Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Note e riflessioni su so...I caratteri della crisi... »

Le tre fasi del socialismo

Post n°245 pubblicato il 26 Luglio 2009 da socialismoesinistra

 

 

 

Sinistra e Libertà è uno sforzo serio di ritrovare nella tradizione socialista europea un progetto di sinistra per governare, o almeno proporsi di farlo, l’attuale momento storico.

           

Abbiamo avuto in passato l’azione dei socialisti che si ponevano come obiettivo un’alternativa al capitalismo, un ordinamento politico-economico-sociale altro rispetto alla realtà economica-sociale-politica esistente ispirata alle idealità solidaristiche, marxiste, libertarie della sinistra socialista. La socialdemocrazia ha creato in Europa uno Stato sociale che rimane una pietra miliare nelle democrazie moderne; è grazie alle lotte socialiste se si sono creati spazi di libertà e di opportunità mai viste su questa terra. Quel tempo, vissuto in un secolo che ha conosciuto fenomeni politici quali il fascismo ed il nazismo, il comunismo reale e due guerre mondiali è definitivamente finito. Rimangono i frutti; ad esempio in Svezia la destra pur vincitrice delle elezioni politiche persegue le politiche welfariste della socialdemocrazie non immaginandosi neppure di volerle o poterle intaccare.  L’Inghilterra di Attlee ha dedicato il tempo dei laburisti alla creazione di uno stato sociale radicato. E’ risultato concreto di questa fase storica il radicamento sociale nelle leghe, nelle cooperative, nei sindacati, in tutte quelle istituzioni economico-sociali che si ispiravano ad un mondo altro rispetto all’esistente e che costituivano strumento di lotta di classe e di emancipazione, ponendosi come fine la formazione di una classe dirigente che non fosse generata dal censo. Tempi eroici e straordinariamente fecondi, rovinati dalla scissione del ’21, proprio in corrispondenza dell’offensiva fascista.

 Questo modello di socialdemocrazia è tramontato con l’avanzare di un neo-liberismo, o, come lo chiama Luttwack un turbo-capitalismo frutto della globalizzazione e dell’avanzata egemonica incontrastata del modello individualistico.

Il crollo dell’Unione Sovietica e un ventennio di crescita ininterrotta dell’economia mondiale e capitalistica in particolare hanno fatto eclissare il modello socialista.

Solo Blair, personaggio impensabile se non fosse stato preceduto dalla signora Tatcher, ha interpretato in modo innovativo il modello socialista. Senza opporsi al capitalismo imperante ne ha favorito anzi il percorso rimovendo ostacoli ideologici o sindacali che potessero interferire con la inesorabile marcia del capitale (più finanziario che produttivo) e ha perseguito una politica di “inclusione” nel processo da parte anche dei ceti subalterni. La guide-line era dunque di non essere antagonisti o alternativi ai processi di mondializzazione finanziaria dell’economia, ma di aprire le opportunità che il processo economico offriva a tutti i ceti mediante pratiche di inclusione, fors’anche di omologazione ad un modello egemone e vincente.

Ma in tal prospettiva il modello blairiano si presentava come un modello subalterno all’egemonia capitalistica anche se la politica dell’inclusione ha ricevuto per ben tre mandati, il consenso della popolazione.

Pochi altri partiti socialisti in Europa hanno seguito questa strada prevalendo tra gli stessi un’incapacità di elaborare scenari strategici diversi sommersi invece da un’incapacità di leggere la storia e reagire di conseguenza. Anche Craxi ha interpretato il suo ruolo più che come alternativa al capitalismo come svecchiatore di uno Stato imbalsamato, oppositore di un sindacato antagonista (penso al decreto sulla scala mobile) quindi un Blair ante-litteram che cerca di facilitare il capitale ma senza quella novità “includente” portata dal blairismo. E’ questa posizione subalterna o confus che porta alla perdita di consenso delle proposte socialiste verificatasi nelle ultime elezioni europee.

 La crisi del turbocapitalismo fa eclissare anche la posizione di Blair, il grande sconfitto dal default della finaziarizzazione dell’economia. Tutti i più attenti osservatori hanno capito che la mala-distribuzione della fase del capitalismo che ci siamo lasciati alle spalle era la causa principale della crisi del sistema. La creatività statunitense di finanziare il consumo con il credito è stata la risposta patologica ad un male generale pre-esistente. L’Italia pre-crisi viaggiava a livello di crescita zero, quel livello di crescita è ora un obiettivo strategico. Se non si rimuove la causa prima, la mala distribuzione del reddito, se non si riprendono politiche dei redditi che invertano il flusso storico di punti di PIL dai salari ai  profitti, non si uscirà da una crisi destinata a ripetersi sempre più grave..

E’ esplosa la grande contraddizione: se per fare più profitti si bloccano i salari, ovvero se tradendo il protocollo del 93 invece di usare i profitti permessi dalla moderazione salariale per investire in produttività si investono in strumenti finanziari, va a finire che il plusvalore esce dal circuito della circolazione e la domanda ristagna generando sovrapproduzione.

Il dire come fa il nostro “premier” che “chi doveva fallire è fallito, ora andiamo tutti al mare e aspettiamo che tutto torni come prima”. Ecco l’errore principe! Tutto non deve tornare come prima. O ci rendiamo conto che la contraddizione economica che abbiamo vissuta comporta il passaggio ad una nuova fase dove i liberisti devono mutare le loro regole, ma dove i socialisti possono fare le loro proposte o dimostriamo di non capire la gravità della contraddizione in stretta interpretazione marxiana.

Certo non basta, come tuttavia si dovrebbe, aumentare i salari e le pensioni per risolvere tutti i problemi. Occorre una sinistra che, diffidando del capitalismo, sappia coniugare i tre obiettivi di Keynes: a) efficienza produttiva, b) la giustizia sociale e c) la libertà individuale.

Ecco che allora una proposta di programma potrebbe essere:

  1. La sinistra si fa portabandiera della battaglia per la produttività; un obiettivo coniugato e declinato dalla parte dei lavoratori per maggior competitività, maggiori salari, maggior partecipazione
  2. La giustizia sociale ci chiama ad una lotta spietata contro l’evasione fiscale e la corruzione. Prendiamo le cifre della corte dei conti come base numerica su cui misurare i successi futuri.
  3. Per la libertà individuale anteponiamo la necessità di evitare che la costituzione sia violentata nei fatti anche se intatta da un punto di vista formale. I pericoli di deriva antidemocratica sono più forti che mai.

 Perché non partire di qui per una nuova iniziativa di “socialismo e sinistra? O meglio di “Sinistra e libertà”?”

 

RENATO GATTI

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra