Creato da ilio_2009 il 10/08/2010

Frammenti

Milano o Parigi ?

 

 

« Il mondo in una stanzaAh l' Amour »

Una stanza al Lutetia

Post n°428 pubblicato il 09 Aprile 2014 da ilio_2009

j

Dieci minuti a piedi dall’ Hotel Lutetia ci sono la Brasserie Lipp, i caffè Les Deux Magots e Flore, luoghi mito di Parigi con le ombre di Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir comprese nel conto. Un giovane ufficiale, Charles de Gaulle, passò nell’ albergo la sua prima notte di nozze. Negli anni 20, uno scavezzacollo americano, Ernst Hemingway, approfittava del dollaro forte per passare le serate al tavolo da biliardo con gli amici della Lost Generation. Nel decennio successivo, un promettente scrittore, James Joyce, si rifugiò in questo gioiello Art nouveau e Art déco per sfuggire al gelo del suo appartamento bohémien in rue des Vignes. Dopo la guerra, per trent’ anni, una delle suite all’ ultimo piano è stata prenotata da Marianne Oswald che vi riceveva amici come Bertolt Brecht, Jean Cocteau, Jacques Prévert. A poche camere di distanza, una longilinea brunetta, Juliette Gréco, si faceva scrivere i testi delle canzoni da talentuosi come Raymond Queneau per poi consumare jazz e amore con Miles Davis. Se, ancora oggi, la «musa degli esistenzialisti» vuole incontrare qualcuno prenota al ristorante dell’ albergo. Per mangiar ostriche nella sua brasserie arrivano regolarmente anche André Glucksmann, Bernard Henri-Lévy e Gérard Depardieu. Aneddoti comuni ai grand hotel storici di tutto il mondo, con una differenza: gli stucchi del Lutetia, quattro stelle nel cuore della Rive gauche, conservano un lato inquietante. Fino a un paio d’ anni fa, Denise Epstein passava davanti al Lutetia e non riusciva a guardarlo per quel che aveva significato per lei mezzo secolo prima. Girava la testa dall’ altra parte perché, nella seconda guerra mondiale, il Lutetia è stato il quartier generale dell’ Abwehr, il controspionaggio nazista dell’ ammiraglio Canaris (camera 109 con vista su Boulevard Respail). Fu quell’ ufficialetto francese, che vi aveva inaugurato la luna di miele, diventato generale e salvatore della patria, a permettere all’ hotel un primo riscatto. Liberata Parigi, de Gaulle trasformò il Lutetia in centro di accoglienza per i sopravvissuti dei campi di concentramento nazisti: «dp» (deportati per motivi politici) e «dr» (deportati per motivi razziali). Fu lì che, bambina, scrive la Epstein in Sopravvivere e vivere (Feltrinelli), andava a cercare notizie dei genitori ebrei mai più tornati. La madre era Irène Némirovsky] Dieci minuti a piedi dall' Hotel Lutetia ci sono la Brasserie Lipp, i caffè Les Deux Magots e Flore, luoghi mito di Parigi con le ombre di Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir comprese nel conto. Un giovane ufficiale, Charles de Gaulle, passò nell' albergo la sua prima notte di nozze. Negli anni 20, uno scavezzacollo americano, Ernst Hemingway, approfittava del dollaro forte per passare le serate al tavolo da biliardo con gli amici della Lost Generation. Nel decennio successivo, un promettente scrittore, James Joyce, si rifugiò in questo gioiello Art nouveau e Art déco per sfuggire al gelo del suo appartamento bohémien in rue des Vignes. Dopo la guerra, per trent' anni, una delle suite all' ultimo piano è stata prenotata da Marianne Oswald che vi riceveva amici come Bertolt Brecht, Jean Cocteau, Jacques Prévert. A poche camere di distanza, una longilinea brunetta, Juliette Gréco, si faceva scrivere i testi delle canzoni da talentuosi come Raymond Queneau per poi consumare jazz e amore con Miles Davis. Se, ancora oggi, la «musa degli esistenzialisti» vuole incontrare qualcuno prenota al ristorante dell' albergo. Per mangiar ostriche nella sua brasserie arrivano regolarmente anche André Glucksmann, Bernard Henri-Lévy e Gérard Depardieu. Aneddoti comuni ai grand hotel storici di tutto il mondo, con una differenza: gli stucchi del Lutetia, quattro stelle nel cuore della Rive gauche, conservano un lato inquietante. Fino a un paio d' anni fa, Denise Epstein passava davanti al Lutetia e non riusciva a guardarlo per quel che aveva significato per lei mezzo secolo prima. Girava la testa dall' altra parte perché, nella seconda guerra mondiale, il Lutetia è stato il quartier generale dell' Abwehr, il controspionaggio nazista dell' ammiraglio Canaris (camera 109 con vista su Boulevard Respail). Fu quell' ufficialetto francese, che vi aveva inaugurato la luna di miele, diventato generale e salvatore della patria, a permettere all' hotel un primo riscatto. Liberata Parigi, de Gaulle trasformò il Lutetia in centro di accoglienza per i sopravvissuti dei campi di concentramento nazisti: «dp» (deportati per motivi politici) e «dr» (deportati per motivi razziali). Fu lì che, bambina, scrive la Epstein in Sopravvivere e vivere (Feltrinelli), andava a cercare notizie dei genitori ebrei mai più tornati. La madre era Irène Némirovsky....(da Corriere.it)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

virmistgabri_tggcolombo_17crippavivianaCherryslelenamaria_digiacomodobbensboezio62irecostinaplespressmasha95miky.omnotipentiraisacelisaio_deja_vu
 

ULTIMI COMMENTI

articolo molto piacevole da leggere. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 19:03
 
bello questo post. Buona giornata da Artecreo
Inviato da: sexydamilleeunanotte
il 05/10/2016 alle 16:34
 
sempre amato Boccioni...
Inviato da: cloneselvaggio
il 24/04/2016 alle 09:01
 
E il dipinto...anche se ha quel titolo, non č neanche...
Inviato da: EMMEGRACE
il 20/04/2016 alle 18:20
 
Vraiment amusant! :)
Inviato da: lisalibera
il 15/04/2016 alle 17:57
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

I MIEI BLOG AMICI

- pensieri.femminili
- Luce che filtra....
- Storie fantastiche...storie di vita...le nostre storie...
- 2 CiAcOle In CUcINa
- dianavera
- Il cuore muove tutto
- Viveredarte
- la finestra
- Calypso
- Vita da museo
- Sfioriscono.Le.Viole
- sous le ciel de ...
- odeon
- Neither You ...
- N u a g e s
- Shop Of Wonders
- Chiedo asilo.....
- Sounds of soul..
- Abbandonare Tara
- MIMESY
- Ne me quitte pas
- Patrizia
- Gi&ugrave; lungo le costole
- sciolta e naturale
- Presente Imperfetto
- chiudigliocchi
- a proposito di elliy
- Kiss and Knife
- Vernissage
- Imperfezioni
- A Room of Ones Own
- Tabula Dicta
- Lanima nel piatto
- jazzando
- Pentagrammi
- Classe 53
- SBILANCIA_MENTI
- granelli di parole
- The Good Wife
- parlodime
- Langolo di Jane
- vitaperezvitaperez
- ...r&eacute;veil en Italie
- monologo in rosso
- La Specola
- Mamma &amp; Prof.
- ricomincioda7
- Arte...e dintorni
- I BELIEVE IN PINK
- surfista danime
- Dr&ocirc;le de Belgique
- PSICOALCHIMIE
- SELVA OSCURA
- la piccola KONOBA
- Signora mia
- Sex,Books&amp;theCity
- pulcenelcuore
- .
- PICCOLO INFINITO
- back to black
- CRAZYWORKS
- SPRINGFREESIA
- TRA PARENTESI
- sottilMente
- stradeperdute2
- Kehre
- Rivi&egrave;re des r&ecirc;ve
- desperate housewife
- Legal Commedy
- Scatola Nera
- silenzio_urlato
- Tempo Spazio
- 40 anni spesi male!!
- La Finestrella
- end[or]fine.
- Lost in a book
- Nugae
- Sosoloesserebuona
- niente da dire
- Bright star
- CANONE INVERSO
- DeaScalza
- inopportunamente
- AUTUMN BOOK
- Wanda
 
Citazioni nei Blog Amici: 53
 

FACEBOOK

 
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

I MIEI LINK PREFERITI