Creato da Marilena63 il 03/11/2007
 

Il tuo dilemma

entra nel sogno senza far rumore senza pensare al senso del pudore che ti trattiene sulla soglia del delirio

 

 

Se ti stringo un pò di più...

Post n°196 pubblicato il 28 Settembre 2016 da Marilena63
 

vecchiettine

 

Io non so stare un giorno della mia vita senza sorridere.

E poi lo dice anche Papa Francesco di non arrivare alla fine del giorno

senza aver fatto pace con chi ci vive accanto,presumo sia nella propria famiglia

che con le persone che incontriamo sui sentieri della quotidianità.

Così vi auguro una dolce buonanotte che sia di serenità sempre

che vi accompagni il sorriso e il disincanto

e se la giornata è andata così,così

aspettiamo il sole del mattino...

e siccome io sono una donna molto molto romantica

vi dedico una bella canzone

di quelle che non dimentichi

che ne vale la pena sempre

perchè fa riaffiorare

l'amore a fior di pelle

Io a distanza di anni

ci credo ancora!

 

 

buonanotte ...

 

Mari

 

cornicetta

 
 
 

Sono

Post n°195 pubblicato il 22 Settembre 2016 da Marilena63
 

serenità

 

il tassello dell'arco,scoccato prima dell'attesa, apre le porte al mio vagabondare

in un dialogo con l'amore in cui...non sempre si può avere l'ultima parola...

ma il bello e il brutto dell'amore sono proprio questo... vero?...

di rimando

come folgore

il ricordo di un momento vissuto molto molto tempo fa...sulla spiaggia...

località padula bianca,luogo mistico ,misterioso meraviglioso,affascinante

dove i passi compiuti non svaniscono come di solito accade nelle altre spiagge del mondo,

quando la risacca porta via con sè i passi compiuti.

Una sigaretta tra le dita tremanti e ...appare lui un signore che passava di li,

chissà forse un mio lettore ingenuamente pensai quando si fermò accanto a me

e tentando un approccio accese il suo accendino con galanteria,

molta galanteria e cominciammo a parlare di libri,di scrittura,di poesia,

delle onde del mare,delle gioie e dei dolori della vita.

Mi reciti una tua poesia?

Accidenti la prima poesia che mi venne in mente delle tante che ho scritto fu

Il tuo dilemma e che rossore sulle guance quando mi resi conto di non ricordare nemmeno uno dei versi che la compongono.

Ve la ripropongo.Leggetela come se fosse la prima volta.

 

Entra nel sogno

senza far rumore

 

senza pensare al senso del pudore

che ti trattiene sulla soglia del delirio

 

Carezza il ventre

sciolto nei sospiri

poggiando il viso

guardandomi negli occhi.

 

E'umida la spiaggia

naufrago sulla sponda il desiderio

sparge i suoi petali di rosa chiara.

 

Bevo i tuoi brividi

un sorso sulle labbra

 

Tu

il mio calice

 

Io

il tuo dilemma

 

 

 

Un abbraccio con l'affetto di sempre...buona settimana...

 

Mari

 

cornicetta

 

 

 

 

 

 

 
 
 

E' solo una lacrima d'amore

Post n°194 pubblicato il 13 Settembre 2016 da Marilena63
 

alba di un nuovo giorno

 

E' solo una lacrima d'amore

ha il profumo del mare

di una notte d'estate

 

scende lieve

sul mio viso si posa

soave

 

Sciolgo i capelli

liberando i sogni

e i giorni lieti

 

dimenticando il buio

 

voglio dedicare questa mia piccola poesia a tutte le amiche e amici del

Villaggio dei Pini Salento per tutti i giorni lieti che ho trascorso assieme in loro

compagnia  grazie per le gioie e le fatiche condivise

e... ci ho abbinato un brano musicale che allieta l'animo ascoltare un pò di musica a quest'ora del mattino mentre il giorno prende forma...pian piano...

 

 

ai viandanti... a tutti voi

 

una lieta giornata con l'affetto di sempre...

un abbraccio

 

Mari

 

cornicetta

 

 
 
 

Vi voglio bene

Post n°193 pubblicato il 02 Settembre 2016 da Marilena63
 

alberto sordi

 

 

che l'autunno in dirittura d'arrivo possa accompagnare l'inevitabile tristezza

con il più disarmante dei sorrisi

 

care amiche e amici

buon fine settimana

un abbraccio con tanto affetto ed amicizia

 

Mari

 

cornicetta

 

 
 
 

Nu foe mai cosa quandu!

Post n°192 pubblicato il 19 Agosto 2016 da Marilena63
 

amore

 

Sunata de na sera

 

cu camini sai

nu te servane l'anchie

tocca cu fusci

se nci riesci 

de li pansieri de l'addhi ,

de li malanghi

scusi scusi

arredu l'anguli 

 

ieni beddha mea

nu te nde scire a spassu

oiu sulamente cumpagnia

comu fazzu

 

senza stu 

cuore a cuore

de ogni giurnu

nui doi

lu mundu

e l'anni 

ca ancora

nu tegnu

 

pisane 

o se nde ulane

 

ca me pare tuttu nu stramiju

 

le parole scriu

e nu sacciu se su giuste

o no

 

le vie ca te dicu

 

ieni 

e sbrojame sta matassa

 

ma nu banire la matina prestu

quandu nu aggiu pertu 

mancu l'occhi

 

e li guai stane lontani

de me

 

stau ci cu pregu

se ncede nu modu

cu dicu lu giustu

senza cu te raoti 

sempre!

 

pe la ragione

ca nu tanimu

nè ieu nè te

 

poi te piscu

poi te lassu

poi nci pensu

a stu tiempu

 

Quante buscie

ste femmane de moi

 

ci ndoru

de cozze perte a lampa

 

de pesce frittu de paranza

 

nu foe mai cosa quandu

sirama me disse

quandu d'estate sboccia

il fiore dell'inverno

sona me

canta me

 

nu stornello

 

...e poi vidi

ca passa sta frussione

 

 

 

 

sono solo pensieri in libertà...ve li dedico con l'affetto di sempre

 

avevo troppa voglia di sorridere e cantare

e farlo per una volta ancora,per una volta sola

per ricordare per affondare ancora le mani nelle emozioni dell'anima

 

un abbraccio e un vi voglio bene a tutti...buon fine settimana

 

Mari

 

cornicetta

 

 

 
 
 

Ciao Marco

Post n°191 pubblicato il 07 Giugno 2016 da Marilena63
 

vecchiaia

 

 

Quasi respira il vento aggrovigliandosi su sè stesso

in un vorticare rapido e lento,raccoglie

e non rimane nulla al suo passaggio,

trita le parole,ramingo coraggioso e folle,

umido e freddo nelle ossa,si fa tortuoso il viaggio

e nel mare in cui ognun di noi

annaspa o si rasserena,

lieta la luna osserva

il labile confine tra il chiarore e il buio

sino al crepuscolo che nei due tempi dà inizio e fine

al palpito del sole...

 

ciao Marco...eravamo passeggeri nel vento...

 

 

buona estate...un abbraccio di bene...

Mari

 

sogni

 
 
 

Sta me ncaddisciu!!!

Post n°190 pubblicato il 15 Maggio 2016 da Marilena63
 

eros

 

 

Nu sciati cercandu a nuddhu vocabbolariu ci sensu tene quiddhu ca scriu ca aggiu scrittu e puru quiddhu ca nu scriu.

Parcè già cu stai a su la prima pagina de biutifuls tutti li giurni gghiè difficile ci poi nzignamu cu li reumatismi de uli de uceddhi picca carculati

ca ulane fuori rotta,nun ci nde nde ssimu cchiui de stu capura de caulu.

Marituma sa se stae quetu quetu stasera,

ave cucinatu iddhu ca a me nu me cuddhava propriu.

Considera già ca su sciuta a messa osci ca ede la festa de lu spiritu santu e m aggiu riscurdata ca la messa ziccava chiuu prestu.

Mo tegnu tutti li fogli mpisi a su la cucina,non è ca ncè cu me sbaiu.

Furtuna ca va me telefona nu cristianu benadittu ca sinno cu me avvisa

ci lu sente parentama lu preute ca ole cu nde sape cchiu mutu de me

Ma ieu dicu,ieu scriu poesie.

L'omelie scrietele sulu bendittu cristianu,nu pozzu fare tuttu ieu.

Ci me avanzava lu spiritu santu,m'ha chiestu,na Signore parduname mo ieu nun de nde dia nu picchi? e invece no ieu su parieddha nu nde tegnu

e speru però lu Signore cu me nde manda nu picchi de cchiu puru pe iddhu

Allora sta spettu la manna de lu cielu? Può darsi

Sciamu picchi picchi a ieri,aggiu fatiatu tuttu lu giurnu,na straccazione poi me telefona mauma,e me dice

Sta faci sordi moi ah!

Ma me la ditta cu nu tonu ca m'aggiu ntisa propriu na cosa intra de me

Ndaggiu cattare lu latte a li piccinni mei,ma iddha lu sape e me parduna sempre ci poi tegnu picca tiempu cu nde putimu vidire nu picchi de cchiui

Nde oiu bene mutu bene

Comunque osci poi aggiu sistematu Gesù Benadittu,ci suntu sempre le solite ca se nde scornane cu lu cumpagnane all'altare ma dicu ieu

Ede Gesù,nde face piacere ma capiscu la ritrosia face rima cu malvasia.

 

Ci be pansati ui,a'quai simu cristiane serie.

Beh moi però vanimu allu dunque.A pomeriggiu su sciuta cu trou na poesia mea vecchia una de le prime ca aggiu scrittu quandu era giovine.

 

Nu salutu a tutte le amiche mei.

Li mariti osci tanitibeli stritti stritti ca a me già me basta e avanza lu meu

 

lascio parlare ora regina poesia

grazie per la cortese attenzione

 

Quell'incanto

 

Ti invito ad assaggiare la mia pelle

vorrei tu lo facessi in giuste dosi

come se fosse quel frutto proibito

che nel menu della tua vita non è consentito

 

Dolce di donna adulta e un pò bambina

che in te cerca un appoggio od una guida

 

L'acre del purosangue ancor selvaggio

che va dicendo fiero

 

Nessuno mi può avere!

 

Offrire alle tue labbra quell'incanto

che nasce solamente

nell'ansia frettolosa dell'incontro

 

 

 

Nu nciole nenzi,nun c'è daveru tiempu pe ncaddisciare

 

un abbraccio di bene...simpaticamente...buona settimana...

 

vostra Marilena

 

sogni

 

 
 
 

Il mio cuore nel tuo ho nascosto

Post n°189 pubblicato il 06 Maggio 2016 da Marilena63
 

mamma

 

ringrazio il caro amico Alfonso per avermi donato quest'immagine 

così delicata e una poesia bellissima che incornicia

la figura materna delicatamente,amorevolmente

 

La mamma La mamma non è più giovane e ha già molti capelli grigi:

ma la sua voce è squillante di ragazzetta e tutto in lei è chiaro ed energico: il passo, il

movimento, lo sguardo, la parola (Ada Negri) 

 

Il mio cuore nel tuo ho nascosto

ed i battiti ora rincorrono

i tuoi passi a solcare la terra

che del Carso fu culla degli eroi della guerra.

 

Era vuoto quel cielo

che di nubi nevose velava

D'improvviso s'accese

di rumore e di fuoco la strada.

 

Dalla Chiesa fuggisti

giù per viottoli stretti

si sporcaron le scarpe e i tuoi sogni

che quel candido giorno indossasti.

 

Delle bombe senti ancora il fragore

con le mani accarezzo quei fiocchi

che di lana riscaldano brividi

di quest'umida notte di rintocchi.

 

Son dolenti le note nell'aria

vecchi accordi di una chitarra

filastrocca che gira,confondendo la mente

mentre conti i minuti

 

di un tempo... nel tempo inclemente

 

e io non so far altro...che amarti...Mamma...oh Mamma...Ti amo...

un augurio a tutte le mamme del mondo

 

un abbraccio di bene... Mari

 

 

sogni

 
 
 

Or bene...

Post n°188 pubblicato il 30 Aprile 2016 da Marilena63
 

Asdrubalda

 

 

Or bene...pensavo di aver scritto un capolavoro e...invece...Teresina ha avuto più successo di me...e io sono davvero felice...Non si vede?

Certo non immaginavo di sortire il risveglio di un uragano.

Se non avessi dato ascolto alle passioni,se avessi impiegato le mie forze,

la mia vitalità per curare la mia debolezza,

se non avessi creduto alla mia onnipotenza

L'amore che avevo sognato potesse -da un confine all'altro della terra-come

arcobaleno congiungersi all'infinito

diveniva incontro fugace

che sapeva dar conto dei silenzi e dell'immaginazione

-complice di un intesa che freme-

su un filo sospeso 

su un solo presupposto

o da una errata convinzione

di ciò che ero e sarei diventata

ed è così che conobbi 

l'amarezza dell'incomprensione

richiudevo il libro e la sua magia

 

con il sorriso di sempre

effervescente

come fuoco che danza

una carezza che mitiga

un apparenza che addolcisce i tratti 

un goliardico banchetto

un pensiero senza tempo......Mari

 

e un verso intagliato nel legno della giovinezza di un cuore

pregno di quell'amore che mai spense le fiammelle dell'animo...

 

Tu,che con la mano sostieni il mondo

e hai piantato le profonde foreste

rendendole feconde con un solo sguardo,

tu mi segui con uno sguardo d'amore 

e sempre

 

Santa Teresa di Lisieux

 

 

un abbraccio di bene

 

sogni

 

 
 
 

...quando non vuoi

Post n°187 pubblicato il 22 Aprile 2016 da Marilena63
 

amore

 

ci dovrebbe essere un uomo

in ogni donna

a respirare forte

questo mare che muore

-in un pensiero l'amore

incompiuto come le parole- 

 

c'è poco spazio nei ritagli di terra

è tutto un rincorrersi di facce stanche

se fossi stato al sicuro tra le tue braccia

se avessi taciuto

quel digiuno che fiacca le membra

avrei visto sbocciare nei tuoi occhi

quei fili d'erba e il fiore

che non è più solo ora

 

a disegnare nuvole

nella luce fioca del tramonto

-in proiezione di te e di me

fantasticando un mondo-

che non vuole più

 

bontà e carezze

per una notte sola

 

per una notte ancora

a respirare forte

questa confusione

quando non vorresti

 

...quando non vuoi

 

buon fine settimana...un abbraccio di bene

 

Mari

 

sogni

 
 
 

scarabocchiando

Post n°186 pubblicato il 09 Aprile 2016 da Marilena63
 

 

nonni

 

Ma dalla grande bontà

nacquero lacrime che diedero vita a torrenti che formarono un grande lago. 

Resto qui sino ai confini del tempo 

in nostalgica tristezza per sussurarti che...

 

ti ricordo

come oggi che rimbocco i tuoi anni

 

sulle palpebre chiuse 

le ultime visioni e le speranze

 

per ritrovare i giorni 

a debita distanza dal dolore

 

accorro per dirti 

di ciò che resta dei miei respiri

 

quando sbagliavo il tempo

del nostro immaginar futuro

 

migliore di ogni ora trascorsa

nel paesaggio ancor venire

 

di stelle brillar nel firmamento

la più solitaria avea impresso

 

l'amore che nel nostro cuore

si stringe in un abbraccio

 

scarabocchiando

fu sera

 

... e fu mattina

un abbraccio di bene...
Mari
sogni

 

 
 
 

Before we go

Post n°185 pubblicato il 20 Marzo 2016 da Marilena63
 

palme

 

ambarabà ciccì coccò tre civette sul comò,che farò o non farò?Le maiuscole minuscole ora rimescolerò!

Ho i piatti da lavare,tre sorelle in mezzo al mare,due papà con l'imbarazzo che  facevano l'amore con la figlia del dottore,il dottore si ammalò e la fiaba incominciò.

Before we go,prima di andare,prima che la giornata inizi,prima che i bimbi si sveglino è beneaugurale,ante raccontare una storia,che poi maghi e maghette,stregoni e streghette impasteranno nella loro grande farsura e ci sarà da gustare ogni emozione in confezione regalo.

A ognuno il suo.Oggi è una bellissima giornata di sole qui in terra di apulia,è la Domenica delle Palme come in ogni posto del mondo dove si celebri Nostro Signore Gesù Cristo.

Dalla nicchia di muschio e lichene gli aquilotti son pronti con il rametto in becco da portar giù di qualche chilometro,dalle alte vette del cielo alle colombelle e colombelli da Piazza San Marco alla Firenze del Sud passando per il Colosseo che lo poggeranno sui sentieri dove bimbi e bimbe stanno aspettando che Gesù passi.

Ma non ci sono aquile Marilena in terra di apulia!Che peccato.

Voglio rassicurare i bambini che da tempo leggono le mie parole nel bosco delle favole.Le aquile sono degli animalotti molto rapaci ma non rapiscono i bambini.

Fanno fare giri immensi ai loro cucciolotti per farli diventare forti e valorosi e dite la verità.Quanto sarebbe bello essere delle aquile.

Non mi sono spuntate ancora le ali ma io lo vorrei talmente tanto da crederci.Sono leggende,a volte le leggende sono specchio della verità,attingono da qualche fatto veramente accaduto ma lasciamo che la leggenda ci lasci fantasticare 

Immaginando un mondo ma immaginando neanche tanto un mondo pieno di dolore e di apparenza che giudica rapisce e non capisce la fantasia e l'amore ,io preferisco stare seduta sull'ultimo spicchio di una luna vera a ripescare un sogno che mi tenga in vita.

Lo so non sono perfetta,il resto spiegatelo voi secondo il vostro estro.

Ma non c'è nulla da spiegare.

Poesia va letta e riletta per far si che l'animo possa smussare i propri spigoli.

Fa bene ve lo assicuro.

E poi dopo 10 lunghi anni ho imparato a postare i video.Evviva

 

 

Lo specchio di MISURINA – leggenda Veneta

 

 C’erano una volta un papà e una bambina. La bimba si chiamava Misurina e Sorapis il papà. Papà era un gigante, e Misurina una bimba piccina piccina, che poteva benissimo stargli nel taschino del panciotto. Eppure, quella piccina piccina poteva a suo agio prendere in giro quel papà grande come una montagna.

 

E’ la sorte che tocca ai papà troppo buoni con le bambine che non meritano nessuna bontà. E Misurina intanto cresceva stizzosa ed insolente.

 

Al castello di babbo Sorapis tutti la fuggivano come la peste, uomini di corte e valletti di camera, dame di compagnia e donne di cucina.

 

“Signori miei”, gemeva Sorapis, “lo so, lo so. Misurina è un po’ monella, ma è tanto una cara bambina! Rimedieremo… rimedieremo…”.

 

Ma non rimediava, pover’uomo. Anzi, la piccola, crescendo, diventava sempre più insopportabile. Il suo difetto più grande, però, era la curiosità. Una bimba così curiosa non la si sarebbe incontrata in tutto il mondo. Voleva sapere tutto, voleva vedere tutto.

 

Un giorno la nutrice le disse: “Una signorina come te, dovrebbe possedere lo specchio Tuttosò”

 

“E che cos’è questo specchio?” esclamò la bimba, facendosi rossi per l’emozione.

 

“Uno specchio dove basta specchiarcisi per saper tutto quanto si vuol sapere”.

 

“Oh” mormorò Misurina, “E come posso averlo?”

 

“Domandalo al tuo papà, che sa tutto”.

Misurina andò dal babbo, saltellando come un passero.

 

“Papà,” cominciò a gridare prima di giungergli accanto, “devi farmi un regalo!”.

 

“Se posso, gioietta”

 

“Sì che puoi”

 

“E allora sentiamo”

 

“Prima giura che me lo farai”

 

“Non posso giurare se non so di che regalo si tratta”

 

“Voglio lo specchio Tuttosò”

 

Sorapis impallidì. “Tu non sai ciò che mi chiedi, figliola”

 

“Sì che lo so!”

 

“Ma non sai che lo specchio appartiene alla fata del Monte Cristallo?”

 

“E che mi importa? Lo comprerai!”

 

Il povero Sorapis sospirò…

 

“O glielo ruberai.”

 

“Senti… Misurina…”

 

“L’hai promesso, papà!”

 

E quel demonio di figliola si mise a piangere e a sospirare e a rotolarsi per terra. “E se non mi porterai quello specchio, io morirò”.

 

Il povero papà si mise in testa la corona, vestì il mantello di ermellino, prese lo scettro a mo’ di bastone, e si avviò dalla fata che abitava a pochi passi da lui. Non appena giunse al castello, bussò.

 

“Avanti” disse la fata, che sedeva nella sala del trono, insieme con due damigelle. “Chi sei e cosa vuoi?”

 

“Sono Sorapis, e voglio lo specchio Tuttosò”

 

“Corbezzoli!” rise la fata, “Solamente? Come se si trattasse di fragole!”

 

“Oh, fata, fatina, non ridere… se tu non me lo dai, la mia bambina morirà”“La tua bambina? E che ne sa dello specchio Tuttosò? A che le serve? Come si chiama questa bambina?”

 

“Misurina”

 

“Ah, ah!” disse la fata, “La conosco di fama. Le sue grida giungono fino a me quando fa i capricci, e questo è un capriccio ben degno di lei. Va bene, io ti darò lo specchio, ma a un patto”

 

“Sentiamo” accondiscese il re.

 

“Vedi quanto sole batte da mattina a sera sopra il mio giardino?”

 

“Vedo” rispose Sorapis.

 

“Mi brucia tutti i fiori e mi dà noia. Mi ci vorrebbe una montagna a gettarmi un po’ d’ombra. Ecco, bisognerebbe che tu, grande e grosso come sei, ti contentassi di trasformarti in una bella montagna. A questo patto ti darei lo specchio Tuttosò”.

 

“Oh… oh…” disse Sorapis, grattandosi un orecchio e sudando freddo.

 

“Prendere o lasciare” disse la fata.

 

“Va bene! Dammi lo specchio”, sospirò il poverino.

 

La fata trasse da uno scrigno, che aveva a portata di mano, un grande specchio verde e glielo porse, ma poichè si accorse che il povero Sorapis era diventato smorto, ebbe pietà di lui, e gli disse:

 

“Facciamo una cosa; capisco che tu non hai troppo desiderio di trasformarti in una montagna, ed è naturale, ma, d’altra parte, hai paura che la tua bimba muoia se non mantieni la promessa che le hai fatto. Ritorna al tuo castello e di’ alla bimba la condizione per cui può venire in possesso dello specchio; se ella ti vuol bene rinuncerà a possederlo per non perdere il suo papà, e tu mi rimandi lo specchio, e se no, se no… io non ne ho colpa”.

 

“Sta bene” rispose il re, e ripartì.

 

Misurina lo aspettava seduta sullo spalto più alto del castello e non appena lo vide, gli gridò: “Ebbene, me l’hai portato?”

 

“Eh, sì, te l’ho portato”, ansimò il poverino. E presala in mano per parlarle meglio, le riferì l’ambasciata della fata del Monte Cristallo. Misurina battè le mani.

 

“Tutto qui?” disse, “Dammi pure lo specchio, papà, e non pensarci. Diventare una montagna deve essere una bellissima cosa. Anzitutto non morirai più, poi ti coprirai di prati e di boschi ed io mi ci divertirò.

 

Il poveretto impallidì, ma tanto valeva; la sua condanna era stata decretata. Non appena Misurina ebbe afferrato lo specchio, Sorapis si ampliò, si ampliò, si gonfiò, parve lievitasse nel sole, si impietrì, e in un attimo diventò la montagna che ancora oggi si erge di fronte al Monte Cristallo.

 

Misurina, trovatasi innalzata a quell’altezza prodigiosa sulla cresta di una montagna bianca e nuda, dove a poco a poco gli occhi di suo padre morivano, gettò un grido terribile e, presa da un capogiro, col suo specchio verde precipitò giù.

 

Allora dagli occhi semispenti di Sorapis, incominciarono a scendere lacrime e lacrime, fino a che gli occhi si spensero e le lacrime non piovvero più.

 

Con quelle lacrime si è formato il lago sotto cui giacciono Misurina e lo specchio, e in quel lago il Sorapis si riflette e cerca con gli occhi morti la sua bimba morta.

 

(P. Ballario)

 

 

Buona Domenica delle Palme per voi e le vostre famiglie

 

tanti abbracci e tanti vi voglio bene

 

Mari

 

 

 
 
 

perchè Tu sei

Post n°184 pubblicato il 06 Marzo 2016 da Marilena63
 

clown

 

 

io resto fedele alla mia regina

 

Chiudi gli occhi e ascolta la voce

 

dell'anima, in quel momento ci

 

sei solo tu e lei ti ascolta.

 

Ascolta

 

il battito del tuo cuore che è lieve,

 

poi aumenta e l'anima si fonde

 

nella tua carne all'unisono, ed

 

esplode energia e in quel momento

 

Sei!

Sei luce... sei universo...sei

 

donna...

sei Tu.

 

Forte, debole, triste,

 

dolce, arrabbiata, combattente,

 

docile, calma, nervosa, ribelle,

 

sensuale, appassionata... sei Tu!

 

 

E non importa se il mondo a volte

 

va alla rovescia...

Tu ci sei! Tu sei!

 

Esisti!

 

Apri gli occhi e una lacrima

 

scende sul tuo viso, fino alle labbra.

 

L'assapori, è il tuo sapore...di ciò

 

che sei...

 

è sangue della tua anima,

 

leggiadra, farfalla colorata di vita

 

e di amore sei Tu...

e tutto ciò che

 

ti chiedi nell'attimo di un dubbio...

 

non c'è più

perchè Tu Sei...

 

        al di sopra di tutto

... sei

 

augurio

 

 

 

un abbraccio e un vi voglio bene

 

Mari

 

rose

 

 
 
 

Io sono nata

Post n°183 pubblicato il 14 Gennaio 2016 da Marilena63
 

maternità

 

Cosa accadde esattamente la notte in cui nacqui?Non posso di certo ricordarlo io che allora ero un piccolo batufolo di neve avvolta dal tepore paterno,sicura protezione

eh si proprio sicura non solo perchè il mio papà era un carabiniere

Perdindirindina!

Non ci spaventare Mari!

No assolutamente no è per dar voce al mio incipit

Severissimo papà Nicola ma mamma Giuditta lo era molto di più

Se i miei genitori fossero ancora vivi potrebbero testimoniare questo lieto evento,

la nascita del proprio figlio,i momenti concitati che seguono quando le prime doglie "appaiono".Io nacqui a casa,in un rione chiamato Villaggio Margherita( lo so l'ho

raccontato miliardi di volte.è la vecchiaia che è alle porte)

allora ai miei tempi quasi tutte le mamme partorivano a casa con tutti i pro e contro che possono accadere quando non ci si trova al sicuro in un ospedale.

Come avviene oggi nell'era dell'emancipazione dove possediamo di tutto e di più

soprattutto le comodità.

La mia mamma,donna di carnia forte come una roccia così come la mia nonna lavavano i panni nella canaletta del fiume,conoscevano bene le intemperie.

Quella notte la neve era molto alta,faceva freddissimo,il clima tipico dell'inverno ai piedi della montagna che adorna di bellezza la valle di Vittorio Veneto.

La natura umana ha le sue regole che contrastano molto spesso con la natura del mondo animale dove ogni strada battuta passo passo dall'uomo che ricerca sempre la sua stabilità e un organizzazione che gli consenta di vivere secondo degli schemi fuor dei quali sicuramente si perderebbe ,

viene abbandonata per la fortificazione della propria specie.

Le Aquile si corteggiano amabilmente,voracemente concepiscono in sincronia con il desiderio e il senso di possesso dell'uno verso l'altro verosimilmente assomigliando ,vivendo un matrimonio che ha i connotati sacri di un legame di gioia dolore e piacere nella libertà che stringe a sè come un filo di aquilone che va tanto tanto lontano pur rimanendo in modo indivisibile nelle mani dell'Amore.

Decidono quale dovrà essere la loro terra feconda,tra cielo e terraferma e il frutto del loro concepimento cresce e pasce secondo degli insegnamenti che avvengono per molti anni in un luogo al di fuori dei confini,i loro cuccioli da nomadi poi appena in grado di generare verranno lasciati soli affinchè vivano la loro vita responsabilmente.

Certo questo disegno creato dal Divino Amore di Dio Padre se posto a confronto con la vita di noi esseri umani

ci fa comprendere quanto siamo tutti genitori e figli a volte incapaci di insegnare e di apprendere allo stesso tempo

come di una mancanza di buona volontà di cambiare e di una immaturità che ci porta sempre più a vivere nell'insicurezza

a non lasciare che le esperienze ci forgino

a lasciare il certo per l'incerto

a percorrere le strade dove ci sono sicuramente più sassi da calpestare

più scarpe da consumare

più lacrime o sofferenze a volte da patire

ma che sono sicuramente strade dove la nostra bellezza interiore

diviene specchio di un benessere duraturo.

Questo mi hanno insegnato i miei genitori ma soprattutto tato e tata

ero io l'aquilotto

ora sono una bellissima aquila dalle ali grandi grandi

Grazie per questi insegnamenti

Questo sento in cuor mio oggi di raccontarvi

 

Auguro a voi tutti una lieta giornata

buon Gennaio

buone cose

un abbraccio e un vi voglio bene

 

grazie per il vostro affetto

 

Marilena ma mi fa piacere se mi chiamate Mari come sempre...

abbraccio

 

buon pomeriggio

 

 

 

 
 
 

Buon Anno!

Post n°182 pubblicato il 02 Gennaio 2016 da Marilena63
 

aquila reale

 

Mamma mea beddha quante emozioni intra sti giurni ca aggiu bbutu,

me sentu lu core leggermente affaticatu,

sulamente cu pensi ca n'annu arredu comu osci stia allu spidale de gaddhipuli ca sta me facine ssire paccia pe via dell'elettrocardio meu ca era nu sali scindi continu,nu sacciu ncora se foe l'ascensore ca me paria de stare 

intra lu film quiddhu comu se chiama,spetta ah si Serendipity,me l'aggiu vistu nu saccu de fiate,ci risi o era ca ncerane duttori mutu beddhi ca meiu cu nu be dicu de cchiui.

Sicuramente se ricordane de me,n'annu lu scianucchiu,n'annu la caviglia,

n'annu addhe cose mutu intime,n'annu lu puzzu mo speramu stannu cu nu me succede nienzi cchiu.

Nu su suta ancora de casa,ae de la sera de Natale ca su sciuta a messa ca nu essu,a parte cu ba fatiu.

Nu maggiu dati l'auguri mancu cu le amiche mei ,li vicini mei de casa

ciuieddhi,nu ndimu viste poi cchiui.

Quandu rriane le feste se sape ca ognunu tene de fare pe fatti soi.

Ma l'addhu giurnu ci risi,va me telefona ziama de dassusu a Milanu.

Ulia cu sape se era fattu le pittule.Certu te paria ca nu facia le pittule pe li fiji mei e marituma? E se no ci lu sente quiddhu,cu la oce soa de trombone.

L'aggiu fatte cu lu caulu,le paparine,la cicora,la pizzaiola,bianche ma nu tania lu cottu e m'aggiu prasciata per la provvidenza ca lu Signore ha donatu alla famiglia mea.

Poi tegnu n'addha zia benadica,m'ha dispiaciutu ca è caduta,pe furtuna nu è successu nienti.

 

Le zie mei se pensane ca su sempre piccicca,allora ieu le nsurtu,ndaggiu dittu ca nu me troane mai a casa ca m'aggiu zitata e me nde vau sempre a passeggiu.

Aggiu bbutu poi pe fine annu na sorpresa,na telefonata della tata mea.Mo sta be dummandati ci gghiè la tata

La tata ede quiddha cristiana ca te vide nascire e te crisce,te insegna mute cose de la vita.Sa fatta grande paru cu lu maritu sou,nu cristianu grande ca fatiava paru cu sirama.Pace all'anima soa.Mane telefonatu de Vittorio Veneto,lu paese meu cu me facene l'auguri pe lu nuovu annu,uline cu sapene ci tegnu ntenzione cu vau cu li trou a dassusu.

Addhai alla montagna ci suntu l'aquile reali.Be ricurdati ca aggiu scrittu puru na poesia dedicata a iddhe!

Ci su belle e maestose,cu d'ali perte ca rriane an cielu.

Vicinu allu Signore!

Poi n'addha fiata be cuntu puru de iddhe.Nu me pozzu emozionare mutu

poi me sale la pressione e tocca cu riposu 

Buon anno a tutti

quelli belli e quelli brutti

non abbiate pena

sono sempre io

la Marilena

Mi piace parlare a volte il mio dialetto che non conosco bene

ma scorre nelle mie vene

E poi la chiusa a questo discorso

la troverò in un secondo momento

Be mintu na canzone rilassante

ci gghiè beddhu no?

Nu be mozzacati li mani me raccumandu

Nu salutu alle amiche mei

Me raccumandu nu be viditi tutti l'episodi

sulu la canzone tocca cu be santiti

 

 

Buon fine settimana

be oiu sempre bene

 

Mari

 

 

 

 
 
 

Meravigliosa Madre

Post n°181 pubblicato il 11 Dicembre 2015 da Marilena63
 

natività

 

 

Meravigliosa Madre

- Madre mia -

 

Meravigliosa nuvola

sotto cui mi riparo

 

quando piove 

e il cuor mio

 

tormenta 

 

mi travolge

in seno copioso

 

 aperto il cielo

mi naufraga dentro

 

Meravigliosa Madre

- Madre mia -

 

Ci sono ancora giorni

popolati da inquietudini

 

e onde lunghe

che trasportano sogni

 

fiammelle per ogni lacrima

accesa dall'indifferenza

 

un giaciglio di paglia

ultimo approdo di un girovagare

 

lo sguardo di un bambino

sulla cecità del mondo

 

Quanto impiega un castello di carte

prima di cadere?

 

Quante parole tra le braccia

a cui dare un senso

 

un sospiro

un respiro

 

... con amore

 

 

siano lieti i giorni che verranno

sulle note di un canto che mi emoziona molto e che spero possa emozionare anche voi

e donarvi serenità...un abbraccio e un vi voglio bene

 

Mari

 
 
 

Tutte chiacchiere

Post n°180 pubblicato il 23 Novembre 2015 da Marilena63
 

 

conoscenza

 

Mi scusi signor poeta a cosa serve il pinzimonio?

Che domanda è mai questa signor lettore e i due conversavano per ore.

 

E' come affermare:a cosa serve l'allegria quando fuori piove e tu sei li dietro al vetro a porti le solite domande e a darti le solite risposte.A cosa serve il raggio di sole che asciugherà la pioggia,quando ne vien giù tanta?

 

Il pinzimonio serve a colorare la rappresentazione del dramma del singolo di fronte al mondo intero,a colorare il dramma di veridicità facendo si che la persona del poeta non si distacchi troppo dal contesto della sua realtà

La sua commozione,il pensiero interiore,la sua teatralità,il suo recitare il dolore o la gioia.La commistione col suo "pubblico".

Perchè dobbiamo pensare al lettore che passa di qui,quello che immagina di noi,quello che forse un giorno leggera il nostro libro.Ammesso che questo poi non lo sia già

Che bello vero? Il libro della nostra esistenza.

Non è che ci sia da ridere di fronte alla perdita di un amore,a un "qualcosa" di incalcolabile come è l'amore che non possiamo confinare in un perimetro e farcelo stare li.L'amore si libera da solo sempre dai vincoli terreni che noi gli diamo.A me piace parlare dell'amore soprattutto quando sto in silenzio.Parla da sè ,parla senza di me.

 

Si sorride e si piange su un palcoscenico,a volte anche in un momento sbagliato.

 

Si si lo so per questo io soffro e tu non comprendi.Vi stavo raccontando del mio perduto amore mentre altri amori andavano a perdersi.Non era solo un problema mio ma di tanti come me.

Scusa ma quello li che gli è venuto a mancare l'amore,che sta recitando mi chiede il mio vicino di poltrona potrei essere io?

Cioè lui sta li a raccontare i fatti miei in un certo senso?Ognuno di noi vive un palcoscenico.

Non è forse un indossare una maschera quando ci proteggiamo da un dolore troppo evidente?Per poi togliercela e svelare la natura che di ogni essere vivente ci mostra la sua fragilità e appartenenza a questo istante immenso che è il tempo che corre via molto più velocemente di quando lo abbiamo acchiappato nella clessidra.L'oggi che diventa ieri,l'ieri che diventa domani,il domani che diventa l'oggi.

Lasciamolo volare allora l'amore

all'orizzonte si profila il mare e le sue onde...il gabbiano vola in alto...a tratti confonde la pacatezza dell andirivieni di un emozione che bagna le sue sponde in altre sponde...risale ,piroetta,con la livrea ben lucente,si sfama,si poggia sullo scoglio la sirena ammalia...è il viaggio ma che a volte mai ritorna...come le parole che nascono vivono muoiono e poi al riposare vanno senza senno...

 

Tutte chiacchere signor poeta,oh beati voi poeti che del dolor rappresentate il melo che dall'albero suo precipita a terra e del suo tonfo prendete il dramma senz'arco e frecce,sol con un verso che punta dritto all'emozione.

 

Sono solo pensieri in libertà con la compagnia di un pò di buona musica per augurarvi una lieta settimana col mio solito abbraccio e il mio vi voglio bene.

 

Mari

 

 
 
 

E poi noi...

Post n°179 pubblicato il 19 Novembre 2015 da Marilena63
 

fiori

 

Buon anno a te Mari che con il tuo sorriso riesci a dare il giusto incitamento a chi vorrebbe sedersi ai margini della vita.

Sia tu fieramente umile,avvedutamente disponibile,contagiosamente sorridente,spiritualmente maturanda.

Ti conceda il Signore tutto ciò che serve al tuo vero bene,alla tua felicità,alla tua operosità.Auguri.

 

ricevevo questo augurio qualche anno fa,pochi giorni or sono se li conto

sul calendario,mi rendono lieta,mi fanno gioire del cammino intrapreso,nonostante i dubbi e le titubanze,le gioie e i dolori che sono il bagaglio che ci portiamo appresso quando diveniamo parte l'uno dell'altro,di chi incontriamo sul nostro cammino quotidiano.

 

E poi ancora...le tue poesie ,le tue frasi,le cose scelte da te...e il sogno,le mete che vuoi raggiungere in viaggio,le più lontane da qui...

"Noi con i fuochi suscitavamo amori.Amori frustati dall'acqua sorgiva"

 

E poi noi

stretti stretti

increduli e stremati

accaldati dall'attesa

bizzarra 

indifesa

E poi noi...

 

è l'amore che mi da forza,è sentire una mano che stringe la tua...

 

auguro tutto questo bene ricevuto a ogni donna,a ogni uomo,a ogni creatura che ho incontrato e che incontrerò sul mio cammino...

 

un abbraccio e un vi voglio bene...buona giornata...

 

Mari

 
 
 

Buona domenica

Post n°178 pubblicato il 15 Novembre 2015 da Marilena63
 

danza

 

 

Trascorro a volte parte del mio tempo qui in community a leggere i vostri blog,a scovare emozioni ,conversazioni,frammenti di quell'infinito che è la parola scritta che porta ovunque si voglia andare con l'entusiasmo e l'intensità del desiderio di apprendere,conoscere,accendere un lumicino ,intermittente a volte,l'importante che ci sia,che ci sia quel barlume di speranza,quel desiderio di tenere aperta la porta della conoscenza,del mondo che è attorno a noi,di tutto ciò che a volte sentiamo lontano da noi ma che è necessario scoprire.

Stiamo vivendo nelle ultime ore una grande tragedia nello scenario internazionale della quale non mi sento di esprimere delle opinioni,ho lasciato spazio un pò al silenzio dentro di me,che faccia lui il suo lavoro e il silenzio è sempre un buon compagno quando si vuol stare un pò in disparte sentendosi sensibilmente toccati da un dolore tanto grande che non lascia certamente indifferenti ma che ci fa tacere,sentire impotenti.

 

Ho cercato di spiegarvi l'altro giorno un pò, assieme alla mia sempre fedele allegria e voglia di vivere ,un pò del mio testo attingendo sempre dalla mia vita,realtà,esperienze,interazioni con chi mi vive accanto nella quotidianità perchè poesia è poi vera,reale,non solo un "prodotto" della fantasia.

Il poeta possiede una qualità o un brutto difetto a volte.Riscrivere tutto e il contrario di tutto o forse poesia altro non è che un continuo divenire

nasce e germoglia e nell'anima della persona del poeta

diviene arcobaleno di colori che danzano e che contrastano la realtà,danno voce al suo desiderio di vitalità e speranza di cambiamento sempre in positivo del mondo che lo circonda.

 

Per cui mille e ancora mille possono essere i significati del volo dell'anima in mezzo al grigiore dei giorni che sperano,cercano,trovano

si grogiolano ora al sole ora scompaiono nel buio

 

ma ritorna sempre quel sole che non tramonterà mai ,il sole dell'amore del buon Dio misericordioso.E io voglio crederci ogni giorno.

 

Vi auguro una lieta e serena domenica e chissà,speriamo di sorridere ancora

e che il mondo attorno a noi possa rasserenarsi

 

un abbraccio e un vi voglio bene

buona domenica

Mari

 

 

 
 
 

più del vento

Post n°177 pubblicato il 13 Novembre 2015 da Marilena63
 

speranza

 

 

è circoscritta la gioia dell'intimo sentire del poeta

a un attimo che è durato una vita

erano i giorni in cui

albe e tramonti ormai trascorsi

fotogrammi del suo sguardo che si posano

su scenari di memoria collocata ormai altrove

 

ci inserisco un pò del mio pinzimonio

 

ti saluto sai voce che non sentirò mai più

un addio

rassegnazione,ancora una flebile speranza

 

la mancanza di un amore importante che non si risveglierà

che non può più pensare,desiderare ma che si fa sentire

 

nel poeta che desiderava,pensava

e adesso può solo cullarne il ricordo

 

fu la morte così spietata a portarselo via

 

Oh mio amore

mio eterno bene

 

se stessimo a teatro

beh

 

qui sicuramente madame e messieur

 

fazzoletti a portata di naso

 

scrosch

 

tu seduta in terza fila

sposta quella testa cotonata

che non vedo bene il protagonista

per comprendere se sta recitando o è tutta la solita finzione!

 

 

tutto andava a finire

 

prendo in prestito la frase di un signore molto distinto

che dice più o meno

 

 

ci sono giorni in cui vorrei chiudere gli occhi

proprio perchè ho conosciuto il mondo

e so come accadono le cose

ma se li chiudessi

vorrebbe significare

che ormai è tutto finito e io voglio ancora

 

desiderare pensare vedere amare

vivere

 

quando ogni pulsione si addormenta

quando ogni voglia di vivere

se ne va

quando sembra che tutto

vada a finire

 

ci sostengono l amore e la speranza

 

il novello poeta si preoccupa del dopo

del che cosa dovesse trovare

lo cinge il silenzio e anche la paura

ma è più forte la vita dentro di sè

 

intonerei un canto?

sono parte di un disegno divino

 

sono nato e ho vissuto

un giorno morirò

ma era scritto di me su in cielo

 

Avevi scritto già il mio nome lassù nel cielo

(preso in prestito dalla musica)

 

conclude il poeta con ancora un desiderio

un testamento della memoria

 

quel che vorrei

dicessero di me

così  

come volevo andare,

come un paio di scarpe slacciate

che tu possa abbandonarle

per goder della frescura della notte

rientra di soppiatto

quando tutti dormono

senza lasciare pensieri 

 

Ho voluto vivere così

e adesso sono in pace con me stesso

 

per sentirmi libero

per sentirmi libera

 

per sentirci liberi

 

nell'immediatezza di un castello in aria

 

noi viviamo

 

un abbraccio e un vi voglio bene

 

con l'augurio di un lieto fine settimana...

 

Mari

 

 

 
 
 
Successivi »
 

IL MIO CUORE NEL TUO HO NASCOSTO

.
dono     
Rallegrati del bene che Dio ti ha donato e non piangere
per i miei dolori,se sai che il dolore nasce e muore
saprai anche che la vita non avrà mai fine se saremo
abbracciati alle braccia di Dio,sii paziente e fiducioso
e un giorno ci abbracceremo là dove il dolore ci ha separato.

Cuore di Maglia clicca

fiori
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

POESIA I MIEI LINK PREFERITI

 

Un grande Poeta...

Funambolo della parola

innamorato della poesia

e del suo pensare

in bilico sul crinale della vita...

sul filo della curiosità...

sulle tracce della sua anima

Un Uomo speciale...

una rosa per te...


 

 

 -

 



I miei scritti anche su
Scrivere  

 

Vi invito a leggere anche le amiche

e gli amici del sito :-)) grazie clicca

Scrivere

 

Cristina Khay   clicca

Contradditoria,spontanea,

provocatrice di pensiero

una grande poetessa ,

una Donna speciale....

 

 

Wolfghost Alla ricerca dell'anima clicca

 

Lilli e il Vagabondo

 

 

 

E' CANTO D' ANIMA



DolceAmaraMelannas clicca

un animo nobile...

il suo Canto é Poesia

purezza e magia

una Donna speciale...

 

Grazie di cuore Anna

per il regalo ricevuto

un bellissimo intreccio

d'Amore e Pace

 



 

I MIEI BLOG AMICI

- Atelier
- fluidiana
- INFERNO - CANTO V
- Un caffè dolce amaro
- volevo cercare oro
- karhysma
- Ginevra...
- La vita è 1 dono
- le matite dellanima
- Roseline
- Rose_Line
- my world
- Amore x la cucina
- Ostinato e Contrario
- AUTORE DI TESTI
- Chi trova un amico..
- LIONHEART
- ULTIMO AFFLATO
- Lamicizia ...
- Diario di una stella
- SEMPLICEMENTE....
- DestinazioneParadiso
- DIARIO DI UNA STELLA
- fior di loto
- SmilingMoon
- La via che non presi
- Il blog di Franz
- ANGEL FREE
- per una community :
- i miei pensieri
- LeNote_DellaMiaVita
- The Dark Side
- mirkan18
- Cucinamanumaxosa
- ...STREGATA...
- kaen
- Non solo ricordi
- TORMENTI
- Linea tesa
- MUSICA NEL CUORE
- GUARDANDOMI ATTORNO
- GOSSIP
- FARFALLA NARRANTE
- vivendo
- Dislessia
- PER TE
- CREDO E PECCATO...
- video1
- vita
- Love
- Gesù Risorto
- Un giorno per caso
- ilmondodellefate
- IL BLOG DI LUCA
- Nuccia Tolomeo
- UNA VITA DA LEGGERE
- MONDOLIBERO
- FREE TIME
- gocce di ardore
- Le mie Emozioni...
- DANIELA19712011
- Unghie da collezione
- Vivere darte
- Gioielli magici
- Il bacio
- EmoZIOnarMI
- love of my life
- io non sono abele...
- Una voce sussurrata
- Ok... La smetto...
- BLOG DI CRONACA
- Ilmondodellefate
- angelo senza veli
- MARCO PICCOLO
- La mia Anima2
- NEPENTHE
- Dark side of Mars...
- Poesie Per Resistere
- O.L.I.M.P.O®
- La....mia.......vita
- Leica
- Inquietanti sinergie
- IRaccontiDelCuscino
- Alberi_Nuovi
- WORDU
- ANGEL HEART
- maranatha!
- Tiffany
- Condividendo.
- LUBOPO
- Greta
- Moleskine.
- DON CAMILLO
- kimbe
- MINICAOS IN LIBERTA
- Flora
- Incanto e poesia
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

catydgl0Marilena63dolceamaradgl19il_pabloaldogiornoPerturbabilerolveronalubopostreet.hassleElemento.ScostanteGiuseppeLivioL2blaskina88unafatastregamichele.bi1980
 




NO alla pedofilia


 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

DICHIARAZIONE

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini usate per esprimere al meglio i post ivi contenuti sono prese dal web. Per qualsiasi esigenza di copyright contattate privatamente i gestori del blog,le immagini saranno rimosse
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20