« l'amicizia virtualel'orrore è servito »

catastrofista? no realista

Post n°1673 pubblicato il 30 Giugno 2020 da ormalibera
 

Volevo scrivere un post su un argomento diverso, ma poi mi lascio guidare da quello che più preme nella mia mente.


Ci sono state 5 estinzioni di massa dovute ai vulcani, meteoriti, glaciazioni. Ma adesso alle cause naturali ci abbiamo aggiunto qualcosa di nostro. Non ci bastava il brivido di un mega vulcano che scoppia.

Il cambiamento climatico ormai è sotto gli occhi di chi è ancora in grado di vedere. Ma la maggior parte si comporta come se fosse solo fantascienza, e va avanti verso il burrone dell'autodistruzione.

Il mio amore per la natura mi ha portato a interessarmi sempre dell'ambiente. Pensavo che ci saremmo fermati davanti all'evidenza, ma così non è stato.

L'effetto serra sarà il nostro forno caldo a cuocerci, e a distruggere tutta la biodiversità che conosciamo. Perché? perché siamo diventati macchine che non riescono più neppure a pensare?

Non lo so, mi sforzo di capire ma non ci riesco.

Un padre uccide i suoi due figli gemelli solo per far dispetto alla moglie che vuole separarsi. Ho visto in quest'uomo il nulla che pervade miliardi di persone. 

La mancanza di amore non solo verso sé stessi ma i propri figli equivale a essere diventati macchine distruttive e prive di emozioni, umanità, amore.

In questo dilagare di mostruosità e stupidità ci siamo noi, noi che vediamo la realtà e ci sentiamo impotenti. Noi che sogniamo un mondo umano fatto di benessere, bellezza, evoluzione. 
Utopia? forse, ma se siamo davvero noi a creare, allora creiamo il nostro paradiso terrestre. Iniziamo, non aspettiamo che siano gli altri a cominciare.

Tutto è possibile a questo mando anche l'impossibile.

Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/meridianarosa/trackback.php?msg=15027869

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Cherrysl
Cherrysl il 30/06/20 alle 12:08 via WEB
È facile anche per me arrivare a conclusioni catastrofiche. Cerco di essere ottimista pensando che ci si mette molto tempo a fare qualcosa di concreto e tempo ne abbiamo perso tanto, ma alla fine ci arriviamo. Per es. meno di dieci anni fa sembrava impensabile che davvero le industrie automobilistiche si riconvertissero per una seria produzione di auto elettriche. Eppure è successo. Oggi si sta facendo una seria battaglia alla plastica. Fra non molto la smetteranno di pensare che le pale eoliche non si possono usare perché deturpano il paesaggio. Per me è infondata. A me piacciono anche esteticamente e non sono un danno per l ambiente.Poi si stanno adottando sempre più anche i pannelli solari per l energia alternativa.Sì dovrà continuare con molta più attenzione per lo scarico di materiale inquinanti nell' ambiente per es. e altre cose.
(Rispondi)
 
ormalibera
ormalibera il 02/07/20 alle 08:14 via WEB
Vero, ma andiamo ancora troppo lentamente. Oggi la mia visione del mondo si è arricchita di un video che mi ha fatto rabbrividire. L'ho messo nel post di oggi. Da ascoltare e comprendere in che inferno ci stanno precipitanto. Un sorriso
(Rispondi)
Roberta_dgl8
Roberta_dgl8 il 30/06/20 alle 16:27 via WEB
molto interessante il tuo scrivere. Io dico che l'impossibile che diventa possibile è , riuscire a discernere ancora, e mantenerci umani. Riuscire a NON diventare, come hai bene descritto tu delle macchine inceppate... ma riuscire ad essere perfetti nella nostra imperfezione, ossia, continuare ad essere sinceri con noi stessi, riuscire ad usare testa e cuore, e nel nostro piccolo comportarci senza danneggiare noi stessi, il prossimo e ciò che è bene comune.. Si può.
(Rispondi)
 
ormalibera
ormalibera il 02/07/20 alle 08:16 via WEB
Grazie, faccio mio il tuo pensiero "perfetti nella nostra imperfezione" è bellissimo. Mi piace, ecco, vorrei essere anch'io perfetta nella mia imperfezione, è davvero fantastica. Grazie, un sorriso
(Rispondi)
ditantestelle
ditantestelle il 01/07/20 alle 01:27 via WEB
Tutto vero, purtroppo. L'odio, il male, il concetto di vizio, sa il fatto suo e mai, come ora, realisticamente non ci resta che resistere, rispettare, accogliere altre mete, destinazioni e allontanare come possiamo la follia consapevole di questo presente.
(Rispondi)
 
ormalibera
ormalibera il 02/07/20 alle 08:18 via WEB
In questo momento sento che queste tue parole dovrebbero essere luce per guidarci: "resistere, rispettare, accogliere altre mete e allontanare la follia consapevole" Parole che in questo momento risuonano dentro di me come una guida. Un sorriso.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 

il mio racconto

il mio racconto

 

Ultime visite al Blog

surfinia60dolcesettembre.1donadam68CherryslormaliberaQuartoProvvisorioil_tempo_che_verraprolocoserdianamoon_Ialf.cosmoskarma580RavvedutiIn2ninograg1cassetta2ditantestelle
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 126
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

che splendido segnale stradale

Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di corre il rischio di vivere i propri sogni ciascuno con il proprio talento

 

"L’unico vero “peccato”  è morire prima d’esser morti consegnandosi alla speranza evanescente di un “altro mondo”,
perchè l’unico significato, l’unica verità sta nel Verbo della Vita:

 

 

da ricordare

vivere con amore è occuparsi delle cose quotidiane con infinita tenerezza".

 

Ognuno di noi ha un paio d'ali,ma solo chi sogna impara a volare.

 

preso da un'amico

Strana Maestra, la Vita: ciò che ti insegna ti serviva sempre molto tempo prima

 

Crescere vuol dire accettare di abbandonare quel che ci è servito ieri, oggi solo un peso,

inutile zavorra

 

credere non è sapere, informazione non è conoscenza

 

da ricordare

vivi come se fosse l'ultimo giorno, pensa come se fossi eterno, perchè il sonno della ragione genera mostri

 

da un giovane amico

Cerca qualcuno che ti faccia sorridere, non ridere, perché ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornata buia.

 

questa non è una testata giornalistica

questo blog non rappresenta una testata giornalistica perché aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/01. Ove ci fossero immagini o testi che violino i diritti d'autore, su richiesta saranno rimossi immediatamente.

 

 

 

considerazioni da un blog amico

Il CREDERE tranquillizza,ma in modo superficiale,percio si ha bisogno di tante persone per rafforzarlo. E'la più potente DROGA, altera la realta,con le proprie fantasie,soltanto perchè si e paurosi dell"IMMENSITA DELLA VITA

 
Profezia degli Indiani Cree
Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto.
Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato.
Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato.
Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia
 

La legge della montagna: aiuta il tuo prossimo ma solo dopo aver messo in sicurezza te stesso.