Cronache di Toki

Cinema Cinema Cinema.. e non solo

Creato da GiuseppeToki il 03/05/2009

"Sono cresciuto attraverso il cinema. Se mi sono interessato alla letteratura, alla musica è stato grazie al cinema" (Michael Powell)

 

Tag

 

Visitate il nostro sito di Home cinema!!!

Visita  www.homecinemainside.it 

 Vuoi vedere la lista dei Film?  E' su "TAG" ! Cliccaci

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

anmicupramarittimastrong_passionShanin84raffadvpamelaricchettivanni68GiuseppeTokicondelloantonino57mauriziolibri72IlMilaneseHitchcocktonono62helga2008beppetokilennon927
 

FACEBOOK

 
 

 

 

« ReviewReview »

Review

Post n°50 pubblicato il 11 Ottobre 2010 da GiuseppeToki
 

The Town (Ben Affleck, 2010)

Doug Mcray (Affleck) e' il capo di una squadra di astuti rapinatori specializzata in banche che dopo l'ultimo colpo si vede costretta a tenere in ostaggio la giovane direttrice di banca Claire (Rebecca Hall) la quale sara' rilasciata il giorno stesso dalla banda non avendo visto i volti di nessuno dei ragazzi. Mentre la combricola di ladri escogita il colpo piu' grande della loro carriera, accadono due cose: Doug si ritrova travolto dalla bella Claire e inizia a frequentarla nascondendole  la sua vera identita' a suon di menzogne, scoprendo un sentimento affettivo difficile da domare (gli altri del gruppo non gradiscono) e nel frattempo l' Fbi trova una pista in grado di avvicinarli alla definitiva cattura della gang, tenendola sotto strettissima osservazione. Ben Affleck e' al suo secondo film da regista dopo l'acclamato Gone baby gone (visione consigliatissima) e sta recuperando in scioltezza punti nei confronti di quella critica che dietro a quel faccione da giocatore di rugby non ha mai visto un bravo attore. Vi dico la mia? Mai ritenuto Affleck un bravo attore. Ma le doti da regista e co-sceneggiatore sono innegabili, visto che The Town e' un riuscito poliziesco-thriller fatto di personaggi, di tensione, di bugie e ricatti. Sebbene manchi il fuoco d'artificio artistico, quella scintilla in grado di far gridare alla primizia, la solidita' e la sicurezza registica che accompagnano lo spettatore, unita alla bravura degli attori (Jem Coughlin e Jeremy Renner su tutti, due cattivi di spessore) rendono la storia avvincente e tengono alto l'interesse fino all'ultima scena. Di certo un po' di originalita' in piu' non avrebbe guastato, visto che non si rimane mai sorpresi dagli avvenimenti a svolgimento lineare e prevedibile della parabola noir diretta dal giovane regista. Nonostante cio', consigliato senza remore.

Voto : 7.5

 
 
 
Vai alla Home Page del blog