Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 33 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

cile54olgy120nomadi50zoppeangelogaza64donmichelangelotondoWeb_LondonCherryslvulnerabile14lacartavincente1notterosa2009diogene51iunco1900RomanticPearlthe_oracle73
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Nessuno si indigna per i...I media asserviti al sis... »

Musica tragica. C' una corsa al ribasso e allo sfruttamento che davvero oscena. Si arriva anche a 4 euro all'ora e in nero

Post n°8570 pubblicato il 10 Febbraio 2014 da cile54

Morire di musica: la vita massacrante di facchini e tecnici dei concerti

Lavorano abbarbicati su grandiose strutture in ferro che possono innalzarsi fino a 30 metri d'altezza o trasportano valigioni con centinaia di chili di materiale.  Sopportano turni di servizio massacranti, che arrivano a toccare le 14 ore consecutive  . Percorrono centinaia di chilometri al giorno e presto imparano a dormire quando capita, dove capita e se ce n'è il tempo. E quando le luci sul palco danno il via al boato del pubblico, loro già attendono, stremati, che tutto finisca per ricominciare a far guizzare muscoli e ingegno. Benvenuti nel mondo dei lavoratori dello spettacolo.  Un universo multiforme e scarsamente conosciuto, popolato da tecnici altamente specializzati come da   facchini sottopagati, che sbarcano il lunario in attesa di una migliore occupazione  . E che per anni si sono mossi in una zona grigia fatta di norme di sicurezza vaghe e rispettate a fasi alterne, lavoro nero e scarsa rappresentanza sindacale.

C'è voluta una serie di incidenti mortali, tra il 2011 e il 2013, per accendere i riflettori sulla questione: da allora, tra blitz della Finanza e controlli serrati dell'Ispettorato al lavoro, qualcosa ha iniziato a muoversi. Ma non ovunque e non abbastanza in fretta, a quanto pare; visto che l'ultimo infortunio risale alla scorsa settimana, quando a Firenze un facchino è stato travolto dalla pila di casse acustiche che stava trasportando su un muletto. Appena qualche giorno prima,  a Milano, nove operai romeni avevano annunciato un'azione legale contro la Company service international, società che li aveva assunti per lavorare ai concerti di Bruce Springsteen, Lady Gaga, Shakira e Vasco Rossi. E che li avrebbe  pagati 4 euro l'ora, invece delle 7,5 pattuite  su un contratto che due di loro affermano di non aver neanche firmato, lavorando di fatto in nero.

"A questo proposito - spiega Enrico Massaro, delegato Slc-Cgil, il principale sindacato dei lavoratori dello spettacolo - va fatta una distinzione tra tecnici specializzati e facchini. Con i primi oggi non si può più sgarrare: i controlli sono frequenti e il lavoro nero è molto raro, specialmente in eventi di grandi dimensioni o che abbiano un risvolto mediatico. Attualmente sono in pochi ad agire ancora in questo modo, ed è gente che si occupa principalmente di piccoli eventi".  La situazione, però, cambia radicalmente quando si parla facchini  :  "Su queste figure  - continua Massaro  - c'è una corsa al ribasso e allo sfruttamento che è davvero oscena  . Stiamo parlando di operai che nel 2014 sono  fuori da qualsiasi logica di rappresentanza o di contrattazione collettiva  . Ben vengano, quindi, le cause legali come quella di Milano". Proprio il divario tra tecnici e facchini rende difficile fare una stima complessiva di quanti siano in Italia i lavoratori dello spettacolo: secondo Massaro, i primi sarebbero circa 30mila, “mentre è quasi impossibile quantificare i secondi”.

Anche i tecnici, comunque, sembrano avere i loro grattacapi  : il tasto dolente, per loro, sembra sia soprattutto la sicurezza, come l'Italia ebbe a scoprire tra la fine del 2011 e l'inizio del 2012. "Questo lavoro ho iniziato a farlo sei anni fa - spiega  Michele, 35 anni e una qualifica da   rigger   (il cui lavoro consiste nel montare e trasportare le parti superiori del palco, appeso a un'imbracatura) -e, soprattutto all'inizio, ne ho viste di tutti i colori. Ho iniziato nel sud Italia, dove  l'improvvisazione, il lavoro nero e l'assenza di regole erano all'ordine del giorno  . Parlo di gente che svolgeva mansioni pericolose e specialistiche senza possedere brevetti o abilitazioni; di misure di sicurezza inesistenti o applicate con leggerezza, spesso per una paga da fame. Dopo un paio d'anni mi sono trasferito al nord, e qui le cose erano già molto diverse: il lavoro nero era quasi inesistente ed è stata proprio la cooperativa che mi ha assunto a obbligarmi a prendere il brevetto per i lavori in quota. Dopo gli incidenti, poi, le cose sono cambiate ulteriormente. Oggi, negli spettacoli di grandi dimensioni, i controlli scattano quasi in automatico. Gli ispettori ci chiedono addirittura di mostrargli i numeri di matricola delle attrezzature di sicurezza, come scarponi, caschi e imbragature, per verificarne il ciclo di vita".

 Più sicurezza, dunque, ma non abbastanza: perché di musica c'è chi continua a morire  . Il primo incidente a destare lo sdegno nazionale fu quello in cui perse la vita Francesco Pinna, triestino travolto, con altri sette operai, dalla struttura che di lì a qualche ora avrebbe dovuto ospitare il concerto di Jovanotti. Il 5 marzo del 2012, poi, un altro crollo si è portato via Matteo Armellini, tecnico calabrese rimasto ucciso mentre lavorava alla data reggina di Laura Pausini. Un copione che, a dispetto di controlli ormai più frequenti e rigorosi, si è riproposto nel giugno scorso, quando Khaled Farouk Abdel Hamid, facchino 35enne di origine egiziana, è morto nel crollo del palcoscenico che aveva appena ospitato il concerto milanese dei Kiss. Dopo il quale, la comunità dei lavoratori dello spettacolo è insorta, cercando di unirsi per far pressione sul ministero del Lavoro. (ams)

08/02/2014 www.redattoresociale.it

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

SI IUS SOLI

 

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE