Creato da il_presidente77 il 03/04/2006

L'uomo illustrato

Blog egoista

COME IERI


William Xerra

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

TAG

 

NOTA - COPYLEFT

Da non  crederci: anche per questo blog si può applicare la definizione di opera di ingegno. Strano vero?
Qualunque opera di cui non si citi l'autore è da ritenersi originale e prodotta dal sottoscritto ed è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Creative Commons License

 

ALTRI AMICI

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Ottimo post. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 19:16
 
Grazzie!
Inviato da: blog joujoux
il 14/08/2013 alle 09:37
 
il sistema periodico contiene alcuni testi memorabili,...
Inviato da: jocuri online
il 07/09/2012 alle 18:18
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: games for girls
il 12/05/2012 alle 16:34
 
girl games puzzle games disney games baby games...
Inviato da: dress up games
il 12/05/2012 alle 16:30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
 

 

« EscondidaRime of the Ancient Mari... »

Esordi narrativi

Post n°196 pubblicato il 28 Agosto 2008 da il_presidente77
 

Un lento apprendistato raccoglie gli esordi narrativi di un autore che diventerà tra i più importanti scrittori mondiale del novecento. Si tratto nello specifico dei primi racconti scritti e venduti a riviste da Thomas Pynchon e oltre a questi vi si può trovare la notissima introduzione dello stesso Pynchon che li analizza e li commenta.
L'antologia in sè, pur considerando che si trattavano degli esordi, è un po' deludente, decisamente delutente se uno la compara allo spessore narativo che lo scrittore americano ha abituato i suoi lettori, ma è lo stesso autore ad ammettere tutte le sue mancanze. I racconti non sono narrativamente legati tra di loro, ma si susseguono in uno stesso arco temporale. Sarebbe falso e qlaquanto ardito dire che in essi si possono scorgere le prime avvisaglie di un genio della lettaratura, lo si potrebbe dire solo a posteriori. I racconti sono tutto sommati medi, forse mediocri, ben congeniati, decentemente scritti, ma nulla di più. Non coinvolgono interamente il lettore e non riescono a trasportarlo a pieno nell'universo narrativo delle varie storie. Questo avviene per tutti i racconti qui contenuti ad esculsione dell'ultimo, dove l'arte di Pynchon inizia a manifestarsi, dove trova un modo singolare e personale per parlare e affrontare la questione razziale. Sì senza dubbio in "Integrazione segreta" c'è la dimostrazione di quello che Pynchon poi sarà, lì si vede che potrebbe essere un narratore di razza, lì si puo capire che sta già cercando una sua personale strada. Però per il resto l'antologia, anche se composta da racconti ben congeniati, rimane un po' piatta.
Un discorso a parte lo merita l'introduzione catalogata anche come leggendaria (anche se in verità bisognerebbe leggerela como postfazione, dato che si anlizza in modo analitico quello che verrà narrato successivamente). Pynchon analizza senza mezze misure i suoi racconti, mostrandone spietatamente i difetti, tutti i difetti, alcuni dei quali sarebbero passati facilmente inosservati. Li analizza e li descrive, ma quello che un lettore trova non è solo un attenta puntigliosa analisi critica di testi, ma è il racconto di un epoca.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog