**TEST**

Cronache di Toki

Cinema Cinema Cinema.. e non solo

Creato da GiuseppeToki il 03/05/2009

"Sono cresciuto attraverso il cinema. Se mi sono interessato alla letteratura, alla musica è stato grazie al cinema" (Michael Powell)

 

Tag

 

Visitate il nostro sito di Home cinema!!!

Visita  www.homecinemainside.it 

 Vuoi vedere la lista dei Film?  E' su "TAG" ! Cliccaci

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

anmicupramarittimastrong_passionShanin84raffadvpamelaricchettivanni68GiuseppeTokicondelloantonino57mauriziolibri72IlMilaneseHitchcocktonono62helga2008beppetokilennon927
 

FACEBOOK

 
 

 

 

« Pensiero StupendoReview »

Review

Post n°30 pubblicato il 28 Gennaio 2010 da GiuseppeToki
 

il Quarto Tipo (Olatunde Osunsanmi,2010)

Premessa: Il quarto tipo spaccia per vera la storia a cui si ispira. Mi sono documentato prima di vedere il film sulla vicenda della psicologa Abbey Tyler (Nome vero) e a quanto pare non siamo di fronte ad una vera e propria bufala, ma la verita' sta nel mezzo. Milla Jovovich interpreta appunto la psicologa, che nella misteriosa cittadina di Nome (in alaska), conduce una ricerca su delle misteriose forze ultraterrene venute a contatto con alcuni suoi pazienti. Il regista Olatunde Osunsanmi (presente nel film in alcuni momenti in cui intervista la vera Abbey Tyler) ha recuperato i filmati di queste sedute di ipnosi ricostruendoli insieme alle riprese sul set creando una sorta di gioco con lo spettatore curioso e originale, dividendo spesso lo schermo a meta' mostrando da un lato il video amatoriale, dall'altro la riproduzione dei fatti tramite attori e cineprese. Esperimento abbastanza riuscito e in grado di procurare in un paio di scene un grande livello di tensione emotiva (si salta letteralmente dalla poltrona), ma che non riesce ad assorbire lo spettatore con continuita' rendendo macchinoso il passaggio tra documenti reali e fiction. Buono il cast, con Will Patton nei panni dello scettico sceriffo August ed Elias Koteas in quelli di Abel, amico della psicologa. Se non credete minimamente alle vicende di questo tipo, il film non vi fara' certo cambiare idea. Se l'ufologia e' il vostro pane quotidiano invece il film potrebbe rivelarsi davvero interessante anche per i riferimenti alla civilta' sumera basati su reali interpretazioni archeologiche. In questo caso alzate tranquillamente di un punto il voto finale.

Voto : 6

 
 
 
Vai alla Home Page del blog