Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
giochi
Inviato da: giochi per ragazze
il 03/05/2012 alle 00:53
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« Un'ambigua utopiaPremonizione o maledizione? »

Dans la catedral, oltre il sognare (ovvero Pensieri da cartolina)

Post n°143 pubblicato il 09 Novembre 2007 da il_presidente77
 

Dedicato a S. che è sempre in viaggio
perché è la causa dell'incipit

Foto in bianco e nero della Catredal de la Havana. Un viaggio che la musica rende semplice. Lontano, lontano oltre a tutti questi simboli, oltre tutta questa follia quotidiana, permanente, oltre i chilometri, oltre ai miei stessi desideri. Un sogno per una mente stanca. Un sogno al gusto di tabacco essiccato e profumo di rhum agricolo, variegato da una realtà greca di yogurt.
Viaggio perfetto, illusorio. Nessuna distanza, nessuna direzione, solo partire, solo arrivare. Sabbia, mare, gente. Essere immobile, fermo, sorridente sotto lo stesso cielo, lo stesso sole. A farsi scaldare, a sentir pulsare la vita. Senza tragedie o rumore, facile addormentarsi insieme. Per sognare nuovamente. Per sentire quel fuoco che è l'anima.
È una soave elegia che brucia, mentre un bicchiere si svuota. È così che lentamente si affievolisce la fiamma del sogno e del suo vuoto splendore.

Al mio cuore sporco devo tutto questo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog