Creato da DONNADISTRADA il 10/09/2008

Andando Per Via

visioni e immagini del mondo.. Quasi sempre la fotografia parla più delle parole.Un buon viaggiatore è colui che non sa dove sta andando. Lin Yu-t'ang

 

SOTTO A UN PONTE

Post n°437 pubblicato il 25 Febbraio 2015 da DONNADISTRADA
 

La tristezza qui è di casa. Anche la disperazione a dire il vero lo è.
Sotto un ponte, pensavo quando vivevo ancora qui. Poi non ho avuto il coraggio di finirci sotto al ponte.
O forse non volevo dare un dispiacere a mia madre. E ho organizzato una partenza più lieve.
Partire per andare a lavorare. Lontano ma per una causa giusta, pensavo.
Che illusione! Cercavo sempre e invano la comprensione e soprattutto quell'orgoglio che i genitori dovrebbero sempre avere nei confronti dei figli.
L'avere avuto dei figli, costruito una bella casa, le mostre fotografiche e i viaggi nei luoghi lontani non hanno mai ricevuto quella gioia che avrebbero, a mio parere, giustamente meritato.
Non si è mai ricordata di fare gli auguri ai miei bambini o al mio compagno per il compleanno. La mia data la ricordava, ma io stavo con i miei cari e avrei preferito che quegli auguri fossero arrivati.
Poi quando, ormai anziana, l'abbiamo presa in casa con noi, pensavo fosse ormai giunto quel momento per recuperare il tempo perduto.
La "poltromamma" diceva Alberto Savinio. Chi non l'ha mai desiderata?
Neanche allora arrivò il recupero dell'amore che non c'è mai stato. Se ne andò dopo un anno dicendo che non aveva bisogno della nostra famiglia. Aveva solo bisogno di divertirsi!
Morì dopo tre anni che era andata via dalla nostra casa.
E adesso che sono tornata per sbrigare quelle pratiche di cui non si può fare a meno quando muore qualcuno, il rimpianto e il dolore non mi abbandonano un solo attimo.
Mi consolo guardano le foto dei colori di Buenos Aires.
(perdonate sempre l'assenza! sono sempre in attesa che stia per arrivare il momento per diventare per molto tempo "di strada" e non solo per qualche mese l'anno.
Ho bisogno di autostima.

 
 
 

iN ATTESA

Post n°436 pubblicato il 24 Gennaio 2015 da DONNADISTRADA
 

In attesa   della libertà, rimetto in ordine i miei pensieri.
Adesso posso finalmente dire che è imminente.

Ancora quattro mesi e poi il volo.

Il tempo tutto per me, solo per me.

Non più il pensiero di dover tornarre dopo tre settimane, dopo un mese. Finalmente la possibilità di dormire lungo le strade o in una stazione o nelle case di chi ospita i viaggiatori.

Finalmente potrò dire di essere di strada

PATAGONIA

TRA NUVOLE E CIELO

PATAGONIA

TRA NUVOLE VENTO E IL LAGO ARGENTINO

PATAGONIA

NULLA

PATAGONIA

ANCORA TRA IL NULLA

 

PATAGONIA

SPERDUTI NELLA STEPPA PATAGONICA

 
 
 

Ritorno

Post n°435 pubblicato il 16 Gennaio 2015 da DONNADISTRADA
 

patagonia

Non è stato un mese facile.
Ero appena rientrata dalla Patagonia che mi è giunta la notizia che

mia madre è morta.

Non sono mai andata d'accordo con mia madre e a vent'anni ero andata via.
E in tutti questi anni quando l'andavo a trovare o veniva lei a trovarmi dopo i primi istanti di trasporto, iniziavamo le crisi.

Proprio per questo ora che non c'è più i rimpianti sono tanto più dolorosi.

Non è la prima volta che ho visto la morte da vicino.
Da bambina avevo perso mio padre ma avevo continuato a parlargli. Gli raccontavo le mie gioie e le mie pene.

Qualche foto dalla Patagonia, ne metterò delle altre nei prossimi giorni. Poi si esce allo scoperto purtroppo e la vita continua.

Perdonate l'assenza.

patagonia

 

patagonia

 

patagonia

 
 
 

il paese del vento

Post n°434 pubblicato il 27 Novembre 2014 da DONNADISTRADA
 

 E poi strade ancora tra il vento e il nulla (da non dimenticare però i turisti, che ci sono e anche tantissimi) verso una delle mete più acclamate della Patagonia. Sono i ghiacciai e bello tra i belli, anzi sublime. il Perito Moreno, imponente quanto vivo. La colata di ghiaccio di un colore stupendo: azzurro getta nel Lago Argentino e la caratteristica è che deve rompersi con fragorosi boati nell'acqua del lago. Spettacolo dei sensi.
Bellezza senza parole.
Il viaggio prosegua per la mitica ruta 40 verso il Sud sempre tra il vento e il nulla della steppa patagonica. Da un lato le Ande con le cime innevate e ghiacciaci, dall'altro la steppa coperta da cespuglietti verdi, qualche fiore, qui infatti è primavera e qualche volpe, branchi di guanachi ogni tanto ci attraversano la strada.
Prossima tappa il Cile, passaggio nella Patagonia Cilena per la ruta 9 CARRATERA AUSTRALE de LA FINE DO MUNDO.
Una giornata bellissima, sempre tra il vento e il nulla ci regalano Il Torres del Paine, un massiccio delle Ande cilene con delle torri che dànno il nome al monte. Tra laghi e collinette e poi la bellezza di queste cime. Anche il parco del Paine è patrimonio Unesco della Biosfera e vale davvero la pena spingersi verso queste latitudini così lontane.
Stamattina il vento è molto impetuoso nei fiordi di Puerto Natales e mi auguro che ci lasci percorrere il resto della ruta 9 alla volta di Punta Arenas. Partenza tra poco, sempre con la vecchia Ford ecosport che finora si è sempre comportata benissimo:)
Alla prossima e grazie di leggermi  

 
 
 

SUA MAESTA' IL VENTO

Post n°433 pubblicato il 27 Novembre 2014 da DONNADISTRADA
 

Dalla Penisola Valdès, volo per il Calafate nella regione di Santa Cruz. E' già Patagonia Australe. Qui regna il nulla e il Vento. Avevo letto di questo ventom impetuoso che impedisce di camminare, di scendere dall'automobile. Non so se ho visto ancora le raffiche più forti o forse nella tarda primavera ci saranno risparmiate. L'auto che abbiamo preso a noleggio è una vecchia Ford ecosport di cui le portiere dietro rimangono aperte anche se dovrebbero avere la chiusura centralizzata. La macchina è il mezzo più comodo per percorrere la mitica Ruta 40, in terra battuta, ripio, come dicono in lingua argentina. 
(A proposito l'Argentino si differenzia dal castigliano soprattutto perché non pronunciano la "ll" come il nostro gl, ad esempio il pollo non si pronuncia poglio, ma pojo e inoltre la S non viene pronunciata.)
La ruta 40 oltre per il fatto che avrebbe dovuto essere non "pavimentada", (la stanno invece asfaltando, permette di raggiungere le spettacolari cuevas de las manos, sito Unesco che mostra l'opera dei primissima abitatori del continente americano. Dipinti rupestri di mani, guanachi e qualche altro disegno ornano delle grotte e risalgono a novemila anni fa le più antiche.
Emozione pura è vedere l'opera di questi antichi nostri antenati.
Piangere in silenzio per l'emozione che non può esprimersi altrimenti. Con una tecnica tipo un aerografo   hanno fatto dono a noi di tanta emozione. 
Il nulla e il vento ancora lungo la strada di ritorno verso il Calafate e verso El Chalten dove le cime del Fitz Roy e il Cerro Torre, avvolte da nubi e dal vento.
Ancora strade tra il Nulla e il Vento. 

 
 
 
Successivi »
 

 

 

 

NY 1997 foto angela

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28  
 
 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 98
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK