Scivolando

 

La persona che ti vive accanto non va mai data per scontata.

A volte si puo’ pensare che si vivrebbe bene anche senza,
se non addirittura meglio.

Piccoli contrasti, dissapori, spesso portano questi pensieri.

Il mio compagno sta attraversando un periodo buio per la sua salute.

E’ costretto ad assumere farmaci per il dolore
che gli tolgono ogni energia e vitalità.

Lui che è sempre stato attivo, assertivo, dinamico.

Malgrado i 9 anni che ci dividono,
lui era la mia “trazione anteriore”.

Vederlo così, di riflesso

toglie anche a me la voglia di fare.

Sono sempre chiusa in casa, se non per lavoro o necessità.

Sto vivendo il mio ‘lockdown’ personale.

Spero solo che entrambi riusciamo a guarire presto.

c60042a9b5e01968281c335440a736cc-780x585

Scivolandoultima modifica: 2021-12-08T11:31:12+01:00da surfinia60

13 pensieri riguardo “Scivolando”

  1. Davvero spiacente per quanto sta passando il tuo compagno , Surfy! Di cuore, formulo l’augurio che presto ritrovi la salute e, anche per te che sei partecipe del suo soffire, venga il ritorno alla serenità e alla gioia della vita. Un abbraccio…licia

  2. Sì, è così: quando una persona che amiamo o che comunque condivide con noi tane cose non sta bene, è sintomatico percepire la pesantezza, la preoccupazione, le difficoltà del momento.
    Un sincero augurio di pronta guarigione al tuo compagno, a te, Surfinia, coraggio… ce la farete… insieme. Ciao

  3. Le mie parole deragliano sempre di fronte al dolore personale. Le tue sono scaglie di creta che sbriciolano sicurezze e memoria. Sono come un treno impazzito su binari inesistenti. Ma la speranza ( non perderla) di rinascere la grido insieme a Te verso un Dio clemente.
    Un caro saluto. Gian

  4. Come ti capisco e abbiate entrambi la mia piena solidarietà. Per perfetta simbiosi vivete il “male” che prende uno, ma non l’altra. Di fatto, l’altra, per riflesso è costretta a farsi carico almeno di una parte del male altrui e lo vive con lui, con “rispetto” verso l’altro. Non so se tu abbia rimpianti, non so se sei coinvolta completamente e la tua reazione sia piuttosto condizionata dall’alienazione. Ma se rimani a casa con lui, almeno un po’ sei presa e questo basta a indicarti come persona pronta alla condivisione per un compagno che soffre. Tutto ciò depone a tuo favore, non ti fa martire ma ti gratifica per il tuo interessamento.
    Buona serata Surfy, pace e serenità ad entrambi.

Rispondi a gianor1 Annulla risposta

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.