Tutto Sull'orto

Benvenuti nella Home page

Cosa fare nell’orto a novembre: ecco i lavori del mese

Share on FacebookPin it on Pinterest

Cosa fare nell'orto a novembre

Cosa fare nell’orto a novembre

Novembre, questo è un mese di transizione, presenta giornate con escursioni termiche importanti anche di 10°C. Nelle regioni più a nord d’Italia il clima sarà più rigido rispetto alle regioni più a sud anche se negli ultimi mesi l’andamento climatico oscilla molto ed è instabile.

Preparazione del terreno

Partiamo proprio dalla lavorazione del terreno: è necessario prepararlo al meglio per le nuove piantagioni. Gli ortaggi invernali necessitano di una concimazione particolare. È fondamentale ripulire il terreno dai residui vegetali delle colture precedenti. Attraverso l’utilizzo di un rastrello si deve arare il terreno in profondità, rivoltare le zolle e concimare con del compost o ricorrere alla pacciamatura. È importante inoltre fornire il nutrimento necessario al terreno per ospitare al meglio le nuove piantagioni.

Anche le piante aromatiche necessitano di un riparo dal freddo. Per salvaguardare la salute della tua piantina aromatica ti basterà aggiungere della terra priva di ciottoli ai piedi della pianta e completare con della pacciamatura a base di paglia e foglie o fieno. In questo modo potrai proteggere le piante dal freddo e dal gelo donando fertilità al terreno.

Trapianti

Le piantine autunnali che si trapiantano in questo mese devono essere in grado di sopravvivere alle basse temperature. Nonostante siamo in autunno inoltrato, è ancora possibile trapiantare nell’orto alcune specie di ortaggi che possono fruttare raccolti rigogliosi.

Cosa trapiantare nell’orto a novembre

E’ possibile piantare alcuni tipi di ortaggio nell’orto, come ad esempio verdure da taglio quali rucola e catalogna, invidia riccia, invidia scarola, lattuga canasta, lattuga cappuccia e lattuga gentile, ma anche lattuga trentina e lattuga unicum. Si può piantare anche il radicchio di Chioggia precoce assieme alle cipolle nella variante bianca, rossa, dorata e rossa fiascona. Infine si possono anche piantare i porri.

Anche le piante aromatiche possono essere coltivate nel mese di novembre, in particolare l’erba cipollina, la lavanda, la menta piperita, il rosmarino, la salvia normale e la salvia a foglia larga e anche il timo.

Per le verdure da taglio si consiglia il trapianto durante la luna crescente (luna nuova) per consentire un maggior sviluppo vegetativo. Per le altre varietà, invece, si consiglia il trapianto durante la luna calante (luna vecchia).

Come proteggere l’orto

Per proteggere le tue piantine dalle prime gelate potrai usare una serra fredda o coperture di tessuto non tessuto. Queste soluzioni sono utili per proteggere alcune piante come insalate, valeriana o spinaci soprattutto se sono ancora piccole e non tanto formate.
Un’altra tecnica molto valida è la copertura a tunnel con un telo trasparente: molto funzionale e permette di guadagnare qualche grado all’interno.

Per i tunnel dovrai prestare un po’ di attenzione: bagna il terreno poco e quando il sole splende alto nel cielo apri il tunnel per permettere il passaggio di aria evitando così la comparsa di condensa.
È un passaggio fondamentale perchè la condensa è una grande nemica delle piante perchè crea marciume andando a compromettere così il raccolto.

Consigli …

Segui il calendario lunare per poter ottenere una crescita sana delle piantine. La luna crescente è ideale per trapiantare il ravanello, pisello, fave e spinacio. Nella fase crescente la linfa delle piante risale verso la superficie e le piante possono così svilupparsi e crescere maggiormente.
Nella fase calante invece la linfa tende a scendere verso le radici rallentando così la crescita.

Ricorda di controllare costantemente le tue piantine per verificare se hanno preso qualche malattia che possa comprometterne la salute ed il raccolto.

I raccolti del mese

L’orto di novembre è dominato dalla presenza di cavoli e insalate come invidia, lattuga da taglio e radicchio.

Il raccolto del mese di novembre può offrire anche carciofi, lattuga e lattughino da taglio, spinaci e rucola. Anche le erbe aromatiche possono fruttare un buon raccolto come ad esempio il rosmarino, prezzemolo, menta e salvia. Novembre è un mese che dona ancora ortaggi come cavoli e carciofi, rape, cicoria, barbabietole e radicchio.

Se possiedi un piccolo orto nel tuo balcone potrai raccogliere del prezzemolo, rucola, rosmarino, salvia e lattughino da taglio. Una volta raccolti questi ortaggi potrai nuovamente procedere con il trapianto di rucola, lattughino, carote e cime di rapa.

Le irrigazioni

Per quanto riguarda gli ortaggi da taglio, l’irrigazione è necessaria solo nei giorni successivi al trapianto. In assenza di precipitazioni sarà necessario irrigare l’orto manualmente 4/5 volte a settimana. Per le piante già sviluppate come indivie, radicchi, rucola, porri, cipolle, bietole, cavoli è necessario irrigare poche volte ma con abbondante acqua.

 

Cosa fare nell’orto a novembre: ecco i lavori del meseultima modifica: 2020-10-20T08:20:01+02:00da Admin4