Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« La Madre Tierra como suj...Socialismo ed Ecologia. ... »

Oltre le forche caudine e oltre i forcaioli

Post n°329 pubblicato il 16 Dicembre 2009 da socialismoesinistra

Non è semplice commentare l’aggressione subita da Silvio Berlusconi senza scadere nella retorica e nel qualunquismo, o nel tiro incrociato delle invettive contrapposte e strumentali che dai media rimbalzano persino nelle aule parlamentari e che mostrano, ancora una volta, come se non bastasse quella in cui il volto insanguinato del premier ha fatto il giro del mondo, che questo è davvero un Paese sull’orlo di una crisi di nervi. Si parla di decreti per limitare le manifestazioni, e la libertà del web, come se si volesse curare con un’aspirina una profonda paranoia sociale ed esistenziale. Quella che ormai da più di un decennio ha reso consustanziale l’odio alla lotta politica, ha trasformato gli avversari politici in nemici da abbattere senza mezzi termini e a tutti i costi.
Tutto cominciò davanti a quell’Hotel Rafael quando la folla, ben strumentalizzata ed aizzata da coloro che poi avrebbero tratto vantaggio dall’esasperazione progressiva e mai veramente contenuta o ridotta del clima politico, coprì di insulti e di monetine un leader politico socialista tuttora evocato in malo modo per scaricargli addosso tutte le colpe ed i veleni di un apparato democratico, civile e sociale che non è ancora mai stato all’altezza degli altri che nel mondo sviluppato ed europeo, in particolare, garantiscono progresso ed emancipazione umana, prima ancora che politica. Quel leader, Bettino Craxi, che tuttora viene menzionato più come il mentore di Berlusconi e di tutte le sue “nefandezze”, piuttosto che come il coraggioso testimone della memoria di Allende e degli esuli cileni, come il sostenitore di Solidarnosc, come il difensore dei palestinesi che egli addirittura paragonò ai martiri mazziniani, legittimando, pur ritenendola controproducente, in pieno emiciclo parlamentare italiano, persino la loro lotta armata contro l’oppressione e per il diritto ad una patria. Lo stesso che, pur nei suoi difetti e nei mali di un Paese endemicamente malato di inefficienza e di corruzione, da una posizione di consenso minoritaria, seppe inaugurare una stagione di crescita con la quale l’Italia entrò nel novero dei grandi dell’economia ed ebbe uno sviluppo economico, fino ad allora, ineguagliato.
Ci chiediamo cosa avrebbe potuto fare l’Italia se quel leader o comunque un altro socialista, invece di guidare un partito che raggiunse al massimo percentuali intorno al 15%, avesse guidato un partito socialista di dimensioni europee, tale da conseguire il 40% dei consensi, o anche solo quelli sotto i quali non si arretra nemmeno quando si viene sconfitti: il 20%.
Non lo sapremo mai, perché il triste destino storico ci ha imposto per più di 40 anni un partito comunista che, pur essendo guidato da uomini di provato valore e di grande autorevolezza morale, non ha mai avuto né il coraggio di “rivoluzionare” il sistema per cambiarlo radicalmente, e nemmeno la prudenza e la lungimiranza di trasformarsi a sua volta in un partito, non tanto socialdemocratico, ma almeno socialista massimalista, di quelli che fanno del radicalismo una bandiera libertaria in senso etico, prima ancora che politico e non accettano diktat né compromessi con nessuno, se non con il popolo a cui ritengono di dover sempre rispondere con autenticità e trasparenza.
Quel partito comunista invece è rimasto prigioniero a lungo della sua “gabbia burocratica”, trasferendola anche alle sue successive metamorfosi botaniche, molto attento a certe rendite di posizione, ma sempre meno al legame con la gente, al popolo che si identificò con i suoi ideali, fino a perdersi la gente per strada e a dimezzare i suoi consensi, tanto da essere portato, di conseguenza, a metamorfizzarsi ulteriormente, persino con certi suoi “storici oppositori”
Da questa mancanza di prospettive concretamente e pragmaticamente socialiste, dall’incrocio con interessi trasversali che hanno ostacolato la chiarezza di indirizzi ideali e morali (primo tra tutti una autentica visione laica ed autonoma dello Stato in cui legalità e mancanza di conflitti di interessi dovrebbero regnare sovrani), buon gioco ha avuto l’antagonismo di un’opposizione nata e cresciuta per essere antitetica alla politica dell’inciucio come modus vivendi, per essendo essa stessa figlia di quei favoritismi e clientelismi che hanno determinato la crescita esponenziale della forza mediatica ed economica su cui essa ha poi consolidato fortune e potere.
Antagonista “formale” dunque, ma compagna sostanziale, se non ancora più compromessa e compiacente nei fatti.
Da questo “antipoliticismo” formale, ma “politicismo” sostanziale, è nato e cresciuto un partito cucito addosso ad un leader come un vestito su misura, senza che avesse mai una piega storta. Attento a ogni minima sbavatura, e mai disposto ad avere o tollerare alcuna dialettica o alcun dissidio interno. Anzi proteso a fagocitare e a ridurre fino all’annientamento, persino quello esterno. E ciò è facilmente riscontrabile nella sorte a cui sono andati incontro in ordine progressivo, vari personaggi politici, che tutto furono fuorché antagonisti alla politica di centrodestra e del suo indiscusso leader: Follini, Casini, Fini..ironia della sorte tutti “ini” di fronte agli “oni” anzi, al solo, big only “one” All’unico e indiscusso premier che ha sempre voluto guidare lo schieramento politico di opposizione a quelli che ha sempre definito “comunisti o postcomunisti”, perché purtroppo gli altri del suo schieramento non ne sono mai stati del tutto capaci, non hanno mai avuto né il carisma, né la passione e soprattutto nemmeno gli straordinari mezzi mediatici ed economici necessari a farlo. Tutti tranne uno: Bossi che è sembrato a tanti essere il suo fedelissimo “cane da guardia” ma che, con il tempo, ha saputo abilmente ribaltare il suo ruolo sostanziale, fino a tenere lui al guinzaglio e saldamente il premier al potere perché, senza di lui, non potrebbe più restarci. E tirando talmente forte il guinzaglio da portarlo a poco a poco, a ribaltare le sue premesse “liberali” fino ad adottare in pieno un programma xenofobo, populista, antistatalista fino all’ossessione, privatista, e di fatto scissionista, nel dirottamento progressivo delle risorse economiche dal sud al nord. Con l’obiettivo nemmeno tanto criptico di creare quello sfascio complessivo dello Stato da cui finalmente dovrà nascere la santissima e padanissima secessione.
Il fatto che Silvio Berlusconi sia stato colpito, come un pugno in piena faccia, non da una pietra e per fortuna nemmeno da un proiettile, ma dall’immagine stessa per antonomasia, di quella Milano che ha fatto la sua fortuna e che lo ha sempre accompagnato dalla sua nascita fino alla sua apoteosi, ha un’alta valenza simbolica. E’ un po’ come (mutatis mutandis) se il Papa fosse colpito da un modellino di S.Pietro. Lui, il “papa” di Milano 2, del Milan, di tutti i governatori della Lombardia che si sono succeduti dalla caduta di Craxi e dei craxiani, in quella roccaforte incrollabile del consenso del centrodestra, lui credo che no, proprio non se l’aspettasse e per uno che ha fatto dell’immagine simbolica il fulcro della sua crescita personale, professionale, economica e politica, penso che ciò sia stato un gran trauma.
Un trauma che ce lo ripropone in maniera spietata come un uomo qualsiasi, smarrito, incredulo, angosciato e che per questo, pur sanguinante, esce di nuovo, sfidando il suo apparato di sicurezza, non certo particolarmente brillante in questa occasione, per rendersi meglio conto, per capire, per guardare in faccia quel “buco nero” da cui inaspettatamente si è materializzata la minaccia fisica, da cui è balzato fuori come un “miniterminator” sfacciato ed irriverente, il “duomo di Milano”.
Quell’uomo smarrito, che tante volte baldanzoso ci ha fatto sorridere, arrabbiarci, magari anche sognare o provare gli incubi peggiori, a seconda dei punti di vista e del modo di dormire, lo stesso che irrideva gli antagonisti chiamandoli “coglioni”, ma si sa, in modo scherzoso, perché lui, con il “grande pisello” di Arancia Meccanica e relativi “attributi”, non avrebbe mai, né ha mai violentato nessuno, ora ci appare nella sua cruda umanità: un nonno, un marito, un lavoratore, un uomo prestato alla politica e che la politica ha “sfregiato” disumanamente. Un uomo che si chiede giustamente: “Ma chi me lo ha fatto fare?”
Esposto come tanti in questo Paese, dai tempi di Catilina a quelli di Giulio Cesare, Nerone e Cola di Rienzo, fino a Mussolini, prima alle glorie mediatiche degli osanna e poi al repentino crucifige. Perché purtroppo, questo Paese non riesce proprio ad essere normale, e a tollerare che al potere vadano persone normali a rappresentare semplicemente altrettante e numerosissime persone normali.
Perciò, da persona che si vuole sentire a tutti i costi normale, e che aspira solo alla gloria dell’illustre sconosciuto, non vorrei proprio passare sotto quel giogo incrociato delle forche caudine dove la lancia dell’apologia è piantata parallela a quella della denigrazione, entrambe a sostenere quella della barbarie, dell’inciviltà di una democrazia perennemente incompiuta, mai all’altezza di una serena e consapevole alternanza, come quelle che già da decenni si attuano in tanti Paesi d’Europa e del mondo. Con un bipolarismo maturo che è fatto di antagonismo duro, ma mai concentrato a distruggere l’avversario, quanto piuttosto teso a costruire, per confronto, una seria alternativa ad esso, di quelli che di fronte a mali comuni, sanno trovare rimedi comuni e condivisi.
Di quelli che sono ammirati e non presi in giro, denigrati o sfottuti dal mondo. Di quelli in cui non prevale l’odio, ma la ragion pratica che porta “kantianamente” a considerare anche il più efferato criminale non sospettato o indagato, ma persino condannato, in primis, come un essere umano e quindi come un fine e mai come un mezzo.
Ecco, in tutto ciò io continuo a vedere non la fine di Berlusconi ma il “fine” Berlusconi.
Perché come ha sottolineato giustamente Vendola: “si può essere antiberlusconiani quanto si vuole ma non si può né si deve odiare Berlusconi” in quanto l’odio è solo una droga tagliata male, e la sua overdose può mandare in coma la stessa identità civile, politica e nazionale di uno Stato.
Abbiamo davvero bisogno un po’ tutti di una comunità terapeutica di recupero, che ci porti a lavorare seriamente e senza l’illusione del potere piccolo o grande che sia, e neppure del successo e del denaro, per i disoccupati, per i malati, per chi rischia la vita combattendo la mafia e la corruzione, per chi lavora in scuole ridotte a chiedere l’elemosina, per i giovani studenti, per i cassintegrati, per i disabili, per le vittime della criminalità e dell’estorsione, per gli stranieri sfruttati e ammazzati come cani se osano chiedere un tozzo di pane, per gli anziani, per i lavoratori falcidiati e tartassati..per quelli che si incatenano al posto di lavoro e per quelli che ci crepano..c’è solo l’imbarazzo della scelta e l’urgenza di rimboccarsi le maniche.
Due citazioni mi stanno a cuore in questo momento: una secondo me, richiama l’altra: la prima arcinota riecheggia una frase di Voltaire, la scrissi anche su quei siti che inneggiavano all’eliminazione fisica di Berlusconi: “mi farei ammazzare pur di non impedirgli di parlare” (anche per questo non è opportuno né necessario chiuderli), sia in un comizio, sia in piazza che in Parlamento o in un’aula di tribunale. Perché la democrazia, rappresentata soprattutto oggi dalla nostra Costituzione, va difesa hasta la muerte!
E l’altra è di Buddha: "Le parole hanno il potere di distruggere e di creare; Quando le parole sono sincere e gentili possono cambiare il mondo." A cominciare, aggiungo, da noi stessi.
Ricordiamole tutti, speriamo anche Silvio Berlusconi, a cui auguriamo sinceramente una pronta guarigione.
CF

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra