Creato da odio_via_col_vento il 03/11/2005

Abbandonare Tara

abbandonare le sicurezze, i luoghi comuni, alla scoperta di cosa c'è fuori di qui

 

 

San'Anna (o del non capire)

Post n°890 pubblicato il 27 Luglio 2016 da odio_via_col_vento
 

 

Albrecht Dürer, Sant'Anna

 

Era solo ieri, la tua festa, ma la tua figura si erge alta e dominante nella mia mente ancora oggi.
Una santa difficile, così ti ho sempre percepita.
Una santa relegata a fare la nonna, o, meglio che potesse andare, la madre vecchia, fuori tempo e fuori misura.
Una donna sterile per lunghi anni: con tutta la durezza che deve esserti servita per non farti piegare dal disprezzo di chi ti circondava e ti giudicava per non aver "saputo" essere madre.

Una moglie rifiutata, poi, che forse ha capito che l'unico amore di cui era fatta oggetto era quello come premio per essere quello che ci si aspettava fosse, quello che ci si aspettava facesse: e non per se stessa.

Una madre, poi, che ha presto rinunciato alla faglia, mai veramente "sua". Una figlia nata per uno scopo, con un progetto in mente, non ben comprensibile.

la madre dell'impossibile, la madre del miracolo.
L'antico Testamento è pieno di queste madri che sfidano le leggi della natura, il tempo, la sterilità: Sara, Rachele, Anna madre di Samuele, Elisabetta, Anna di Maria.

Che uno dei possibili significati sia la difficoltà a comprendere il figlio avuto tardi?
Figli che vengono tutti, in maniere diverse, abbandonati al Signore e ai suoi misteriosi piani?
Isacco sul monte Moriah, Giuseppe in Egitto, Giovanni Battista nel deserto, Samuele e Maria nel tempio?
Figli che seguono strade incomprensibili per queste vecchie madri?

 

 
 
 

Bentornata, felicità

Post n°889 pubblicato il 11 Luglio 2016 da odio_via_col_vento
 

 

Eric Fischl, Saint Barts Ralph’s 70th

 


Perché l'este è per tutti.
La rima farebbe "belli e brutti". Ma anche "giovani e vecchi" va bene.
"Magri e grassi", per continuare sulle opposizioni di questa società giovanilistica e anoressizzante.
Ma ancora di più, è di tutti coloro che la amano e se ne lasciano, ineluttabilmente, conquistare.
Amanti del caldo e amanti del fresco; quelli che si lamentano e quelli che si lasciano andare; chi ama e chi fugge l'amore; chi è sano e chi spera di farsi sanare dal sole e dal riposo; chi va in vacanza e chi può solo sognare sulle vacanze altrui.

L'estate è per tutti ed è di tutti: godetevela.

Le lunghe serate, la luce blu del nord, i tramonti, la polvere e il sudore, le zanzare e il profumo di citronella, la frutta più buona di madre natura, il tempo ritrovato per gli amici, le cene con pomodoro e mozzarella, i romanzi accumulati di inverno e abbandonati in attesa di questa stagione, i vestiti leggeri, i colori vivaci, il bianco accecante del mezzogiorno, lo scorrere del tempo che sembra rallentare, la lontananza da chi parte e la speranza del ritorno.

Bentornata.

 

 

 
 
 

La polvere del tempo - strane dimore 9

Post n°888 pubblicato il 30 Giugno 2016 da odio_via_col_vento
 

 

Istvan Sandorfi, Apparition

 

Era una vecchia signora di 101 anni, così vecchia da essersi ritirata, quasi mummificata, incartapecorita come una tartaruga, piccolissima e se possibile ancora più piccola perché incurvata nella sua nicchia, camera, letto e poltrona, da cui non usciva più.

Vedeva soltanto di lato, in tralice, e dovevi metterti accanto a lei per lasciare che la luce pallida del suo residuo visivo ti inquadrasse e la memoria potesse partire alla ricerca di un brandello, all'interno di quella lunga vita, di cui avevi fatto parte, in un certo momento.

Sentiva poco, ma amava raccontare tante storie, storie di tempi lontanissimi, strade polverose e assolate, lei che guidava un'auto aperta e rumorosa, la prima donna siciliana che avesse mai guidato. O almeno così raccontava: sono primati difficili a contestarsi o ad accertarsi, ma importanti ad affermarsi, nel costruire la propria storia come la storia di un mito.

Non raccontava mai niente di amori passati: ma c'era stato un marito, le carte di famiglia lo attestavano. Un uomo più anziano di lei, un matrimonio combinato, un facoltoso possidente che l'aveva accontentata in tutto, ma che era finito presto nella dimenticanza di quella polvere, di quelle strade bianche, di quel passato troppo lungo.

Incontrarla era un rito, non spiacevole, ma un po' imbarazzante. Come sentirsi sotto esame, nonostante la quasi totale cecità e la sordità. Dietro gli occhi vuoti percepivi il fantasma di una mente acuta e di una ferrea consapevolezza di stirpe.

Adesso in quelle stanze, talvolta, nei controluce estivi e tra il pulviscolo opalescente, sembra di intravedere una figuretta lenta, che si sofferma. A scrutare il vuoto, trafiggendomi e oltrepassandomi. Il fantasma di una antica giovinezza, quell'orgoglio proprio di una certa terra, il sole e la polvere che si fanno alone di luce.

Gli occhi vuoti.

 

 

 
 
 

Sottosopra

Post n°887 pubblicato il 20 Giugno 2016 da odio_via_col_vento
 

 

Hyeronimus Bosh, The Garden of of Earthly Delights (detail)

 

Tu ti affezioni e loro spariscono.
Tu hai creduto che fosse famiglia e invece.....?
Se Troisi diceva "Credevo fosse amore ed invece era un calesse", cos'è l'invece di famiglia? Come trovare una descrizione dell'assurdità dell'investire nei sentimenti e nella rete delicata e fragile dei rapporti e poi trovarsi con un pugno di mosche?

Le fragole in tavola; i piani per la vacanza; le ore notturne d'estate serene e pacate a vedere un film; i gatti arruffati e i cani da portare al parco; la gioia di tornare da ogni viaggio con un regalo in più; gli inviti e le visite a sorpresa; il sorriso largo e gli occhioni blu sgranati.
Adesso invece c'è un ragazzo scontroso (QUATTRO) che lo è ancora di più, la luce accesa anche di notte, il magone che sale, i pianti e il passare davanti a quella strada (ineluttabilmente vicina, inevitabile) e sentirsi stringere lo stomaco.
Adesso c'è da ricostruire, da consolare chi non vuol farsi vedere sofferente; c'è la delusione e il lungo pianto di questa strana primavera.
C'è la ragione che dice: va bene così, sono ragazzi. Ma c'è il dispiacere e la ferita di tuo figlio che chiama ad altri sentimenti.
L'impotenza: che siamo genitori a fare, se poi non sappiamo difendere?
Le foto da "epurare", da sfogliare velocemente per non soffrire.
La mia voglia di fare famiglia, di allargare i confini, di includere: è eccessiva, si dimostra tale, fa soffrire. Me, anche me.


Credevo fosse famiglia ed invece era.... ?

 

 
 
 

La barca a vela - un'altra vita 3

Post n°886 pubblicato il 16 Giugno 2016 da odio_via_col_vento
 

 

Vittorio Matteo Corcos, In lettura sul mare

 

Avevo un innamorato con una barca a vela.

Anzi, erano due fratelli ed erano un po' tutti e due innamorati di me. E io un po' di loro. Il più piccolo perché era bello, alto, abbronzato, e gli ridevano gli occhi, un po' infossati e nascosti da un ciuffo lungo di capelli. Ricordo che giocava bene a calcio e mi dedicava i suoi gol, nelle partite sulla spiaggia, in quelle luminose estati in cui certi innamoramenti leggeri si interrompevano con l'autunno ed erano poi pronti a ricominciare l'estate dopo, un appuntamento. Non a caso c'era una canzone: "stessa spiaggia, stesso mare".

Il fratello più grande era ovviamente più serio, un po' filosofo, con quel fascino che i ragazzi più grandi esercitano sempre sulle adolescenti. Era lui quello della barca a vela, era lui quello con la patente, era lui quello che andava e veniva, già libero di fare vacanze da solo. Mi sembrava che tornasse per me; forse me lo faceva credere, anche. Mi portava in barca a vela, una barca minuscola, un guscio. Ma era emozionante, mi sentivo prescelta. Erano gite assolutamente innocenti: parlavamo, mi interrogava un po' su suo fratello, credo volesse sincerarsi di non essere un rivale per lui.

La splendida costa della Versilia di allora, vista dal mare, era maestosa: le montagne che brillavano di chiazze di marmi, le pinete, la spiaggia sinuosa. Il mare calmo di settembre ci avvolgeva, si facevano bagni lunghissimi al largo, si seguiva il nuotare misterioso delle meduse.

Una volta l padre dei ragazzi, un signore compitissimo ed elegante anche nel suo antiquato costume da bagno, disse esplicitamente che sarei stata una nuora perfetta. 

Molti anni dopo mi ricordai di quel signore perché mio suocero gli somigliava. Anche lui pensava che ero una nuora perfetta.

 

 
 
 
Successivi »
 

AGGIUNTE AL BLOG

Spesso qui non c'è posto per il mio personale rapporto tra pensiero e immagine.
E allora ho deciso di aprire un FOTOLOG: 

DALLE STELLE ALLE STALLE


Mi faranno piacere le vostre visite

 

AREA PERSONALE

 

HUMAN CALENDAR.COM

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

odio_via_col_ventochristie_malryildiariodellalindaannab19740Rospo_Brianzolotrampolinotonantemanubol1mpt2003fenormone0ise84marifreddi1deteriora_sequorfrancy_62desaix62MAN_FLY
 

LA FATICA È SEDERSI SENZA FARSI NOTARE

Tutto il resto poi vien da sé.
(Cesare Pavese)

web tracker
 
Citazioni nei Blog Amici: 155
 

HIC SUNT LEONES (OVVERO EXTRA-CONFINI)

Non solo mamma (lo spassosissimo diario di una madre di 3 maschi)

Ciurmamom (una madre indaffarata di 6)

Buba (una foto-e una poesia al giorno)
Prima o poi l'amore arriva (come sopravvivere ironicamente ad una separazione)
Ho sposato un beduino (una mamma alternativa, in esilio a Pisa)
Vesnuccia (da Torino una vita quotidiana con amore)
La casa sull'albero (ex-Sandali al sole)
Prendo appunti (la Profe, sempre Profe ma non commentabile)
Advanced Style (la moda delle bellissime "vecchie babbione" che hanno coraggio)
La Santa Furiosa (credevate di conoscere l'Orlando furioso, vero? questa ne è un'ottima alternativa)
Vita da museo (ora su Wordpress)


 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

PAPERBLOG