Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ottimo post. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 19:16
 
Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« Illusione del passatoGrecismo VII »

Piccolo suonatore

Post n°151 pubblicato il 13 Dicembre 2007 da il_presidente77
 

"perché se non l’avessi scritto io qualcuno l’avrebbe
fatto al mio posto, e l’avrebbe fatto male"
Salvador Dalì in Prefazione a Volti Nascosti

Suona piano, lontano un piccolo Bach. É così piccolo, minuscolo, bianco e perfetto. Preciso in ogni suo singolo movimento. La sua musica giunge ancora un'ultima volta. Bisognerebbe ringraziare il vento che la trasporta, che la rende meno lontana, meno mortale. Presente. Tutto però sembra inutile, vacuo, fottutamente insensato. Non c'è tempo, speranza per lui. Crescere, diventare vecchio impossibile. Un condanna a essere piccolo, giovane, senza rughe, bambino per sempre. Una condanna a diventare foto ingiallita, ossa, cenere.
La musica continua sempre più piano, lontana, lontanissima ma incessante, inesorabile. La sento. Anch'io. Non è per me, ma il suo fruscio mi raggiunge. Lento, dolce, dolcissimo, ma non riesco a sopportarne il peso. É un armonia delicata ma dolorosissima. Non avrei voluto ascoltare. Non ha senso, necessità o almeno non si riesce a vederlo. Questa musica sembra distante, tenue, troppo tenue. La musica di un sorriso felice. La musica che solo un'anima nel vento avrebbe potuto cantare. Una musica che mai il tempo potrà rubare ai tuoi ricordi, al tuo cuore, alle tue viscere. Non è un addio, ma fa così maledettamente freddo.
Freddo, distanza, tempo concetti che le anime si ostinano a non capire.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog