Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ottimo post. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 19:16
 
Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« da In quel preciso momentoLa corsa alla fine di un... »

In direzione di casa

Post n°98 pubblicato il 31 Marzo 2007 da il_presidente77
 

É mattino. La bocca ha il sapore di un cognac di antica memoria. É lui la sintesi di tutti i miei demoni protettori. Mi blocca la bocca. La rende impastata come se avessi vissuto una notte troppo alcolica. Non da speranza alle mie mille parole. Le sgozza ancora prima di permettermi di parlare.
Sono solo una parte integrante di un paesaggio urbano al quale non appartengo. Spettatore viaggiante per una rappresentazione da compiersi solamente dopo la mia partenza. Come spettro ancora sospeso nel mondo dei mortali mi muovo. Cammino. Presente e distante nello stesso istante.
Ascolto. Una tenue musica sparata dagli auricolari. Nessun coro delle sirene di Ulisse. Tutto troppo materiale. É lei il mio ponte, il mio collegamento con la realtà. É un ricordo fievole, sbiadito anche se tutto avvenne poche ore fa.
Facce sconosciute, a cui non sono debitore neppure di un ricordo sono le comparse in questa parte di viaggio. Fumi di sigarette schiacciate sul porfido e sull'asfalto nella loro immobile ascensione al cielo segnali per qualche direzione.
Sarà la mia assenza a rompere l'incantesimo. La partenza con un treno con troppe fermate e soste. In quel attimo tutto tornerà a fluire a ritmo normale. Le ruote delle biciclette torneranno a correre. Le macchine dei caffè finiranno l'espresso iniziato un'ora prima. Le nuvole saranno ancora immobili senza essersi accorte di nulla. Neppure il vento fischierà più forte.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog