Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Messaggio #4. »

Primo Convegno di Consequenze Relazione di Stefano Pierpaoli- 2

Post n°5 pubblicato il 15 Dicembre 2008 da socialismoesinistra

 

Io vorrei tornare a scrivere i miei libri e andare un po’ al mare. Non voglio fare l’imprenditore. Però quello che desidero, vorrei che possa realizzarsi in un paese normale. La mia proposta, rivolta ai miei concittadini, alla società civile di cui sono parte e di cui sarò sempre parte, perché amo questo paese malgrado mi abbia fatto del male, si fonda su un profondo desiderio di democrazia, di modernità, di uguaglianza, di legalità. Regole uguali per tutti. Torniamo a crescere, recuperiamo serenità, benessere. Ritroviamo armonia sociale. Liberiamoci dallo scontro, dall’invettiva ad oltranza, dalla diffidenza verso il nostro vicino, verso il diverso, dall’annullamento di chi non la pensa come noi.

Lavorare sulla cultura è una chiave decisiva per tutto questo. Riconquistare spazi di espressione libera è linfa vitale per eliminare squilibri e paure. Accrescere in modo corretto la conoscenza fornisce strumenti di democrazia e il lavoro intellettuale onesto è garanzia democratica.

La diffidenza e lo scetticismo sono reazioni tipiche della senilità. Siamo diventati un paese vecchio, privo di impulsi che non siano guidati dal santone o dal predicatore di turno. Un paese malato di individualismo e finiamo col fare la guerra dei poveri o peggio tra poveri.

Mi è stato qualche volta rimproverato di non tracciare le linee culturali e commerciali di Consequenze in modo preciso e ben definito. Nel Manifesto programmatico sono espressi con chiarezza i punti fondamentali del programma culturale. Oggi, in questo Convegno, tracceremo con maggiore profondità molti aspetti di questo progetto.

Il fatto di aver preferito fornire a coloro con cui mi sono trovato a parlare soltanto un impianto di massima, è stato frutto di una scelta precisa.

Potevo cominciare dall’alto. Trovare alleanze influenti ed economicamente vigorose e poi far partire da lì una proposta che cascasse a pioggia su tutti coloro che fossero interessati a una maggiore visibilità, a un’opportunità di lavoro e perché no, di successo. Mi potevo garantire appoggi esterni per così dire autorevoli per raggiungere in modo più agevole un pubblico vasto, grazie a metodi ben noti e collaudati.

Però avrei in tal modo riprodotto un modello deformante, un metodo classico all’italiana che ha prodotto sfaceli. Il modello dei vertici, delle gerarchie, delle autorità costituite. Lo schema consueto dei gestori dall’alto e dei sudditi che aspettano la manna o il gesto promettente o la promessa suggestiva.

Di tutto questo ne abbiamo abbastanza.

In molti amano definire un’iniziativa come questa come iniziativa dal basso. Io non so se questo che noi oggi rappresentiamo sia un basso o un elevato esempio di democrazia. Se però devo accettare quella definizione, che non amo particolarmente, mi viene da pensare a una spinta, a un impulso che provenendo da un’area ampia della popolazione, propone, inserisce, stimola, partecipa.

Questo è il fulcro importante della scommessa che ho fatto e che tutti coloro che partecipano a questo progetto hanno fatto. Creare una struttura di sostegno e di stimolo in grado di recepire e sviluppare i progetti che provengono dalla società civile e condivisi da artisti, intellettuali e cittadini. E quindi ho chiesto a chiunque incontrassi: “dammi il tuo progetto, proponi la tua libera iniziativa da collegare al resto della popolazione in un ambito di vicinanza, di cooperazione solidale. In una collettività che finalmente funziona e si rimette in moto senza aspettare la manna dal cielo, ma lavorando insieme, con progetti concreti, moderni, capaci di interpretare il nostro tempo e le reali dinamiche della nostra società per migliorarla in una sfera etica di sinergie produttive”.

Siamo tutti fermi ad aspettare il permesso di operare, di fare. Impantanati nelle paludi burocratiche delle attese e dei favori. Lasciamo il campo aperto ai furbi, agli amici degli amici, ai figli di papà. Dov’è finita l’inventiva degli Italiani? Dov’è finita la leggendaria capacità creativa degli italiani? L’ingegno imprenditoriale indipendente, l’abilità di produrre in modo anche artigianale dei grandi capolavori? 

Possibile che il vizio assistenzialistico a cui accennavo prima ci abbia del tutto privato del sapere del lavoro? Possiamo farcela solo grazie al politico consenziente o al grande imprenditore che finanzia? Io dico di no. Noi diciamo di no, perché lo stiamo dimostrando, perché senza un euro che piove dall’alto, senza nessun appoggio politico, senza nessuna connessione con la grande imprenditoria noi riusciamo ad essere qui, riusciamo a realizzare un grande esempio di operatività e di valore civile.

Ecco l’importanza di raccogliere proposte e mettersi in condizione di realizzarle. Ecco la priorità nell’ascolto dell’altro e nel fermarsi al confine etico di consentire quell’espressione libera, onesta, leale col pubblico,

Io delle idee le ho. Le ho esposte nell’impianto intellettuale pubblicato in Rete. Ho delle idee commerciali, di mercato perché senz’altro provengo da un’esperienza imprenditoriale di tanti anni. Ma sono anche convinto che oggi, nel panorama che ci si presenta sia più utile lavorare insieme e semmai mettere insieme queste idee. Farle convergere. Unirci in un progetto comune e slegato dalle solite logiche che ci hanno danneggiato fino allo sfascio. Niente più apprendisti stregoni con ricette miracolose. Niente più salvatori della patria. Niente più uomini della provvidenza. Basta.

Riprendiamoci il futuro in quanto protagonisti della democrazia, del mondo del lavoro, della cultura.

Il progetto di lavoro di Consequenze prevede lo sviluppo di un’associazione nazionale, organizzata attraverso la partecipazione a tutti i suoi momenti decisionali di artisti e Cittadini, articolata in strutture decentrate sul territorio, che sul fondamento della creazione di una comunità integrata tra artisti e popolazione si propone di:

1.     Tutelare la cultura e l’impegno artistico in quanto diritto sociale di tutti, in una libera, diretta ed autonoma fruizione.

2.     Sostenere l’attività professionale nel rispetto delle individualità, il cui esercizio deve essere favorito attraverso un criterio di merito e grazie alla salvaguardia della possibilità di tutti all’accesso diretto al mercato e agli spazi di comunicazione con il pubblico.

3.     Preservare, nell’interesse collettivo, l’impegno culturale e l’esperienza artistica, da ogni forma e genere di inquinamento, strumentalizzazione, repressione, isolamento, condizionamento, marginalizzazione, dequalificazione, da parte dei circuiti mediatici, editoriali, commerciali, finanziari e delle Istituzioni politiche e culturali.

4.     Comporre un autonomo circuito produttivo e distributivo diretto e autogestito, in un rapporto non mediato tra cittadinanza e artisti, necessario a favorire il libero accesso al mercato dell’arte in ogni sua espressione, al di fuori degli attuali e obbligati canali d’inserimento commerciale e professionale e delle logiche di casta, cosca, cordata, stirpe che costituiscono purtroppo i criteri di selezione dominanti.

     Consequenze si propone quindi di assolvere a una funzione riassumibile in 7 punti principali:

1. Promuovere un’ampia fascia di artisti che oggi non hanno la possibilità di riferirsi a un pubblico vasto e quindi di veder coronati i frutti del loro lavoro in base al talento e al merito

2. Riunire, in un grande patto di lealtà e cooperazione, artisti e cittadini, per realizzare un comune progetto di integrazione, diretto allo stimolo positivo di produzioni di qualità, di nuove sperimentazioni e linguaggi, così come di recupero di tradizioni da cui non possiamo e non dobbiamo prescindere rispetto alla nostra stessa storia di artisti e intellettuali.

3. Organizzare strutture permanenti finalizzate alla gestione di spazi autonomi e indipendenti, creare iniziative culturali e artistiche temporanee o anche itineranti, sedi di incontro, di integrazione, di confronto permanente, democratico e vivace, tra popolazione e operatori della cultura, quindi dialogo e collaborazione efficace tra cittadinanza consapevole e cultura responsabile e ben presente nel nostro tempo.

4. Porsi al servizio della libera circolazione di idee ed energie, della libera diffusione di produzioni qualitative, e garantire un’informazione vera sulla produzione artistica indipendente. Essere quindi in condizione anche di offrire assistenza amministrativa (rapporti con enti e istituzioni), informazioni normative, tutela legale agli artisti, nel rapporto con istituzioni e soggetti privati.

5. Costituire una rete di collegamento concreto e continuo tra artisti, una rete orizzontale aperta anche al pubblico che sia svincolata dai canali ufficiali consueti.

6. Controllare l’operato delle Istituzioni e delle diverse imprese culturali (circuiti, produzioni, media settoriali) rispetto ai compiti istituzionali e allo svolgimento delle funzioni di diffusione delle opere nel rispetto della libertà di mercato. Perciò denunciare con rigore tutti i fenomeni e i singoli episodi di violazione della dignità e della libertà d’espressione degli artisti nel

a. libero accesso al mercato

b. nella libertà d’informazione

c. nella tutela dei diritti e della dignità del pubblico

e tutto questo al di fuori da egemonie e monopoli vari.

7. Proporre iniziative di cooperazione agli enti locali, alle istituzioni culturali, economiche, scolastiche, universitarie per ridare centralità alla cittadinanza, in un rapporto partecipativo tra espressione culturale ed esigenza civile e sociale.

Indicare strumenti normativi, leggi, regolamenti utili a favorire e liberare l’accesso al mercato della produzione artistica indipendente ed essenziali per garantirne lo sviluppo normale, l’indipendenza, l’autonomia, l’integrità professionale degli artisti in un rapporto sano con la cittadinanza e in una relazione di equilibrio con l’editoria, con le strutture professionali e manageriali, con i circuiti mediatici, con gli imprenditori artistici, con la varie rassegne, mostre, concorsi e con i passaggi burocratici connessi ai processi valutativi della produzione artistica.

Individuare e suggerire strumenti normativi, amministrativi e giuridici di tutela, dell’interesse della popolazione a poter godere di un’informazione libera e plurale, di un’offerta culturale libera e plurale, non condizionata da monopoli economici, finanziari, politici e culturali, garantita e tutelata dal diretto accesso a una produzione artistica davvero indipendente e sottoposta soltanto a processi valutativi limpidi e onesti, che poi sottintendono al raggiungimento degli obiettivi professionali di ogni artista.

Regole quindi di legalità e trasparenza. Regole di giustizia e di democrazia.

Regole che valgano per tutti e che devono costituire ossatura e propulsione nell’impianto culturale e nelle dinamiche di mercato che realizzeremo.

Stefano Pierpaoli

Presidente dell'Associazione Nazionale  “Consequenze"

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra