Creato da dreaming_cri il 16/07/2008
Ascolterò il linguaggio della tua anima come la spiaggia ascolta la storia delle onde (K. Gibran)

Area personale

 
Citazioni nei Blog Amici: 63
 

Ultime visite al Blog

cassetta2vivi64vtxileoeloisa1952maredinverno0silanzutrampolinotonanteIrisblu55lubopogiorgino41arcaninocara.callagiuliasassetti1987derivalchiarodilunacoluci
 

Entra anche tu nel club .....

Per Gentile Concessione .... di Lucrezia62

 

attestazioni









PREMIO Indissolubilmente Amici

Viene assegnato a siti o blog che si ritengono amici o perlomeno simpatici.

Un grazie a chi ha voluto assegnarmelo, per la stima e/o simpatia che dimostra nei miei confronti.

Fior_da_liso con il suo La posta del cuore

Stellaincielo con il suo Sogni e segreti

Tania.pv con il suo ->>Sole___Luna<<

Virgola.df con il suo @Ascoltando il mare@

 









PREMIO Webloglive

Viene assegnato a siti o blog che risaltano per la brillantezza nel design e nei contenuti.

Un grazie a chi ha voluto assegnarmelo, per la stima e/o simpatia che dimostra nei miei confronti.

Diane_71 con il suo Ok ci provo!

Profumo_di_caffe con il suo Io...Vorrei....

 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

 

« Post N° 257Post N° 259 »

Post N° 258

Post n°258 pubblicato il 30 Maggio 2011 da dreaming_cri
 

Questo è il periodo delle cerimonie.
Comunioni, cresime, matrimoni.
Ieri è stata la volta, per me, di una cresima. 
Una funziona particolare.
Il prete del paese è veramente un “mito”. Sembra un papà brontolone che, però, tiene molto ai propri figli, li conosce, e li vuole conoscere, uno per uno,  e, per questo, li sgrida quando deve, ma li fa anche sentire partecipi, a discapito, magari, del normale svolgimento della funzione.  
Dall’altra parte, invece,  il monsignore, rappresentante del vescovo, che, con il suo tono di voce molto soporifero e il modo molto formale di atteggiarsi, ha reso la sua “parte” alquanto noiosa.
Due modi differenti di essere prete, da parte di due uomini di un’età molto simile.
Due modi differenti di comunicare.  
Il primo di totale interazione, il secondo molto distaccato.  

Da anni non vado a messa, se non in  queste occasioni.
Personalmente posso dire che preferisco essere sgridata, ma coinvolta, che  essere ignorata, ma tenuta a distanza, preferisco essere parte di una comunità e non solo pubblico.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ilmondodicri/trackback.php?msg=10266395

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
labbrasilenziose
labbrasilenziose il 30/05/11 alle 10:02 via WEB
io mi sono allontanato da almeno un 18 anni.. una situazione dolorosa per me ha fatto in modo che io non credessi più in certi valori. L'ipocrisia che una dottrina che dovrebbe aiutare tutti indistintamente invece protegge sono una casta di "buoni cristiani" che presenzia la messa per lavarsi la coscienza di una settimana di cattiverie...
(Rispondi)
 
dreaming_cri
dreaming_cri il 06/06/11 alle 08:53 via WEB
anche per me è stata un allontamento del genere, crescendo ho notato degli atteggiamenti e dei comportamenti che non mi sono piaciuti, che ho reputato contrari alla dottrina che dovevano portare avanti, e in taluni casi mi sono quasi sentita rifiutata.....questo non mi è piaciuto e mi ha portato ad un progressivo allontanamento dalla chiesa, come istituzione......però assistere a questi modi di essere chiesa mi fa pensare che non tutti i preti siano così lontani da me.....
(Rispondi)
Ish_tar
Ish_tar il 30/05/11 alle 11:35 via WEB
NOn è così inusuale, con la crescita delle esperienze e della relativa consapevolezza, un allontanamento dal mondo della chiesa... Anch'io, ahimè, non sono praticante da un bel po' di tempo. Il fatto è che non sempre i pulpiti vengono usati per officiare secondo il rito, ma per puntare il dito contro errori (in cui si può incorrere tutti, indistintamente), o per gridare a gran voce dettami che solo gli ascoltatori dovrebbero recepire. Ma per fortuna non è sempre così. Ci sono anche persone che indossano "quelle" vesti con lo spirito di cristianità per il quale hanno abbracciato quel percorso... e si vede dal loro modo di porsi, dall'interloquire quasi paterno o, quanto meno, umilmente paritario, essendo anche loro creature di carne. Umanissime. E destinate a sbagliare. Ciao cri, scusa la mia lunga considerazione :) Ti auguro una splendida settimana, con un sorriso. ester :)
(Rispondi)
 
dreaming_cri
dreaming_cri il 06/06/11 alle 08:56 via WEB
non per altro, si dice "guarda da che pulpito viene la predica"... si perchè troppo spesso puntano il dito, senza cercare di capire il perchè degli errori e senza voler riportare a sè chi si sta allontanando...spesso mi chiedo se siano contenti di vedere nelle loro funzioni sempre le stesse facce e, soprattutto, facce di persone che talvolta sono lì solo per abitudine e non per reale volontà...
(Rispondi)
vivaildivertimento
vivaildivertimento il 30/05/11 alle 12:31 via WEB
Come tutte le cose è sempre una questione di stile...
(Rispondi)
 
dreaming_cri
dreaming_cri il 06/06/11 alle 08:57 via WEB
lo stile del prete mi è piaciuto molto...non lo conosco, ma mi è sembrato molto + "prete" del monsignore, molto più partecipe alla funzione che stava svolgendo e in queste situazioni penso sia importante sentire la partecipazione anche da chi dovrebbe essere un "maestro" di vita
(Rispondi)
discreto7
discreto7 il 30/05/11 alle 16:47 via WEB
da buon agnostico, mi sono allontanato dalla chiesa da oramai 30anni, in quanto molto deluso dai comportamenti e dai dogmi ipocriti, ho avuto diretta conoscenza del mondo neocatecumenale...e ne sono stato allontanato, pertanto se non sono obbligato, per motivi di pubbliche relazioni, a presenziare a cerimonie religiose...evito.
(Rispondi)
 
dreaming_cri
dreaming_cri il 06/06/11 alle 09:00 via WEB
a me piace andare in chiesa, ma non a messa.....mi piace cercare di comunicare personalmente con Lui nei luoghi a Lui dedicati...ma senza intermediari, che ho sempre più spesso sentito lontani da quello che predicavano...almeno la maggior parte di loro.....essere prete non deve essere "solo" un lavoro, ma, come per i medici, ad esempio, deve continuare ad essere una vocazione, un'attività svolta con passione
(Rispondi)
sunrise.1
sunrise.1 il 31/05/11 alle 17:44 via WEB
Ammiro l'anticonformismo di alcuni parroci che, talvolta anche con metodi poco ortodossi, cercano in tutti i modi di attirare la gente alle proprie funzioni religiose, talvolta raggiungendo anche dei risultati degni di nota. Anche nella Chiesa, non è tutto da buttare, per fortuna...
(Rispondi)
 
dreaming_cri
dreaming_cri il 06/06/11 alle 09:01 via WEB
anche io...sono quelli che, secondo me, possono avvicinare le nuove generazioni.....peccato che questi stessi parroci ricevano critiche da coloro che sono abituati al formalismo e non riescono a coglierne la sostanza
(Rispondi)
tecnicamente
tecnicamente il 01/06/11 alle 12:43 via WEB
Io sono una credente un po' particolare, ho sempre pensato che sia da ipotriti andare tutte le domeniche o alle feste comandate a messa e poi comportarsi da beceri durante tutto l'anno!! Al parroco che mi ha chiesto come mai la domenica non mi vede in chiesa gli ho risposto con un'altra domanda - perchè quando io vengo in chiesa lei non c'è mai? - non ha saputo rispondermi!!!
(Rispondi)
 
dreaming_cri
dreaming_cri il 06/06/11 alle 09:04 via WEB
sono pienamente d'accordo con te.....io pure spesso vado in chiesa, nei momenti in cui non ci sono funzioni, nelle chiesette più sperdute e solitarie.....trovo che spesso le messe siano delle funzioni a cui si partecipa per abitudine, per obbligo o per incontrare altri....ci sono molti che ci vanno convinti, ma poi nella vita di tutti i giorni non mettono in pratica quei principi tanto predicati... ci vuole coerenza
(Rispondi)
virgola_df
virgola_df il 02/06/11 alle 11:48 via WEB
Ormai da tanto, pur rimanendo comunque religiosa, non amo praticare! Sarà perchè come te preferisco esser prete piuttosto che pubblico!
Buona festa, amica cara… [click]!
virgola
(Rispondi)
 
dreaming_cri
dreaming_cri il 06/06/11 alle 09:08 via WEB
in molte situazioni mi piace partecipare e non essere pubblico muto, passivo.....quando ci sono funzioni di questo genere normalmente mi preparo psicologicamente a dover "annoiarmi" almeno un'oretta...è difficile sentirmi parte di un qualcosa...questo prete invece ci è riuscito, nella maniera poco ortodossa di celebrare una messa è riuscito a non rendere banale un atto fondamentale per ogni cristiano
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.