ECCHIME

Almanacco de quando me pare

 

AREA PERSONALE

 
who's _nline
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 90
 

 

 

 

Battaglione Alleato

Post n°1928 pubblicato il 24 Aprile 2017 da jigendaisuke

Avete mai sentito parlare del Battaglione Alleato e
dell'Operazione Tombola? Probabilmente no.
In breve, si tratta di una delle tante operazioni congiunte
Alleati-Partigiani, in questo caso con l'obiettivo di
colpire il quartier generale nazista di Botteghe di Albinea,
cuore della linea gotica.

E così,  un nutrito gruppo di parà britannici, agenti del SOE
(il servizio segreto di guerra inglese), francesi, russi, disertori
tedeschi ed austriaci, partigiani garibaldini (PCI), cattolici e
militari, si lanciarono nell'operazione Tombola.
Uno scozzese, col suo bravo kilt, suonava la carica con la
cornamusa, confondendo i tedeschi convinti di subire un attacco
da parte degli inglesi e, quindi, impendendo loro di vendicarsi
sui civili della zona.

Un episodio colpevolmente dimenticato dalla storiografia
ideologizzata, così come il fatto che dopo il 25 alcuni
partigiani delle "Fiamme Verdi", formazione cattolica
guidata da Don Domenico Orlandini "Carlo", che partecipò
all'operazione, vennero assassinati da ... altri.

Ci volle il libro "Il bracciale di sterline. Cento bastardi senza
gloria. Una storia di guerra e passioni"  di Matteo Incerti e
Valentina Ruozi, oltre al doppio album "Battaglione alleato"
dei Modena City Ramblers, per accendere la luce su quella
bella pagina di storia.

OPERAZIONE TOMBOLA - Associazione Linea Gotica -
Officina della memoria

IL BRACCIALE DI STERLINE

Il bracciale di sterline. Cento bastardi senza gloria.
Una storia di ... - Ibs



IL PIVAROLO CHE VENNE DAL CIELO

Lui è il coraggioso piper scozzese, che scende dal cielo
mentre le cornamuse chiamano
Lui è il coraggioso piper scozzese, che scende dal cielo
mentre le cornamuse chiamano

Notte nera per il monte, un colpo di schioppo alla luna
C’è un inglese che si è buttato, mi aspetta nella pratina.
È là che piega il telo e a me pare una donna
perché al posto delle braghe lui ha una gonna!

Ma quando ci son vicino vedo una gran barba,
un coltello in mano e uno sguardo e davvero serio.
Gli dico "Io sono un amico" e "Gufo Nero” è la parola
per un goccio di grappa da bagnarsi bene la gola.

Umidità, fango, guazza, tutto il giorno su e giù
a sparare e tirare bombe dietro ai crucchi.
Da Botteghe su a Castellarano,
da Montefiorino giù fino a Scandiano.

Arrivare là al comando non è abbastanza fare un passo
e la strada si allunga con lo "Sten"che tira in basso.
"Ma cosa adoperi per sparare che c’hai solo la
cornamusa in spalla?"
Fa due gesti e ci siam capiti, è l'orchestra quando si
balla!

"Pivarolo, ma tu lo sai cosa vuol dire far la guerra?
La furia negli occhi che impregna di morte la terra?"
Mi dice "Ragazzo, guardami negli occhi e poi guarda
qui in mezzo,
qui sotto ci son due maroni che non stanno nei pantaloni!"

Umidità, fango, guazza, tutto il giorno su e giù
a sparare e tirare bombe dietro ai crucchi.
Da Botteghe su a Castellarano,
da Montefiorino giù fino a Scandiano.

Lui è il coraggioso piper scozzese, che scende dal cielo
mentre le cornamuse chiamano
Lui è il coraggioso piper scozzese, che scende dal cielo
mentre le cornamuse chiamano

Canzoni contro la guerra - Introduzione


Lo scozzese che salvò qualche centinaio di civili italiani


E buon 25 aprile piovoso con due miei video

 
 
 

Resistenza al cinema

Post n°1927 pubblicato il 22 Aprile 2017 da jigendaisuke

Pochi film hanno trattato decentemente la Resistenza
italiana e per decentemente intendo non in maniera
retorica o politicizzata.

Il mio omaggio a Roma città aperta:


E la scena dell'uccisione di Pina? Rossellini e Amidei
si ispirarono alla rincorsa della Magnani verso il suo
ex compagno Massimo Serato, dopo una furiosa lite.

E poi Paisà, un film a episodi che racconta, in chiave
quasi documentaristica, l'avanzata degli Alleati in
Italia, fra il 1943 e il 45:

Poi, negli anni 50, chi "non si impicciava di politica", i vecchi
burocrati ministeriali e l'azione cattolica (più a destra di De
Gasperi) acquisirono o ripresero i posti di comando e di
Resistenza non se ne parlò più (nonostante molti importanti
uomini della DC ne avessero fatto parte).
Emblematico il caso del film "Achtung! Banditi!" di Carlo
Lizzani, con Giuliano Montaldo fra i protagonisti.
La produzione non ebbe il permesso di usare armi e dovettero
ripiegare su fucili e pistole di legno!



E che strano effetto mi fa sentire attori, che solitamente
doppiavano attori americani, abituati a parlare di città
come New York o San Francisco, parlare di località
genovesi.

Nel 1958/59, il clima cambiò e si iniziò una lettura più
approfondita della Resistenza, con film come "Un giorno da
leoni" e "Le quattro giornate di Napoli" di Nanni Loy



Roberto Rossellini con "Il Generale della Rovere" e
"Era notte a Roma"

Montaldo con Tiro al piccione e, negli anni 70,
L'Agnese va a morire

Bosio con Il terrorista

Comencini con "Tutti a casa"

E Dino Risi con "Una vita difficile"



Poi Dieci italiani per un tedesco (Via Rasella)

Poi l'ideologia e la retorica, hanno sporcato tutto, al
punto che si salvano pochi film:

C'eravamo tanto amati (Ettore Scola, 1974)



La notte di San Lorenzo (Fratelli Taviani, 1982)


Poi nulla fino a "Il partigiano Johnny" e
"L'uomo che verrà" del 2009



 
 
 

Resistenza delle donne

Post n°1926 pubblicato il 21 Aprile 2017 da jigendaisuke

Il Tempo e la Storia -Il 1945 delle donne

Le donne della resistenza

Protagonisti della Resistenza. Teresa Mattei

Protagonisti della Resistenza. Teresa Mattei

 

 

Come i tanti sacerdoti, i carabinieri, i militari (fra cui gli
internati nel lager tedeschi), anche sulle donne che hanno
fatto la resistenza, per decenni è stato steso il velo della
visione politicizzata e retorica della Resistenza, oltre al
fatto che in fondo in fondo, la mentalità italiana era pur
sempre quella per cui la donna deve stare a casa a cucire
senza mettere il naso nelle cose da uomini.

 
 
 

Resistenza

Post n°1925 pubblicato il 19 Aprile 2017 da jigendaisuke

 

Le ombre, colpevolmente taciute troppo a lungo e, che,
proprio perchè taciute, servono solo ad alimentare le
campagne contro la Resistenza, vista solo come una
"cosa rossa".

 

Porzûs l`eccidio





Porzûs l`eccidio

Partigiani contro partigiani. Una pagina tragica e
controversa, passata alla storia come l’eccidio di Porzûs:
diciassette morti, dopo undici giorni di caccia all’uomo
tra le malghe ...

L'avvocato Giovan Battista Lazagna, nome di battaglia
Carlo, commissario politico nella divisione Cichero,
entrò presto in rotta di collisione col comandante Bisagno,
al punto che la divisione venne divisa portando alla
nascita della Pinan-Cichero vicina al PCI.
Fu Senatore, ma soprattutto flirtava con le BR e Lotta
Continua.

Chiuse le ombre, ecco le luci:

Quante volte le vicende della mia famiglia, si sono legate
a questo parroco:

 

 
 
 

Boncompagni

Post n°1924 pubblicato il 17 Aprile 2017 da jigendaisuke

Gianni Boncompagni 1932-2017

1966

Creatore e conduttore di Bandiera gialla, sulla odierna Radio2

Autore di canzoni come Ragazzo triste o Tuca tuca



Creatore e conduttuttore insieme al suo storico amico Renzo
Arbore, di Alto gradimento

1977

Crea discoring e ne conduce le prime edizioni

1981

Rilancia Franco Franchi e Ciccio Ingrassia col
programma Drim

E poi i Fagioli della Carrà, nel programma
"Pronto, Raffaella?"
E una delle edizioni più seguite di  Domenica in

Lo sbarco su mediaset con Non è la Rai

Poi Macao su rai2...

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: jigendaisuke
Data di creazione: 05/11/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

lacky.procinojigendaisukegaza64surfinia60misteropaganoninograg1ITALIANOinATTESAaldogiornoseveral1carloreomeo0molto.personaleIrrequietaDmony2222tmmarcomaps.14