Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ottimo post. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 19:16
 
Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« Le benevole di Jonathan LittellParole inutili »

Il grande ladro Tempo

Post n°147 pubblicato il 23 Novembre 2007 da il_presidente77
 
Tag: Vita

Dedicato a E.
che sostiene che so sempre
trovare il mio tempo

Guardo i miei libri ingialliti dai giorni. Quando vivi da solo, ogni cosa assume un proprio significato. Edizioni fuori stampa di libri esauriti dal piccolo valore economico. Nomi che per molti non hanno significato. Tanith Lee, Fritz Leiber, Jack Vance, Clifford Simak. Li vedo nascondere le belle copertine di Karel Thorle. A circondarli tutto il resto: edizioni recenti, bottiglie sigillate, carte e una casa con tutte le sue accezioni di significati.
Polvere. Polvere. Tra una pagina e l'altra si è stratificata come simbolo aggiuntivo dei giorni che passano. Un simbolo invisibile, banale, ripetitivo, monotono. Un simbolo molto futile, perché è semplice da eliminare, aspirare, respirare. Un simbolo con troppa gloria. La polvere sempre uguale a se stessa, immutabile come le immagini che diverse si  susseguono ogni mattino nello specchio. Simboli di un giorno che crede di poter ripetersi, di un lento scorrere che si crede inesorabile, inarrestabile.
Non sono le feste che perdiamo, non la monotonia della quotidianità, non la frenesia della società il vero pericolo. Non c'è nulla di veramente pericoloso, se non quello che siamo. Neppure il silenzio che può riempire la musica è veramente pericoloso. Siamo noi il pericolo. Siamo noi l'immagine imperfetta, asimmetrica, non il beffardo doppio che sta oltre lo specchio. Siamo noi l'ospite che non arriva, lo sconosciuto che viaggia senza documenti, il visitatore che non c'è. Siamo noi, sempre noi. Qualunque cosa diciamo, qualunque cosa facciamo, siamo noi. Siamo noi che abbiamo le verità e le menzogne.
E forse in una notte di lenta pioggia, dove il pub irlandese affacciandosi sulla strada di porfido grigio con il suo nome britannico si sente a proprio agio, ci possiamo definire fortunati a trovarci a spulciare delle pagine bianco candido ricercando fiori tra gli scritti di una pazza. È questa fortuna che forse ci rende non unici, non speciali, ma sicuramente vivi, più vivi di quello che crediamo.

Se E. passando legge queste righe, si ricordi che rivoglio il mio dvd di Fritz Lang e che mi deve ancora un invito a cena. Tempo o non tempo io non dimentico.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog