebbero  essersi “amati”  (scontrati) per formare la Luna 100-150 milioni di anni dopo la nascita del nostro pianeta ; e che la pioggia di  meteoriti di decine di milioni di anni dopo abbia fecondato la Terra di acqua. L’ ipotesi Terra Theia deriva dall’analisi di rocce lunari riportate a Terra dalle missioni Apollo 12, 15, e 17, e di rocce basaltiche di eruzioni avvenute alle Hawai’i, dove i magmi sono molto antichi perché arrivano dal mantello profondo (e dove i polinesiani hanno proprio formulato l’archetipo olimpico del magma fecondo, tutte le sommità delle Hawai’i sono emerse a seguito di terremoti ed eruzioni )

Ma non è finita qua, un grande incontro spaziale è previsto tra La Nube di Magellano che sarà assorbita inevitabilmente dalla Via Lattea scomparendo per sempre. Per un team di ricerca si tratterà invece di uno schianto, LMC ( già in passato tre nubi, osservate la fusione), si schianterà contro la Via Lattea  “risvegliando” Sagittarius A,  il buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia anticipando di tre miliardi di anni  la fine del ciclo vitale del Sole.

A causa dell'”impatto” l’intero Sistema solare potrebbe essere espulso dalla Via Lattea e proiettato verso l’ignoto dello spazio interstellare.

Ritrovandoci né più né meno  e forse proprio chissà come fossili in un Ultima Thuna nell’evoluzione in totale solitudine.

Per questo Ultima, l’archivio d’amore,  mi fa molta tenerezza, come un principio olografico sul bordo dell’eternità, cenere sull’orizzonte degli eventi per lo spettatore , (vivo fluttuare) se Ultima si vedesse fluttuare. 

Dizzly
foto: "Lo spazio infinitamente percorribile". imago
2002 NT7 Collisioni, fugaci fiammate e congiunzioni Come lo spazio fa sessoultima modifica: 2019-01-05T09:55:13+01:00da Dizzly

← Previous post

Next post →

9 Comments

  1. per non parlare poi di wormhole e di mondi paralleli spazio tempo

  2. .. e un possibile motivo per cui sesso e divinità sono davvero combinazioni spaziali come archetipo inconscio primordiale dei proto polinesiani. Motivo analogo che poi ci porterà ad osservare Ultima tentandone la decifrazione come proto umani…

    • Bellissimo percorso il tuo. Scritto con la leggerezza di chi conosce ma lascia alla sensibilità di chi vuole la libertà di approfondire.
      Ieri sera, osservando il fioccare della neve anche il dubbio sulla casualità quantistica mi è svanito perché, alla fine, la casualità ipnotica con la quale danzavano i pixel bianchi coprirono tutta la lavagna. Nessun buco. Fu tutto un manto.
      Questo per dire che, dubbio dopo dubbio, nel puzzle di tasselli fatti di risposte che archiviano domande e dubbi, rileggendoti, anche i sassi hanno un’anima. L’errore, umano e comprensibile, è nel nostro limite di cercare di codificare tutto col nostro metro.
      Così come una molecola d’acqua non è altro che l’orgasmo fra due atomi d’idrogeno ed uno d’ossigeno (un triangolo che potrebbe essere solo sesso ma che potrebbe anche essere una bigamia del cuore che pure è amore). Così la scintilla che scocca fra due sassi. Come il fulmine nel temporale. Come il vento col mare. Un universo in continuo divenire, nulla è immobile. E nulla può esserlo.

      • correggo: perché, alla fine, MALGRADO la casualità ipnotica con la quale danzavano, i pixel bianchi coprirono tutta la lavagna

  3. Perfetto l’incipit e bellissimo il video d’apertura del tuo nuovo format. Complimenti.

  4. Mi commuovono i versi “danzavano i pixel bianchi coprirono tutta la lavagna. Nessun buco. Fu tutto un manto”…ecco poesia tra noi, tra
    Gladiator OST – Elysium, Honor Him & Now We Are Free e LORN – ANVIL il 2100 (una pagina presente da un po’ e ufficializzata oggi), l’anima dei sassi . E io, io sto proprio nel mezzo:) grazie Arien, lunga vita ai pixel danzanti
    https://www.youtube.com/watch?v=ijDcHT9Zl8U
    Così la scintilla che scocca fra due sassi. Come il fulmine nel temporale. Come il vento col mare. Nulla è immobile. E nulla può esserlo.

  5. no, grazie a te.

  6. spero che non lo consideri un do ut des ma…

    “Per questo Ultima, l’archivio d’amore, mi fa molta tenerezza, come un principio olografico sul bordo dell’eternità, cenere sull’orizzonte degli eventi per lo spettatore , (vivo fluttuare) se Ultima si vedesse fluttuare”

    … questa come la chiami?

    un cinquesera da gladiatrice

    • La chiamo “Quinta dimensione…”…come gladiatrice ho mollato un bel sacco di carbone che aspettava da tempo di raggiungere la sua destinazione…il resto, solo poesia e forse un giocattolo. (Voglio incorniciare un meteorite …) Buona epifania

Lascia un commento