Community
 
CialtroneSt...
Profilo
Blog
Sito
Foto
   

Parola di Cialtrone

Mi sono trasferito su overblog.

 

IO, ME MEDESIMO

Ciao a tutti,

sono un ragazzo di 34 anni, vivo nella ridente Brianza (cos'avrà da ridere, proprio non lo so), mi occupo di comunicazione e organizzazione eventi e, nel poco tempo libero che mi rimane, scrivo e cazzeggio allegramente.

Questo blog non ha velleità artistiche, non contiene alti messaggi morali e non aspira a diventare centro di animate discussioni culturali. Voglio solo condividere con voi piccoli aneddoti, parole inutili e pensieri centrifugati, se poi riesco a strapparvi un sorriso, tanto meglio!

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

 

Messaggi del 11/06/2012

Criceti e ippopotami

Post n°113 pubblicato il 11 Giugno 2012 da CialtroneStraparla
Foto di CialtroneStraparla

Ieri sera sono stato trascinato con l'inganno al saggio di danza di mia nipote. Nell'estasi d'ammirazione per lo scricciolo avvolto nel tutù, non mi sono informato adeguatamente sul programma della serata. Avevo immaginato una manciata di nanerottole alle prese con sgangherate coreografie sotto lo sguardo estasiato di genitori e nonni, invece mi ritrovo in teatro circondato da una folla di persone in fermento tanto da immaginare che Madonna, dopo Roma e Milano, avesse deciso di aggiungere all'ultimo momento un'altra data al suo tour all'oratorio di Monza.

Un ragazzo mi consegna il programma della serata, un volantino di sei facciate tutte scritte fitte-fitte. Non era il saggio di danza delle bambine, era il saggio di fine anno della scuola di danza. Moderna, classica, hip pop, latino americano.. immediatamente ho tentato la fuga. Ho dribblato un paio di nonne, calpestato una manciata di pargoli e saltato tre passeggini, ce l'avevo quasi fatta ma la maschera, allertata dalla sicurezza, aveva già blindato le uscita. Non c'era via di fuga. Nascondendo una lacrima furtiva mi sono diretto mestamente verso la platea, dove orde di madri urlavano incessantemente il mantra del genitore invasato: E' OCCUPATO! E' TUTTO OCCUPATO! DAL POSTO 3 AL 146 E' TUTTO OCCUPATO! Incrocio lo sguardo di mia cognata che con l'aria tronfia da vincitrice tuona: “La fila 3 e 4 sono nostre!”. Ho scavalcato un paio di donne svenute e mi sono seduto tra il delirio generale.

Mia nipote era nella categoria micro-criceti, ovvero i più piccoli. Gli unici che valesse la pena di vedere e ammirare. Prima in tutù, poi vestiti da gattini e pirati. Scoordinati, imbranati, affetti da labirintite, ma meravigliosi! Tutti gli altri meritavano la segregazione in celle d'isolamento.

I saggi sono divertenti quando coinvolgono i bambini, apprezzabili se i protagonisti sono dei giovanissimi adolescenti, ma imbarazzanti quando si esibiscono gli adulti. Avrei decisamente fatto a meno della sessantenne danzatrice del ventre scoordinata e strabordante in abiti succinti, che sbatacchiava di qua e di là le sue tette sul palcoscenico. Ho sentito urla di dolore e due uomini, particolarmente sensibili, sono stati portati via in ambulanza.

Durante la seconda esibizione di danza del ventre, perché la prima non aveva creato abbastanza scompiglio, hanno sparato del fumo bianco da discoteca mentre mio fratello precisava: “Tentano di nasconderle con la nebbia, meno male”. La bastardaggine è di famiglia.

Alla fine del primo tempo mi sono diretto all'esterno del teatro millantando il desiderio di una sigaretta, e sono fuggito dal kebabaro. Metà del secondo tempo l'ho immaginato, da lontano. Sono tornato per godermi il balletto classico degli adulti. Ma non bisogna avere una certa fisicità per dedicarsi alla danza classica? Sembravano gli ippopotami danzanti di Fantasia, ma meno agili e con problemi di artrite. Non voglio sembrare cattivo, quando mai, ma è inutile fare quelli dalla mentalità aperta affermando che la danza è per tutti, se poi l'unica ragazza che viene sollevata, lanciata e maneggiata dal ballerino è quella con evidenti disturbi alimentari, mentre le altre rotolano sullo sfondo cercando di non fare esplodere la calzamaglia contenitiva.

Lo spettacolo è iniziato alle 21 ed è terminato a mezzanotte e mezza, nemmeno il Nabucco è così lungo, ma sempre di dramma si trattava.

Mia nipote è stata la migliore, le altre erano solo delle sciacquette senza talento. Ecco, l'ho detto.

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: CialtroneStraparla
Data di creazione: 04/10/2011
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

TOP 30 "HUMOUR E SATIRA"


 

AREA PERSONALE

 

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ninokenya1studiolegalesartoriciaolauraVE.LagunaNostrabessy20enrico.rimoldimia.euridicelarizadaniela_elagaronimoeugeniofelizianibal_zacsensazioniuniche76verde_federicaAbigail_Weaver
 

 

ULTIMI COMMENTI

auguri cialtron's in love!
Inviato da: Abigail_Weaver
il 16/09/2013 alle 11:35
 
Simpaticissimo! buona giornata
Inviato da: scorciodiluna
il 11/08/2013 alle 09:17
 
aahahahahhahah! vabbè, ma si capiva, no?Dici che il nostro...
Inviato da: lunedi.bs
il 02/07/2013 alle 14:46
 
ps: scusa....ho dimenticato di specificare: grazie lunedi.bs
Inviato da: amber13
il 02/07/2013 alle 13:54
 
non so davvero come ringraziarti...ero davvero molto...
Inviato da: amber13
il 02/07/2013 alle 13:53
 
 

 

ARCHIVIO POST 2011

 

 

 

 

La prova che nell'universo esistono altre forme di vita intelligente è che non ci hanno ancora contattato.

Bill Watterson, fumettista