La Serie A da due a dieci-Trentunesima giornata

Ecco i nostri voti alla trentunesima giornata. Prima però, fateci esclamare un grosso “Bentornato!” a Giacomo Ferri. Rivederlo su 7Gold ci ha fatto piacere.

10

JOAO PEDRO Invece di festeggiare si precipita a consolare l’avversario in lacrime (Kurtic). Chapeau.

9

DARKO LAZOVIC e MARCO SAU Grandi goal. Peccato si siano rivelati inutili.

DAVIDE NICOLA Il suo Toro sta funzionando, ce l’avrà pure lui un po’ di merito o no?

CHRISTIAN ERIKSEN Da mal sopportato a cardine del centrocampo. Stasera in più, autore di un goal pregevole.

8

DOMENICO BERARDI E’ lui il “Man of the match” di Sassuolo-Fiorentina.

ANTE REBIC Gran goal.

BOLOGNA CALCIO Ottima partita.

7

CAGLIARI CALCIO Ha il merito di crederci fino alla fine.

CIRO IMMOBILE Sfata la maledizione del 150° goal.

NAPOLI CALCIO Gioca bene e porta a casa un pareggio tutto sommato meritato.

DAVIDE BALLARDINI Perde, ma la sua squadra tiene bene il campo e alla fine avrebbe pure potuto agguantare un pareggio che non avrebbe demeritato.

6

ATALANTA-JUVENTUS Noi la definiamo partita da 6 politico. Poche occasioni, con squadre che hanno concesso poco. A risolverla un colpo di fortuna per l’Atalanta (e di sfiga per la Juventus), quel tiro di Malinovskyi infatti, senza la deviazione di Alex Sandro, non sarebbe andato da nessuna parte. La partita sarebbe finita 0-0 e tutti i discorsi che da dopo la partita si sentono su Pirlo, sull’assenza di Ronaldo e via dicendo, sarebbero stati diversi.

5

RODRIGO DE PAUL 8 per i goal, 2 per l’espulsione. Media 5.

PARMA CALCIO  Ennesimo vantaggio non gestito. Questo però può essere veramente fatale.

4

GIANLUCA SCAMACCA La combina grossa.

AS ROMA Calo atletico evidente dovuto forse alle fatiche di Coppa.

SPEZIA CALCIO Partita da dimenticare, ma è pur vero che ogni tanto ci sta.

3

KOSTAS MANOLAS Gioca una buona partita, ma alla fine si rivela il solito giargianese e cerca una lite con Hakimi. Perché?

2

SAMIR HANDANOVIC Se lo stesso goal lo avesse preso un qualsiasi portiere  italiano, a quest’ora sarebbe stato lapidato.

La Serie A da uno a dieci-Trentesima giornata

10

IL RACCATTAPALLE CHE HA PRESO LA MAGLIA DI RONALDO Non sappiamo a chi darlo, lo diamo a lui.

9

KOFFI DJIDJI Segna un gran goal. Peccato che sia inutile.

SERGEJ MILINKOVIC-SAVIC Per il goal, magari non eccezionale, ma pesante come un macigno.

ANTONIO CONTE Stavolta ha ragione. Dopo l’eliminazione tutti a contestarlo e a metterne in dubbio le capacità. Ora tutti sul suo carro.

8

AC MILAN Il Parma non ci è parso il Real Madrid, se proprio dobbiamo dirla tutta, ma i rossoneri vincono e convincono.

NAPOLI CALCIO  Gioca bene, dimostrando di poter ancora concorrere per un piazzamento Champions.

DUSAN VLAHOVIC Due goal li fa (il secondo, va detto, per merito di Kouame), se la squadra ne becca tre in fin dei conti lui ne può poco.

7

SPEZIA CALCIO Ha il merito di crederci fino alla fine, raggiungendo tre punti che sembravano insperati.

AC TORINO Tre punti che sono oro.

FC INTERNAZIONALE Non gioca bene, ma vince e vede sempre più vicino il tricolore.

FC BOLOGNA Perde, ma immeritatamente.

ATALANTA BERGAMASCA Rischia di non portare a casa una partita che aveva già in mano, ma poi la riprende.

SASSUOLO CALCIO Tre punti guadagnati meritatamente e giocando a calcio.

6

FC JUVENTUS Primo tempo gradevole, da squadra, poi nel secondo si è spenta la luce. Può ringraziare l’ex Pjaca per aver sbagliato un rigore in movimento e la difesa genoana per aver sbagliato a fare il fuorigioco, ma il calo fisico tra un tempo e l’altro è stato evidente.

5

LE CRITICHE A PIRLO PER AVER SOSTITUITO CUADRADO. Il colombiano era ammonito, domenica la Juve ha l’Atalanta, vedendo che la squadra nel primo tempo aveva fatto bene, è stato un cambio sensato. Metti che Cuadrado becca un’altra ammonizione, rischia di essere uno in meno ma soprattutto di non averlo contro l’Atalanta. E’ difficile da capire?

4

LUKASZ SKORUPSKI Che razza di uscita ha fatto?

3

ZLATAN IBRAHIMOVIC L’audio sembra escludere insulti all’arbitro, d’accordo, ma comunque stare zitto una volta faceva schifo?

2

KOSTAS MANOLAS Non sapevamo a chi darlo, lo diamo a lui perché ci regala tamarreide  a go-go. Commette un errore, per rimediare fa un fallo evidente e ha ancora il coraggio di parlare e protestare?

1

NAHUEL MOLINA Il goal che sbaglia è da oggi le comiche.

PREMIO SPECIALE

PREMIO “LA CONVERSAZIONE” A ZLATAN IBRAHIMOVIC. Avete presente il film di Francis Ford Coppola con Gene Hackman? Nel film il protagonista, esperto in intercettazioni, intercetta una conversazione e cerca di renderne il contenuto chiaro. Grazie al calciatore rossonero, da due giorni in tutte le trasmissioni sportive ognuno sembra Gene Hackman.

Ricordando Holly e Benji

hutton

Il calcio, piaccia o no, per noi cresciuti negli anni ’80 è stato anche questo.

E’ stato uscire da scuola, merenda, Bim Bum Bam e Holly e Benji.

E’ stato un campo che, contrariamente a quelli regolamentari, sembrava lungo un chilometro e a volte, chissà perché, assumeva la pendenza del Mortirolo.

E’ stata un’azione che durava una puntata intera.

Non è stato solo Juve, Milan, Inter, Napoli, ma pure la NewTeam, la Muppet, la Hotdog.

Non è stato solo Maradona, Platini, Van Basten, Falcao, Zico,  ma anche Holiver Hutton, Benji Price, Mark Lenders,  Julian Ross, Schneider l’Imperatore.

Non è stato solo Nando Martellini, Bruno Pizzul, Giuseppe Albertini, signori della telecronaca, ma anche Sergio Matteucci, il doppiatore (recentemente scomparso)  telecronista delle partite di questo cartone animato.

E’ stato anche la “Catapulta Infernale” dei gemelli Derrick, il “Tiro da Tigre” di Mark Lenders.

E’ stato, dunque, non solo realtà ma anche immaginazione.

Ovviamente andava preso per ciò che era, ovvero un cartone animato, ma era spensieratezza e divertimento.

Quanto vorremmo ce ne fossero un po’ di più nel calcio di oggi…

La Serie A da zero a dieci-Ventinovesima giornata

Ritornano i nostri voti al campionato. Prima però, permetteteci  un grosso saluto e un grosso abbraccio a Giacomo Ferri. A volte su questo blog lo abbiamo sfottuto un po’ per il suo continuo ripetere “Secondo me” e per il suo giubbotto alla Fonzie, ma gli auguriamo di cuore di riprendersi presto e di guarire presto. FORZA GIACOMO!!

10

DANIELE VERDE Eurogoal!! Se l’avesse fatto Ronaldo Tuttosport ne avrebbe parlato per sei mesi.

9

FABIO QUAGLIARELLA Il vizio del goal non ha proprio intenzione di perderlo. Chapeau.

ANTONIN BARAK Gran goal.

ROBERTO DE ZERBI Per aver avuto il coraggio di lanciare i giovani e lasciare a riposo precauzionale i Nazionali in una partita contro un avversario non certo abbordabile. La fortuna aiuta gli audaci. Lui lo è stato.

GIORGIA ROSSI Always wonderfull!

8

CLAUDIO RANIERI Domina tatticamente la partita, poi certo non è colpa sua se un suo giocatore compie una scelleratezza incredibile.

DUSAN VLAHOVIC Ridendo e scherzando è già a quota tredici goal segnati. Complimenti.

ANTONIO SANABRIA Sfiora la tripletta che lo avrebbe fatto entrare nella storia del suo club, sebbene ci stia solo da tre mesi. Potrebbe risolvere ancora delle magagne a questo Toro.

FC INTERNAZIONALE Non gioca bene, ma vince e porta a casa tre punti fondamentali. Una volta di più si dimostra una squadra compatta, che subisce poco (dettaglio non trascurabile, giacché i campionati li hanno sempre vinti quelli che prendono pochi goal, non quelli che ne fanno tanti) e che al momento buono, il goal sa trovarlo.

7

FEDERICO CHIESA Nella stagione della Juve, non certo entusiasmante, lui è indubbiamente una delle poche note positive e uno dei pochi a dimostrare di meritare di stare ancora in questa squadra.

FC TORINO Pareggio meritato e conquistato coi denti. Per poco non ci scappava pure il “Colpo Grosso”, ma i tifosi granata crediamo che possono essere soddisfatti dell’atteggiamento della loro squadra, una volta tanto.

6

AC MILAN Raggiunge il pareggio con le unghie e coi denti, ma non ci sembra più il Milan di qualche tempo fa.

NAPOLI CALCIO Vince, ma non senza fatica e dimostrando limiti di tenuta. Segnale positivo il rientro ormai stabile di Mertens.

AS ROMA Non gioca male, ma spreca troppo e concede troppo.

5

CAGLIARI CALCIO Gioca bene, ma quando ti mangi l’inverosimile i risultati sono questi.

4

ALVARO MORATA Il modo in cui spreca il contropiede nel recupero è poesia…

3

ADRIEN SILVA Compie un’ingenuità troppo grande. La sua squadra aveva la partita in mano, lui con la sua espulsione complica tutto.

2

DIFESA DELLA JUVE SUL GOAL DEL 2-1 DI SANABRIA L’attaccante granata ha il merito di crederci, senza dubbio, ma la Juve prende un goal da “Bottega degli Orrori”. Retropassaggio “Ad Minchiam” di Kulusevski, poi in tre difensori contro un attaccante,  riescno a farlo andare al tiro e a fare goal, grazie alla gentile partecipazione di Szcesny. Pirlo avrà delle colpe, ma un goal così, gente che gioca in Serie A non deve prenderlo.

MICHAEL FABBRI E I SUOI COLLABORATORI Col VAR certi errori sono inammissibili. Quello di de Ligt su Belotti è rigore, punto.

1

FRANCK RIBERY D’accordo che si è scusato (era il minimo) ma un giocatore della sua esperienza queste cose non le deve fare.

ANTONIO GIUA E I SUOI COLLABORATORI Il rigore concesso alla Lazio è un’indecenza, poche balle!! Il VAR serve a vedere queste cose, non i film porno!!

0

RISSA FINALE DI LAZIO-SPEZIA Complimenti. Solo un’ora e mezza prima è stato fatto un minuto di silenzio per ricordare un giovane calciatore morto. Lazzari, Agudelo e Correa: tre giargianesi!

La Serie A da uno a dieci-Ventottesima giornata

Ecco i nostri voti al campionato.

10

BENEVENTO CALCIO Certo una Juve non entusiasmante gli ha aiutati parecchio, ma loro hanno avuto il merito di crederci, compiendo quella che per loro è un’impresa. Bravi tutti, da Inzaghi, che ha schierato una squadra ben messa in campo, certamente meglio messa degli avversari (ma ci vuole poco diremmo…) ai giocatori.

9

JERDY SCHOUTEN Gran goal.

AC MILAN Fatica, ma alla fine vince, dimostrando di poter continuare a stare nella zona in cui è.

GRAZIANO PELLE’ Gran goal, anche se purtroppo per lui e per la sua squadra inutile.

GIANLUCA SCAMACCA Per i suoi goal, che regalano tre preziosi punti al Genoa.

“CIRO” MERTENS E’ di nuovo lui.

US SAMPDORIA Per l’azione del goal, con cui va in porta con tre passaggi di prima.

ATALANTA BERGAMASCA Ottima prova, con la quale dimostra che per la zona Champions può tranquillamente lottare fino alla fine.

8

AC BOLOGNA Ha il merito di non mollare e di riuscire, con la tenacia, a drizzare una partita che era sviata.

GENNARO GATTUSO Gli stavano già suonando il “De Profundis”, ma lui con due ottime prove (Milano e Roma) della sua squadra, ha fatto capire che non è ancora il momento. Ora che sta recuperando calciatori, il quarto posto non è un’utopia.

7

SPEZIA CALCIO Tre punti pesanti come macigni.

SS LAZIO Esattamente come per lo Spezia: tre punti pesanti come macigni.

6

ACF FIORENTINA Perde, ma dà buona prova di sé, giocando così la classifica può diventare migliore.

AS ROMA Perde, ma non rinuncia a giocare. E’ pure sfortunata sul palo di Pellegrini.

5

PARMA CALCIO Altri tre punti persi, che potevano essere fondamentali per il proseguimento del campionato.

4

CROTONE CALCIO D’accordo la tenacia del Bologna, ma se vuoi salvarti questo tipo di partite devi chiuderle. E basta.

ANDREA PIRLO Non è tutta colpa sua quanto successo ieri, ma quanti goal deve ancora prendere la Juve con questa mania della “costruzione dal basso”?

1

FC JUVENTUS Lenta, con poche idee ma ben confuse, con giocatori che pascolano per il campo “Ad Minchiam”. Colpa di Pirlo? Può darsi, siamo a fine marzo e la squadra non ha un’identità, ma col Benevento, la squadra schierata dal mister aveva tutte le carte in regola per vincere. Invece ha perso. Non dare ascolto ad Allegri quando parlava di rinnovare la rosa e dare la colpa esclusivamente a Sarri per la stagione scorsa, è stato un errore imperdonabile.

ANDREA AGNELLI, PAVEL NEDVED e FABIO PARATICI Hanno mandato via Allegri perché volevano lo spettacolo. Bello spettacolo ieri, complimenti per l’arguzia.

Pep: continua pure a farci del male!

Ieri  abbiamo appreso che dalle pagine del Corriere dello Sport viene data la colpa degli insuccessi delle squadre italiane a Guardiola e al fatto che lo si è cercato di copiare. Fin lì, è un’opinione (che noi non condividiamo) lecita, se non fosse che il mister spagnolo viene definito un “male”. Allora a questo punto, noi pensiamo che non solo si esageri, ma di più.

Vogliamo anche noi dire la nostra dunque, senza presunzione alcuna.

Un po’ di tempo fa Fabio Capello rilasciò le seguenti parole (proprio al Corriere dello Sport, nemmeno a farlo apposta): “Noi in Italia siamo arrivati in ritardo finanche nel copiare Guardiola. Ci siamo messi a scimmiottarlo quando lui era più avanti e stava cambiando. Abbiamo copiato non Guardiola ma l’ex Guardiola”.

Noi, quando si parla di calcio, Fabio Capello lo ascoltiamo sempre volentieri, con quello che ha dato al nostro amato sport prima come calciatore e poi come mister.

Quindi siamo d’accordo con lui quando afferma che mentre qualcuno copiava Guardiola, non si è accorto che il mister spagnolo aveva già cambiato sistema. Sono i fatti che lo dicono.

Ben non avesse modificato nulla, definire Guardiola e il suo calcio “Male” è semplicemente vergognoso.

Definire il suo Barcellona un male, semplicemente perché c’è chi cerca di proporre un calcio simile (cercando di produrne anche i risultati) non riuscendoci, vuoi perché a centrocampo non dispone di Xavi e Iniesta, vuoi perché non gli si dà il tempo necessario, oppure ancora perché  magari la società non lo supporta in tutto e per tutto, è un’ingiustizia clamorosa.

Per questo noi, amanti del calcio,  invece ringraziamo “Don Pep” e consideriamo il suo Barcellona, il suo Bayern e pure il suo City, un bene, non un male. Se però qualcuno lo considera un male allora sapete cosa diciamo?

Grazie a Guardiola e alle sue squadre, per averci fatto del male.

Grazie a Jurgen Klopp e alle sue squadre, per averci fatto del male.

Grazie a Zinedine Zidane e al suo Real, per averci fatto del male.

Grazie a Josè Mourinho e alle sue squadre, per averci fatto del male.

Grazie a Carlo Ancelotti  per averci fatto del male.

Grazie a Louis van Gaal e al suo Ajax, per averci fatto del male.

Grazie a Marcello Lippi per averci fatto del male.

Grazie a Fabio Capello e alle sue squadre  e grazie  perché la sera del 18 maggio 1994 ad  Atene, il suo Milan contro il Barcellona ci fece del male.

Grazie a Johan Cruijff per averci fatto del male.

Grazie ad Arrigo Sacchi per averci fatto del male.

Grazie a Nils Liedholm e al suo possesso palla, per averci fatto del male.

Grazie a Giovanni Trapattoni (poco spettacolare un fico secco! Guardatevi come giocava la sua Juve dei 51 punti, guardatevi Juventus-Bordeaux o Juventus-Aston Villa, guardatevi come la sua Inter dei record tritava gli avversari..) per averci fatto del male.

Grazie a Jupp Heynckes,  Ernst Happel, Brian Clough, Joe Fagan, per averci fatto del male.

Soprattutto (non ce ne vogliano gli altri, ma merita una menzione particolare): grazie a Rinus Michels per averci fatto del male.

Inoltre, grazie a Gian Piero Gasperini per il male che ci sta facendo con la sua Atalanta.

Grazie a Maurizio Sarri per averci fatto del male.

Anche se in pochi lo ricordano e purtroppo in tanti lo sbeffeggiano (ingiustamente): grazie a Gigi Delneri per averci fatto del male col suo Chievo.

Grazie a Zdenek Zeman e al suo Foggia per averci fatto del male.

Grazie a Giovan Battista Fabbri per il male che ci fece col suo “Real Vicenza”.

Potremmo andare ancora avanti, ci scusiamo se abbiamo dimenticato qualcuno, concludiamo ringraziando ancora il Corriere dello Sport perché,  se non era per loro, non avremmo probabilmente scritto questo post e ci saremmo dimenticati di ringraziare tutte queste persone per i “danni” che ci hanno arrecato.

Ciao Marvelous!

hagler86

Siamo un blog che parla di calcio, ma abbiamo rispetto per tutti gli sport (come scrivemmo in uno dei nostri primi post, concernenti Nadia Comaneci, la ginnasta rumena che nel 1976 stupì il mondo).

Per questo motivo oggi vogliamo ricordare uno dei più grandi pugili di tutti i tempi: Marvin Hagler, detto “The Marvelous”, re incontrastato dei Pesi Medi dal 1980 al 1987, anno in cui si ritirò dopo la sconfitta contro Ray Sugar Leonard, un match dal verdetto controverso, che “The Marvelous” non accettò mai.

Difese il titolo diverse volte dal 1980 (anno in cui lo conquistò sconfiggendo Alan Minter), ma indubbiamente la vittoria che tutti ricordano maggiormente  e che più delle altre è passata alla storia è senza dubbio quella contro John  “The Beast” Mugabi, nell’incontro disputatosi il 10 marzo 1986 a Las Vegas. Vinse Hagler all’undicesima ripresa, ma il round che ancora oggi è rimasto nella mente di tutti gli appassionati di boxe è indubbiamente il sesto.

Quello fu uno dei più bei round della storia del pugilato, anche Rino Tommasi in telecronaca le definì una delle più belle riprese a cui abbia assistito nella sua carriera.

Quello era il periodo in cui gli appassionati di boxe potevano assistere agli incontri più emozionanti grazie al programma “La Grande Boxe”, proposto su Canale 5 e Italia 1 con l’autorevole commento di Rino Tommasi. Come dicono quelli come  noi, che quell’epoca l’abbiamo vissuta: “Ma che ne sanno i 2000…”.

Tornando a “The Marvelous”, fu senza dubbio uno dei più grandi Pesi Medi che il pugilato abbia espresso.

A fine carriera visse anche qualche anno in Italia, seguendo il calcio (si dichiarò tifoso della Sampdoria).

La sua scomparsa ci ha rattristati, rappresenta un’altra figura degli anni ’80 che ci lascia, lasciando il ricordo di un Numero Uno nel suo sport.

Noi intanto, non neghiamo che ci siamo rigustati (e ci riguasteremo ancora in futuro) per l’ennesima volta quel sesto, epico round su youtube , che evidenzia la grandezza di Marvin.

Ciao Marvelous, R.I.P.

La Serie A da uno a dieci-Ventisettesima giornata

Puntuali come sempre i nostri voti al campionato. Rispetto al solito, sono voti abbastanza alti.

10

DUSAN VLAHOVIC Per il suo show a Benevento, che rigenera di fatto la Fiorentina. Pregevole il secondo goal.

GIAN MARCO FERRARI La rovesciata con cui salva un goal fatto è un gran gesto tecnico. L’avessero fatta de Ligt o Bonucci, Tuttosport per un anno ci campava.

CR7 Martedì al fischio finale di Juve-Porto veniva dato per finito. Infatti….

9

LUIS MURIEL Gran goal.

MARCO SILVESTRI e ANDREA CONSIGLI Nel bel match di Reggio Emilia, una menzione anche per loro, autori di due parate che, se le avesse fatte Donnarumma, per sei mesi ne parlavano.

MATTEO POLITANO Premiamo lui, in quanto finalizzatore, ma il merito del goa lo deve dividere coi compagni che hanno preso parte ad una pregevole azione.

8

SIMY Lui due goal li fa, se la squadra ne prende tre ne può poco…

SASSUOLO CALCIO e HELLAS VERONA Danno vita ad un incontro entusiasmante. Due ottime squadre guidate da due ottimi tecnici.

GORAN PANDEV Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Passano gli anni, ma lui il vizio del goal non lo perde e si dimostra ancora utile per i suoi.

FC BOLOGNA Prova convincente che porta in dote tre meritati punti.

ROBERTO SORIANO Nove goal in campionato non sono poca roba per un centrocampista. Complimenti.  Mancini avrà preso nota.

GENNARO GATTUSO Assapora la sua rivincita in faccia a chi lo cacciò (a nostro dire ingiustamente).

ACF FIORENTINA Finalmente una prova come si deve.

7

GENOA e UDINESE Per la serie: “Un punto per uno non fa male a nessuno”. Conquistato però con merito da entrambe, al termine di una gradevole  partita.

FC INTER Non convince, ma vince e rimane prima in classifica. Scusate se è poco.

PARMA CALCIO Giocando così la salvezza è difficile, ma non impossibile.

DANILO Da zimbello che era la scorsa stagione ad elemento molto importante al punto di giocare in più ruoli e di farlo comunque bene.

6

SS LAZIO Vittoria conseguita (e questo è tanto) ma non senza rischi.

CROTONE CALCIO Sfiora il risultato utile a Roma. Perde, ma  giocando così può ancora dire la sua per la salvezza.

SPEZIA CALCIO Perde, ma tiene testa all’Atalanta non sfigurando, sebbene il risultato sembri dimostrare l’opposto.

AC MILAN Perde, ma ha dalla sua le assenze. Resta il fatto che ci ha provato fino alla fine.

4

AS ROMA D’accordo che giovedì ha giocato in coppa, ma questo non giustifica la prestazione deludente in terra emiliana.

2

ANTE REBIC Era il caso? Noi diciamo di no.

1

LEGA CALCIO Juve-Napoli è già stata spostata quante volte? Basta.

La Serie A da zero a dieci-Ventiseiesima giornata

Ecco i nostri voti alla ventiseiesima giornata.

Partiamo con Spezia-Benevento, che meritano entrambe un 7 in quanto hanno dimostrato ancora una volta, senza avere fenomeni, ma lavorando sodo, di non stare in Serie A tanto per starci.

8 all’Udinese e 8 a de Paul, trascinatore della squadra. Male il Sassuolo, stavolta è 5, ma ci può stare una volta tanto, non drammatizziamo.

Sabato sera la Juve (9) ha dimostrato che, avendo vinto 7 scudetti senza Ronaldo, può vincere anche con la Lazio. Dopo un avvio non certo esaltante e il goal preso per un errore di  Kulusevski (3, non per il passaggio sbagliato, i passaggi li sbagliano tutti, ci mancherebbe, ma perché dalle immagini si nota che dopo aver perso il pallone invece di correre per cercare di recuperalo, cammina), sforna un’ottima prestazione, tra l’altro ottenuta con alcuni giocatori fuori ruolo. Da segnalare un Chiesa devastante (9) e un Morata (9) che, se sta bene, è necessario per questa squadra perché riesce a dargli profondità. 9 anche al missile che Rabiot scaglia nella porta laziale. Segno che il francese può dare di più a questa squadra. Dopo un buon avvio la Lazio si perde e perde (5) meritatamente.

La Roma (7) col Genoa dimostra che con le squadre della parte destra della classifica è affidabile.

Alle 15,00 bella vittoria del Crotone (9) contro il Toro (3). Da segnalare tre goal uno più bello dell’altro. Quelli di Reca e Sanabria (9), ma soprattutto quello di Ounas (10), frutto di un’irresistibile azione personale.

Emozioni a non finire in Fiorentina-Parma. I viola (5), non convincono e il pareggio lo ottengono semplicemente per una botta del suddetto culo. Il Parma (7) viceversa è solo sfortunato, ma se avesse giocato così dall’inizio, forse la classifica non sarebbe la stessa. Solidarietà a Jacoponi per lo sfortunatissimo autogoal.

9 al Milan vincitore a Verona e autore di un ottima prova di squadra, impreziosita da due bei goal di Krunic e Dalot (9 pure a loro), il secondo a seguito di una bella azione. Questa squadra sta veramente facendo stravedere.

Il Cagliari (6) pareggia a Genova con la Sampdoria(6 anche a lei) più per demerito di Audero (4) che per merito di Nainggolan, sulla cui conclusione l’estremo difensore doriano dorme. Da segnalare il bel goal di Gabbiadini (8).

Il Napoli (6), nuovamente trascinato da Insigne (9) vince, ma continua ad essere un po’ troppo allegro, per fortuna sua il Bologna (6) non ne approfitta. Bella la progressione di Osimhen (8) sul goal.

Terminiamo con Inter-Atalanta. L’Atalanta (7) gioca bene, ma l’Inter (7) vince, dimostrandosi concreta e difficilmente penetrabile. Abbiamo avuto l’impressione che si fosse ancora giocato tre giorni l’Atalanta non avrebbe segnato lo stesso.

Una considerazione. Vidal nel primo tempo ha fatto cagare i polli (4), che Eriksen (7) avesse più qualità lo si supponeva, ma che garantisse anche più quantità (in più di un’occasione l’abbiamo visto rientrare in difesa e rendersi utile alla causa) non lo immaginavamo. Più merito del danese o demerito di Vidal?

La Serie A da zero a dieci-Venticinquesima giornata

Ecco i nostri voti al campionato, stavolta in un formato un po’ diverso, ma che speriamo apprezzerete comunque.

Partiamo da martedì. Si doveva giocare Lazio-Torino e non si è giocata. Ci asteniamo dal dare giudizi, ma se la legge è uguale per tutti, il Toro merita di giocarsi la partita e di non perderla a tavolino, proprio come il Napoli. Staremo a vedere.

La Juventus (6) vince contro lo Spezia senza infamia e senza lode. Ronaldo (7 per la prestazione, 10 per aver superato Pelè) timbra di nuovo il cartellino con un goal. Ci fa piacere registrare l’ottimo impatto di Bernardeschi (8), entrato in campo e resosi determinante, essendo autore di due assist sui goal di Morata e Chiesa (9 per il goal). Non può essere diventato una scamorza tutto assieme, provare a lasciarlo un po’ tranquillo, invece che tanti juventini scaricano addosso a lui tutto ciò che non va?

Proseguiamo con mercoledì. Girandola di emozioni per Sassuolo-Napoli. Gli emiliani (8) non meritavano di perdere per quanto costruito e per il fatto che sul 2-1, due pali clamorosi (uno ha impedito a Berardi un goal da cineteca, 9 comunque per il gesto tecnico). Il Napoli ha sofferto, ma ha reagito trascinato da un ottimo Insigne (9) e con un Di Lorenzo (9) che col goal e il rigore procurato si è dimostrato un efficace attaccante aggiunto (Mancini avrà preso nota). Complimenti a Manolas (0), autore di un fallo senza senso che ha vanificato gli sforzi della sua squadra. E’ sempre stato sopravvalutato e lo ha dimostrato con un fallo in cui è riuscito ad unire l’istinto del cacciatore all’intelligenza del fagiano (cit. Scheda di presentazione su Carcarlo Pravettoni a Mai dire gol).

Bene l’Atalanta (8) e bene Ilicic (8), ogni tanto sedersi in panchina è istruttivo e costruttivo.

Bene il Verona (8) a Benevento, dove un Foulon (2) catastrofico regala due goal che gli spianano la squadra.

Il Cagliari (7) vince, bentornato a Daniele Rugani (8), autore di un goal decisivo. Alla Juve non c’era più spazio per lui, gli auguriamo di cuore che la Sardegna lo aiuti a ritrovarsi.

La Roma (7) guadagna tre punti d’oro contro la Fiorentina (5), che perde e ancora una volta non convince (anzi..), da segnalare Diawara che imposta e finalizza l’azione del goal del 2-1, per lui 9!

Bel derby di Genoa, 7 a tutte e due le squadre con Zappacosta (8) autore di un goal pregevole.

In Milan-Udinese tutt’altro che pregevole invece la minchiata di Donnarumma (1) sul goal preso, mentre ciò che ha fatto Stryger Larsen (forti come lui in Italia non ce ne sono?) è inconcepibile, neanche fosse stato colto da un raptus. Come per Manolas, non ci sono scuse: 0. Il Milan (5) ci è comunque parso stanco dopo la bella prova di Roma.

Nella serata di Mercoledì segnaliamo un Danilo Sarugia da 10 su 7Gold per avere citato Manlio Scopigno e la sua frase (pronunciata durante i Mondiali in Messico del 1970): “Nella vita tutto mi sarei aspettato, tranne di vedere Niccolai via satellite”. Quando fa queste citazioni è irresistibile.

Per finire il match di ieri sera ha confermato che l’Inter (7 alla prova di squadra) è la candidata numero uno allo scudetto. Sanchez (8) segna due goal, il secondo grazie ad un’altra travolgente azione di Lukaku (8). Come se non bastasse, quando è in difficoltà, super-Handanovic (9) fa gli straordinari, come sullo 0-0.