Blog
Un blog creato da rustyprof il 13/10/2006

PETRONIUS ARBITER

"La missione di ogni essere umano consiste nell'essere una forza della natura e non un grumo agitato di guai e di rancori che recrimina perché l'universo non si dedica a renderlo felice". (G. B. Shaw)

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

m.a.restivoanna14111959luca.gentili87luciafrappampinabimbayokoarianna680vittoriio59vito.demeofippo1988nick23435456mauriziorodighieronello.atcinzia_perronevalentino.lilliambra.forconi
 

ULTIMI COMMENTI

ecco, appunto! Il Grande Gioco della Scuola prevede che lo...
Inviato da: rustyprof
il 24/12/2015 alle 01:03
 
miiiiiii...mi son innervosita ioooo
Inviato da: twisted_roots
il 22/12/2015 alle 14:48
 
ehm, no......
Inviato da: rustyprof
il 04/12/2015 alle 23:00
 
0___O università della QUARTA età?????
Inviato da: twisted_roots
il 04/12/2015 alle 18:00
 
mi auguro proprio di no...in questo momento ne ne abbiamo...
Inviato da: twisted_roots
il 12/10/2015 alle 16:44
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« giorno liberoUn gusto tutto particolare »

Signori si nasce

Post n°716 pubblicato il 26 Maggio 2015 da rustyprof
 

Sarebbe facile, da liceali figli della buona borghesia lombarda, contattare una ex prof per chiederle un favore in nome dei bei vecchi tempi, di quell'anno meraviglioso passato insieme, quando bastava la fiducia per rinviare un'interrogazione o per giustificare un'assenza che solo un malevolo vorrebbe tattica.

Sarebbe facile, da madri di liceali figli della buona borghesia lombarda, contattare la suddetta prof e chiederle con tatto di quantificare il suo disturbo per quel figliolo che in quell'anno meraviglioso passato insieme non ha imparato quel tanto che basta da scriversi da solo una lettera di motivazione.

Sarebbe facile, da prof reduci da dieci anni di liceo, considerare con sospetto quello studente di famiglia non eccelsa, dal curriculum scolastico che un eufemismo vuole travagliato, dai (tanti) interessi poco scolastici.

Sarebbe facile, da prof di liceali della buona borghesia lombarda, considerare con sufficienza quella pelle troppo scura, quello sguardo intelligente che troppo spesso durante le tue lezioni traccia sul quaderno segni di un'altra lingua, affascinante certo, ma diversa da quella che insegni tu.

Non è stato facile mettere dei 4 quando volevi gridargli maledizione, datti da fare!, ordinargli di mettere via quei segni strani e di seguire la lezione, continuare a discutere con i suoi compagni di dettagli che a te parevano sciocchezze e a lui facevano spuntare il fumetto "tempo perso" sopra la testa.

Poi però fai un favore a quello sguardo intelligente, che ti sa ringraziare con classe e discrezione, facendo, lui poco più che ventenne, un gesto di cui molti uomini adulti non sono capaci. Ed ecco che davanti ad un cappuccino vedi finalmente in piena luce quel volto serio, un obiettivo grande, un diminutivo che cela la necessità, il ragazzo diventato uomo. 

Una volta di più, sono orgogliosa di un mio studente.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

TUTTI I SANTI LUNEDÌ E VENERDÌ