Creato da elisar_81 il 10/04/2006

Anima di cristallo

"Infilerò la penna ben dentro il vostro orgoglio perché con questa spada vi uccido quando voglio" Francesco Guccini

 

pensieri sospesi

Post n°482 pubblicato il 19 Dicembre 2014 da elisar_81

Quando inizi a pensare che la tua vita non ha più senso, 
quando il lavoro diventa un macigno che impedisce di camminare sul tuo sentiero,
quando niente durante il giorno ti permette di esprimere ciò che sei
quando comprendi che l'amore umano è sogno irraggiungibile

è allora che vorresti chiudere gli occhi
e sapere di non essere mai esistito.

Giacchè la vita non può essere rifiutata
calpestata, uccisa,
tanto vale donarla interamente a chi la vita
ancora la ama e vorrebbe aggrapparsi a lei con tutte le sue forze.

Così un dono non desiderato
si trasforma in dono per chi lo desidera. 

 
 
 

Veglia notturna

Post n°481 pubblicato il 19 Dicembre 2014 da elisar_81

Stanotte resterò sveglia
fino a quando l'ultima stella
si sarà spenta nei pimi raggi dell'alba.

E intanto mi specchierò
nel vuoto di questo buio
cercherò l'anima mia tra le foglie,

fiuterò l'odore dei miei sogni
e li rincorrerò silenziosa
fino a sorprenderli nascosti nel mio cuore.

Spaccherò questo corpo mortale
che trattiene di me
ogni volo d'amore. 

 

 
 
 

Giochi divini

Post n°480 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da elisar_81

Amo perdermi nei tuoi giochi maligni, 
Signore,
Tu sai come cado a testa in giù 
nelle tue trappole selvagge.

Mi offri bacche rosse
ma mi cibi di pane azzimo,
mi offri acqua fresca
ma mi disseti con infusi amari.

Sai di me
ogni muto respiro,
per questo godi nell'infrangere  
i miei sogni di sabbia. 

Tu sai che mi riposerò sempre
accanto alla tua croce sanguinante
e nulla di questo mondo potrà separarmi
dall'Amore che mi inchioda a Te. 

 
 
 

Nostalgie

Post n°479 pubblicato il 16 Dicembre 2014 da elisar_81

Troppo silenziose le stelle stanotte
in questa fredda notte di solitudine.
Ci vorrebbero le tue mani a percorrere
il perimetro dei miei pensieri,
a far scorrere il tempo sul mio corpo nudo.

Sono informe senza te,
acqua che scivola tra le crepe della montagna
e corre veloce verso il torrente
pieno di sogni, desideri, speranze
che mai berremo insieme.

Saremo sempre stelle silenziose
e acque inquiete. 

 
 
 

Fantasie diurne

Post n°478 pubblicato il 16 Dicembre 2014 da elisar_81

Se solo sapessi che i tuoi baci
mi condurranno all'inferno
lo giuro, non lo farei.

Ma quando tu posi
le tue mani sul mio viso
e sfiori con innocenza
le mie labbra tremanti,
io sono già in Paradiso.

Morirei per un tuo lungo bacio
sulla riva di un torrente.

 

 
 
 

Cercando Te

Post n°477 pubblicato il 14 Novembre 2014 da elisar_81

Così lontano da sentirti nell'anima mia, 
respiri in me affinchè io viva per te
piangi con i miei occhi
per darmi le tue lacrime di cielo
ridi con le mie labbra
per portare gioia dove c'è tristezza
ami col mio cuore
per farmi sentire l'amore dell'universo
parli con la mia voce
per donare saggezza a chi passa nella mia vita.

Mi stringi con braccia di vento
mi baci col soffio delle foglie 
mi accarezzi coi rami del cedro
mi guardi coi diamanti di rugiada

e mentre piango la tua assenza
tutta m'avvolgi di te
che mai sei andata via

ma tu sai quanto io desidero
tornare a casa con te
e correre tra le increspature dell'alba. 

 
 
 

Folle d'amor per te

Post n°476 pubblicato il 29 Ottobre 2014 da elisar_81

Follia, tu mi prendi alla gola con mani assassine, mi strangoli fino a farmi impazzire, ed io impazzisco d'amore per te, per te che tutta mi inebri di poesia e di magia. Follia perché mi possiedi come fa un uomo innamorato con la sua donna, tra candide lenzuola di fugace passione?T'amo 

si che t'amo quando mi scaraventi addosso il tuo respiro bramoso e voglioso di possedere ogni briciola delle mie parole giocose, ironiche, carnose...folli, già più di te, si, più di te mia amata follia.

 

 
 
 

Quelle come me di Alda Merini

Post n°475 pubblicato il 21 Ottobre 2014 da elisar_81
Foto di elisar_81

Quelle come me regalano sogni, anche a costo di rimanerne prive…

Quelle come me donano l’Anima, perché un’anima da sola è come una goccia d’acqua nel deserto…

Quelle come me tendono la mano ed aiutano a rialzarsi, pur correndo il rischio di cadere a loro volta…

Quelle come me guardano avanti, anche se il cuore rimane sempre qualche passo indietro…

Quelle come me cercano un senso all’esistere e, quando lo trovano, tentano  di insegnarlo a chi sta solo sopravvivendo…

Quelle come me quando amano, amano per sempre…e quando smettono d’amare è solo perché piccoli frammenti di essere giacciono inermi nelle mani della vita…

Quelle come me inseguono un sogno…quello di essere amate per ciò che sono e non per ciò che si vorrebbe fossero…

Quelle come me girano il mondo alla ricerca di quei valori che, ormai, sono caduti nel dimenticatoio dell’anima…

Quelle come me vorrebbero cambiare, ma il farlo comporterebbe nascere di nuovo…

Quelle come me urlano in silenzio, perché la loro voce non si confonda con le lacrime…

Quelle come me sono quelle cui tu riesci sempre a spezzare il cuore, perché sai che ti lasceranno andare, senza chiederti nulla…

Quelle come me amano troppo, pur sapendo che, in cambio, non riceveranno altro che briciole…

Quelle come me si cibano di quel poco e su di esso, purtroppo, fondano la loro esistenza…

Quelle come me passano innosservate, ma sono le uniche che ti ameranno davvero…

Quelle come me sono quelle che, nell’autunno della tua vita, rimpiangerai per tutto ciò che avrebbero potuto darti e che tu non hai voluto…

 
 
 

.

Post n°474 pubblicato il 21 Ottobre 2014 da elisar_81

Avremmo soltanto bisogno di un pò di amore.
Purtroppo l'amore nella sua complessità e misteriosità, mi aguro almeno che ci attenda nella prossima dimensione cui andremo.
Questo mondo, così battuto tra bene e male, non conosce l'idea dello stato di grazia in cui ti pone l'amore e così siamo costretti ad un amore che sta nel mezzo tra bene e male.

Felice colui che trova un suo simile che conosce la grazia dell'amore e che sia disposto a donarla all'altro. 

 
 
 

Esplosione d'amore

Post n°473 pubblicato il 20 Ottobre 2014 da elisar_81
Foto di elisar_81

Mi perdo nelle carezze notturne
quando mi cerchi nel buio
ed io discreta
all'angolo del tuo letto,
fingo di dormire
e intanto ascolto
ogni tuo piccolo respiro.
Se mi avvicino al tuo petto
sento il battito del tuo cuore
ED ESPLODO D'AMORE
ED ESPLODO DI PASSIONE.

DIO!
Quanto vorrei sciogliermi
tra le tue gocce di sudore della tua fronte,
scivolare sul tuo viso,
cadere sul tuo collo,
percorrere ogni piccola parte  del tuo corpo
e infine baciarti
fino a quando
il sole si spegnerà nelle acque cristalline
della mia anima inquieta. 

 

 
 
 

Lacrime notturne

Post n°472 pubblicato il 20 Ottobre 2014 da elisar_81
Foto di elisar_81

Scende la notte
il sonno mi confonde
stesa sul letto
cerco il tuo ricordo
fiuto il tuo odore
scavo la tua pelle
che non c'è.

C'è solo un cuscino muto
intriso di lacrime salate
e ci sono le tue mani sulle mie,
i tuoi occhi silenziosi
i baci infiniti
dentro a quel piccolo infinito
che hai creato in me. 

 
 
 

Cambiare

Post n°471 pubblicato il 15 Ottobre 2014 da elisar_81

La maggior parte delle nostre tristezze sono croci che noi stessi decidiamo di portare perchè qualsiasi cambiamento richiede coraggio, chiede di mettere a nudo la nostra identità, di esporsi ai freddi venti della vita e di intraprendere un sentiero sconosciuto senza meta sicura. 

Sopportare un antico dolore, al contrario, ci richiede sempre lo stesso sforzo ogni giorno, gli stessi passi, le stesse scene, come una pubvblicità che viene proiettata per mesi sullo stesso canale. Di lei conosciamo musica, battute e significato.
E' più facile piangere le stesse lacrime che farne uscire di nuove con nuovi sapori, nuove emozioni e nuovi amori.

Il cambiamento esige un coraggio che troppo spesso non abbiamo. Ma se non abbiamo coraggio di cambiare non dobbiamo neppure avere coraggio di lamentarsi delle proprie ripetute pene. 

In silenzio bisogna ingoiare il piatto bruciato che ci siamo preparati. 

 
 
 

Petalo di Gelsomino

Post n°470 pubblicato il 11 Ottobre 2014 da elisar_81
Foto di elisar_81

Al tuo ricordo
la mia anima
si trasforma
in lunghe dita
e ora dopo ora
ti accarezzo
come fossi
un bianco petalo
di gelsomino.

Sarò così delicata
che dirai di me
agli angeli:
"E' come neve
sull'acqua di un
lago alpino." 

 
 
 

Fino a te

Post n°469 pubblicato il 11 Ottobre 2014 da elisar_81
Foto di elisar_81

Costruirò una scala di parole
per salire fino al cielo,

toccherò le tue ali d'angelo
e l'amore che mi travolgerà
sarà così forte che cadrò
a faccia in giù

tra le mie parole
ricolme di te. 

 
 
 

Attesa innocente

Post n°468 pubblicato il 30 Settembre 2014 da elisar_81
Foto di elisar_81

L'attesa 
d'incontrar l'amato
è simile all'attimo
in cui la lepre
fissa la canna del fucile
ben sapendo di non aver 
compiuto alcun delitto.

Tutta un'esplosione
di cuore. 

 
 
 

Silenzi

Post n°467 pubblicato il 31 Agosto 2014 da elisar_81
Foto di elisar_81

Ci sono silenzi
fatti di parole

parole
che mai udiremo.

Abbracci 
fatti di lunghi silenzi; 

silenzi
fatti di sogni. 

 

 
 
 

Frammenti di te

Post n°466 pubblicato il 18 Agosto 2014 da elisar_81

Ma il cielo te lo dice quante lacrime solcano silenziose tutti i giorni trascorsi insieme?
Ti cerco in ogni angolo dell mio cervello, torno a 6 anni e inizio a vederti, a 8, a 10...ti vedo sempre e ricordo il clacson della Uno blu che suonava 100 metri prima della nostra casa. "E' arrivata la Nina! Presto aprite il portone!" E via la corsa di tutta la famiglia verso il portone che si splancava davanti al tuo sorriso fatto di sole.
Dopo baci e abbracci che duravano almeno mezz'ora, aprivi il bagagliaio ed era sempre una sorpresa: giochi, vestiti, lenzuola, colori, filo per cucire e tante chincaglierie che ancor oggi, 25 anni dopo, girano per casa. 

Portavi aria fresca, aria di città, portavi novità, i tuoi lunghi viaggi in terre per noi troppo lontane da visitare. Portavi cultura, sogni. Tu eri la gioia della famiglia, eri l'unica che ha avuto il coraggio di mettersi in gioco, di andarsene per sempre dalla cupa vita di campagna per sfidare il caos della grande Milano.

Io ti rivedo ad ascoltare radio Maria e dire il Rosario durante il viaggio, mangiando di tanto in tanto pezzi di verdura e frutta accuratamente tagliati e messi in un sacchetto di plastica.
Ti rivedo a pranzo con noi, nella tavola rotonda piccola ma incredibilmente grande per starci tutti e sette: io, mio fratello, mamma e papà, nonna (tua sorella) e nonno e tu, la nostra "zia Nina". Tu stavi nel posto davanti alla finestra e prima di mangiare facevi il segno della croce e ringraziavi il Signore per il cibo e benedicevi chi l'aveva preparato. Noi tutti, non abituati a pregare insieme, in silenzio, con un pò di vergogna a testa bassa, ti amavamo tanto. Eri una benedizione per noi.
Mi piaceva guardarti mentre mangiavi, eri molto lenta, composta e mi facevi spesso osservazione perchè mangiavo con la mano sinistra sulla gamba: "Elisa, tira su la mano, non sta bene mangiare così". Io sbuffavo, mi scocciavi...ma ora se mi capita di sorprendere la mia mano sulla gamba, mi sembra di sentirti ancora e mi metto ritta, composta e mangio "da signora".  
Alla fine del pranzo ringraziavi ancora il Signore; la tua vita è stata un continuo ringraziamento a Lui e io non capivo il senso di questa cosa. Solo ora, che il silenzio della tua assenza mi percuote la mente, capisco quanto era grande e autentico il tuo amore per Dio e di conseguenza per ogni creatura e per la vita. Solo ora, troppo tardi perchè tu possa tenermi la mano, io ho imparato ad amare come amavi tu.  

 
 
 

Danza infedele

Post n°465 pubblicato il 12 Agosto 2014 da elisar_81
Foto di elisar_81

Tu vuoi da me 
ciò che la mia natura non può darti:
mi chiedi di non chiamarti
di non scriverti
di non cercarti
di non piangere 

ed io, fedele amante
contro ogni impulso del cuore
obbedisco e soffoco nella poesia
la tristezza che invade il mio sangue
di giovane puledra.

Mi guardi e so
che un poco mi ami,
io so di te
ogni breve respiro;
ti guardo e t'amo
ma tu non vuoi essere amato.

Eppure è così dolce
la danza di due farfalle
che si inseguono
a pelo dell'acqua. 

 

 
 
 

Assenza notturna

Post n°464 pubblicato il 12 Agosto 2014 da elisar_81
Foto di elisar_81

Stanotte che non ci sei
un pesante silenzio
cala nella mia mente
in ricerca continua
di un tuo bacio
timido e scrupoloso.

Come vento triestino
impetuoso, burrascoso
il ricordo ti cerca
al mio fianco, dietro di me
davanti a me, su di me,
in me.

E' scesa già la notte
solitaria la Luna,
non ci rincorre più
per i vicoli antichi e scuri
ora ascolta i nostri respiri lontani 
e nulla lei può per riportarci "ieri".

 

 

 
 
 

Mela proibita

Post n°463 pubblicato il 08 Marzo 2014 da elisar_81

Mordo la mela
dell'unico ricordo che mi hai concesso,
deglutisco il veleno del tempo breve.

Trema di dolore il mio stomaco,
vorrei vomitarti
ma è già troppo tardi...

sei in me
nel mio sangue
nelle mie viscere.

Ieri è già lontano
ma tu, frutto proibito
hai rubato tutto il mio tempo,

non ho più nè ieri
nè oggi, nè domani
ho solo il tuo odore

sulla mia pelle
stracciata come carta
di una lettera inaspettata.

 
 
 
Successivi »
 

DAL CORANO:

"Se soffri dove ti trovi, se la terra dove vivi non ti da serenità e gioia, parti, ti ho dato un mondo grandissimo,ovunque è la tua terra!"

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 62
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

king.artur60elisar_81lubopomelissa38mjeremy.pursewardenSOUL2007kant.333Epsilon_RevengealphabethaaNues.ssandokan_64sifabrigattosettantacinqueWhaite_Haze
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI