Community
 
lascrivana
   
Creato da lascrivana il 19/09/2010
poesie prose e testi di L@ur@

Un passo indietro per farne uno avanti.

Per chi volesse leggere la storia"Un passo indietro per farne uno avanti" sin dalle prime pagine;basta cliccare sui link.

post. 1post. 2post.3post.4post.5post.6post.7

post. 8post.9post.10post.11post.12post.13pag.14

post.15post.16post.17 ...post.18 ...post.19 ...post.20 ...post.21

 

 

Un passo indietro per farne uno avanti.

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

- inpuntadipensiero
- trampolinotonante
- &quot;PSICOLOGO NATO&quot;
- Le mie emozioni
- I colori dellanima
- una via per tornare.
- Lady_Juliette
- loro:il mio mondo
- f&auml;nrir
- poesiaeparole
- Imperatore Ghiaccio
- antropoetico
- Fantasy
- Fili di seta sonora
- P o e t i c a
- Mariposa Narrador
- Fading of the day
- ..Frammenti di me..
- Mr.K torna...forse..
- Lollapalooza
- sottilMente
- confronti indiretti
- pensiero
- Nymphea.Seductive
- La vita
- miodiario
- OSTERIA..
- NON E UN BLOG
- SONO UN IN-COSCIENTE
- S_CAROGNE
- dino secondo barili
- Fuori dal cuore
- il paradiso perduto
- BISOGNO ANCHE DI
- La riva dei pensieri
- consapevolezza
- Cercoilcoraggio
- GENT DE NUM
- Navigando lentamente
- conoscenza
- stradanelbosco
- ALTRE VITE
- Schema Libero
- Black Snake
- delirio
- immagini
- Il Gioco del Mondo
- The Pretender
- A MENTE FREDDA
- SCARTOFFIE
- Lux Nigra
- Esistenza
- un giorno per caso
- emozioni in una foto
- libero pensiero
- parlodime
- putpurr&igrave;
- Diario di bordo
- MUSICAEPOESIA
- COGLI LATTIMO...
- il cobra
- The Seventeenth Day
- Eloquenzadelsilenzio
- AlfaZulu
- Miele.speziato
- SiAmo ?
- Mondo Parallelo
- ezio brugali blog
- moralibert&agrave;
- GRYLLO 73
- sogni nel cassetto
- SOSOLOESSEREBUONA
- acido.acida
- rosheen
- pensieri e capricci
- La Vita... Per...
- IRaccontiDelCuscino
- Development
- Anima.Sine.Requie
- Isobel Gowdie
- nella terra di Elron
- Noir Napoletano
- AL k5III
- Quello che ...
- La via dei Canti
- storie passate
- di tutto un p&ograve;
- il paradiso
- Nuvole di scrittura
- chiacchierando
- Liberi e giusti
- Paolo Proietti
- Sogni digitali
- sous le ciel de ...
- TRA FEDE E REALTA
- Scrivere? Mah...
- Sciarconazzi
 
Citazioni nei Blog Amici: 114
 

Ultime visite al Blog

lascrivanamonellaccio19ContessadeCastilliapsicologiaforensemusica_x_temohamed21MarquisDeLaPhoenixgryllo73surfinia60Parsifal_62chiedididario66vololowtizianacaterinabazzaqmrVE.LagunaNostra
 

Ultimi commenti

E' un vivere senza tempo questo.:-)
Inviato da: lascrivana
il 28/07/2014 alle 07:09
 
E' fantastico così. :-)
Inviato da: lascrivana
il 28/07/2014 alle 07:08
 
Pericolo scampato. Più di una volta. Ma questo è stato...
Inviato da: lascrivana
il 28/07/2014 alle 07:08
 
A metà. :-)
Inviato da: lascrivana
il 28/07/2014 alle 07:07
 
Dolce e salata è stata. Ciao:-)
Inviato da: lascrivana
il 28/07/2014 alle 07:06
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

Tra sogno e realtà . 2

Post n°878 pubblicato il 28 Luglio 2014 da lascrivana

" E FU PROPRIO QUANDO ORMAI NON MI ASPETTAVO PIÙ NULLA; CHE LE COSE INIZIARONO A CAMBIARE"

Passarono 30 lunghissimi anni da quell'estate in cui ebbi la fortuna di conoscere Lorenzo.

 Nonostante mi aspettassi un periodo di frequentazione più lungo, mio malgrado, i giorni, si ridussero solo a qualche settimana di vacanza: poi Lorenzo sparì in silenzio, nella stessa identica maniera in cui era apparso. Fu uno dei periodi più belli della mia adolescenza; non nego nemmeno che Lorenzo fu per me una delle mie più grandi ispirazioni per tutte le storie che si susseguirono nel mio futuro di scrittrice. Fu proprio merito suo che iniziai a scrivere. Comprai un diario, e dopo aver scritto dei giorni passati insieme: iniziai a fantasticare e a narrare di noi due. Fummo protagonisti indiscussi di mille vicende immaginarie. I miei libri andarono a ruba; e ben presto diventai una famosa scrittrice di romanzi rosa.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Tra sogno e realtà.

Post n°877 pubblicato il 26 Luglio 2014 da lascrivana

Una sognatrice non conosce misura; non ha limiti di spazio e di tempo.

E' difficile che si faccia seghe mentali sul proprio fisico; sull'abbigliamento; persino sulle proprie capacità intellettuali. Si costruisce un mondo tutto suo; dove solo a pochi è concesso il privilegio di entrare.

Si fantastica su personaggi reali, solo quando questi hanno avuto la capacità di sedurla mentalmente. Lo stesso accade con la natura: a volte ci si lascia catturare da un battito d'ali di farfalla; da una luna piena e sorniona; da un onda che s'infrange sulla battigia. Non ho smesso di sognare solo perché non ho più molto tempo per scrivere: sto solo immagazzinando le mie fantasie per un tempo più propizio. Fino ad allora non mi nego il privilegio della mia immaginazione; conservando con cura la materia prima che un :-) giorno darà vita a nuove narrazioni. Pensieri che aspettano con pazienza il loro turno per essere assemblate in un racconto e venire alla luce.   

Il che avverrà presto -è una promessa-.:-) 

 *******

 Quel pomeriggio, il mare aveva assunto un tono minaccioso. L'acqua, improvvisamente diventata scura si sollevava in grosse onde che avevano risucchiato tutto il bagno asciuga -costringendoci a mettere l'ombrellone a debita distanza.Avevo provato a fare il bagno, ma dopo essere stata sbattuta violentemente a riva da un onda gigantesca, e aver bevuto un po'd'acqua salata: rinunciai di malavoglia alla mia solita nuotata -anche perché mamma, da sotto l'ombrellone mi guardava con apprensione,chiedendomi gentilmente, di non farle venire il crepa cuore e di non entrare in acqua quel pomeriggio-. Dopo averla fatta sbracciare per un po' implorandomi di ubbidirle: decisi di accontentarla.

Mi sedetti al margine della battigia e affondai piedi nella sabbia bagnata -ricoprendoli totalmente-. Poi lasciai, che l'acqua che scivolava dolcemente a riva, ritirandosi, me li scoprisse con un sfregolio che mi solleticava tutta la pianta del piede. Mi piaceva quella sensazione di leggerezza cha provavo ogni qualvolta l'onda si portava via il cumulo di sabbia dai miei piedi. Pazientemente. ripetevo quella'operazione fino allo sfinimento. Le note del jeubox di un lido in lontananza mi martellavano in testa, a tal punto da non accorgermi di un ragazzo che si era seduto silenziosamente a pochi passi da me.

- Ciao! Oggi il mare è proprio cattivo vero? Accidenti! Non possiamo fare nemmeno una bella nuotata-

-A me non spaventa affatto! - Ribadii con tono infastidito e assumendo un aria da gran donna. Così dicendo mi alzai incurante di tutta la sabbia che mi si era infilata dentro il bikini. Per chi mi vedeva da dietro, nonostante il mio giovane corpo acerbo e ben fatto, non era di certo un bel vedere! Sembrava mi fossi fatta la popò addosso. Il ragazzo, alla vista di tale spettacolo, scoppio in una sonora risata . Imbarazzata, entrai in acqua nel vano tentativo di ripulirmi della sabbia in eccesso; ma un ondata gigantesca, ebbe la felice idea di sollevarmi anche il costume di sopra -rivelando un seno piccolo e ben fatto. Il ragazzo strabuzzo' gli occhi e si avvicino premuroso per trascinarmi a riva, prendendomi per un braccio. Stizzita, strattonai il braccio dalla sua presa, spingendolo sgarbatamente in acquae scappando velocemente a riva prima che un ondata mi travolgesse nuovamente. Improvvisamente mi sentii la vita vita circondata da un braccio forte e muscoloso; che mi trascinò fin dove l'acqua era un po' più alta infilandomi la testa dentro -non senza prima avermi tappato naso e bocca, per impedirmi di bere. Mi tenne per qualche secondo giù e poi mi tirò su. Iniziammo così la nostra lotta libera sulla spiaggia. Nonostante il brutto tempo, ci divertimmo parecchio quel pomeriggio, iniziando così una nuova amicizia. 

Mia madre ci guardava da lontano con aria compiaciuta; felice che avessi incontrato un nuovo compagno di giochi -almeno per un po' non le avrei rotto le scatole con i miei malumori e le avrei lasciato godere la vacanza. Per me invece era iniziata una nuova stagione -quella degli amori estivi- Ma di questo ne parleremo nei prossimi post.

 

Laura

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ritornerà.

Post n°876 pubblicato il 23 Luglio 2014 da lascrivana

Manca quell'alone di magia

che faceva brillare ogni poesia

Ogni parola da me formulata

riportava alla luce storia passata

Racconti, rime e mera filosofia

scaturivano dalla sorgente della mia fantasia

Con il suo calore, il freddo inverno riscaldava

e con la sua brezza  la calda estate rinfrescava

Briosa e scevra da qualsiasi ambiguità

creava personaggi di qualsiasi età

Ritorneranno quei tempi di alienazione

e allora il presente sarà di nuovo frutto

dell'immaginazione.

Laura


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il mio blog.

Post n°873 pubblicato il 18 Luglio 2014 da lascrivana

Aggiornare il blog per me non è un obbligo; non ho nessun secondo fine: nemmeno quello di essere tra i numeri primi.

Vivere ogni mia iniziativa con impegno e costanza: è una delle mie prerogative più ambite.

In qualsiasi esperienza che mi sia cimentata: mi sono sforzata a dare sempre il meglio di me stessa; non perchè volessi essere al centro dell'attenzione; bensì per la passione che condisce ogni mia iniziativa.

Sono la prima a godere dei risultati del mio impegno; e sempre la prima a rimanere delusa qualora non raggiunga l'esito sperato.

Io continuo ad essere la protagonista assoluta di questa mia vita; e qualsiasi cosa faccia, mi ritorna contro. Ecco perché mi adopero anche quando il tornaconto non si può quantificare in cifre.

Il blog mi ha arricchito culturalmente e spiritualmente; mi ha dato la possibilità d'interagire con menti affini e non.

Non sempre le persone si sono manifestate come speravo; ma ho imparato a convivere anche con chi è differente da me. 

Cosi come non sempre gli altri sono disponibili ad interagire con chi ha una mentalità diversa; ma io non mi cruccio affatto - ricordandomi che fanno sempre parte di quelle diversità con cui ho imparato a convivere. 

Un sorriso e una buona estate a tutti.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Abbraccio,

Post n°872 pubblicato il 14 Luglio 2014 da lascrivana

Un cenno, uno sguardo; un sorriso d'intesa

una parola, un passo che brucia l'attesa

Allunghi la mano per toccare l'essenza

testimone indiscussa della sua presenza

Gli occhi s'incontrano, le labbra si sfiorano

i respiri si fondono e corpi si agognano

Non perdi piu' tempo...

la siedi sulle  tue ginocchia

sciogli i capelli dalla rigida crocchia

Affondi la lingua nella sua bocca...

un bacio dal gusto dolce e salato

suggella l'incontro tanto anelato.



 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Non esiste rosa senza spine.

Post n°871 pubblicato il 08 Luglio 2014 da lascrivana

 Mi è sempre piaciuto rilassarmi sulla spiaggia: distesa sulla larga asciugamano; gli occhi chiusi con l'udito concentrato solo sullo sciabordio delle onde del mare che s'infrangono lente sulla battigia. Di tanto in tanto li apro per osservare l'immensa tavola d'argento che si estende sino all'orizzonte: la', dove il cielo e il mare si confondono. Il sole che si rispecchia sulle placide acque, invia bagliori scintillanti rendendo la visione ancora più suggestiva.. Mentre mi rivolto sull'asciugamo per vedere una serie di bagnanti che irrompe rumorosamente sul bagno asciuga: la fine sabbia mi s'infila dappertutto fastidiosamente. Mi rigiro nuovamente verso il mare per schiacciare una serie di moscerini che mi pizzicano le gambe; la pelle prude e brucia... sorrido e penso - ahimè! Non esiste rosa senza spine-.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Non sempre è possibile.

Post n°870 pubblicato il 07 Luglio 2014 da lascrivana

La consapevolezza di essere imperfetta, mi aiuta ad appianare le divergenze.

Ritengo che la colpa, di ogni discutibile situazione: sia del cinquanta per cento; non sempre chiaramente è per aver fatto un torto in qualche modo: bensì per aver tentato un approccio umano -anche questo è un errore-.

La presunzione di credere di essere in grado di gestire tutte le reazioni, mi porta a tuffarmi a capofitto anche in battaglie già perse in partenza: mettendo ancora una volta il dito nella piaga.

Rassegnata a questa mia imperfezione: non mi resta che trovare una soluzione anche per l'impossibile.

Ci riuscirò mai?

Mah! Solo il tempo può rispondermi.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Perché a volte capita.

Post n°869 pubblicato il 03 Luglio 2014 da lascrivana

Da qualche giorno ho messo in cantina le idee; se ne stanno li, ammassate, in attesa di un mio cenno di ripresa. Si guardano intorno sbigottite domandandosi il perché di questo mio strano silenzio. Ogni tanto si dicono tra loro -chi sarà il prossimo?- Fanno persino delle scommesse su questo. 

E mentre loro alzano le puntate; io vivo questo momento di stasi.

Quanto durerà? 

Non lo so! 

Ci ritroviamo al prossimo post; stesso posto, e forse anche stessa ora.

Perche' a volte capita che la vita ci chieda di fermarci e di concentrarci su qualcos'altro.

E' cosi ho dovuto cedere alla sua richiesta.

A presto.:-) 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La vita: non saremmo senza di essa.

Post n°868 pubblicato il 30 Giugno 2014 da lascrivana

Per poter sopperire egregiamente a tutte le responsabilità che gravano sulle nostre spalle: bisogna mantenere la mente lucida; e il corpo scevro da qualsiasi sostanza possa compretterne l'equilibrio. E' importante non perdere di vista l'obiettivo che è in primis e riguarda la salute e la psiche.

Non è affatto facile; e spesso si ha la tendenza ad affogare la propria incapacità nell'alcool, e in altre sostanze che apparentemente, sembrano sollevarci dall'oneroso peso: in realtà ci aiutano a sprofondare inarrestabilmente.

La scelta sta a noi, e alla nostra capacità di trovare la soluzione più adeguata alle nostre esigenze. 

Io ho scelto la vita.

Ho capito che il dono più importante è quello ... e non ha prezzo.

Nonostante le difficoltà odierne, che sembrano vogliano sommergermi; ho deciso di non lasciarmi sconfiggere.

Da brava guerriera ho affilato le mie spade e indossato l'armatura.

Ho invocato Dio perché mi sostenesse spiritualmente e ho eliminato tutte le cause che potevano compromettere il mio equilibrio e la mia salute.

Sempre pronta e guardinga; non dimentico che il male è sempre dietro l'angolo: pronto a colpirmi incurante delle difficoltà che già sto affrontando.

Succede anche che, se scruti con attenzione il cuore della gente: trovi anche chi è disposto ad allearsi con te e ad offrirti gratuitamente il suo appoggio -lungi da me l'idea di rifiutare la divina provvidenza- al contrario do' a tutti la possibilità di gratificarsi per l'opera buona compiuta.

L'orgoglio non mi appartiene: faccio buon uso della dignità e della fierezza.

L'aiuto non sempre arriva in denaro; ma anche con la solidarietà, con l'amicizia e con l'affetto.

Ci sono tre cose che i soldi non possono comprare: la vita, gli affetti e la vera amicizia; per tutto il resto c'è master card.

Considerando che ho a mia completa disposizione la cosa più importante e di valore inestimabile: tutto il resto è vano se sopprimo la vita.

Quindi perché avvilirsi? 

I guai si affrontano meglio con questo stato d'animo.

 Ma questa è solo la mia filosofia.

So bene che per molti non e così; spesso degenerano in follia distruttiva eliminandone le cause primarie della propria responsabilità: figli e moglie; e alla fine il suicidio.

Noi pensiamo che le guerre siano solo quelle che si combattono nei campi di battaglia?

Non è così! Oggi si perdono tante vite: vittime innocenti di un sistema ambiguo e ipocrita.

Quindi mi rivolgo a chi ha più potere: come io sono guardinga e combattiva per le mie responsabilità; siatelo anche voi per le vostre.

I vostri continui rincari; le tasse ingiuste che gravano sulle nostre spalle; la vostra egoistica ambizione: sterminano peggio delle armi.

Non sentitevi migliori di Hitler per il genocidio che state effettuando.

Altrimenti come spiegare l'alto numero di omicidio-suicidio dei nostri giorni?

L'ansia; la frustrazione e l'impotenza: sono le cause maggiori che portano allo sfinimento e alla follia.

Diffidando dal fatto che le mie parole non potranno essere accolte da chi ha la possibilità di migliorare le cose; mi rivolgo ad ogni singolo detentore della vita: impariamo a combattere sin da subito: ansie, paure e frustrazioni. Teniamoci lontano da droghe e alcool; e avviciniamoci di più verso chi ci consente la salvezza dello spirito per la preservazione della nostra stessa vita.

La messa è finita andate in pace; e che la mia omelia ci sia proprizia e di sostegno tutto il giorno! Ma anche quelli a venire eh!

Con simpatia e affetto

Laura.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Buongiorno tra i banchi di scuola.

Post n°867 pubblicato il 26 Giugno 2014 da lascrivana

Buongiorno! Anzi " bonjour a tute le monde" come ci soleva salutare il professore di francese appena entrava in classe. Mi sembra di vederlo ancora: alto, elegante, con un ciuffo brizzolato alla Sgarbi; occhiali spessi e portamento fiero. Oltre a scrivere libri didattici di francese; suonava anche il violino. Una persona di tutto spessore; e con un indole buona e generosa. Tutta la classe si prendeva gioco di lui e faceva baccano nelle sue ore di lezione; a rispettarlo eravamo in pochi. Ricordo che un giorno, notevolmente irritato dall'atteggiamento irrispettoso e inquieto dei compagni di classe; e dopo averci ammonito più volte; preso da un attimo di irrazionalità scaraventò a terra la cattedra. Io, che in quel momento mi trovavo alla lavagna per fare un esercizio: rimasi sbalordita del suo atteggiamento e dagli urli che lanciavano i compagni. Cercai di calmarli vedendo l'espressione agitata e confusa del professore, che si chiedeva disperato il perché nessuno lo stava mai a sentire: Ne ebbi una gran pena! Così mi avviccinai per confortarlo: ritenendo che aveva ragione e che la classe era davvero insopportabile. Anche i miei compagni, ammutoliti e colpevoli, si avvicinarono e mi aiutarono a mettere ordine la cattedra e il cartaceo sparpagliato a terra. Nessuno di noi parlò di quella storia, ne con i genitori, ne con il preside: consapevoli che avevamo superato i limiti. Il professore era l'anima più buona che avessimo mai incontrato; e ci feriva l'idea che eravamo riusciti a fargli perdere il controllo in quel modo. Il giorno dopo, nonostante non ci fosse l'ora di francese, venne a trovarmi in classe; mi abbracciò piangendo e mi chiese scusa, davanti alla professoressa d'italiano che mi guardava arcigna. A lei stavo davvero antipatica; e ha fatto di tutto per bocciarmi quell'anno. L'unica mia pecca era la geografia, e avevo trasformato l'interrogazione in una vera chicca per la classe che non smetteva di ridere. Da quel giorno, mi ha preso di mira, e non potendo giustificare in alcun modo il suo atteggiamento negativo nei miei confronti e i bassi e gli ingiustificati voti che mi metteva, diceva che lo faceva in quanto il mio quoziente intellettuale era più alto della media:

-badate bene ragazzi, la vostra è un intelligenza normale; e la sua che è superiore alla media-

E fu così che mi rifilò l'insufficienza anche la, dove non avrebbe dovuto; persino nelle materie in cui tutta la classe copiava da me.

Non insistei sull'argomento in quanto sapevo che quello era l'ultimo anno che mi era concesso di andare a scuola. 

Così lasciai che presentasse la mia bocciatura.

L'anno successivo presentai gli esami di seconda e terza media in un altro istituto scolastico. Studiai in privato utilizzando le materie scritte dei miei ex compagni cui scuola. Fui promossa con ottimi voti. Durante gli esami, aiutai sottobanco quelli meno preparati di me. La professoressa d'italiano -candidata agli esami- se ne accorse e mi lasciò fare. Solo alla fine mi abbraccio e mi chiese stupefatta come avessero potuto bocciarmi in seconda media.

Senza peli sulla lingua risposi -la professoressa d'italiano del vecchio istituto, mi odiava-.

Fu l'unica a capire che non mentivo. Se mi avessero creduta anche gli altri professori, non avrei affrontato la bocciatura.

Personalmente m'importava poco: poiché per ragioni familiari avrei dovuto comunque presentare la terza media in privato -non faceva alcuna differenza per me, se invece di un anno ne avessi presentato due-.

Alla fine, ebbi anch'io la mia più grande soddisfazione dalla stessa professoressa d'italiano candidata agli esami:

-Avessi avuto un alunna come te; non le avrei mai concesso di abbandonare la scuola-.

Vi premetto che fece l'impossibile per farmi continuare. Ma era destino che finisse così.

Anche se non mi fu possibile per cause maggiori, proseguire gli studi; non penalizzai mai la mia intelligenza. La mia curiosità e la mia voglia di sapere: sono insaziabili! Ragion per cui mi nutro di tutto quello che culturalmente la vita mi offre. Imparo da tutti e da tutto :dal professore al contadino; dalla terra ai libri; dalla natura alla tecnologia.

Laura

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

 

C@nt@storie e L@ur@ hanno il piacere di presentare il racconto: "Insegnami da essere figlia", un viaggio nel tempo che mostra i due lati diversi della medaglia: Mentre nel passato ci troviamo davanti a una donna in grado di gestire una famiglia sin da giovanissima, ma anche molto ingenua e infantile per quanto concerne i rapporti sessuali; nell'ambiente odierno ci troviamo invece a dover affrontare una ragazzina impertinente che già a dieci anni sa tutto sul sesso e a dodici ha già avuto il suo primo rapporto, ma che non capisce un accidenti di come si manda avanti una casa.

 

Colpevole o innocente?