Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
giochi
Inviato da: giochi per ragazze
il 03/05/2012 alle 00:53
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« Giornata Mondiale del libroStorie naturali di Primo Levi »

Cronache di una citta alluvionabile

Post n°219 pubblicato il 01 Maggio 2009 da il_presidente77
 
Tag: Vita

Di fronte a potenziali catastrofi le parole debbono essere utilizzate con estrema misura. Non è facile capire e raccontare quello che la gente prova oggi. Sono tutte persone che al contrario di me hanno vissuto l'alluvione del 1994. Quindici anni possono sembrare un’eternità, ma poi ti accorgi che i racconti sono vissuti con estrema partecipazione, che le parole usate sono vivide.
Di fronte a quelle parole ti immagini i canotti a far sfollare le famiglie e non hai davanti agli occhi una foto d'agenzia, ma una via che conosci benissimo. Se sentire raccontare di una macchina incastrata nel secondo piano di una casa può portare alla mente immagini molto surreali, è molto diverso l'impatto dell'aeroporto, solo un lungo prato dedito all'atterraggio di piccoli aeromobili, trasformato in un grosso cimitero per auto trasportare controforza dalle acque. È molto diverso immaginarsi, dove ora c'è, e per te c’è sempre stato, un giardino pubblico, le immense cataste di mobili distrutti dalla furia dell'inondazione e lì ammucchiati. Ora lì c'è un monumento per ricordare i 33 morti, perché non c'è solo chi ha perso la casa e tutte le proprie cose in quella alluvione iniziata in giorno di domenica e quel monumento magari dimenticato è lì a ricordarcelo ogni giorno.
È comunque difficile guardare il fiume con gli occhi di chi c'era, ma si può capire che non era solo curiosità quella che porta la gente a guardare il fiume nel giorno di martedì. Forse non ancora paura, ma sicuramente rispetto e un po’ di apprensione. Infatti, la vita quotidiana è sembrata scorrere normalmente, forse con un po’ di gente in meno per le strade, con una sensazione strana che aleggiava nell’aria, ma in fondo si era capito che lo sgombero di un quartiere era stato preventivo al momento dettato più dal volere prevenire qualunque evenienza che dalla reale paura che il recente passato si potesse ripetere.
Però la misura nell’uso delle parole è anche una forma di rispetto per i sentimenti di chi non viveva in città e ha visto ancora più degli altri le acque vicine. Perché il superamento dei primi argini di contenimento, l’invasione delle campagne e dei campi coltivati e la chiusura delle strade, fa un effetto molto diverso se invece di sentirlo ad un telegiornale riguardano i campi che coltivi, la strada che percorri e le terre che vedi dalla finestra di casa.
Quando hai negli occhi e nei pensieri tutte queste cose, forse l’unica cosa sensata, intelligente e di misura oggi da dire è quanto fosse profondo il sospiro di sollievo mercoledì quando per il secondo giorno consecutivo il sole continuava a splendere.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/exilio/trackback.php?msg=6989126

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
cateviola
cateviola il 09/05/09 alle 00:25 via WEB
scusa, era un po' che non passavo... mi piace questo post, molto vero, molto bello. Un saluto da una città che ha conosciuto una tremenda alluvione (non ero nata, ma è parte della mia città quella pagina di storia recente)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
il_presidente77 il 10/05/09 alle 15:47 via WEB
Don't worry. Per quell oche riguarda il post ho cercato solo di ricreare in parole quello che provavo dentro di me in quei giorni
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
blog joujoux il 14/08/13 alle 09:37 via WEB
Grazzie!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.