Creato da betulla64 il 22/12/2005
Il coraggio non mi manca. E' la paura che mi frega. (Antonio Albanese)

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Oroscopo

immagineVergine (23 agosto - 22 settembre)


"La mia ferita emotiva più profonda è stata anche una fonte inesauribile di gioie". Non ti rivelerò perché questa frase è molto importante per me: è una questione troppo personale. Ma tu, Vergine, potresti fare un'affermazione simile? Potresti interpretare la tua vita in modo da vedere un'esperienza dolorosa come una fonte di intuizione, ispirazione e vitalità? Il 2009 sarà l'anno ideale per compiere questo cambio di percezione. E il periodo intorno al solstizio d'inverno è il momento perfetto per cominciare. (Rob Brezsny)

 
 

Blo(g)cco Note

Sulla via che mi porta al lavoro c'è una casa abbandonata che, mi hanno detto da qualche giorno, è abitata dai fantasmi.
Non lo sapevo. Ma appena me l'hanno detto ho pensato: la compro io.
 

ARCHIVIO DEI POST

  '06 '07 '08 '09
gen x x x x
feb x x x -
mar x x x -
apr x x x -
mag x x x -
giu x x x -
lug x x x -
ago x x x -
set x x x -
ott x x x -
nov x x x -
dic x x x -
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Ultime visite al Blog

mariomancino.mbetulla64mdfacsdiscoinferno86mipiace1956annabaralisnicolabillaScottDouglasforestales1958cosimo.nettunomiracolo.iounlumedaunnumebagninosalinaronutellottaaatanksgodisfriday
 

Ultimi commenti

 

Sul comodino...



Preghiera della sera
 


 

Parole in musica

"El canto tiene poder,
tiene la fe que alucina,

la voluntad colectiva,
puede ser ola en el mar"

(Josè Seves)


 
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine

immagine
immagine
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Non conto un cazzo
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Messaggio #609Messaggio #611 »

Post N° 610

Post n°610 pubblicato il 10 Novembre 2008 da betulla64
 
Tag: dap




Sabato, giorno di spesa, come tante altre volte. Stesso giro, stessi prodotti, stesse commesse. Da mesi ormai, pur non facendo sfracelli, il mio muovermi nel mondo pareva più sicuro, con i miei giri solitari al mercato del giovedì, il mio entrare nei negozi senza pensarci troppo, il non prendere farmaci prima di uscire. Non una guarigione, certo, ma la sensazione di avere una sorta di controllo.
Supermercato, banco formaggi, il carrello di fianco, la lista della spesa in mano, lo sguardo all'offerta del burro Occelli che costa carissimo, ma sai la frolla come viene buona? E di colpo l'artigliata alla nuca. Alzo lo sguardo cercando mio marito e realizzo che si è allontanato, perso con il pensiero nella lista della spesa di sua madre. Allontanato.... ma dove? Mi supplico di rimanere calma, cercando di convincermi che tra poco sarà passato. Cerco di concentrarmi sui prodotti, sulle offerte. La mia mente terrorizzata cerca un appiglio qualsiasi, quello che di solito fa sì che superi le crisi di panico, ma questa volta non lo trova e mi sento precipitare, mentre lo stomaco risale pericolosamente verso la gola che si chiude, si chiude, si chiude. Non respiro e sento che sto per vomitare. Afferro il carrello e comincio a girare tra gli scaffali, tra vecchiette che ci mettono sei mesi a spostarsi (fanculo al rispetto! sto male!!!) bambini parcheggiati sui carrelli e magazzinieri che aggiornano le offerte tra quintalate di scatoloni accatastati alla bellemeglio. Lo trovo in fondo, tra i cibi per gatti. Sorride chiedendomi se so trovare la data di scadenza. Io, le mani ormai fuse sulla plastica del carrello, labbra di cera, sussurro un "panico" che lo lascia allibito. Non se lo aspettava nemmeno lui. Non lì dentro, non così intenso. Corriamo verso le casse, esco scavalcando lo scavalcabile e lasciandolo solo a sbrigarsela con due carrelli..... Fuori c'è il sole, l'aria autunnale mi riempie i polmoni e resto lì attonita, sconsolata, disperata.
Non ho voluto arrendermi e mi sono fatta portare prima al Brico e poi da Euronics, cercando in qualche modo di non darla vinta alla paura, ma il danno è fatto. Ancora una volta tutto da rifare, ancora una volta il frantumarsi delle illusioni. E io, stremata, a chiedermi se ne valga la pena.


Immagine: Swineblogger






 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/palabras/trackback.php?msg=5852932

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
kerovak
kerovak il 10/11/08 alle 16:44 via WEB
si....ti prego.....si
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 11/11/08 alle 08:13 via WEB
Salvuzzo.... la tua invocazione scritta così, se la legge mio marito son **zzi... :)))
(Vedi che non è così grave... riesco anche a prenderti in giro...)
profbet
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 11/11/08 alle 09:23 via WEB
Chissà se (forse) invece di <lottare e fare> non sia più utile riuscire ad essere come l'acqua. Inafferabile. Irresistibile. Arrendevole. Essenziale. "I 36 stratagemmi - l'arte segreta della strategia cinese" a cura di Gianluca Magi http://www.gianlucamagi.it/trentasei.html Chissà... baci (e non mollare) S.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 11/11/08 alle 11:09 via WEB
Forse sopravvaluti le mie capacita intellettuali... però ti ringrazio :) ...La parte che, ad una rapida occhiata, mi ispira di più è quella dedicata agli stratagemmi delle battaglie perse. L'ultimo è davvero illuminante :) ... e non mollo.
bet
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 11/11/08 alle 15:11 via WEB
cara bet e se invece di pensare di sconfiggere definitivamente, si provasse a pensare: "oggi non ce l'ho fatta, forse domani... vediamo!!" senza porre il limite del "per sempre, per mai, definitivamente..." Non è così che va la vita... E' andata così, domani andrà meglio. Tu non abbatterti, sennò ti fai fregare da quello stronzo di panico, non è facile abbattere definitivamente il nemico... ricomincia da subito, non ti dare la zappa sui piedi.. Le lotte finiscono con la m..... me ne frego!!! Non abbatterti! Sono anche io nella cacca e mi fregio di nuotare a dorso magnificamente, conservando la faccia pulita!! Sai che si può fare? castagne e vino e sognare nel sole dell'estate di san Martino , che verrà il giorno che... le case confinanti, un pezzo di orto dalla tua parte e uno dalla mia, il camino acceso, un lavoro a maglia avviato, due castagne, un sorso e due chiacchiere, ognuno col suo panico .. Ti abbraccio forte, Lume
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 11/11/08 alle 16:15 via WEB
Che bello leggerti mae'!
Vedi, io credo di non aver mai posto limiti, nemmeno alla mia sopportazione, però... è capitato a volte in questi mesi di pensare "dai che forse questa volta te ne tiri fuori" e scoprire di botto che non ne sono fuori per nulla un poco fa disperare. Ho avuto molte prove in questo anno di merda (pardonne-moi le fencesisme) di quanto io possa essere forte, così che non mi abbatto, no, ma mi piacerebbe essere forte anche quando si tratta di immaginare di venirti a trovare sull'appennino, e non solo quando mi tocca seppellire i morti. Essere forte anche nel prendermi il bello che mi spetterebbe di diritto....Vabbè... Ho delle girelle alla cannella che lievitano in forno.... se vengono buone come son profumate....mmmmmm... con un goccio di cosa ce le spazzoliamo? Una bbraccio a te e un calcio in culo al panico, tuo e mio :)
Sursum corda.... bet
(Rispondi)
whosthere
whosthere il 11/11/08 alle 18:05 via WEB
senza parole... un bacio
(Rispondi)
 
betulla64
betulla64 il 12/11/08 alle 16:24 via WEB
Rieccola! :)
(grazie...)
(Rispondi)
blueangel_it
blueangel_it il 12/11/08 alle 16:52 via WEB
Mattina ore 7 , apparentemente tutto normale, macchina, autostrada, casello...e poi coda. Accendo la radio, provo a canticchiare, ma niente, tra me e me penso ( ora metto il fazzoletto bianco e mi faccio strada, me ne fotto se trovo una pattuglia, poi glielo spiego), non lo faccio, mi vergogno, solo che mi accorgo di avere le unghie conficcate nel volante, non so nemmeno come fare a cambiare.Odio stare così, odio chi non capisce, odio tutti 'sti deficienti che la mattina dormono mentre sono in auto. Odio dover ricominciare una terapia ma so che fare l'eroina non ha senso. Si ricomincia Bet. Ma non sei sola..e non sono sola.
(Rispondi)
 
betulla64
betulla64 il 12/11/08 alle 21:25 via WEB
Si ricomincia, sì....
Sai cosa odio più di tutto? Che gli altri si siano abituati. È terribile, che si siano abituati...
Dico sursum corda anche a te Angelo e quando affondi le unghie nel volante, pensa che una che capisce, da qualche parte su pei monti, c'è.
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 15/11/08 alle 11:46 via WEB
E che dirti che non sia banalmente uguale? forza, forza forza...perchè è passato tempo tra un attacco e l'ultimo...e ne passarà ancora e magari di più....prima del prossimo.. E non ti chiedere se mai verrà, risponditi solo che sai che passerà...e avanti con la tua forza e il tuo sorriso, in barba a chi "si è abituato"...tu non abituarti mai... Elide
(Rispondi)
quotidiana_mente
quotidiana_mente il 15/11/08 alle 16:25 via WEB
Sì, ti prego sì! Per il Brico ho una passione, se vuoi la prossima volta ci andiamo assieme. Però sì, ti prego sì.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

Radiobet


 

È tempo di...



* * *

  
* * *

immagine
* * *


 

Parole al vento...

 "Laudato sie, mi signore,
cun tucte le tue creature..."


immagine


"El bosque precede al ombre
pero le sigue el desierto"
 

"Grande importante malattia quella di Basedow!... tutti gli organismi si distribuiscono su una linea, ad un capo della quale sta la malattia di Basedow che implica il generosissimo, folle consumo della forza vitale, il battito di un cuore stremato, e all'altro stanno gli organismi immiseriti per avarizia organica..."

da "La coscienza di Zeno"