Creato da neopensionata il 10/03/2009

PENSIERI LIBERI

Il mio Io in piena sintonia con me stessa

 

IL PROFESSORE

Post n°803 pubblicato il 16 Novembre 2019 da neopensionata

Un anziano incontra un giovane che gli chiede:

- Si ricorda di me? E il vecchio gli dice di no.
Allora il giovane gli dice che è stato il suo studente. E il professore gli chiede:
- Ah sì? E che lavoro fai adesso?
Il giovane risponde:
Beh, faccio l’insegnante.
- Oh, che bello come me? gli ha detto il vecchio
- Beh, sì. In realtà, sono diventato un insegnante perché mi hai ispirato ad essere come te.
L'anziano, curioso, chiede al giovane di raccontargli come mai. E il giovane gli racconta questa storia:
- Un giorno, un mio amico, anch'egli studente, è arrivato a scuola con un bellissimo orologio, nuovo e io l’ho rubato. Poco dopo, il mio amico ha notato il furto e subito si è lamentato con il nostro insegnante, che era lei. Allora, lei ha detto alla classe:
- L'orologio del vostro compagno è stato rubato durante la lezione di oggi. Chi l'ha rubato, per favore, lo restituisca.
Ma io non l'ho restituito perché non volevo farlo.
Poi lei hai chiuso la porta e ci ha detto a tutti di alzarci in piedi perché avrebbe controllato le nostre tasche una per una. Ma, prima, ci ha detto di chiudere gli occhi. Così abbiamo fatto e lei ha cercato tasca per tasca e, quando è arrivato da me, ha trovato l'orologio e l'ha preso.
Hai continuato a cercare nelle tasche di tutti e, quando ha finito, ha detto:
-Aprite gli occhi. Ho trovato l'orologio. Non mi ha mai detto niente e non ha mai menzionato l'episodio. Non ha mai fatto il nome di chi era stato quello che aveva rubato. Quel giorno, lei ha salvato la mia dignità per sempre. È stato il giorno più vergognoso della mia vita. Non mi hai mai detto nulla e, anche se non mi ha mai sgridato né mi ha mai chiamato per darmi una lezione morale, ho ricevuto il messaggio chiaramente. E grazie a lei ho capito che questo è quello che deve fare un vero educatore. Si ricorda di questo episodio, professore?

E il professore rispose:
-Io ricordo la situazione, l'orologio rubato, di aver cercato nelle tasche di tutti ma non ti ricordavo, perché anche io ho chiuso gli occhi mentre cercavo.
Questo è l'essenza della decenza. Se per correggere hai bisogno di umiliare, allora non sai insegnare.


Risultati immagini per university professor

 
 
 

LA NOTTE

Post n°802 pubblicato il 14 Novembre 2019 da neopensionata

"La notte è fatta di quiete,
di nostalgie e di sogni.
È fatta di persone che ci mancano,
che vorremmo abbracciare
anche per un solo istante.
È fatta di rimpianti,
di musica, di silenzi che parlano…
La notte è composta
di tutto ciò che ricordiamo,
di dolci malinconie.
Non si è mai veramente soli di notte,
ci accompagnano le stelle,
le emozioni e i sentimenti.
La notte non dimentica nulla,
è il momento in cui tutto ritorna,
e scrive ogni cosa
nel cuore delle persone.”


L'immagine può contenere: una o più persone

 
 
 

************************

Post n°801 pubblicato il 12 Novembre 2019 da neopensionata

"T’insegneranno a non splendere. E tu splendi, invece"


(Pier Paolo Pasolini - "Lettere Luterane")
L'immagine può contenere: 1 persona, matrimonio, oceano, nuvola, cielo, spazio all'aperto e acqua

 
 
 

DONNE CHE VIVONO IN PERENNE ATTESA

Post n°800 pubblicato il 12 Novembre 2019 da neopensionata

Ci sono donne che vivono in perenne attesa,
che si sentono sempre fuori posto.
Vorrebbero essere altrove, lontano,
nello spazio e nel tempo.
Perché sentono nostalgia di altre vite,
quando sono state luna che si è immersa nel mare,
onda impetuosa che sbatteva contro gli scogli
o fragile arbusto sulla spiaggia,
piegato e modellato dal vento.
In nessun luogo si sentono a proprio agio,
se si guardano allo specchio non si riconoscono.
Se talvolta sentono disordine nell’anima,
ricordano il tempo magico in cui le Donne
vivevano in gioiosa armonia con la natura
ed erano venerate come sacre.
Altre volte sentono nostalgia
di vite non vissute, di amori solo sognati.
Vivono fuori dal tempo
respirano contemporaneamente
passato, presente e futuro.
Le donne che vivono in perenne attesa
hanno un solo sogno,
poter vivere il presente,
il qui e ora,
l’incantesimo dell’istante.


L'immagine può contenere: una o più persone, spazio all'aperto e acqua

 
 
 

DONNE SENZA ETA’

Post n°799 pubblicato il 11 Novembre 2019 da neopensionata

Esistono donne che hanno imparato
a non contare più i loro anni,
che hanno sempre l’età
della creatività, delle emozioni e dell’amore.
L'età per essere ancora curiose,
per coltivare i loro sogni,
per non smettere di volare.
Non hanno più le paure
e le insicurezze di prima,
neppure la nostalgia per il passato,
perché vivono ed amano il presente.
Hanno l’età che permette loro di affrontare la vita
con leggerezza e responsabilità,
per dire liberamente ciò che pensano,
per scegliere le poche persone amiche.
Hanno sempre una magnifica età,
da quando hanno abbandonato il rumore
e respirano il silenzio.
Perché vivono la “loro” età,
quella che hanno sempre desiderato,
che hanno saputo regalarsi con gli anni.
Nulla pesa più,
alle donne che hanno imparato a fiorire
in ogni stagione della loro vita.


L'immagine può contenere: 1 persona

 
 
 

rosa

 
orologio e temperatura Palermo
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

je_est_un_autrelascrivananeopensionataROSSA.LUNA40pippo_217QuartoProvvisoriolicsi35peAschakycuore_viggiatoreTony_058prolocoserdianaamore_elucemassimo.sbandernoNonnoRenzo0divinacreatura59
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
N.B.:Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, come prevede la normativa n.62 del 2001. Le foto e i testi di questo Blog e del relativo Profilo sono state reperite sul web. Ove fosse stato violato il diritto di copyright, prego i proprietari di darmene avviso, per la relativa rimozione.