Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Il documento di Socialis...La settimana di Leonardo... »

Mysterium Liberationis ( la Teologia della Liberazione )

Post n°143 pubblicato il 17 Aprile 2009 da socialismoesinistra

.

La Teologia della Liberazione cominciò il suo cammino intorno alla fine degli anni sessanta, sull’onda dei movimenti libertari di quel periodo così straordinario e travagliato.

L’atto di nascita lo si può far risalire a quando, durante il Consiglio Episcopale latinoamericano, svoltosi a Medellin nel 1968, in Colombia, i rappresentanti decisero di impegnarsi e prendere posizione a favore dei gruppi più diseredati della società latino americana, con lo scopo di realizzare, attraverso delle comunità di base, una Chiesa popolare e socialmente attiva.

La denominazione ufficiale arrivò in seguito alla pubblicazione del teologo Gustavo Gutiérrez di: Teologia della liberazione (1971)

Negli anni seguenti, anche a causa dell’inasprirsi delle varie dittature che imperversarono in America Latina, il messaggio della Teologia della Liberazione, con l’apporto di altri sacerdoti e teologi come: Boff, Ellacuria, Sobrino, Helder Camara, Frei Betto e vari altri,  divenne una grande speranza di riscatto per tutti i popoli oppressi da condizioni di ingiustizia e di miseria.

In particolare, in seguito al congresso teologico tenutosi in Messico nel 1975, il teologo brasiliano Leonardo Boff, scrisse un libro decisivo:  "Teologia della cattività e della liberazione", in cui mise in risalto la differenza profonda tra un modo di fare teologia che, di fatto sostiene il perdurare di forme di disuguaglianza e di sfruttamento, perché non incide in profondità, affrontando alla radice le tematiche che affliggono quelle popolazioni che anelano, come Mosè dall’Egitto ad una profonda emancipazione e liberazione dalle loro condizioni di sudditanza e di emarginazione, e quella teologia che invece costituisce il viatico della loro liberazione, spirituale e sociale. Boff infatti non ritiene che tra spiritualità, vita ed impegno per l’emancipazione della dignità del singolo e della comunità in cui egli vive, ci possa essere alcuna separazione.

I principi di base della teologia della liberazione ci portano ad una visione integrale dell’essere umano che, trovandosi a vivere in una condizione di “peccato sociale”, a causa della disuguaglianza sociale ed economica che gli viene imposta dal sistema capitalistico e neoliberista, anela ad una sua completa emancipazione e liberazione, in nome di un nuovo paradigma fondato sull’accoglienza, la convivenza, la compartecipazione e la condivisione delle risorse naturali e produttive del contesto in cui vive.

La summa del pensiero teologico della liberazione elaborato in America Latina è esposta in un grosso volume dal titolo Mysterium Liberationis che contraddice tutte quelle teorie falsate e quegli attacchi immotivati, rivolti a questo straordinario campo della filosofia e della teologia, accusato da varie parti, di essere troppo colluso con l’ideologia marxista.

Nel volume citato si affronta la storia, la metodologia e la specificità della teologia della liberazione, il rapporto con la filosofia di Marx, precisando che “i teologi della liberazione hanno potuto assumere del marxismo solo quegli elementi che non sono incompatibili con la loro fede”. Vengono affrontate questioni relative all’antropologia, all’inculturazione, allo spirito della liberazione e alla prassi della liberazione, in particolare affrontando temi come la pace, la giustizia e la convivenza dei popoli, in una nuova dimensione politica, etica e teologica.

La chiave dell’emancipazione umana, in tale prospettiva, non può che essere identificata nell’affermazione di una democrazia partecipativa, di cui sono emblema costruttivo le comunità di base, per un nuovo modello di homo sapiens: quello che accoglie, partecipa e condivide il destino dei suoi simili e quello della natura, contrapponendosi all’homo demens, che usa come metro esclusivo di autoaffermazione, la mentalità speculativa basata sull’accumulazione di profitto e sulla riduzione dei suoi simili e delle risorse naturali a merce di scambio.

Purtroppo il cammino della Teologia della Liberazione è stato ostacolato da forti spinte in senso conservatore, provenienti dalle gerarchie vaticane e che hanno portato all’emarginazione, alla riduzione al silenzio e in certi casi persino alla scomunica, dei suoi maggiori rappresentanti. Ricordiamo il caso Boff, prima costretto al silenzio e poi allo stato laicale, dopo la pubblicazione del corrosivo libro: “Chiesa Carisma e Potere”, o quello del teologo cingalese Tissa Balasuriya, scomunicato dopo la pubblicazione del libro “Mary and human liberation” (mai pubblicato in Italia e in italiano), ma in seguito riabilitato solo per aver tenuto fermo il proposito a lui imposto di non ribadire più le sue tesi.

Artefice di queste condanne fu l’attuale pontefice, allora in veste di cardinale, custode dell’ortodossia cattolica.

Alcuni di questi teologi pagarono con la vita la loro scelta e il loro impegno di schierarsi a fianco degli ultimi, a causa della repressione messa ferocemente in atto nei loro confronti dai regimi militari sudamericani. Ricordiamo il caso di Romero, il vescovo assassinato nel Salvador nel 1980, mentre celebrava la messa, oppure quello di Egnacio Ellacuria, il filosofo teologo ucciso a colpi di machete nel 1989.

Oggi, grazie soprattutto al contributo di Leonardo Boff e dei suoi numerosi libri come: "Ecologia, mondialità, mistica", o l'ultimo: "Spiritualità per un altro mondo possibile" la Teologia della Liberazione ha sviluppato un filone nuovo, scoprendo lo stretto legame cosmico e mistico di necessaria interdipendenza tra solidarietà che gli esseri umani sono chiamati ad avere tra loro con quella che devono avere verso la natura, decidendo la loro sorte nell'aut aut tra homo sapiens e homo demens

Tale prospettiva nasce infatti da un’urgenza, quella che il mondo non vada sempre più verso l’autodistruzione a causa della mancanza di etica, di impegno, di corresponsabilità collettiva, di solidarietà e di compassione.

La globalizzazione, infatti, impone l’imperativo categorico di una coscienza emancipata in senso globale e cosmico, in nome di tre virtù fondamentali che ci rimandano al mistero trinitario. L’accoglienza, come il Padre che accoglie tutti, senza distinzioni a partire dal figliol prodigo che si redime, la fratellanza come Gesù che ci invita ad essere fratelli e ad amarci come lui ha amato ciascuno di noi, e la convivialità, principio che rimanda allo Spirito il quale unisce il Padre al Figlio e che propizia convivialmente, attraverso la reciprocità, il rinnovamento di quell’umanità che altrimenti minaccia di autodistruggersi a causa delle sue divisioni su scala nazionale, economica, sociale, etnica, religiosa e culturale.

Purtroppo la Chiesa gerarchica e l’attuale pontefice in particolare, ancora stentano a riconoscere la necessità e la novità di questa dimensione teologica e mistica, e non solo non riescono a farla propria, ma continuano ad ostacolarla visibilmente, come è accaduto di recente, il 13 ottobre 2006 con la condanna delle tesi di uno dei massimi esponenti della Teologia della Liberazione: Sobrino, definite tuttora "erronee e pericolose", nonostante abbiano avuto larga diffusione ed accoglienza in tutto il mondo e suscitino grandi speranze ed aneliti di libertà presso le popolazioni più povere ed emarginate, non solo del continente latino americano, ma di tutto un mondo in cui la sproporzione tra ricchi e poveri tende ad aumentare visibilmente.

L’ultimo capitolo di questa affascinante avventura spirituale non è stato però ancora scritto e, come lo Spirito Santo, non sappiamo ancora né da dove verrà, né dove ci porterà.

Accogliamo con grande entusiasmo la partecipazione nel nostro blog, di uno dei più grandi teologi della liberazione viventi oggi nel mondo: Leonardo Boff che ci consente di pubblicare anche qui i suoi preziosi interventi, che vi offriremo in lettura periodicamente, come una sorta di breviario meditativo dei nostri tempi.

Iniziamo a pubblicarli in lingua spagnola, forse meglio comprensibile per noi del portoghese, in cui vengono originariamente scritti, sperando in futuro anche di poterveli offrire in traduzione, appena ne avremo la possibilità

Carlo Felici.


 


Crisis y ejemplos-semilla

Alguien comprometido con el pensamiento originario y que se preocupa del destino de la humanidad y de nuestra Casa Común debe tener la valentía de decir: para que salgamos de la crisis no sirven solamente los controles y regulaciones de los capitales financieros y de los mercados, como quiere la tendencia dominante. Son panaceas que no afectan a la raíz del caos actual. Quieren ahorrarse cambios radicales que, si se hiciesen, nos librarían de una tragedia global. Prefieren alimentar y vender las ilusiones de que dentro de poco tiempo todo va volver a la normalidad. Pero no va a ser tal como quieren.

El hecho es que el sistema y la cultura del capital ya no sirven para explicar la marcha de la vida social de la humanidad. Las muchas crisis son expresiones de una única crisis: la crisis espiritual.
No hay que identificar lo espiritual con las religiones y las Iglesias. Al contrario, a partir de lo espiritual debemos criticarlas a ellas, especialmente a la Iglesia Católica, que bajo el actual Papa vive una aterradora crisis espiritual. Basta considerar la falta de compasión que el Papa demostró en su reciente viaje a África a propósito del sida, que en algunos países es verdaderamente devastador.

Cuando hablo de espiritualidad pienso en un nuevo sentido de ser, en un nuevo sueño colectivo, entretejido de valores infinitos como la cooperación, la solidaridad, el respeto a cada ser, el cuidado de toda la vida, la armonía con naturaleza, el amor a la Madre Tierra y la pluralidad de expresiones de lo Sagrado.

Una sociedad y una economía sólo serán sostenibles si sus líderes y sus ciudadanos se mueven por valores y principios que respondan a los desafíos de la crisis, importando poco las dificultades exigidas. Se asumen con coraje porque es una exigencia de este momento histórico y no por intereses de los filisteos de Wall Street que nos engañaron. Estos toleran, con resistencias, controles siempre que no perjudiquen la dinámica del libre mercado ni la lógica de la acumulación. Quieren lo mismo sólo que más seguro.

Los valores nuevos y los ejemplos-semilla son los que verdaderamente convencen. Cito el ejemplo de un empresario japonés, Yazaki, narrado por la física cuántica Danah Zohar, en un precioso libro que aconsejaría leer a los empresarios: Inteligencia Espiritual (Plaza&Janés 2002).

Yazaki heredó una pequeña empresa de entrega directa. Se expandió por todo el mundo. Consiguió todo lo que quería: éxito, riqueza, respeto de la comunidad y una familia unida. Pero sentía que le faltaba algo. Le corroía un gran vacío interior. Le sugirieron que frecuentase un monasterio zen. Pasó allí una semana en meditación con un respetado maestro. Se encontró con su yo profundo y la conexión que éste mantiene con todo. Se dio cuenta de que los bienes materiales eran ilusorios porque no lo llenaban, solamente le daban satisfacción material.

Salió del monasterio con otra mirada. Comenzó a percibir la belleza de un cerezo en flor y la sencillez de un caqui maduro. En su autobiografía escribió: «Los seres humanos han separado el yo del mundo, la naturaleza de la humanidad y el yo personal de los otros yos. Por eso han caído en la trampa de las ilusiones en el esfuerzo de llenar el yo vacío. Y se han convertido en víctimas fatales de un aterrador escenario de autoengaño, de hipocresía y de fariseísmo».

La experiencia espiritual no lo llevó a abandonar el negocio. Le dio otro sentido. Cambió el nombre de la empresa por el de «Felicísimo», derivado del «feliz» de las lenguas latinas. La acumulación debía destinarse a aumentar la felicidad humana, de él y de los otros. Estuvo en Río-92 para enterarse de los problemas ambientales. Destinó gran parte de su fortuna a fundaciones que cuidan de la educación y del ambiente. Termina su libro diciendo: «servir a ese nivel es servir a Dios». Con él se supera la crisis y la humanidad da un pequeño salto en dirección a aquello que debe ser.

Leonardo Boff

Professore di teologia sistematica ed ecumenica a Petropolis . Professore di etica e filosofia della religione a Rio de Janeiro.

 

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra