Cancellare la storia per cancellare dei debiti? No, grazie.

ajax

Fino ad oggi non abbiamo volutamente scritto nulla sulla Superlega. Abbiamo aspettato l’evolversi della situazione, prima di giudicare e sparare sentenze.

Una cosa però, fin dall’inizio non ci è piaciuta.

La vedete la foto in alto? Ritrae quella che a detta di molti è stata la squadra di club più bella e più forte di tutti i tempi. La squadra che ha cambiato il calcio, portando in questo sport una concezione del tutto nuova, ma che è rimasta e rimarrà nella storia.

Domenica scorsa a mezzanotte ci siamo sentiti dire che il Manchester City, che a livello internazionale ha meno trofei del Parma, era un club importante e questo club, che tra l’altro è uno dei più titolati al mondo, non lo era più (o lo era di meno).

Il Manchester City, con al suo attivo una Coppa delle Coppe vinta nel 1970, voleva arrogarsi il diritto di dire “Noi siamo un top-club, se ad Amsterdam fanno i bravi anche l’Ajax può diventarlo” , cancellando di fatto la storia.

Ecco cosa non ci piaceva della Superlega, prima ancora dei discorsi (molti dei quali ipocriti) sul rispetto per i tifosi (ma rispetto di che, sono anni che propongono ormai partite ad orari incredibili, abbonamenti a più di una televisione per poter seguire la propria squadra del cuore, tessere del tifoso per andare allo stadio che non si possono neppure prestare a tuo fratello o a tuo padre, partite giocate in posti dove coi diritti umani ci si puliscono il culo…).

Non ci piaceva il fatto che si volesse cancellare la storia e con essa la meritocrazia.

Di colpo ci volevano far credere che i goal di Cruijff valessero meno dei debiti (non dei soldi, si badi bene) di una società amica di JPMorgan.

Andrea Agnelli solo poco tempo fa dichiarava che l’Atalanta era senza storia europea e che la partecipazione alla Champions (guadagnata e sudata sul campo) degli orobici non gli era molto gradita, in compenso era pronto a fare un torneo con un club la cui storia europea è più debole di quella del Parma, dando un calcio nel culo o proponendo le elemosina all’Ajax, club che per anni ha significato il Calcio con la c maiuscola.

Ecco perché siamo contenti che sia fallita la Superlega. Possiamo parlare di un campionato europeo, non di un torneo con 12 posti fissi per diritto divino. Ma diritto di che? Solo perché uno sceicco anni fa non sapeva cosa fare dei suoi soldi e li ha investiti in una squadra di calcio, ti metti a fare lo spaccone?

All’improvviso i goal di Cruijff e di Eusebio (anche il Benfica ha una tradizione europea mica da ridere) non servivano più per definire la grandezza di un club, bensì i suoi debiti (non prendiamoci in giro, i club promotori del torneo ormai defunto hanno dei bilanci che la Fiorentina di Cecchi Gori al confronto era un modello di gestione economica. Speravano di aggiustarli con questa competizione, lo sport e lo spettacolo sono un’altra cosa).

Se un club è top o no, lo deve dire il campo, non JPMorgan.

Cancellare la storia per cancellare dei debiti? No, grazie.ultima modifica: 2021-04-22T10:38:14+02:00da stefano.bosca

2 pensieri riguardo “Cancellare la storia per cancellare dei debiti? No, grazie.”

  1. Hai perfettamente ragione, poi però sono i soldi a parlare, a dire se puoi vincere qualcosa o niente. Purtroppo i costi di certe società sono esorbitanti. Cruijj andò a giocare nel Barcellona non solo per la bellezza della città, ma anche per il pacco di soldi che gli diedero.
    Il principio di quella idea poteva, con qualche modifica anche andare bene, è il metodo usato che è stato fallimentare, quasi da golpe.
    Saluti

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.