Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Scuotere presto la polve...NO AL POUJADISMO DELLA LEGA »

Socialisti, l'anello debole ma inestimabile della sinistra italiana

Post n°238 pubblicato il 18 Luglio 2009 da socialismoesinistra




E’ sotto gli occhi di tutti il passaggio cruciale che in questi giorni si trova di fronte ai Socialisti italiani e che li vede disorientati e però estremamente determinati e combattivi, per ribadire, da parte di ciascuno, la propria ragione e la volontà di esserci ancora.
Sembra a volte però tutto questo un affannarsi di chi, preso dal gorgo della corrente, annaspa e grida senza essere in grado di uscirne con slancio, e forza tale da riportarlo a nuotare verso più ameni e rassicuranti lidi.
Sono questi quei momenti in cui, cari compagni, la disperazione si affaccia alla mente con quella subdola tendenza alla rassegnazione che spesso rappresenta il tarlo più pericoloso della nostra coscienza.
Però momenti come questi possono essere anche una vera e propria benedizione, perché ci stimolano a dare il meglio di noi stessi, a trovare l’energia ed il coraggio dello slancio, del colpo di reni che fa spesso emergere l’inaspettato, una soluzione originale che, altrimenti, non avremmo mai creduto di poter trovare.
Oggi i Socialisti, per i più, sembrano essere una sorta di anello debole, nell’ambito della Sinistra italiana, perché continuamente scissi, preda dei loro distinguo, delle loro interminabili convulsioni interne, dei loro immancabili appelli identitari. Non senza le loro ragioni, essi tuttavia rischiano di affondare nel gorgo della storia, gridando di volerci essere, fino all’ultima disperata boccata d’aria.
Eppure la loro identità e il loro ruolo, non solo per quel che sono, ma soprattutto per quel che sono sempre stati, nella lunga storia della cultura e della politica che li ha generati e fatti crescere, restano fondamentali ed inestimabili per garantire una vera alternativa sociale, politica, democratica ed economica ad un Paese che sta perdendo, anche con i tragici tagli alla cultura, alla ricerca e all’educazione, (mai messi in atto con tanta insistenza e spregiudicatezza nemmeno in anni di nefaste dittature) la sua stessa identità, la natura profonda del suo essere e consistere.
Non si può dunque tergiversare, e le tentazioni di sostenere qualcosa che si immagina possa essere socialista dall’altra parte della barricata, dove avviene con spregiudicato cinismo tutto questo, vanno spente decisamente sul nascere.
Noi Socialisti non siamo pataccari per tutte le stagioni, non siamo baciapile del neoclericalismo avanzante, e non siamo nemmeno quelli che discriminano e penalizzano i servitori fedeli dello Stato, per cui, se qualcuno è tentato, per qualche imperscrutabile ragione, di sostenere quello che non ci compete e non ci appartiene, che lo faccia, ma fuori dal nostro ambito e possibilmente senza tornarci, per il semplice fatto che sarebbe inutile e dannoso, per se stesso e per i suoi compagni.
Sappiamo che Sinistra e Libertà ha la possibilità di crescere nei consensi se consoliderà il suo assetto e si presenterà come soggetto politico unitario, sappiamo però che senza quell’ambito importante della cultura laica e progressista, rappresentato dal mondo dei radicali, difficilmente riuscirà a rappresentare l’intera galassia della sinistra riformista, libertaria, laburista e pienamente laica che dobbiamo e vogliamo riportare in Parlamento.
Ebbene i Socialisti possono e devono, da anello debole, diventare catena forte, grande cinghia di trasmissione, tra l'ambito dell'area radicale e progressista e il mondo del lavoro, con coloro che hanno seguito Vendola nell’arduo passaggio verso qualcosa che non fosse ancora e sempre la culla originaria del comunismo, riprodotto in salsa no-global, verso la speranza di una Sinistra matura ed avanzata che, come Vendola sta ampiamente dimostrando di fare, sa affrontare e risolvere i problemi fondamentali della gente e del territorio, specialmente in condizioni critiche di mancanza cronica di fondi e risorse, e per questo conquistando larghi consensi. Ma senza trascurare i nodi essenziali del welfare, la metà della legge Biagi tuttora inapplicata, con una condanna per i giovani a non avere ammortizzatori sociali, né posto fisso di lavoro e nemmeno una pensione decente in prospettiva.
Alcuni continuano a rimarcare la presenza di una certa cultura marxista nell’ambito di Sinistra e Libertà quasi che fosse un ostacolo insormontabile alla conquista di una piena credibilità politica e di un ruolo determinante nel governo del Paese, trascurando che non pochi padri fondatori di questo Paese e vari suoi protagonisti, nel passato remoto o recente, non hanno mai sconfessato la cultura marxista.
Persino un grande personaggio come Calogero che può essere inserito senza tema di smentita, tra i fondatori della cultura radicalsocialista, o liberalsocialista, scrive con molta chiarezza nel suo manifesto:
“Una delle prime mete di tali riforme sociali dev'essere il raggiungimento della massima proporzionalità possibile tra il lavoro che si compie e il bene economico di cui si dispone. Questa non è che una prima tappa sulla via del Socialismo (ed è già superata, tutte le volte che con la ricchezza comune si soccorrono i deboli e gl'infermi, incapaci di lavorare). Comunque, è quella che si deve intanto cercar di percorrere. Di qui la fondamentale istanza anticapitalistica, che il liberalsocialismo fa propria: bisogna portare sempre più oltre la battaglia contro il godimento sedentario dell'accumulato e dell'ereditato.
I mezzi tecnici e giuridici atti a realizzare progressivamente questo intento dovranno essere commisurati, caso per caso, alle possibilità della situazione. Quanto più i contadini, gli operai, i tecnici, i dirigenti saranno capaci di agire come imprenditori e amministratori, tanto meno dovrà esistere la figura del proprietario puro. Quanto più si svilupperà lo spirito della solidarietà e dell'uguaglianza, tanto più sarà possibile ravvicinare le distanze fra i compensi delle varie forme di lavoro, senza inaridire il gusto dell'operosità e l'iniziativa creatrice. Di qui la fondamentale importanza dell'educazione delle persone, e quindi, tra l'altro, del problema della scuola.”
Quindi non scandalizzatevi se i più accorti di noi parlano di “superamento del capitalismo”, di andare oltre la sua crisi strutturale, perché facendo ciò, non rispolveriamo affatto le vecchie litanie del veteromarxismo ideologico e fine a se stesso, ma riscopriamo e mettiamo di fronte alle necessità di un contingente privo di soluzioni e di veri orientamenti, i veri fondamenti della cultura liberalsocialista.
Ricordiamocelo, compagni, e se lo ricordino anche i radicali che negli ultimi tempi sono stati costantemente tentati di avallare politiche neoliberiste senza tenere in alcun conto i fondamenti di quella che è anche la loro cultura, le parole dei loro stessi padri fondatori.
Non ci sarà, cari compagni alcuna speranza e alcuna alternativa se i socialisti e la cultura socialista, verranno relegati in soffitta, nel passato polveroso della storia del Novecento, con l’illusione nemmeno tanto hegeliana che la storia proceda sempre verso il meglio, verso il suo autoperfezionamento, perché se noi peggioriamo, la storia peggiora con noi, inevitabilmente e inesorabilmente, e non c’è modo peggiore di andare incontro all’involuzione che quello di dimenticare la propria identità e le proprie radici.
Noi non siamo destinati a garantire i fragili equilibri locali delle varie amministrazioni di un territorio italiano che, specialmente nel Meridione, va sprofondando verso l’inciviltà e la lontananza remota dall’Europa vera e progredita.
Noi siamo e sempre saremo il lievito della Sinistra italiana, quello solo che con la sua cultura, la sua tradizione e i suoi ideali, può farla crescere e renderla più credibile.
Noi dobbiamo garantire l’unità del mondo della Sinistra e per questo non possiamo e non dobbiamo dividerci tra sostenitori della Rosa nel Pugno e sostenitori di Sinistra e Libertà, perché se facciamo questo, non torneremo mai ad essere protagonisti, ma ci autocondanneremo ad un ruolo permanente e marginale di portatori d’acqua stagnante, di vassalli, valvassini o valvassori.
Noi dobbiamo essere ciò che, in prospettiva, unisce la Rosa nel Pugno con Sinistra e Libertà, con pazienza, facendo maturare i tempi con noi stessi, ma anche con determinazione, perché i tempi incalzano, passano inesorabilmente, e con essi aumentano i problemi della gente, oltre che i nostri.
Una grande catena di trasmissione è indispensabile e urgente, per costruire un grande partito Laburista, il cui nome forse è ancora da definire, il cui ruolo non si sa ancora quale sarà, ma che sappiamo che deve esserci, come imperativo categorico ed assoluto della coscienza di tutti noi che ancora crediamo che un rinnovamento, una vera alternativa, in Italia, è possibile per tutti e specialmente per noi che non ci rassegniamo alla pletora del contingente.
Lavoriamo per unire e non per dividere, ricordando bene da dove veniamo e dove vogliamo andare, così saremo tanti, forti e capaci di fare la vera differenza.
Ricordiamo ancora Calogero, quando scrive: “Il miglior liberalismo si è già distinto dal liberismo: quello di cui ancora deve spogliarsi, è l'indifferenza per l'economia altrui.”
Quell’indifferenza che purtroppo ancora sotto i nostri occhi genera ed amplia diseguaglianze ed ingiustizie.
Sappiamo esserne argine, sappiamo contrastarla concretamente ed efficacemente, ora e sempre, uniti.

C.F.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra