Creato da odio_via_col_vento il 03/11/2005

Abbandonare Tara

abbandonare le sicurezze, i luoghi comuni, alla scoperta di cosa c'è fuori di qui

 

 

« Sdoppiarsi - strane dimore 4Un altro imperdibile app... »

Il cielo cade - per la Giornata della Memoria

Post n°798 pubblicato il 26 Gennaio 2015 da odio_via_col_vento
 

 

Lorenza Mazzetti

 

In occasione della annuale Giornata della Memoria vorrei parlare questa volta di un evento certo minore dello sterminio degli ebrei, quello avvenuto in un luogo idilliaco delle colline intorno a Firenze, di cui danno conto un romanzo ed un film dallo stesso titolo: "Il cielo cade".

 

 

Il cielo cade è un bel racconto autobiografico di Lorenza Mazzetti, pittrice e regista cinematografica che narra le sue vicende di bambina, scampata ad un eccidio nazista, accanitosi contro la famiglia di suo zio, Robert Einstein, che  sua volta era cugino dello scienziato Albert Einstein.

 


Dal romanzo, edito da Sellerio (che oggi potete comprare a soli 1 euro e 99 centesimi, se avete un Kindle e siete iscritti alle promozioni Amazon), è stato tratto anche un bellissimo film, dallo stesso titolo, molto lirico, pur nel racconto del dramma, che ricorda un po' la poetica dei fratelli Taviani, con Isabella Rossellini.
Il cielo cade, il film 

 

 

Per nostra fortuna è visibile anche su YOUTUBE, intero. Ve lo consiglio, anche se naturalmente la qualità video è modesta e non rende giustizia alla bella fotografia dei luoghi. 


La storia ve la faccio raccontare direttamente la protagonista: 


Cosa succede quando il cielo ti crolla addosso?
"Non hai scampo. Neanche il Padreterno può puntellarlo. Viene giù. E ti schianta. Senza ammazzarti. E pensare che il cielo quasi mai è chiamato in causa come fonte dei tuoi guai".

Ma il cielo è solo una metafora.
"Per una bambina non faceva differenza. Posso solo dire che ho saldato i miei debiti con la vita, prima ancora di viverla".

Così in largo anticipo?
"Sono stata precoce nel dolore. Restammo orfane con mia sorella a quattro anni. Morì prima nostra madre. Il chirurgo ipotizzò che una delle due teste fosse un tumore. Invece era un parto gemellare. Con nostro padre vivevamo a Roma. Faceva l'assicuratore. Perì in un incidente. Restammo per un po' con il suo amico Ugo Giannattasio, un artista futurista. Poi, a sei anni, fummo accolte dallo zio: Robert Einstein, cugino di Albert".

Qual era la sua storia?
"Era fuggito dalla Germania. Trasferì in Italia la sua fabbrica di radio. Quando cedette l'azienda convertì il ricavato in una grande tenuta in Toscana, appartamenti e ville. Fece investimenti interessanti. Aveva una moglie e due figlie. A me e a Paola ci sembrò di rinascere. Ricordo l'esultanza per i prati, i contadini, le gite. La serenità che tornava. Non distante da noi, a Sesto Fiorentino, abitava Maja, la sorella di Albert Einstein. Maja riceveva artisti e scrittori. Aveva sposato il pittore Paul Winteler, la cui sorella, Anna, si unì allo scienziato Michele Besso, un fisico che avrebbe avuto un lungo carteggio con Albert Einstein".

Era una élite di personaggi internazionali.
"Che si mescolava con quella fiorentina e italiana. Ricordo Giacomo Balla che fece anche un bellissimo ritratto di Luce, una delle due figlie dello zio Robert. Poi, all'improvviso, il cielo venne giù".

Come accadde?
"Fu durante la ritirata dei tedeschi. Avevano occupato parte della villa dello zio.Si respirava un'aria stranamente gradevole. Ci sentivamo un'aristocrazia al riparo dalla tempesta. Gli ufficiali erano gentili. Le interminabili partite a scacchi. E la musica: Mozart e Beethoven. Poi, quando il comando cominciò a partire, qualcuno avvertì lo zio che i tedeschi lo avrebbero arrestato. Non voleva crederci né lasciarci. Ma alla fine decise di fuggire e di nascondersi nel bosco. La villa si era svuotata. Gli inglesi bombardavano a qualche chilometro. Ci rifugiammo nella grande cantina. Arrivarono due soldati tedeschi, chiedendo dello zio".

E voi?
"Dicemmo che era dovuto partire. Sorrisero. Promettendo di tornare. E tornarono il giorno dopo. Erano molti di più. Chiesero ancora dello zio, poi delle figlie e della moglie. Le trascinarono sull'aia. Dopo un po', mia sorella e io, sentimmo sparare. Ci affacciammo, piene di angoscia. Vedemmo i tre corpi riversi nella polvere. Costrinsero noi e i contadini ad andare via. Appiccarono
il fuoco alla villa".

E suo zio Robert?
"Apparve improvvisamente, allarmato dalle fiamme. Lo vedemmo correre mentre il camion dei tedeschi si allontanava. I contadini lo fermarono. Sembrava fuori di sé. Implorava che gli dessero una pistola. Piangeva. Voleva morire. Lo condussero in quel che restava della villa. Lo calmarono. Il medico prescrisse psicofarmaci. Fu con quelle pillole che si suicidò, lasciandoci una breve lettera".

Cosa diceva?
"Chiedeva di perdonarlo per essere stato un po' noioso e a volte burbero. Dovevamo ricordare lui, le due cugine, la zia e gli insegnamenti che ci diede. Ci designò eredi universali".

Perché i tedeschi lo volevano morto e perché si accanirono sui familiari più stretti?
"La storia non ci dà chiarimenti sull'animo umano. Fu trovato un foglio attaccato a un albero: "Abbiamo giustiziato i componenti della famiglia Einstein, rei di tradimento e giudei". L'eccidio fu anche la ritorsione contro il cugino Albert. Era l'agosto del 1944. Ci trovammo nuovamente sole".

 

dall'intervista di Antonio Gnoli a Lorenza Mazzetti, in:

http://www.repubblica.it/cultura/2014/01/26/news/lorenza_mazzetti_i_tedeschi_
mi_fecero_cadere_il_cielo_addosso_ho_vissuto_tante_vite_per_
guarire_dall_orrore-76969241/

Se poi avete voglia di vedere i veri volti dei protagonosti di questa vicenda, ecco una raccolta di fotografie di famiglia disponibile on line:
 Album della famiglia Mazzetti

 

 


 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

AGGIUNTE AL BLOG

Spesso qui non c'è posto per il mio personale rapporto tra pensiero e immagine.
E allora ho deciso di aprire un FOTOLOG: 

DALLE STELLE ALLE STALLE


Mi faranno piacere le vostre visite

 

AREA PERSONALE

 

HUMAN CALENDAR.COM

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

CherryslemiliopierucciBibitaro_Afrikano202CONFERENCE_IO_2009giacomo.mangiaracinaPost.Scriptum.Mamistad.siempretrampolinotonanteannisexantaVince198phos3venere_privata.xjeaningnuccimariomancino.mCoro56Retired
 

LA FATICA È SEDERSI SENZA FARSI NOTARE

Tutto il resto poi vien da sé.
(Cesare Pavese)

web tracker
 
Citazioni nei Blog Amici: 154
 

HIC SUNT LEONES (OVVERO EXTRA-CONFINI)

Non solo mamma (lo spassosissimo diario di una madre di 3 maschi)

Ciurmamom (una madre indaffarata di 6)

Buba (una foto-e una poesia al giorno)
Prima o poi l'amore arriva (come sopravvivere ironicamente ad una separazione)
Ho sposato un beduino (una mamma alternativa, in esilio a Pisa)
Vesnuccia (da Torino una vita quotidiana con amore)
La casa sull'albero (ex-Sandali al sole)
Prendo appunti (la Profe, sempre Profe ma non commentabile)
Advanced Style (la moda delle bellissime "vecchie babbione" che hanno coraggio)
La Santa Furiosa (credevate di conoscere l'Orlando furioso, vero? questa ne è un'ottima alternativa)
Vita da museo (ora su Wordpress)


 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

PAPERBLOG