Creato da dreaming_cri il 16/07/2008
Ascolterò il linguaggio della tua anima come la spiaggia ascolta la storia delle onde (K. Gibran)

Area personale

 
Citazioni nei Blog Amici: 63
 

Ultime visite al Blog

cassetta2vivi64vtxileoeloisa1952maredinverno0silanzutrampolinotonanteIrisblu55lubopogiorgino41arcaninocara.callagiuliasassetti1987derivalchiarodilunacoluci
 

Entra anche tu nel club .....

Per Gentile Concessione .... di Lucrezia62

 

attestazioni









PREMIO Indissolubilmente Amici

Viene assegnato a siti o blog che si ritengono amici o perlomeno simpatici.

Un grazie a chi ha voluto assegnarmelo, per la stima e/o simpatia che dimostra nei miei confronti.

Fior_da_liso con il suo La posta del cuore

Stellaincielo con il suo Sogni e segreti

Tania.pv con il suo ->>Sole___Luna<<

Virgola.df con il suo @Ascoltando il mare@

 









PREMIO Webloglive

Viene assegnato a siti o blog che risaltano per la brillantezza nel design e nei contenuti.

Un grazie a chi ha voluto assegnarmelo, per la stima e/o simpatia che dimostra nei miei confronti.

Diane_71 con il suo Ok ci provo!

Profumo_di_caffe con il suo Io...Vorrei....

 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

 

« Post N° 105Post N° 107 »

Carnevale.

Post n°106 pubblicato il 17 Febbraio 2009 da dreaming_cri
 

Fin da piccola, non ho particolari ricordi legati a questa ricorrenza.
Non ho fotografie che mi ritraggano vestita da principessina o da fatina o da zingarella. Nulla di tutto questo.
Tuttora non sento uno speciale entusiasmo quando mi si propone di assistere ad una sfilata o di andare a qualche festa.
Anzi, prevale una sorta di fastidio.
Ricordo la mia ultima festa e la mia ultima partecipazione ad una sfilata quando avevo 15-16 anni. Non mi sono divertita, nonostante fossi con le mie amiche di sempre e i miei compagni di scuola.
Mi sentivo estranea a quegli abiti. Sentivo di indossare una maschera che non era adatta a me. Non ero assolutamente a mio agio. 
 
 
 
Per fortuna con gli anni, ho frequentato compagnie a cui il carnevale  non interessava.
Ora capisco che si è in questi giorni particolari, perché nei supermercati e nei vari negozi si vendono le chiacchiere e le frittelle, ma vivo questo periodo con grande indifferenza.
Percepisco una certa artificiosità nell’atmosfera che lo connota.
Probabilmente sono un pochino insofferente verso le feste comandate (Natale, s.Valentino, ultimo dell’anno, per fare altri esempi) e mi risulta difficile dovermi divertire a tutti i costi.
Preferisco non sentirmi obbligata a farlo.
Preferisco ridere e gioire spontaneamente in tutti gli altri giorni dell’anno. O almeno nella maggior parte.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog