Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ottimo post. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 19:16
 
Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« Marta e ioEsordi narrativi »

Escondida

Post n°195 pubblicato il 06 Agosto 2008 da il_presidente77
 

In viaggio. L'isola ha tutti i colori del sogno. I colori dell'Africa, del Sud America, del deserto del Texas e di tutti gli altri posti. Come la verde Europa coi porti e le colonne d'Ercole. Sono tutti sapori della mia nostalgia e poi c'è lei.
Escondida. Sono i riflessi nello specchio, quello che conto. É una colpa che ho ereditato da Borges. Il viaggio mi aiuta a preservarla, a ripeterla. Riflessi anche nella schiuma delle onde. È il mio viso che si frantuma in infiniti specchi. Inesorabile, senza pietà, il viaggio lo frantuma. Non aspetta. Il vento corre e il viaggio lo insegue.
Escondida. Sono i rintocchi delle onde. Mi accompagnano. Mi precedono. Mi parlano. É una nuova ballata. La canta il mare e non è triste. Non ascolto. Non voglio capire, non voglio imparare. Ne sono parte. Mi basta. Esserci è gloria. Esserci è doloroso. É il mare dei poeti. Io non ho scelta. Devo proseguire. Sempre.
Escondida. Il viaggio è impossibile. La meta inesistente. E io continuo. È il fruscio del vento, la schiuma delle onde. Forse è solo per questo che viaggio. Per il mare dei poeti. Non lo so. L'orizzonte è distante, irraggiungibile. Ogni giorno lo inseguo proprio perché continua a spostarsi.
Escondida. Non arriverò mai, ma forse non ha importanza. Nulla ha importanza, se non il viaggiare. C'è Escondida e null'altro

 
 
 
Vai alla Home Page del blog