**TEST**

Cronache di Toki

Cinema Cinema Cinema.. e non solo

Creato da GiuseppeToki il 03/05/2009

"Sono cresciuto attraverso il cinema. Se mi sono interessato alla letteratura, alla musica è stato grazie al cinema" (Michael Powell)

 

Tag

 

Visitate il nostro sito di Home cinema!!!

Visita  www.homecinemainside.it 

 Vuoi vedere la lista dei Film?  E' su "TAG" ! Cliccaci

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

anmicupramarittimastrong_passionShanin84raffadvpamelaricchettivanni68GiuseppeTokicondelloantonino57mauriziolibri72IlMilaneseHitchcocktonono62helga2008beppetokilennon927
 

FACEBOOK

 
 

 

 

« ReviewReview »

Review

Post n°37 pubblicato il 12 Aprile 2010 da GiuseppeToki
 

Happy Family (Gabriele Salvadores,2010)

Preferisco leggere un libro o guardare un film piuttosto che vivere, nella vita non c'e' una trama" 

Groucho Marx

Ci fosse un film di Salvadores che non mi piace, ci fosse. Riuscendo persino a farmi adorare Fabio De luigi (personaggio che non amo particolarmente) il film racconta con sfarzosita' e brio i deliri di uno scrittore sulla trentina di nome Ezio (De Luigi) un solitario regista che, sotto gli occhi degli spettatori, scrive e modifica in tempo reale i rapporti tra due famiglie, interpretando persino uno dei personaggi. Ispirato all'opera teatrale di Alessandro Genovesi che appare nel classico "Cameo", Happy Family e' un film originale, furbo e molto citazionista. Le commedie di Woody Allen, l'opera Sei personaggi in cerca d'autore, i film di Wes Anderson, lo stesso Marracash Express di Salvadores citato dal personaggio di Abatantuono in un ironico paradosso metareferenziale... E' bello vedere un prodotto italiano del genere, in grado di non sfigurare nemmeno al cospetto dei lavori dei registi appena elencati. Cast di buon livello : Diego Abatantuono (simpaticissimo) Margerita buy (Fa sempre la stessa parte, ma funziona) Fabrizio Bentivoglio (Davvero molto bravo) Carla Signoris (stralunata) e la veejay di All music Valeria Bilello (meglio del previsto).  Ci prende e si prende un po' in giro, non vuole farci la morale ma solletica l'intelletto con furbizia, cita sempre col giusto tatto e fa ridere, senza dubbio. Commedia che alza l'umore del pubblico speranzoso, rappresentante di una stagione che ambisce a rinfrescare il cinema italiano. Avanti cosi'.

Voto : 8

 
 
 
Vai alla Home Page del blog