Un blog creato da lorifu il 31/12/2009

la memoria dispersa

un mondo di affetti perduto (ricordi, pensieri, riflessioni)

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FELICITÀ

 
 
 
 
 
 
 

SULL'ONDA DEI RICORDI

 
 
 
 
 
 
 

I MIEI BLOG

LA MEMORIA DISPERSA

 

VITA E DINTORNI

GRAPPOLI DI EMOZIONI

 

IN PUNTA DI PENNA


 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

woodenshipQuartoProvvisorioilariasanti89melina_maellyslsLaStanzaChiusaletizia_arcurilorifumargiomaNoRiKo564occhi_digattaqmrVince198Miluna973
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 65
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 

siti web

 
 
 
 
 
 
 




 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« le parole che non trovoGli istanti parlano »

Kabul oggi

Post n°693 pubblicato il 17 Agosto 2021 da lorifu
 

 

Chi può credere alla favola del lupo che diventa agnello?
Chi può credere che i talebani, saliti al potere inaspettatamente, abbiano cambiato pelle e si preparino a governare il paese in maniera democratica?
Chi può credere che saranno rispettati i diritti delle donne, dei bambini se sin da subito si accavallano notizie e smentite riguardo al trattamento loro riservato?
Come ha potuto accadere un simile evento? A cosa è servito rimanere in Afghanistan per vent'anni, per dopo andarsene senza essersi accertati e messo in sicurezza i civili, ben sapendo in che mani sarebbero finiti?
Sulla base di quale ragionamento si può mollare un Paese così complicato come l'Afghanistan dopo vent'anni di soldi spesi, armamenti, addestramenti che per come sono andate le cose non sono serviti a niente?
Quale colpo di testa può avere portato a una così dissennata decisione che vede ora Biden, l'artefice di questa scellerata operazione, alle prese con un'America ostile, che lo accusa di aver combinato un grosso disastro, per le troppe somiglianze con la guerra in Vietnam, che ancor oggi popola gli incubi degli americani.
Nel discorso del presidente americano si legge tutta l'arroganza di chi non vuole ammettere errori: non si scusa, non si giustifica, anzi, addossa tutte le responsabilità all'amministrazione Trump che a Doha aveva iniziato a prendere accordi con i talebani.
L'America dice, dopo l'11 settembre, aveva il compito di sconfiggere il terrorismo, non di occuparsi del processo democratico dell'Afghanistan, e con questo si lava pilatescamente le mani.
Se in Afghanistan ci fossero stati interessi da difendere, probabilmente l'uscita defilata non sarebbe avvenuta.
Ci sarebbero state altre argomentazioni, a partire dalla ipocrisia della salvaguardia dei diritti umanitari.
Al mondo restano le immagini dei civili in fuga, di tutti quegli uomini alla disperata ricerca di salvezza, aggrappati agli aerei in decollo, donne chiuse in casa, nascoste nell'annullamento dei burka, mentre pietosamente qualcuno cancella dalle vetrine dei negozi i volti femminili per evitare ritorsioni da parte delle milizie talebane.
Questa è Kabul oggi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

BURANO 2020

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 

 


Tu credi di incontrare l’amore,

in realtà è l’amore che incontra te

nei modi più strani,

inaspettati, involontari, casuali.

A volte lo confondiamo col bene

e lo surroghiamo.

Spesso siamo convinti sia amore,

fingiamo sia amore,

e leghiamo noi stessi

a una indistruttibile catena

frutto dei nostri desideri mancati

dei nostri sogni sopiti

delle nostre abitudini

delle nostre paure

delle nostre comodità

delle nostre viltà

dei nostri calcoli

della nostra apatia

dei nostri falsi moralismi.

Ma quando arriva, se arriva,

lo riconosci,

come  “il sole all’improvviso”

sconvolgente, coinvolgente,

totalizzante, esclusivo,

fusione di corpo e anima

osmosi perfetta.

Se finisce,

un dolore muto, senza fine.

loretta