Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Le tre fasi del socialismoIL PRIMO SCOGLIO »

I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti

Post n°246 pubblicato il 27 Luglio 2009 da socialismoesinistra




La crisi economica in atto non è esclusivamente finanziaria, né le sue  cause sono limitate all'area statunitense da cui si è propagata.

La crisi del modello attuale dei rapporti economici e finanziari  è comune a tutto il mondo globalizzato, ed in particolare colpisce le economie dei paesi dell’ occidente sviluppato

Il fenomeno statunitense, che le forze liberiste vorrebbero confinare in un accidente che non mina la validità del modello liberista, è stato solo la manifestazione, inizialmente più appariscente ,di una rottura degli equilibri causata dalla degenerazione finanziaria dei volani della crescita economica  mondiale, che rappresenta la vera causa della crisi.

In tal senso, il fenomeno statunitense per ragioni specifiche: avere la moneta di riferimento degli scambi mondiali, essere oggetto dei reinvestimenti finanziari dei paesi esportatori negli Usa, avere il deficit pubblico non sottoposto a nessun vincolo di natura sovranazionale, ha esasperato più di altri l'aspetto finanziario del moderno modello della crescita delle economie più sviluppate  generando, anche grazie a sviluppo di modelli econometrici non sperimentati, un volume impressionante di titoli a rischio reale di insolvenza  (11 volte il PIL mondiale).

La necessità di evitare un default generalizzato del Sistema ha così costretto la nuova amministrazione  USA ad un intervento di salvataggio, senza precedenti,  del sistema bancario e finanziario, realizzato dalla Federal Riserve scaricando sul deficit pubblico tutti i rischi di insolvenza esistenti o latenti nel circuito.

Ma il processo degenerativo di partenza su cui si è innestato questo bubbone è stata la contraddizione, di categoria marxiana, propria di tutte le economie più sviluppate degli ultimi 15 anni tra volume desiderato di domanda aggregata, che si vorrebbe far crescere indefinitivamente, e insufficiente massa di redditi (in particolare salariale) che concorrono a sostenere questa domanda aggregata. Contraddizione che il modello di sviluppo economico mondiale affermatosi nell'ultimo ventennio ha allargato a dismisura.attraverso un processo tendenziale di trasferimento di ricchezza verso le classi detentrici dei poteri d’impresa e/o capitale finanziario. a sua volta utilizzato per garantire la redditività dell’investimento finanziario.

Questo modello di sviluppo è stato follemente alimentato illudendo le società più sviluppate che la soddisfazione dei bisogni collettivi potesse essere assorbita con la rendita finanziaria diffusa, con la facilitazione del credito al consumo e l'indebitamento di massa, e non con una adeguata e progressiva crescita dei redditi da lavoro dipendente, e una crescita del valore aggiunto generato dalla produzione reale di beni e servizi.

Un corretto processo di crescita avrebbe invece dovuto essere perseguito attraverso un reimpiego dei profitti in innovazione,  ricerca, investimento produttivo, e sostegno fiscale ad una spesa sociale impiegata a copertura delle necessità derivanti da ristrutturazioni del mercato del lavoro, che reclamate originariamente per esigenze di competitività e produttività si sono al contrario progressivamente ridotte a momenti, quasi esclusivi, di trasferimento di ricchezza dai salari a redditi non più reinvestiti nel tessuto produttivo.

In sintesi i salari, ed anche il valore aggiunto di impresa, non sono allo stato più sufficienti complessivamente a consumare ciò che si produce, ed in tal senso la crisi in atto è una crisi di domanda a cui si dovrebbe rispondere essenzialmente  incrementando i fattori costituenti la domanda aggregata: consumi, spesa sociale ed esportazioni.

Pertanto se la crisi non è finanziaria, ma rappresenta la conclusione ultima  di un modello di sviluppo basato sull'indebolimento dei sindacati, sull'appropriazione dei frutti della produttività da parte dei profitti e delle rendite, sullo spostamento da salari a profitti di punti di PIL,  e sulla finanziarizzazione della economia come  mezzo di sostegno strutturale della domanda nei paesi sviluppati minacciati dai nuovi produttori emergenti, la fine di questo tipo di modello capitalistico, e l'inizio di una nuova fase delle economie mondiali, fa risorgere la necessità di affermare le tematiche che costituiscono da sempre il cuore dell'esperienza storica e politica del socialismo europeo.

Torna quindi  di attualità un modello che diffidando della mano invisibile del mercato, crede nel primato della ragione (leggasi programmazione economica), della solidarietà (leggasi welfare state), e della governabilità (leggasi riformismo), e nell'equilibrio sociale come valore assoluto e costante di riferimento della azione dei governi.

 La sinistra socialdemocratica europea,compreso il nostro Ulivo, ha purtroppo subito passivamente, in questa fase storica, il ricatto delle classi dirigenti che hanno imputato alle tradizionali politiche socialdemocratiche (Leva fiscale, politica dei redditi, Welfare, Deficit spending, rigidità e garanzie per il mercato del lavoro) il rischio di una impossibilità del sistema produttivo europeo di reggere la continuità della crescita economica rispetto ai fattori di concorrenza provenienti dai nuovi paesi produttori mondiali.

L’ incapacita’ di reagire sul terreno dei programmi a questa offensiva ha portato le forze del Socialismo Europeo a considerare ineluttabile,  e priva di alternative, la svolta liberista e l'abdicazione ad ogni forma di controllo dei processi economici da parte dei governi in favore di una tecnocrazia finanziaria e bancaria, principale responsabile del disastro in atto.


Tale amara considerazione non oscura in ogni caso la considerazione che il Socialismo europeo, pur con la sua difficoltà a ragionare compiutamente attorno ad un nuovo modello di sviluppo economico e sociale  che giunga a ridefinire gli stessi criteri di riferimento e di qualificazione della crescita economica di una società sviluppata, rappresenta pur sempre  la forza politica decisiva per la ricostruzione di un nuovo progetto di riforma economica e sociale delle società occidentali, a patto di recuperare una concezione del riformismo socialista più attenta ad intervenire sugli assetti strutturali della società, ed a non risolvere i suoi compiti e la sua funzione storica nella sola cura dei sintomi delle crisi e delle contraddizioni del sistema.

Su  tale  riflessione di fondo si deve innestare un  progetto del Partito Socialista     finalizzato alla costruzione di un nuovo soggetto politico unitario tra le forze politiche (essenzialmente il Partito Socialista, Sinistra Democratica, ed i compagni usciti con Vendola e Sansonetti da Rifondazione) che hanno già realizzato con successo l’esperienza elettorale di SINISTRA E LIBERTA’.

 Forze politiche che pur provenendo da storie diverse si trovano oggi a convergere sulla necessità di ricostruire una nuova forza unitaria ., che ,dal riferimento ai valori fondanti di una visione Democratica  del Socialismo , sappia e voglia trarre una maggiore capacità di interpretazione dei processi economici ed una nuova volontà di rappresentanza democratica della società reale, necessarie a compiere un lavoro di proposta e di programma in grado di riconnettere i fili spezzati di una iniziativa unitaria della sinistra italiana.

Sarebbe quindi necessaria fin da Settembre una convocazione degli Stati Generali  dei quadri di base ed intermedi di tutta le forze interessate a trasformare l’esperienza elettorale di SeL in una nuova forza politica unitaria che divenga  il momento fondativo di un vero processo costituente..

In quella sede potremo delineare in modo condiviso i caratteri , i programmi, ed i valori di riferimento del nuovo soggetto, convinti come siamo che Sinistra e Liberta’ avra’ una reale ragion d’essere  solo se sapra’ rappresentare, con vigoria e determinazione,le ragioni  di una nuova concezione del  Riformismo Socialista  in grado di rappresentare i lineamenti  di uno sviluppo sociale alternativo possibile, capace di risolvere a sinistra le cause strutturali che hanno determinato la crisi del modello di sviluppo neo-Liberista.

 Così facendo affermeremo la nostra volontà di non ridurre tale alleanza ad una difesa elettorale dei gruppi dirigenti, ma di concepire e proporre al paese questo progetto come un atto di volontà politica, espressione di un disegno ideale, condiviso e partecipato che vuole colmare un vuoto che tutti i cittadini che hanno a cuore le sorti del Socialismo e della Sinistra italiana, e con essa della Democrazia Repubblicana, non possono più permettersi di sopportare.

 

Franco Bartolomei

Direzione Nazionale PS

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra