Cronache di Toki

Cinema Cinema Cinema.. e non solo

Creato da GiuseppeToki il 03/05/2009

"Sono cresciuto attraverso il cinema. Se mi sono interessato alla letteratura, alla musica è stato grazie al cinema" (Michael Powell)

 

Tag

 

Visitate il nostro sito di Home cinema!!!

Visita  www.homecinemainside.it 

 Vuoi vedere la lista dei Film?  E' su "TAG" ! Cliccaci

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

anmicupramarittimastrong_passionShanin84raffadvpamelaricchettivanni68GiuseppeTokicondelloantonino57mauriziolibri72IlMilaneseHitchcocktonono62helga2008beppetokilennon927
 

FACEBOOK

 
 

 

 

« ReviewLo sfavillante e magico ... »

Review

Post n°59 pubblicato il 11 Dicembre 2010 da GiuseppeToki
 

L'ultimo Esorcismo (Daniel Stamm, 2010)

"Se credi in Dio, devi credere anche nel Diavolo". Lo spunto iniziale di questo horror prodotto da Eli Roth (Hostel) e' interessantissimo e fa subito ben sperare per lo svolgimento della storia.  Il protagonista, tale reverendo Cotton Marcus, e' un ministro del culto che sfrutta il potere illusorio della fede per guadagnare soldi tra sermoni Dianetici e finti esorcismi.  Brillante, dissacrante e dotato di trucchi da Ghostbusters (come fili nascosti nella giacca che emettono rumori strani), Cotton finge di liberare dal demonio vittime  invero affette da normali problemi psichici per dare conforto a famiglie fin troppo chiuse dai dettami del cristianesimo per credere nelle cure psichiatriche. Contattato da un padre disperato nel cuore della Louisiana, decide di portarsi appresso la troupe televisiva per registrare il finto esorcismo, per poi utilizzarne i contenuti come arma contro le false credenze popolari e religiose. La giovane posseduta Nail (Ashley Bell), si rivela pero' ben piu' di una semplice psicotica, scaraventando il reverendo in un limbo tra realta' e suggestione.  Girato con camera a mano in stile Blair Witch project (tecnica oramai diffusissima, fin troppo direi) L'ultimo esorcismo finisce di coinvolgere proprio quando l'orrore vero ha inizio, a causa di una messa in scena debole e di scelte di script fuori luogo che si rivelano involontariamente ironiche (come la frase "reverendo vuoi una pompinetta?") ed e' un peccato perche' il colpo di scena finale e' quasi impossibile da prevedere, nonostante sappia di gia' visto e di classico del trash anni 80'.  Un 'occasione sprecata quindi, un'idea di base non male sviluppata senza "sense of wonder" horrorifico , tanto che consiglio agli appassionati di film sul tema di buttarsi piuttosto sull'ottimo "Exorcism of Emily Rose" di qualche anno fa, piu' scontato di questo ma di sicuro impatto e ben diretto.

Voto : 5.5

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: