Creato da lascrivana il 19/09/2010

ricomincio da qui

poesie prose e testi di L@ur@

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

Per chi volesse leggere la storia"Un passo indietro per farne uno avanti" sin dalle prime pagine;basta cliccare sui link.

post. 1post. 2post.3post.4post.5post.6post.7

post. 8post.9post.10post.11post.12post.13pag.14

post.15post.16post.17 ...post.18 ...post.19 ...post.20 ...post.21

 

 

UN PASSO INDIETRO PER FARNE UNO AVANTI.

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

- inpuntadipensiero
- trampolinotonante
- &quot;PSICOLOGO NATO&quot;
- Le mie emozioni
- I colori dellanima
- una via per tornare.
- Lady_Juliette
- loro:il mio mondo
- f&auml;nrir
- poesiaeparole
- Imperatore Ghiaccio
- antropoetico
- Fantasy
- Fili di seta sonora
- P o e t i c a
- Mariposa Narrador
- Fading of the day
- ..Frammenti di me..
- Mr.K torna...forse..
- Lollapalooza
- sottilMente
- confronti indiretti
- pensiero
- Nymphea.Seductive
- La vita
- miodiario
- OSTERIA..
- NON E UN BLOG
- SONO UN IN-COSCIENTE
- S_CAROGNE
- dino secondo barili
- Fuori dal cuore
- il paradiso perduto
- La riva dei pensieri
- Cercoilcoraggio
- GENT DE NUM
- Navigando lentamente
- conoscenza
- stradanelbosco
- ALTRE VITE
- Schema Libero
- Black Snake
- delirio
- immagini
- Il Gioco del Mondo
- The Pretender
- A MENTE FREDDA
- SCARTOFFIE
- Lux Nigra
- Esistenza
- un giorno per caso
- emozioni in una foto
- libero pensiero
- parlodime
- putpurr&igrave;
- Diario di bordo
- MUSICAEPOESIA
- COGLI LATTIMO...
- il cobra
- The Seventeenth Day
- Eloquenzadelsilenzio
- AlfaZulu
- Miele.speziato
- SiAmo ?
- Mondo Parallelo
- ezio brugali blog
- moralibert&agrave;
- GRYLLO 73
- sogni nel cassetto
- SOSOLOESSEREBUONA
- acido.acida
- rosheen
- pensieri e capricci
- La Vita... Per...
- IRaccontiDelCuscino
- Development
- Anima.Sine.Requie
- Isobel Gowdie
- nella terra di Elron
- Noir Napoletano
- AL k5III
- Quello che ...
- La via dei Canti
- storie passate
- di tutto un p&ograve;
- il paradiso
- Nuvole di scrittura
- chiacchierando
- Liberi e giusti
- Paolo Proietti
- Sogni digitali
- sous le ciel de ...
- Sciarconazzi
- Empire Of slack
- Voci dal Cuore
- Dillo a Parole
- Ancora una volta
- LA LUNA NEL POZZO
- libroblog
- ALI DI FARFALLA
 
Citazioni nei Blog Amici: 132
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gabbiano642014channelfytanmikVincy_70lascrivanaferrariorettamonellaccio19Vince198emma62rqmrchiedididario66fosco6exiettoSono44gattinfilax6.2
 

ULTIMI COMMENTI

Non mollare,sei una piacevole lettura
Inviato da: channelfy
il 23/02/2018 alle 09:37
 
Un sapore di festa per salutare questa settimana ed...
Inviato da: tanmik
il 23/02/2018 alle 06:56
 
Bellissima poesia.. La mia non c'è più,ma è sempre...
Inviato da: ferrarioretta
il 22/02/2018 alle 18:10
 
Nei tuoi scritti ci sei tu, la migliore essenza di te...
Inviato da: Vince198
il 22/02/2018 alle 15:34
 
Anche a te cara Patty.
Inviato da: lascrivana
il 22/02/2018 alle 10:55
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

 

La descrizione di un sentire

Post n°1488 pubblicato il 21 Febbraio 2018 da lascrivana

I miei scritti non sempre hanno la pretesa di apparire come poesie o narrazioni d'autore; bensì descrivere un sentire che vi dia modo di percepire la mia presenza spirituale in questo blog. Magari non sono sempre così brava a trasmettere empatia o emozioni; in ogni caso conta la considerazione che ho per chi mi legge. 

La presenza è importante nella vita di chi contiamo veramente ... E io, pur se a tratti con scritti banali, ci sono.

 
 
 

L'attesa del nulla.

Post n°1487 pubblicato il 18 Febbraio 2018 da lascrivana

Alcuni saluti sono lunghi come certe attese alla stazione; il treno ritarda, o ti sei partito da casa in largo anticipo, in ogni caso rimani in stand by finché non si decide a passare. Nonostante le lancette dell'orologio compiono lo stesso identico giro di tutti giorni, i minuti sembrano più lunghi, e le ore infinte. Non c’è nessuna fretta di andare … stai ferma senza pensare al bene o al male. Non è tempo di nulla questo … è solo oblio.

So che attendete un mio pensiero da giorni … magari non è quello che speravate … ma è autentico come sempre.

 

Ti amo madre …

Ti amo di quell’amore infinito che solo un figlio può provare

Ti amo madre …

Ti amo perché per un lungo tempo sono stata nel tuo grembo

Un lungo tempo che mi ha composto fisicamente

 E non c’era nessuno tra noi due a dividerci

Io ero parte di te come ogni organo che ti completava

E il tuo cuore batteva forte per far battere il mio

Ti amo madre

Ti amo perché mi hai dato la vita

E io custodirò per sempre nel grembo delle mie memorie

Il  dolce ricordo del tuo bellissimo viso.

 

 

 


 

 

 
 
 

Capita.....

Post n°1486 pubblicato il 05 Febbraio 2018 da lascrivana

Capita di non aver voglia di scrivere perché troppo coinvolta dal quotidiano.

Capita di non aver voglia di leggere perché troppo stanca per assorbire qualsiasi tipo d'informazione.

Capita di non avere tempo di aprire il blog per salutare i miei lettori ... ma non mi capita mai di dimenticare chi mi ha fatto star bene.

 
 
 

Libera di ballare

Post n°1485 pubblicato il 28 Gennaio 2018 da lascrivana



A piedi scalzi sull’erba umida

ballavi una danza gitana

al suono di una musica che solo tu sentivi

Tacchi a spillo e calze a rete

gonna corta e maglia scollata

ti muovevi sinuosa

al  ritmo delle note  pizzicate

sulle corde di una chitarra nostalgica

E ballavi ancora

anche quando la lunga veste bianca di morbida seta

e il lungo velo ricopriva il tuo sorriso triste

mentre con un sofferto si

appendevi le ali della libertà a un chiodo

E danzavi

anche quando pensavi che il tempo

ti avrebbe regalato solo giornate uguali

E poi un giorno

Danzando l'amore

arriva prepotente il frutto del tuo sacrificio

ed è stato subito bene 

Un bene così grande

da non farti più desiderare la libertà

E muovendoti al ritmo

di un dolore mai provato

hai dato alla luce un batuffolo rosa

E ora balli 

balli più di prima

 canticchiando una dolce melodia

cullando il tuo grande amore

sulle note della ninna nanna.

 

 

 


 

 
 
 

E poi ho provato a scrivere una canzone

Post n°1484 pubblicato il 19 Gennaio 2018 da lascrivana

Volevi che scrivessi una canzone, ed io ti risposi che non avrei mai potuto farlo senza musica; così ho messo su un motivetto e ho iniziato a cantare usando solo il pensiero e la tastiera del computer come quella del pianoforte.

 Pigiavo i tasti al ritmo della musica, e le parole scorrevano come corsi d’acqua nel fiume,

riempendo pagine  e pagine , cercando di dare una forma definita a un pensiero astratto.

Anche se è passato molto tempo dall’ultima volta che ho cercato di scrivere qualcosa, non ho dimenticato come si fa a chiudere gli occhi e a tappare le orecchie per ascoltare solo la voce del proprio cuore, che ancora una volta batte velocemente per te.

E’ amore ne sono certa, altrimenti tutto questo non sarebbe stato possibile.

E’ passione di sicuro, perché ce ne vuole tanta per continuare a credere ancora nello stesso sogno.

Ed io quest’illusione la nutro per continuare a librarmi in volo verso orizzonti sconosciuti, valicando alte montagne e attraversando lunghe distese di campi; ed è una sensazione che cresce a dismisura ogni volta che abbandono la testa sul cuscino…

 perché è tra le sue coltri che io ho imparato a evadere.

E mentre agli occhi degli altri apparivo immobile e dormiente, la mia anima aveva già lasciato il corpo per congiungersi con te nello spazio infinito dove i giorni non hanno ore, e i minuti non hanno secondi, 

nessun numero a separarci …

nessun numero per confrontarci

nessun numero per creare differenze e superiorità.

Solo immaginazione pura …

Immaginazione per coltivare lo stesso desiderio di evasione

Tanta creatività per costruire castelli su distese di sabbia fine senza che il vento poi li distruggesse con il suo soffio,

e cieca fantasia per scostare i lembi delle grigie nuvole per fare spazio al sole anche nei giorni bui.

Noi possiamo sedare le tempeste, fermare i terremoti e bloccare le piogge torrenziali;

 possiamo trasformare i cicloni in sussurri, e i diluvi in pioggerelline fresche e leggere.

Noi possiamo compiere tutto quello che è umanamente impossibile, per poi arrenderci disarmati dal sorriso innocente di un bambino;

 possiamo stupirci innanzi a un tramonto, per poi inabissarci nello sguardo limpido dell’ingenuo.

E poi possiamo anche fare così come ho fatto io, ascoltare una canzone straniera e inventarsi le parole in lingua natia, ripetendosi il motivetto in testa, quasi come se a eseguire le note del pianoforte fossero state veramente le mia dita.

Non ho voce sai, eppure oggi canto lo stesso…

Canto lo stesso …

Canto lo stesso per te.

 

 

 

 

 
 
 

Il bisogno di essere umani

Post n°1483 pubblicato il 12 Gennaio 2018 da lascrivana

Sofia guardava con tristezza il padre; la sua arroganza era pari alla sua presunzione, e il potere lo faceva sentire invincibile.

Negli anni aveva accumulato così tanto denaro da potersi comprare persino l’amicizia, l’amore, la dedizione e la riverenza.

Le persone si vendono per bisogno, per necessità di sopravvivenza, per ambizione e per vanagloria. Tra tutti gli individui, preferiva quelli che si vendevano per bisogno -almeno avevano una loro dignità; ma chi lo riveriva solo per soddisfare la propria vanagloria, gli faceva più pena di suo padre.

Erano uomini che non conoscevano religione e sentimento; vivevano alla mercé dell’apparenza e del successo … non avrebbero mai potuto capire il desiderio di Sofia di trovare un’identità fuori da quelle mura.

E per evadere da quell’ambiente venale e falso, scelse una località più povera per cercare di trovare un po’ dignità umana; che nel suo ambiente natio sembrava essere sconosciuta.

Riuscii a inserirsi nella vita di una famiglia povera, legando un’affettuosa amicizia con Elena: figlia di contadini che erano vissuti in miseria e ignoranza.

Si rese conto che chi meno ha, molto offre di se.

Sofia conobbe Elena alla stazione, proprio il giorno del suo arrivo in quel paese raccolto come un piccolo presepe ai piedi della montagna.

Elena, vedendo l’espressione spaesata di Sofia, non esitò un attimo per avvicinarsi e chiederle se aveva bisogno di aiuto.

Una reazione inaspettata per Sofia, di solito la gente non fa nemmeno caso a chi si sofferma alla stazione; ma in un paese piccolo che si sa tutto di tutti, non poteva di certo passare inosservata.

Sofia accettò volentieri la mano di Elena, chiedendole se per caso poteva indicarle la strada per recarsi a uno dei più vicini alberghi.

-Starai mica scherzando? Non hai letto sulla guida turistica che in questo paese non ci sono alberghi?-

Sapere che in quel paese non c’erano alberghi, spiazzò Sofia, che cercava di consolarsi chiedendo se ci fosse almeno una pensione.

-Te l’avrei detto se ci fosse stata una pensione. Il guaio è che fino a dopodomani non parte neanche un treno. E non chiedermi se ci sono affittacamere, perché ti dico subito di no-.

L’espressione spaventata di Sofia, impietosì Elena, che non sapeva proprio come aiutarla.

-Potresti ospitarmi in casa tua? Ti pagherò profumatamente-

Azzardò a dire timidamente Sofia.

-In casa mia? Ma non abbiamo stanze per gli ospiti! I pochi letti a disposizione sono già occupati dai miei fratellini-.

Gli occhi grandi e scuri di Elena, si specchiarono in quelli limpidi e azzurri di Sofia, e istintivamente capirono che potevano fidarsi l’uno dell’altra; poiché a Elena qualche soldino in più faceva comodo, e a Sofia premeva non dover essere costretta a passare la notte in quella stazione desolata.

Per la prima volta, in quella misera stazione, Sofia capì l’importanza della pietà, della gentilezza, dell’altruismo e della preghiera. Capii anche perché tra tutti i parassiti che circondavano la casa di suo padre, prediligeva la classe bisognosa.

Il bisogno ti rende umano e sensibile … ti fa capire che l’onnipotenza non esiste; e che presto o tardi, tutti ci troveremo ad aver un bisogno disperato dell’altro; lo stesso bisogno d’amore che qualche mese più tardi lesse negli occhi di suo padre, chiaramente dopo aver smosso mari e monti per trovarla. 

 
 
 

Talento che ispira sentimento, o sentimento che ispira talento?

Post n°1482 pubblicato il 11 Gennaio 2018 da lascrivana


Serena aveva una voce straordinaria, capace di comunicare con le note tutte le sue emozioni e le sue passioni. La sua abilità non consisteva solo nel saper cantare, ma anche nel creare testi e parole. Donna straordinaria che con la sua voce celestiale aveva conquistato il mondo; peccato che non era riuscita a fare breccia nel cuore dell’uomo che amava segretamente.

Sempre in tournee, non aveva poi molto tempo da dedicare a Davide, e di conseguenza non era nemmeno sicura se poteva avere delle possibilità con lui.  Di una cosa era certa Serena, che se aveva la possibilità di coinvolgere gli altri con le sue intense sensazioni, era grazie anche al forte sentimento che nutriva per lui.

Spesso si era domandata se non fosse grazie proprio a quest’amore segreto il suo successo; e magari inconsciamente lei aveva reso impossibile la coronazione del suo sogno, proprio per mantenere sempre alta l’ispirazione.

Se vedeva la cosa da questo lato, le sembrava di sminuire il suo talento e di usare la passione che provava per lui, solo per alimentare il suo successo. Un giorno di questi magari avrebbe provato a mettere fine al quesito dichiarando il suo amore a Davide.

-Si … un giorno di questi lo farò; ma per ora sono impegnata a scrivere un'altra canzone. Quando finirò di scriverla e cantarla, giuro che allora correrò da lui per svelargli i miei sentimenti! -

Sorrideva felice e speranzosa Serena mentre raccontava a se stessa l’ennesima bugia.

 

 

 

 
 
 

Ho scelto la vita.

Post n°1481 pubblicato il 10 Gennaio 2018 da lascrivana

Jean e Louis, due vite che s’imbattono proprio alla fine della strada. All’incrocio uno pensa che prenderà una via diversa; l’altro invece, pensa solo che sia giunto alla fine.

Chi dei due abbia ragione non si sa; l’unica certezza è il passato che si sono lasciati alle spalle.

Entrambi ricoverati nella stessa stanza d’ospedale, quella riservata ai malati terminali; entrambi consapevoli di essere giunti al traguardo.

I loro letti si fronteggiano, pronti al duello che vedrà solo un vincitore. Jean ha vissuto una vita onesta: lavoratore serio e umile, pochi soldi in tasca, ma tantissimi affetti. Aveva seminato tanto di quell’amore, che era impossibile non restituirgliene almeno in parte. Marito premuroso e padre affettuoso; amico fidato e collega disponibile. Erano veramente pochi quelli che si lamentavano di lui; a dire il vero solo i falsi e gli invidiosi.

Louis, invece si portava dietro un curriculum con una sfilza di precedenti penali non indifferenti.  Aveva portato il terrore nelle famiglie, deviando i loro ragazzi e inducendo le giovani donne alla prostituzione. Temuto da tutti, scambiava la forzata riverenza con il rispetto.

Louis continuava ad avere lo stesso sguardo sprezzante; e per nulla intimidito dall’imminente fine, imprecava Dio maledicendo il genere umano. Urlava contro infermieri e dottori, minacciandoli di rivendicazione da parte dei propri amici se non avessero usato nei suoi confronti la dovuta assistenza.

Jean, dal canto suo, osservava tutto con magnanimità, implorando le infermiere di avere pietà di lui, poiché se non si fosse pentito in tempo chiedendo perdono, avrebbe bruciato all’inferno per sempre.

Nonostante le fitte lancinanti, Jean aveva conservato la sua umiltà e la sua infinita pazienza. Prono innanzi alla fine avversa chiedeva perdono dei suoi peccati, e ringraziando il personale medico benediceva le preziosi mani che alleviavano i suoi dolori.

Louis scherniva Jean per la convinzione della sua fede, e tra un urlo di dolore e l’altro, lo derideva dicendogli che entrambi avrebbero messo fine alla loro vita con la morte del corpo.

-Idiota, pensi davvero che tu sarai trattato meglio di me! Non hai ancora capito che il mondo è di chi lo comanda; ed io ho fatto quello che mi pare senza pietà. Ho dato la merda nella giusta misura ai porci che ci governano, e mi sono preso da quei deficienti di cittadini quello che lo stato gli rubava a pieni titoli. Ho usato la loro stessa politica, e me ne sono fregato di chi m’inveiva contro. Miseri molluschi che meritavano di essere derubati da me!-

Era fiero Louis quando sbraitava con Jean in questo modo; sentiva di avere in mano la giustizia anche in punto di morte.

-Povero Louis, ti sei illuso per tutto questo tempo di avere in mano il potere, e hai distribuito amarezza a chi non la meritava. Ho sempre rispettato i miei simili; ed è l’unica cosa che mi consola in questo letto di morte. Ho gioito per ogni piccola conquista, e mi sono beato osservando il miracolo della natura. Ho lavorato il giorno e dormito la notte serenamente; e non mi è mai importato del denaro illecito che entrava nelle tasche degli altri. Mi sono schierato sempre dalla parte del debole e dell’innocente. Io sono convinto del paradiso, e mi auguro che Dio perdoni i miei peccati e mi accolga con lui-.

Jean rispondeva sempre così ai continui attacchi di Louis.

L’infermiera Daniela che si prendeva cura di entrambi, osservava silenziosa la diversità dei due; e mentre Jean le dava un senso di pace e la ricaricava di nuova energia, Louis la deprimeva con la sua acredine e cattiveria. L’uno, anche se in punto di morte, continuava a seminare bene ispirando forza con la sua dignità di uomo generoso e buono; l’altro invece, saturo di malvagità, esalava dal corpo putrefatto tutto il veleno che aveva raccolto dalla vita.  Daniela, grazie alla bontà di Jean, era riuscita a farsi una corazza che impediva alla malvagità di Louis di penetrarla.

La vita ti da la possibilità di scegliere … e Jean aveva scelto la vita.

 
 
 

L'importante è scrivere

Post n°1480 pubblicato il 05 Gennaio 2018 da lascrivana

Non è tempo di letture o scritture pesanti; non è tempo di polemica e di guerriglia … ho bisogno solo di spazi che siano capaci di farmi librare in volo; di cercare parole in grado di farmi sognare.  Mi manca la concentrazione necessaria per attingere alla fonte delle mie idee per creare nuovi personaggi che abbiano l’abilità di incantarmi e stupirmi.

Oggi ho potuto scrivere due parole solo perché sono bloccata a letto con l’influenza, altrimenti non ne avrei avuto il tempo.

Non solo le ali sono sinonimo di libertà e di volo; esiste anche quello che il pensiero compie con le parole: attraverso la magia della tastiera che da forma e contenuto a scritti e poesie.

So bene di aver già scritto di questo in passato, ma in questo momento non mi viene in mente altro. Magari avrei potuto fermarmi ancora per un po’ al mio ultimo post; ma avevo una gran voglia di scrivere.

Il pensiero è astratto e ripetitivo; ma anche il giro del parco che il ginnasta compie ogni giorno è lo stesso: eppure sente sempre la stessa necessità di mettersi in corsa. E non è solo per mantenersi in allenamento che corre, lo fa semplicemente perché gli piace

Ho nostalgia di quel tempo in cui la fantasia mi consentiva di creare un mondo parallelo in cui rifugiarmi quando tutto quello che accadeva fuori mi faceva star male.

La realtà gelosa di questo mia dimensione alternativa, ha fatto in modo che le mie responsabilità aumentassero e m’impedissero di avere sempre meno tempo per l’illusione.

E fu così che dovetti mettere in pausa la mia carriera di pseudo scrittrice.

 

 

 

 

 
 
 

E poi? .... (*__°)

Post n°1479 pubblicato il 03 Gennaio 2018 da lascrivana


Vuoi sapere se la mia è stata una provocazione? Ebbene si! Ammetto di aver volutamente cercato l’intrigo, risvegliando la curiosità, limando le lingue affilate, lievitando l’ego, suscitando persino scandalo e costernazione; sarcasmo e ironia, erotismo e sensualità. Ho esageratoancora una volta con le reazioni dei lettori vero? Ma che editor  sarei se non lievitassi le informazioni.

Mille nomi per definire il mio post precedente, mille verità prendono forma innescando sospetti e indignazione; la creatività del pensiero altrui non si pone limiti, così come non abbiamo limiti con la nostra immaginazione.

Abbiamo gonfiato ogni piccolo gesto, fino a farlo fluttuare leggero nell’aria; creato situazioni che trasudavano magia e erotismo. Abbiamo misurato le nostre capacità attraverso la critica e l’esortazione, correggendo e perfezionando, qualsiasi piccolo dettaglio.

E ora che i nostri pensieri corrono su binari paralleli, sono certa che ancora una volta saprai dare la giusta risposta ai miei pensieri.

Direi che abbiamo ripreso bene il discorso da dove l’abbiamo lasciato; non sembra affatto che sia passato così tanto dall’ultima volta.

Magari qualcuno starà pensando che sono matta, e mi vede con gli occhi allucinati e lo sguardo fisso nel vuoto, mentre gesticolando esalto il mio pensiero. Sorrido e mi gonfio d’orgoglio al pensiero di aver suscitato qualche piccola sensazione.

Oh, ma tu mi dirai che sto ancora una volta camuffando la verità distorcendola; ed io potrei anche risponderti che magari è possibile.

E invece no! Non posso rivelarti il mio segreto così su due piedi! Devo prima accertarmi che ancora una volta ho solleticato la curiosità degli astanti spingendoli a seguirmi.

Magari nel prossimo post riuscirò a inventarmi qualcos’altro per tenerli incollati sulla mia pagina … magari. Oppure pensi che annoiati, non arriveranno nemmeno alla fine del post? Vedremo.

 
 
 
Successivi »