Creato da woodenship il 23/08/2010

delirio

una spirale

 

a ragione

Post n°411 pubblicato il 15 Ottobre 2017 da woodenship

hai voglia ad incantare la fiera

con quel fare di pura ciarla

provandoci con ruffianeria

a spogliarla

lasciandola visibile e urlante

muta di vesti sul piedistallo

additata

ch'è fatica vana direbbe qualcuno

avveduto che tra uomo e bestia

si discerne appena lo scarto

compresso fraseggio di ciglia

in una manciata d'istanti in tutto

feroci d'inaudita violenza gratuita

prima che l'uno umano inabissi l'altra

disumana nella stanza insonorizzata

priva di finestre tra un polmone e l'altro

nel mediastino mettendola a tacere

ch'è consuetudine conformarsi

quando irraggia a giorno ragione

dai neuroni superstiti a mente

e non c'è ruggito che non si voglia

dalla quiete proverbiale d'un cimitero

silenziato

 
 
 

Dice lui di lei:

Post n°410 pubblicato il 10 Ottobre 2017 da woodenship
 

Bellezza chiama bellezza
vorrei tanto dirti studiandoti
per gli occhi entrandoti nell’anima
così da ritrovarci quelle morbidezze
che di te mi dicono nei sogni

parole tatuate nell'inconscio simboliche…

Si può essere geloso delle mere parole?
Delle nuvole che ci cingono le spalle
quando ci arrampichiamo in cielo
cercando di spremerne un verso
che una lacrima o un sorriso estorca
al viso che tanto si vorrebbe intriso di noi?
Ecco, allora: se tu sei poesia e poesia di te
sento, allora non avrò bisogno di chiamarti per nome.

Perchè nei miei versi eri, sei e sarai

ossessione seducente e passionale
amore in poche parole

di cui non esser gelosi ma solo parte in causa

poesia…

 
 
 

a saperci prendere il buono

Post n°409 pubblicato il 02 Ottobre 2017 da woodenship
 

Bisognerebbe saperci prendere il buono
dalle cose, lo so: molte volte l'hai detto.
Magari che si stava sulla soletta, pronta
armata in ferro per la gettata. Ricordo
del mio terrore per il vuoto tra le assi
sotto di noi seduti su quel vuoto. Anche
la paura prendeva sostanza, appesantendo
il fiato ed ammollando le ginocchia.
Ecco perchè la testa si rifiutava di pensare:
uno sternuto e sarei finito a volare. Cosa
non buona, diceva una vocina dal fondo:
non si vuol più sapere dei rami spinosi
d'arance o del profumo delle zagare?
Così ci si rimaneva lì, su quelle assi
inchiodate ad armare un solaio
che ci permettesse di ripartire
magari al riparo d'un tetto o fuori
sul balcone, pronti a decollare.
Ma sai che angoscia ti dà il fatto
che davvero non riesci più a tornarci
al punto di partenza? Ogni volta parti
vai con la certezza che ce la farai.
Allora giri e rigiri tra sagome metalliche.
Una volta stanco pensi a ciò che ti aspetta
lì, in quel medesimo punto in cui
l'hai lasciato. Credi di poterci arrivare.
Ne sei sicuro. E non hai capito che
tutto con te si muove: quando vai
ogni cosa ti segue come ombra
standoti appresso.

 

 
 
 

Schiocchi d'alghe***

... ad atterrarci sulle tue labbra, anche

per scommessa, come gabbiano rapace

rubarti bacio nel risucchio di sabbia

d'onda di risacca. Sconnessa bramosia

bocca a bocca respirarti sacerdotessa

d'amore celebrante orgasmo: roteando

i fianchi, di volta in volta d'un mezzo

tono più a fondo, concorrerei soffice

di piume a strapparti gemiti, tra gli schiocchi

d'alghe sui fondali bassi nel ventre

scossi dai tremiti di voglie

... Così, l'uno dentro l'altra, calarti

all'orizzonte come fossi sole nel mare...

vibrando di raggi guizzanti, lascerei

che imbruniscano con i seni pure

i sospiri: disegnate sagome di noi

aggrovigliantisi in abbracci sazi di luna

occhieggianti perle sulla rena annerita

che senti desiderio

cogente

... Ad ammararci sulle tue labbra, anche

per scommessa, ritrovandomi in te

laguna che mi schiaffi in volto i tuoi

flutti...

 

***Di come, da un gioco, possano nascere spunti molto interessanti: gioco da blogger a blogger, rispecchiando ruoli, messaggisticamente parlando.

Grazie di cuore a tutti voi ed in particolare all'amica e blogger ispiratrice.

......................W...........

 

 

 
 
 

Promesse

Post n°407 pubblicato il 21 Settembre 2017 da woodenship
 

Promesse al sole sbiadite

sfumano vele

fantasma all'orizzonte...


Promesse al tempo rimesse

e dal vento compromesse

le labbra screpolano di sale


Promesse che solo la notte

sa del loro essere

negli occhi stelle riflesse

 
 
 

Ad un incollo dalla scollatura

Post n°406 pubblicato il 16 Settembre 2017 da woodenship
 

Qualcosa sembra sfuggirti non meno
non alle labbra e nemmeno agli occhiali

forse quello sfarfallio sul reggiseno

sfacciato di segno

O, magari, ciò che esso a fatica contiene
e con ali imbarazzate raddrizzi di stoffa

intorno ai seni sfuggenti:

reggiseno di parole dette e sorrise
non meno.

 
 
 

L'albero dei morti

Post n°405 pubblicato il 09 Settembre 2017 da woodenship
 

Luna
luna bella
dove mi porti tu
colombella?
La cenere nell'urna
scaldando, al mese
risorgi; del bilancio
ignorando i saldi
nel mondo degenere
torni piena su moncherino
a stazionarci.
Eppure sai ch'è di poco conto
l'albero dei morti: morenti
stillano sudore estremo
dal vivere, su per la schiena
alla nuca: fluviale clamore
di voci fino alla vastità
delle tempie, depauperata
intelligenza
... Che prenderci dalle parole
cosa vuoi che ci prenda?
Le chiacchiere scorrono in gola
fanno male e sanno di fiele
come una birra di poco prezzo
o una pizza di poco prezzo
che, se ogni cosa ha un prezzo
ben poca cosa ha da essere quello
umano. Un'altra cosa alla buona
forse l'ultima, me l'hai
insegnata: è per la testa
che ci se ne vien fuori
... Ora che ti allontani algida
luna
luna bella
dove vai tu
colombella: perchè
tanto strepito, rantolo
soffocato
dal fondo dell'abbraccio
già che brilli infine appena fuori
dal cranio?

 
 
 

Albinedia

Post n°404 pubblicato il 31 Agosto 2017 da woodenship
 

Albina la stagione da griot*: troppa

la calura e da troppo non beve, come

solo un'albina dall'Uganda fuggente

rabdomando prostrata, ch'è da lungo

tempo che si va solo a tratti, boccheggiando

goccia a goccia mendicando, che non

s'intende se non ragione astratta ormai

al peregrinare. Nata precoce e già piena

di crepe è nella sua stagione: avida leviga

arida velata di sabbia atavica, bella di giornate

d'alabastri e creta essicata; donna

tra le donne dai capelli crespi di spighe

bruciate, escissi vaneggi dal vento recitati

ch'è luglio e non dovrebbe cader foglia

ma queste s'ammonticchiano lo stesso

fradice. Domani ch'è agosto, il merlo

suonerà la sveglia: secco sarà il verso

un ciack per la diva di sabbia fluente

di miti. Forse così deciderà di defilarsi

da depositaria: rapida ed ispida recitando

in sequenza breve commiato alle stirpi

in campo lungo svanendo prima

dei titoli di coda. A meno che, oltre ogni

intelletto, quando le foglie cadranno

questa volta storia di stagione

non ce la si ritrovi rammaricati noi:

come incantesimo asciutta nel narrare

col piglio sicuro della leggenda nel canto

che da lontano viene magia.

E non più in grado noi di stare lì

e contarle nell'aria novembrina

le storie morte: anche noi rabdomando

per letti di fiumi e laghi essicati

di fiabe d'acqua.

 

*Griot: cantastorie nella tradizione dell'Africa centro occidentale

 
 
 

Che agosto non è alla fine***

Post n°403 pubblicato il 19 Agosto 2017 da woodenship
 

 


 

 

Con te sto che vorrei scrivere di noi

in contesto vacanziero/ mi sarebbe

piaciuto: scrivendone come solo sa il vento

quando sfrangia le nubi

con grafia nervosa e fine

dando loro forma animata, persino

con l'impertinenza d'un sussurro all'orecchio

brezza che sa rendere manifesto l'umore.

Così ci provo lo stesso: semplicemente

inchiostrando un foglio malinconico

ch'esplodente trema di te, pur lontana 

comunque assente; al boato

spostando un'emozione/ mobile

orpello di costruzione sovraccarica

d'un amore. Alla parete, invece

rimane poco esposto

e lacero, manifesto invito: flutti

sovrastanti con spruzzi le torri

dagli esotici lapislazzuli color pastello

nello sbiadito blu cobalto del mare

come pure il tetto di palme intrecciate

della capanna senza pareti

...che agosto non è alla fine

e con te sto che vorrei scrivere di noi

nel composto furore

che non ha fine.

 

***26/08/2014 woodenship(riveduta)

 
 
 

Perseidi(stelle cadenti)***

Post n°402 pubblicato il 12 Agosto 2017 da woodenship
 

...i predoni in suv sfrecciano

vecchia la strada, nuovo il totem

a rotelle, da riasfaltare

come sandali bucati:

 

Perseidi sono granelli d'universo

a contatto con l'atmosfera

s'incendiano pulviscolo

stelle cadendo

 

...i desideri espressi inseguono

paralleli

 

... non si consumasse si sarebbe più poveri

e poveri fa brutti sporchi e cattivi:

 

"ricchi fa belli"

 

direbbe l'Odisseo del Volturno all'Iro di turno

prime d'infilzarlo con dardo di rimessa

... tanti i fantasmi d'intorno

consistenti di nebbia

 

ad essi di tanto in tanto

un baluginio sfugge

sull'acqua concorrendo:

 

gioca di riflessi

sul mare reso rancido

glauco miraggio

 

... ed è al confine che ci s'incrocia

fantasmatica imprenditorialità al semaforo

giusto a lavarci il parabrezza per un euro

(ad andar bene alla volta che ci si sta).

 

Piovono stelle anche di giorno:

all'incrocio ci sta il vigile

per indirizzarle su Marte

 

ma noi alla zattera

già diretti al confine, sappiamo

che è lì che ci si incrocia

sul confine

 

... funesta che rimorda sotto traccia

a tratti remota impercettibile

e che poi riviva improvvisa

inaspettata sete di sangue

 

rigurgito sbotta vapori

sfuggente follia purpurea

sul campo svuotati

lascia perdenti:

 

che all'infinito non ci si incroci

restando paralleli?

 

***Ogni anno gli sciami di corpuscoli celesti ritornano, in questo periodo in particolare. Così mi piace far tornare a cadere certi pensieri...

 
 
 

Gocce in_volute***

Post n°401 pubblicato il 06 Agosto 2017 da woodenship
 

Tra cielo e cielo ci sta la cornice

limitare pesante d'intagli di nuvole

A cascata infiorescenze ne scrosciano fuori

esseri annacquate essenze

dalle molecole a tratti mutanti: d'acqua

Creature alate volubili

migranti e confuse alle correnti

verso un dove che non è terra


woodenship 08/04/2013

***Riveduta

 
 
 

Festa e festa

Post n°400 pubblicato il 31 Luglio 2017 da woodenship
 

Come ad una festa

io ci andavo incontro

Chè ognuno si diverte

come può e crede meglio:

per me era infuocata

esaltante movida

quel tramonto.


 
 
 

Ci ripensi

Post n°399 pubblicato il 23 Luglio 2017 da woodenship
 
Tag: Incubi

Ci ripensi ch'è forse poca cosa

che non varrebbe nemmeno la pena

starci su un momento di più

giusto il lampo di una spia

rossa non già di pericolo, ti dici

bensì di vergogna per lo spreco:

tempo sottratto al sonno delizia

l'inezia d'un sogno

del noceto dalle piante brumose

folte le fronde fumose di frutti

ovali nequizie esiziali da percuotere

malli da spezzare brunite corazze

una volta frante liberanti blatte

non gheriglio, a frotte nere ed infestanti

incubo disperso ritornante broglio.

Frantumìo senza costrutto, ci ripensi

pullulescente da guscio marcio

ti convinci.

 
 
 

Alla fermata del bus

Post n°398 pubblicato il 16 Luglio 2017 da woodenship
 

Come darne colore dell'aria tersa
imbrunescente tra costole di gru
bascullanti su palazzi dalle luci
moltiplicantesi nell'accendersi contagio?
Tanto si carica di tonalità
da opacizzare anche i sensi
con quella stanchezza di testa
ottundente a sottintendere il perdersi
nel correrle sempre appresso
magari mescolandone sfumature
col gracchiare oscuro di corvidi
chè, alla notte, essa resta legata
pur con ali di latta annerita
faccia inchiodata alle radici
indecifrabile tinta da discernere.
... Così, se doveste vedermi intento
alla fermata del bus ch'è 'l vespro
seduto che scrivo: non tediatemi
con cosa o chi mai arriva
sto solo cercando di mescere terre
dandoci un volto e linguaggio
ad un colore primo sfuggente 


 
 
 

Asimmetrie

 

 Esalati dalle nari paura ed odio

nel fango si resta afflosciati

deprivati del sangue d'un botto

verità oscena manifesta si è

cavata dalle orbite oscure cavità

realtà esplosa da occhi fuggiaschi

ramazzati per le strade

nei campi ammucchiati

autobomba dopo autobomba

rappresaglia dopo rappresaglia

in scomposte pose impietriti

pedine d'asimmetriche strategie .

Negative l'una dell'altra

in fotocopie sbiadite, dimenticate

a loro volta dimentiche del sermone

della sura, del dollaro, dello struscio

sul corso, dei profili sul web

di testa martiri arruolati

allucinate e perse

ancorchè la chiamassero

"Guerra infinita"

la verità

e le vittime civili

effetti collaterali

... Ma il bello è che alla fine si perde

 il motivo si perde: amici o nemici

 ci si perde restando lì

 ognuno nel proprio angolo

 sepolti e basta.


 
 
 
Successivi »
 

Video lettura della poesia"Dimmi"

da parte di Klara Rubino,

poetessa

https://youtu.be/l2BZnGiKHk0

 

SO FAR

I'm so far

too far

i'm going more far

like a comet

living the solar sistem

 

 

LADY DAY

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

woodenshipEMMEGRACEdonadam68gaza64monellaccio19ranocchia56ninograg1molto.personalelacey_munrogiampi1966channelfyIrrequietaDoltreL_auraseveral1lacky.procino
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 185
 

Insieme possiamo tutto...Possiamo creare una grandissima rete di blog capaci di pubblicare all'unisono lo stesso post-report abuse, in modo da creare un "muro" di messaggi in grado di raggiungere e sensibilizzare il maggiore numero di persone possibile.

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail. Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia. PS: Sono felice dei vostri commenti, ma ai commenti preferirei la condivisione di questo post nei vostri spazi.

Per favore, copia e incolla questo post ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

 

http://digilander.libero.it/misteropagano/woodygold0.gif

 

V2