Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ottimo post. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 19:16
 
Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« agli scrittori di fantas...La richiesta. »

La mia crudeltà.

Post n°103 pubblicato il 17 Aprile 2007 da il_presidente77
 

immagineOggi è il tuo ultimo giorno. Stanotte morirai. Sarò io ad ucciderti, a decretare la tua fine. Con calma aspetto il calare del sole per squarciare il tuo ventre, per spargere il tuo sangue. Non mi intimorisce macchiarmi con lui. Non mi interessa poterlo bere. È solo un liquido come tanti altri. Forse caldo.
Ho affilato le mie unghie e i miei denti. Sono bianchi e intonsi per l'occasione. Risplenderanno di una luce accecante anche con il tenue chiarore della luna. Sarà il rosso del tuo sangue a macchiare la loro castità, la loro santità. Sarà la consistenza della tua anima a nutrire le mie ingorde viscere.
Prega. Prega pure il tuo Dio, se ci credi ancora. Io ho parlato con il mio Dio e ho intercesso per te. Non ho chiesto clemenza ma giustizia. Non devi preoccuparti. Il tuo destino è deciso. Non aver paura ora. La morte è un attimo, solamente dopo c'è l'eternità. Solo di lei devi avere paura.
Sarò il tuo carnefice. Non mi credi. Ti capisco. Non riesci a sopportare il mio sguardo. Non riesci neppure a soffermarti sulle mie mani. Sarò proprio io il tuo carnefice. So che lo desideri. Ecco un ultimo dono in ricordo del passato, un ultimo crudele dono. Una pallottola d'argento. Un solo colpo. Una sola illusione di poter sopravvivere.
Guardala. Toccala. Osservala con attenzione. Vedrai l'impronta del mio molare. L'ho masticata. Volevo conoscere il sapore del metallo. Il freddo sapore che potrebbe infiammare le mie carni. Un solo colpo. Hai a disposizione un solo colpo. Ricorda bene. Un solo colpo. Mira al cuore, al mio cuore, e cerca di uccidermi. Prega di uccidermi. Non avrai una seconda possibilità. O mi uccidi o io ucciderò te. Ricorda. Tu morirai. Comunque morirai. Ti sto donando la possibilità di scegliere, non di rimanere in vita.
Guardala. Non aver fretta. Non mi muoverò prima della tua decisione. Ti aiuterò. Non dovrai neppure mirare. Osserva questa pallottola e guarda dritto a te. Chiudi pure gli occhi, ma ricorda che la realtà è questa. Sono io, sono qui e non mi muovo. Decidi. O premi il grilletto o getti la pistola. Decidi. 
Se non spari, sarò io ad ucciderti, a dilaniare la tua anima. Saranno le mie parole, le mie verità a devastarti, a ucciderti. Se usi la pallottola d'argento, solo silenzio. Puoi avere una morte immediata oppure una morte lentissima, eterna. Decidi. Se mi uccidi, sopravvivi, ma solo come mera parvenza. Se ti arrendi, dilanierò tutte le tue cicatrici. Ricorda tu morirai. Nessuna speranza. Nessun futuro. C'è solo la morte. Io ti porgo la possibilità di rinascere, di lavare il tuo sangue. Vuoi veramente parlare delle tue colpe e curare le cicatrici della tua anima?
Decidi. È facile. Facile, ma solo in apparenza. A te la scelta. Non farti ingannare. Io ti posso aiutare, ma non ti piacerà. Pensa. Decidi. Io sono già morto. Mi hanno già ucciso. È facile. É tutto lì: passato, futuro e presente. È una pallottola d'argento. Solo una pallottola d'argento fatta fondendo il mio braccialetto. Decidi. A te la scelta.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog