Creato da odio_via_col_vento il 03/11/2005

Abbandonare Tara

abbandonare le sicurezze, i luoghi comuni, alla scoperta di cosa c'è fuori di qui

 

 

« San'Anna (o del non capire)Pensatemi..... »

prima o poi

Post n°891 pubblicato il 07 Agosto 2016 da odio_via_col_vento
 

 

Daryl Gortner, Preserving my Marbles

 

Giocavamo con le biglie sulla spiaggia.

Anzi, era più che altro un gioco da maschi e le biglie di quando ero bambina io erano già quelle di plastica, con dentro le foto dei giocatori di calcio o dei ciclisti, che non conoscevo, di cui non mi importava niente, che sbiadivano rapidamente al sole o si scolorivano, bagnate nell'acqua di mare.

Però mi piaceva il gioco, le piste nella sabbia, costruire muretti e ponti e piccoli laghetti per aggiungere difficoltà alle corse.

Mi piaceva; e piaceva a mio padre, privo di figli maschi, che io ci giocassi. Mi aiutava, mi insegnava.

Un giorno scoprii le biglie di vetro. Erano già antiquate, pesavano, nei sacchetti di rete, ma camminando facevano un nitido rumore: come di acqua sugli scogli. E poi i colori, quegli arcobaleni rimandati e franti dallo spessore del vetro. Ed erano un po' più costose, più ricercate, fragili, da non perdere nella sabbia.

Sognavo di farne un bracciale: che non ho mai avuto.

Una volta erano un gioco, un sogno, un caleidoscopio immaginario per i sogni di crescita.

Oggi stanno in un vasetto, su una mensola, in cucina. Fanno parte di un panorama distratto, non mi evocano più nient'altro che un briciolo di allegria se un raggio di luce le colpisce. L'allegria che danno i colori. Come il rosso intenso del pomodoro, il verde del basilico, il melone arancio e le pesche scherziate dell'estate.

Così passano le stagioni.

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/abbandonaretara/trackback.php?msg=13437751

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Santa il 07/08/16 alle 10:46 via WEB
Che bella combinazione, le mie stanno nella vetrinetta dello studio e nel leggerti sono andata a guardarle a caccia di buone memorie ^_^ Serena domenica.
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 08/08/16 alle 08:47 via WEB
davvero: ricordi che appartengono a tanti!
 
francy_62
francy_62 il 07/08/16 alle 15:03 via WEB
E chi non ha mai giocato con le biglie di vetro? Le ha avute anche mio figlio... (quelle coi ciclisti, pure). Ma dove siano finite le mie e le sue, non so. Solo ogni tanto, aprendo qualche cassetto, ne salta fuori una solitaria.... non c'entra niente col contenuto del cassetto, ma resta lì in memoria di altri tempi. Tempi lontani.....
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 08/08/16 alle 08:47 via WEB
in effetti: un mondo e forse dappertutto nel mondo
 
mpt2003
mpt2003 il 09/08/16 alle 01:04 via WEB
sono ricordi magici,le conservo anche io, in camera tra i libri più belli in un barattolo di vetro
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 10/08/16 alle 12:43 via WEB
mi pèare abbiano segnato il tempo di molti di noi.:)
 
trampolinotonante
trampolinotonante il 11/08/16 alle 21:48 via WEB
leggo che anche per te la scoperta delle biglie di vetro è stato un evento!! Io dico che , anche il vetro s'intende, ma più di tutto è la forma tonda che affascina. Per contro ci sono i dadi, ma non hanno lo stesso fascino, sono immobili, statici, poco coerenti con la tenera età!! Le biglie scivolano dalle mani, cozzano le une con le altere, scappano, e corrono...! volano,.... non ti dico quante volte è capitato di vederle rotolare per le scale... sembravano tanti fanciulli all'uscita dalla scuola ...Impossibile riprenderle,... Quante fantasie sulle biglie, e quella roba magica incastonata dentro??? ..... Ciao, tt
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 11/08/16 alle 22:47 via WEB
Già, come si costruiscono? Cos'è quella roba colorata? Se non era per paura di rompere una magia, avrei tentato di romperle per attivare all'interno.
 
   
trampolinotonante
trampolinotonante il 11/08/16 alle 23:11 via WEB
vorrei permettermi la citazione di uno dei versi più famosi della Commedia!!! A proposito di quello che dicevo delle biglie e dei dadi, ovvero sfere e cubi, ovvero cerchio e quadrato . Parlo dell'ultimo Canto, uno degli ultimi versi, un po'la sintesi della vita.:
".... veder voleva come si convenne
l'imago al cerchio e come vi s'indova...", un'impresa al di là delle forze umane Mah! un mio pensiero :)
 
atapo
atapo il 11/08/16 alle 23:14 via WEB
Nella mia infanzia ricordo al mare tante piste costruite e tante partite con le biglie di plastica dei corridori, giocavo con gli amichetti, senza distinzione tra maschi e femmine, ed anche col mio papà quando veniva a trovarci, lui che era anche appassionato di cicloturismo... Quelle di vetro costavano troppo, allora! Ne ho avute per casa con i miei figli, loro le usavano con gli amici, poi... tutte sparite!
 
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 12/08/16 alle 11:49 via WEB
ho trovato questo bel video sul processo di lavorazione: http://www.video.mediaset.it/video/come_si_fa/clip/474440/le-biglie.html
 
   
atapo
atapo il 12/08/16 alle 13:04 via WEB
L'ho visto e mi è tornato in mente che in Francia (mi pare in Franche-Comté, vicino a Vesoul) vidi in una vetreria queste lavorazioni con i vetri di vari colori mescolati, non erano biglie, ma il procedimento era quello. Dal vivo ancora più affascinante.
 
arw3n63
arw3n63 il 18/08/16 alle 16:19 via WEB
Io sulla spiaggia ho giocato più che altro con i miei figli, un lusso da bambina andare in vacanza al mare ci sono andata un anno troppo piccola per ricordare se non ci fossero le foto in bianco e nero e poi da adolescente a 14anni, le biglie credo d'averci giocato con i figli ma non so più dove siano e qualche biglia l'avevo anche da bambina ma mai giocato in spiaggia.Sì le stagioni passano si cresce, si matura e s'invecchia i giochi restano a ricordarci l'infanzia. Quelli dei miei figli li ho conservati, i miei quei pochi non so più dove sono finiti.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AGGIUNTE AL BLOG

Spesso qui non c'è posto per il mio personale rapporto tra pensiero e immagine.
E allora ho deciso di aprire un FOTOLOG: 

DALLE STELLE ALLE STALLE


Mi faranno piacere le vostre visite

 

AREA PERSONALE

 

HUMAN CALENDAR.COM

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

CherryslVince198phos3annisexantavenere_privata.xjeaningnuccimariomancino.mCoro56Retiredamistad.siemprehabitat_2008Sguardo_delle_stelleanto.gabryLess.is.moreTUTAMPONENpensierointrigo
 

LA FATICA È SEDERSI SENZA FARSI NOTARE

Tutto il resto poi vien da sé.
(Cesare Pavese)

web tracker
 
Citazioni nei Blog Amici: 154
 

HIC SUNT LEONES (OVVERO EXTRA-CONFINI)

Non solo mamma (lo spassosissimo diario di una madre di 3 maschi)

Ciurmamom (una madre indaffarata di 6)

Buba (una foto-e una poesia al giorno)
Prima o poi l'amore arriva (come sopravvivere ironicamente ad una separazione)
Ho sposato un beduino (una mamma alternativa, in esilio a Pisa)
Vesnuccia (da Torino una vita quotidiana con amore)
La casa sull'albero (ex-Sandali al sole)
Prendo appunti (la Profe, sempre Profe ma non commentabile)
Advanced Style (la moda delle bellissime "vecchie babbione" che hanno coraggio)
La Santa Furiosa (credevate di conoscere l'Orlando furioso, vero? questa ne è un'ottima alternativa)
Vita da museo (ora su Wordpress)


 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

PAPERBLOG