L'algoritmo di Arianna contro l'odio in rete

Il  68% degli italiani è rassegnato alla violenza verbale che corre in rete. A cominciare dal canale Twitter. I dati che si evincono dalla Mappa dell’intolleranza pubblicata dall’Osservatorio Vox Diritti, non sono confortanti: nel 2020, l’anno della pandemia, mentre in generale il cosiddetto hate speech su Twitter è diminuito rispetto all’anno precedente, i tweet misogini sono aumentati del 90%. Celebrities e professioniste, scienziate,  politiche,  giornaliste, e donne comuni  ogni giorno subiscono attacchi, molto spesso gratuiti, quasi sempre aggressivi. L’algoritmo di Arianna può riconoscere e bloccare in automatico i post contenenti “parole chiave” che rimandano a insulti, in particolare di matrice sessista in rete.   Come? A partire da un database di 5.000 tweet  analizzati dall’algoritmo ideato da Arianna Muti, neolaureata in Language, Society and Communication all’Alma Mater di Bologna, e in seguito classificati in tre categorie: non misogino, misogino e non aggressivo, misogino e aggressivo. L’algoritmo nasce dall’interesse della giovane ricercatrice per le applicazioni dell’Intelligenza Artificiale al riconoscimento del linguaggio – NLP Natural Language Processing, ovvero di elaborazione del linguaggio  – oltre che dal suo impegno contro il sessismo.

Ed è pur vero che per evitare “bias” informativi ovvero distorsioni,  l’intelligenza artificiale non può essere sviluppata solo con informazioni maschili. Benvenuto dunque Algoritmo di Arianna   che l’ideatrice dichiara di voler regalare a Twitter stesso.

 

 

L’Algoritmo di Arianna contro i tweet misoginiultima modifica: 2021-11-25T08:10:37+01:00da Dizzly