Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ottimo post. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 19:16
 
Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« La richiesta.L'uomo illustrato (ovve... »

La partenza del treno

Post n°105 pubblicato il 02 Maggio 2007 da il_presidente77
 
Tag: Vita

immagineUna signora con uno zaino nera morsica un torsolo di mela cercando gli ultimi grammi di polpa, dopo aver divorato una trancio di focaccia salata. Nel frattempo due innamorati si scambiano i loro baci prima che lei parta sul treno. Si rivedranno dopo poche ore. Anche lei ha uno zaino nero, ma con una molletta marrone per cappelli attaccata. Continuano a schiacciare il pulsante della porta automatica come a tentare di rimandare la partenza del treno. Un uomo dai lunghi capelli bianchi li osserva distratto, mentre, sulla banchina, si dirige verso i bagni. Salgono signore che chiedono informazioni sulle stazioni. Le chiedono a me, forse perchè sono il più vicino alla porta, forse perchè sono l'unico che risponde. Non sono interessate a me, a quello che sto scrivendo al computer, ma solo alla mia esperienza di viaggio. Ignorano, infatti, che sto scrivendo anche di loro e che non c'è un motivo apparente. Annunciano il treno. É un annuncio meccanico, registrato, un annuncio che mette fretta agli ultimi viaggiatori. Trascinano le loro valigie con rotelle e salgono anche loro. C'è posto per tutti. Ma il treno non parte. Aspetta ancora un poco. La signora della mela ha disteso le gambe e io spolvero con la mano la tastiera. Cercherà poi di dormire anche se il suo viaggio è molto corto. Un fischio. É debole. Deve essere il capotreno. Partiano, partono messaggi registrati sul controlli dei biglietti e sulle stazioni dove ci fermeremo. Registrati, registrati meccanicamente con anche errori di dizione. Un altro viaggio in treno, una altro. Niente di nuovo, un viaggio come tanti altri per tutti noi viaggiatori.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog