Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Ancora a milioni in piazzaSulle teorie del valore »

Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra (Riflessione sul convegno di Centocelle del 6/4/2009)

Post n°132 pubblicato il 05 Aprile 2009 da socialismoesinistra

 

Il Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra segnala a tutti i visitatori del Blog il convegno del 6/4/2009 organizzato dai compagni di Centocelle nella sede di piazza dei Gerani n. 38 sul tema dei rapporti tra la Massoneria, la Chiesa e lo Stato.

I socialisti di Centocelle, diretti dal compagno Frusone della segreteria della federazione di Roma, hanno scelto con coraggio di affrontare in un dibattito pubblico un tema su cui abitualmente tutti preferiscono discettare in privato, evitando di interpretarlo nel suo reale significato politico e trattarlo di conseguenza come una delle questioni fondamentali dello sviluppo distorto ed incompiuto della nostra Democrazia Repubblicana,nata come si diceva un tempo dalla Resistenza ,e fondata sul lavoro come recita la Costituzione.

Il tema di discussione scelto dai compagni di Centocelle  è particolarmente sentito, in termini palesemente critici, da chi scrive questa nota sul convegno, per la sua formazione politica e culturale .

Chi scrive non ha alcuna remora a definirsi un Socialista di ispirazione marxista , per ciò che attiene la sua concezione dei rapporti sociali ed economici,  intellettualmente intriso del rapporto con una giovanile formazione cattolica fortissima, mai rinnegata, che probabilmente costituisce la vera ragione sul terreno etico del suo pervicace voler restare a Sinistra.

Come quasi tutti i giovani borghesi destinati ad un impegno professionale, ha più volte nella sua vita avuto modo di frequentare, fin dalla propria gioventù, aderenti alla massoneria, ed ha sempre ritenuto di non dover aderire  a questa istituzione, proprio in ragione della propria differente visione delle cose.

Una impostazione culturale del genere lo rende sicuramente il meno adatto a ragionare sulla influenza più o meno occulta che la Massoneria o la Chiesa su versanti culturalmente opposti  esercitano sullo Stato e la politica italiana, o ad esprimere una  valutazione politica di tale influenza.

Indubbiamente il ruolo preponderante esercitato storicamente dalla Chiesa Cattolica in Italia ha costretto la Massoneria ad un ruolo di minorità , con l'eccezione del periodo storico del primo stato unitario prefascista (1861-1922), ed ha consolidato quella pratica di segretezza e trasversalità occulta nella propria attività, che non avrebbe avuto più senso nel quadro Costituzionale.

Altrettanto indubbiamente  il mantenimento di questa pratica ha di fatto  costituituito uno dei principali motivi di debolezza dello Stato Repubblicano,  essendo affidata la formazione di parte non secondaria delle proprie classi dirigenti ad una struttura “istituzionale” parallela alle istituzioni pubbliche, che spesso ha anche gestito interessi fuori dalle regole, consolidando in tal modo sul versante laico una distorsione di segno analogo , seppure opposta negli intenti, a quanto avvenuto con l'influenza ecclesiale nella vita dello Stato e della sua amministrazione.

Allo stesso tempo la guerra fredda e lo scontro di sistema vissuto per più di 40 anni con il Socialismo reale ha portato la Massoneria a divenire uno dei capisaldi strategici dell'Occidente capitalista, ed a ricoprire ruoli rilevanti nei “sistemi” di contrasto, non solo culturale, nei confronti della minaccia comunista.

E' però necessario cominciare ora a fissare alcuni punti nel dibattito su questi temi in quanto la crisi di sistema che stiamo attraversando, analizzata dal Forum di SocialismoeSinistra nei suoi termini reali nel convegno di Roma del 5/2/2009, potrebbe mettere in discussione la stessa sostanza dei rapporti democratici, se le classi dirigenti dovessero perseguire un tentativo di uscità dalla crisi riproducendo un modello di sistema fondato sugli stessi caratteri che hanno generato la crisi, a cominciare dalla compressione dei redditi reali derivanti dal lavoro dipendente, e dall'allargamento dei processi di precarizzazione del lavoro non funzionali a ristrutturazioni fondate esclusivamente su innovazione ricerca e formazione, e non coperte da politiche di sicurezza sociale diffusa ed adeguata.

Il rischio di una deriva del genere si profila nel momento in cui  purtroppo la drammatica debolezza   della capacità critica Sinistra consente che le opzioni sui modi di uscita dalla crisi rimangano oggetto di un  esclusivo dibattito tutto interno a quelle classi dirigenti economiche e finanziarie responsabili del disastro, in seno alle quali tradizionalmente la Massoneria, non solo italiana, esercita una influenza culturale rilevantissima, tutt'altro che occulta o misteriosa.

Questo rischio di delegare ai responsabili della crisi lo studio delle possibili soluzioni di uscita, che esclude a priori l'adozione dell' unica risposta logica costituita dall'avvio di un nuovo modello economico di sviluppo delle società sviluppate dell'occidente, è aggravato contemporaneamente dal comportamento sociale assunto dall'altro grande potere extraparlamentare che influenza la società italiana, la Chiesa Cattolica,  la quale, riducendo il suo tradizionale ruolo di orientamento  della coscienza sociale alle sole questioni della morale sessuale e della bioetica, ha ormai messo in secondo ordine quell'approccio critico agli assetti economici e sociali esistenti che nella storia della democrazia repubblicana ha costantemente  rappresentato un fortissimo ostacolo, da un versante diverso e spesso opposto all'’anticapitalismo marxista, alla piena affermazione di un'autentica egemonia dell'“individualismo borghese nella società italiana.

La Massoneria, infatti, pur con tutti i suoi innegabili grandi meriti storici sul terreno del consolidamento della democrazia liberale e del superamento del confessionalismo cattolico nelle società europea, ottenuti rappresentando nei secoli, a partire dall'Inghilterra, il grande riferimento sotterraneo della affermazione culturale e politica della borghesia come classe dirigente delle società occidentali , ha indubbiamente assunto negli ultimi 20 anni, dopo la fine dell'Urss, un ruolo determinante nella costruzione di quella egemonia liberista, tecnocratica, e neo conservatrice che ha governato i processi sociali ed economici responsabili  della crisi che stiamo attraversando, contribuendo in questa fase dello sviluppo ad omologare in forma  assolutamente stringente il pensiero sociale.

In questa fase storica la Massoneria ha pertanto, di fatto, abdicato ad una funzione evolutiva dei diritti sociali e civili, come orgogliosamente e giustamente rivendicava a sé nel Settecento e nell'Ottocento durante la sua lotta contro” l'ancien regime, divenendo strettamente funzionale al processo di finanziarizzazione della economia mondiale.

Non esiste , quindi, alcuna garanzia allo stato attuale che ragionare attorno ad una uscita dalla crisi mantenendo lo stesso modello di sviluppo, come avviene nel dibattito prevalente in questi ambienti, non possa implicare una involuzione sostanziale della democrazia, come del resto prefigurato nei vecchi programmi della loggia P2.

Appare poi assolutamente inquietante che la Chiesa Cattolica, l'antica “nemica” della Massoneria, non abbia più nulla da dire di significativo sul piano politico, in merito alle questioni specifiche implicate da un dibattito di tale rilevanza per il destino futuro delle società occidentali, quasi che il buon cristiano non sia anch'esso “homo economicus", per di più tenuto, in virtù del suo impegno etico di vita, a dover esprimere un giudizio di valore sulla realtà economica e sociale che lo circonda e che concerne inevitabilmente il vivere sociale degli individui.

Queste considerazioni generali sulla affermazione di un ruolo strettamente ideologico e politico della Massoneria, e della rilevanza decisionale da questo assunto nelle società sviluppate in parallelo all'esaurimento della “Critica Sociale”Cattolica ed alla crisi  di analisi e di proposta della Sinistra, del resto chiaramente e pubblicamente  rivendicato in tutti i paesi di democrazia anglosassone, in cui molto più correttamente la Massoneria svolge pubblicamente il proprio ruolo di orientamento ideale, implicano necessariamente che il dibattito sulla sua  attuale concezione dei rapporti economici e sociali, che rappresenta il vero punto critico del rapporto tra Sinistra e Massoneria, e tra Massoneria e Democrazia, debba divenire materia di pubblico dominio, abbandonando ogni forma di influenza nascosta,  trasversale, e dissimulata sulle classi politiche, che possa sfuggire di per sé ad ogni possibile vaglio critico da parte dei cittadini, dei lavoratori, e di tutta la comune pubblica opinione.

La pubblicità di un dibattito su questi temi costringerebbe finalmente una Associazione, che ama definirsi Istituzione, che esercita una tale incidenza sulle scelte delle classi dirigenti, ad assumersi pienamente e pubblicamente nel dibattito democratico la responsabilità politica del proprio orientamento ideale , nè più e nè meno come la sua antica “nemica” la Chiesa Cattolica, o ogni altra associazione che sulla base del proprio pensiero voglia orientare la società civile, le sue classi politiche,  o più semplicemente i cittadini, uniformandosi in tal modo pienamente al principio della pubblicità delle associazioni  affermato dalla Costituzione Italiana, a cui  peraltro essa stessa doverosamente si attiene in paesi di ben maggiore e consolidata tradizione democratica, come l'Inghilterra o gli Stati Uniti d'America.

Una maturazione di tale portata del ruolo della Massoneria nella società italiana costituirebbe un tassello non secondario, di portata specularmente quasi identica a quello altrettanto necessario di una compiuta riaffermazione della laicità dello Stato, nello sviluppo di  quell'indispensabile processo di consolidamento dello Stato, che la Sinistra Italiana nel suo insieme, Socialista , Cattolica o Comunista,  ha per troppi anni trascurato di porre al primo posto dell'agenda politica del paese, con grave danno alle sue stesse possibilità di governo dei processi sociali ed economici.

Deve comunque essere compito primario di una Sinistra rinvigorita nella analisi, nei programmi, e nella sua capacità di ricostruire consenso ed alleanze sociali,  contrastare nel merito questa visione  assoluta ed autoritaria dei rapporti economici che pretende di risolvere in sè ogni questione sociale o morale, affermando al contrario una propria alternativa visione della società che ritiene di dover anteporre  la risoluzione delle questioni sociali  alle esigenze del mercato, dell'impresa, o degli interessi finanziari, attraverso la riaffermazione del ruolo della politica decisa nei luoghi ove costituzionalmente si esercita  la sovranità popolare,  come momento centrale ed insostituibile di una concezione della Democrazia e dello Stato fondata sulla rappresentanza.

 

Franco Bartolomei 

Direzione Nazionale del Partito Socialista

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra