Creato da ninograg1 il 16/01/2006

XXI secolo?

Vivere e sopravvivere nel nuovo medioevo italiano

Get the Radio DgVoice verticall no autoplay widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

STO LEGGENDO E RACCOMANDO

 

 

siti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ninograg1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 59
Prov: MS
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 197
 
 

SHINY STATS; TROLLS

DIRECTORY

 

TCPA;OIPA

 
Leggi a questo link

 

      aumenta page rank

 

MOTORI

 immagine Best blogs ranking

 

 

XML, PULIZIA

 Basta! Parlamento pulito  Feed XML offerto da BlogItalia.it  immagine immagine Iscriviti I heart FeedBurner 

 

LIST

  Blogarama - The Blog Directory Powered by FeedBurnerIscriviti a RSS aggiornamenti dal titolo: Powered by FeedBurnerSono membro della AM Blog directory

 

GREENPEACE & ARCOIRIS

immagine immagine BlogGoverno    Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini  

 

 

MATRIX 1

un mondo senza regole e senza confini 

Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/

Scudo della Rete

BlogNews

 

NESSUNO TOCCHI CAINO; PACS

immagine   immagine

 

VARIA GRAFICA

immagineDirectory dei blog italiani

 

BLOGITALIA

          BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Usa-Russia, Trump ordina...Euro, come bypassarlo af... »

Tria: vi spiego perché debito italiano è sostenibile

Post n°4382 pubblicato il 04 Febbraio 2019 da ninograg1
 

Fonte: W.S.I. 4 Febbraio 2019, di Alberto Battaglia

 

La politica economica del governo gialloverde è stata, in particolare agli esordi, giudicata irresponsabile per un Paese come l’Italia, il cui debito pubblico supera il 130%. L’annuncio di una battaglia con l’Europa sul deficit strutturale si è poi ridimensionata. Ma le opinioni sulla sostenibilità del debito pubblico continuano ad essere polarizzate. Sul fronte “pessimista”, si è espressa recentemente Bloomberg, definendo il debito italiano come il grande problema europeo.

Lo stato italiano potrebbe facilmente trovarsi nella condizione di non ripagare i suoi creditori? Anche se l’elevato bagaglio di debito costringe lo stato a mettere da parte buona parte del gettito fiscale per pagare gli interessi sui titoli di stato, il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, è convinto che l’Italia sia lontana dal rischio insolvenza. In una recente lectio magistralis tenuta alla Columbia University di New York, il titolare di Via XX Settembre ha riassunto le ragioni che rendono solide le finanze italiane. Le ragioni per sentirsi al sicuro sono cinque.

  1. La ricchezza privata dell’Italia è una delle più alte del mondo, con un valore patrimoniale di almeno 9 volte reddito pro capite, in linea con i più ricchi della media Ue. Pertanto, il patrimonio netto complessivo del paese è solido e segnala un sistema economico resiliente e liquido”, ha affermato Tria. Va però ricordato che la ricchezza privata può rientrare nella disponibilità dello stato solo se prelevata tramite la tassazione: il che non rassicurerà i possessori di patrimoni, in particolare di immobili.
  2. Seconda ragione di solidità è ravvisabile nei “tassi d’interesse che scendono al di sotto della crescita media”. Fatto che rende “il debito è solo un apparente onere”. Secondo Tria, “i tentativi di consolidamento eccessivamente zelanti si sono dimostrati controproducenti”, probabilmente riferendosi all’esperienza del governo Monti. L’argomento sui tassi d’interesse inferiori al tasso di crescita media (nominale), è in qualche modo vincolato all’andamento dello spread. Di qui, probabilmente, la moderazione della Legge di Bilancio rispetto alle costose promesse elettorali. Basti ricordare la flat tax al 15% per tutti o la cancellazione della Fornero.
  3. La stabilità degli avanzi primari. Secondo Tria, il fatto che l’Italia da lungo tempo incassi più risorse dai cittadini di quelle che spende, prima del pagamento degli interessi sul debito, “dimostra che è determinata a ridurre il livello del debito continuamente e progressivamente”. Anche qui, i dubbi emergono su quanto avanzo primario sarebbe ottimale per conseguire una riduzione del debito che però non gravi sulla crescita economica.
  4. “In quarto luogo”, ha affermato Tria, “il debito italiano presenta un profilo temporale, una struttura di duration e un costo medio particolarmente favorevole, concentrato per il 72% in obbligazioni a lungo termine e un tasso medio di sostituzione di 6,7 anni. Inoltre, il debito è detenuto per il 70% da residenti italiani”.
  5. Quinta e ultima ragione per la quale il debito italiano non è considerato a rischio sarebbe rappresentata dal giudizio stesso dei mercati. “Nonostante l’imminente conclusione dell’allentamento quantitativo (Qe), il costo medio del servizio del debito è diminuito (nel 2018 l’Italia ha emesso 390 miliardi di euro di titoli di stato ad un costo medio di emissione dell’1,07%) e Credit Default Swap e gli spread sono rimasti ben al di sotto dei livelli precedenti al “whatever it takes” di Mario Draghi”.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

twister007davide.russielloelyravwoodenshipjigendaisukeshadow_15124hfukrlninograg1nina.monamourlacey_munroguamarcamberle80bofulbofulcla.bor04amhenotep
 

I MIEI BLOG AMICI

- The BoNny
- piazza alimonda
- considerazioni
- Giovani e politica
- vivazapatero
- montagneverdi...
- melodie dell'anima
- bruno14
- *Serendipity*
- Di tutto, di piu'
- Ali Rosse...
- La dea Artemide
- ora ci penso..
- solo per satira; ogni tanto guardo e nn c'era il tuo profilo....
- sterminatore1986
- ossevatorio politico
- blog dedicato ai fumetti: wow!
- neverinmyname
- SOLI CONTRO LA MAFIA
- Gira e Rigira
- Prodi vs SilvioB 3-0
- (RiGiTaN's)
- Job interview
- l'edicolante
- ricambio generazione
- BLOGPENSANTE
- Geopoliticando
- Frammenti di...
- EARTH VIRTU'
- Reticolistorici
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Lapiazzarossa
- Il mondo di Valendì
- Italia democratica
- piazza carlo giuliani
- In Equilibrio..
- PENSIERI IN LIBERTA
- MOSCONISMO
- GIORNALE WOLF
- ETICA & MEDIA
- siderurgika
- Il mondo per come va
- lecosistema...
- MONDO NOSTRUM
- IlMioFavolosoMondo
- *STAGIONI*
- LA VOCE DI KAYFA
- NO-global
- hunkapi
- Writer
- alba di nina ciminelli
- imbrogli i
- ippogrillo
- PENSIERO LIBERO
- Perle ai Porci
- ROBIN HOOD
- Un blog demo_cratico
- Aderisci al P.G.M.I.
- rinnegata
- RESPIRA PIANO
- Anima
- Cose non dette
- PersoneSpeciali
- diario di un canile
- Sassolininellascarpa
- disincanto.....
- Dolci note...!
- STAIRWAY- TO- HEAVEN
- vivere è bello
- bijoux
- mecbethe
- my goooddd....
- ...riflettendo.
- BOBO E ZARA
- la Stella di Perseo
- forever young
- ECCHIME
- Regno Intollerante
- io solo io
- MONICA
- coMizia
- Femminilita
- @Ascoltando il Mare@
- nel tempo...
- Non vinceranno!
- Doppio Gioco
- cigarettes & Coffee
- MOONCHILD
- Avanguardia
- Il Diavolo in Corpo
- Angolo Pensatoio
- Assenza di gravità
- cera una volta
- DI TUTTO E DI PIU
- ORMALIBERA
- FATAMATTA_2008
- TUTTOENIENTE
- ZELDA.57
- Triballadores
- club dei cartoni
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

NON LASCIAMOCISOLI & CHE

O siamo Capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, O DOBBIAMO lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza,perchè questo blocca il libero Sviluppo dell'intelligenza "
Ernesto Che Guevara
  

XXI secolo?

↑ Grab questo Headline Animator

 

IDEOGRAMMA DI PACE; EMERGENCY

GRILLO

  No TAV