Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ottimo post. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 19:16
 
Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« In direzione di casaUn anno di un blog egoista. »

La corsa alla fine di una bottiglia ovvero storia di record mondiali e di cadute ancora più grandi.

Post n°99 pubblicato il 03 Aprile 2007 da il_presidente77
 
Tag: Altro

La storia dello sport non è fatto solo di figure leggendarie, ma anche di abissali cadute, di come facilmente si possa giungere all'autodistruzione. Permette di fare imprese epiche che portano l'uomo ad essere campione, ma anche di compiere grandi cadute nell'oblio, nell'abisso del nulla più assoluto. Sono in fondo storie semplici, storie di ragazzi che avevano grandi talenti, ma che si sono trovati sbalzati in un mondo troppo grande per loro. Ragazzi che si sono trovati lontani da casa, dalla famiglia, a guadagnare troppi soldi, ad essere amati e osannati solo per le loro vittorie sportive. Queste poche frasi cercheranno di raccontare la storia di uno di questi ragazzi che è caduto e che è riuscito a rialzarsi, purtroppo molti non ci sono riusciti. Esistono anche storie fatte solamente di cadute che nessuno mai racconterà, in fondo queste parole sono anche per loro.

immagineQuando il tuo ex-sponsor ti rifiuta un lavoro, quando ti eri presentato mostrando tutta la tua disperazione, forse è in quel momento che capisci che stai per raggiungere il fondo. Non importano più i record del mondo. Non importa più essere entrato nella leggenda per aver stabilito 4 differenti record (3000, 3000 siepi, 5000, 10000) in appena 81 giorni. Quando stai per raggiungere il fondo, non importa essere stato un campione. Non importa se il tuo nome è Henry Rono.
Il fondo è un momento, un attimo che dura mesi, anni, da cui o ti rialzi o muori lentamente. Il fondo si tocca, quando senza soldi si diventa ospiti di un centro per senza tetto. Senza tetto un modo gentile per marchiare molti dei reietti della nostra società. Il fondo non si tocca quando gli avversari non ti ricorrono più, ma sei tu a dover rincorrere loro. Quello è solo un momento, un'avvisaglia che la tua storia sportiva potrebbe finire. Non è il fondo.
Il primo passo verso il fondo è un'altro. Il primo e pesante passo verso il fondo ha il nome di alcolismo. Contro questo mostro, neppure un talento eccezionale può fare nulla: non è lui che deve combattere. Il mondo dell'atletica si allontana. Le cliniche per alcolisti invece si susseguono senza sosta. E poi il centro dei senzatetto di Washington. Il punto più basso. Il punto di un possibile non ritorno. Non è più una lotta contro un cronometro, ma una lotta per la tua stessa vita.
Henry Rono riesce però a trovare la forza di ricominciare. Uomo delle pulizie, addetto al lavaggio macchine e facchino in aeroporto. Non è facile risalire: molti falliscono, molti non ci provano neppure a risalire. Henry Rono ha la forza e la fortuna di provarci. Di riuscirci. Ora insegna atletica, ma, cosa più importante, ha sconfitto l'alcolismo ed è ritornato a correre. Corre anche se solo come passione e con obiettivo il Mondiale Master. Gli anni sono passati. Buttati anche per colpa di una bottiglia, ma lui ammette nessun rimpianto per gli anni dei record e del lusso. Errori, tanti errori, troppi errori, ma anche tanti insegnamenti ed è forse per questo che Henry Rono oggi immaginepuò dichiarare: "Voglio che si sappia che sono tornato a correre e voglio insegnare alla gente che, anche se vieni dalla strada e diventi un senza tetto, puoi sempre riprendere in mano la tua vita, come ho fatto io".
Henry Rono si è rialzato e corre ancora. Vuole che tutti lo sappiano. Lo vuole gridare al mondo non per dimostrare di essere forte, ma per dare forza a tanti altri che come lui sono caduti, magari senza essere mai stati grandi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog